• Accedi • Iscriviti gratis
  • Diritto Penale (semilibertà, libertà controllata, libertà vigilata, detenzione domiciliare, delitto di rivelazione)

    Tempo trascorso
    -

    1. Ai soggetti affetti da aids o da grave deficienza immunitaria, può essere applicata la detenzione domiciliare:

    Se la pena inflitta o residua da espiare non supera i quattro anni
    Se la pena inflitta o residua da espiare non supera i due anni
    Indipendentemente dai limiti di pena da espiare
    Se la pena inflitta o residua da espiare non supera i cinque anni
    Indipendentemente dai limiti di pena da espiare, salvo che la legge disponga altrimenti
    Non so rispondere

    2. La semilibertà costituisce:

    Una sanzione sostitutiva delle pene detentive brevi
    Una sanzione accessoria
    Una misura cautelare
    Una misura di sicurezza
    Una misura alternativa alla detenzione
    Non so rispondere

    3. Possono essere espiate in regime di semilibertà, di norma:

    La pena dell’arresto e la pena della reclusione non superiore ad un anno
    La pena dell’arresto non superiore ad un anno e la pena della reclusione non superiore a sei mesi
    La pena dell’arresto e la pena della reclusione non superiore a due anni
    Solo la pena dell’arresto
    La pena dell’arresto e la pena della reclusione non superiore a sei mesi
    Non so rispondere

    4. Il beneficio per cui al condannato possono essere detratti, dalla pena inflitta, quarantacinque giorni per ogni singolo semestre di pena scontato viene denominato:

    Affidamento in prova al servizio sociale
    Semidetenzione
    Liberazione anticipata
    Libertà controllata
    Libertà vigilata
    Non so rispondere

    5. In che cosa si differenzia la libertà controllata dalla libertà vigilata?

    La libertà controllata è una sanzione sostitutiva, quella vigilata è una misura di sicurezza
    La libertà controllata è una sanzione sostitutiva, quella vigilata è una misura di prevenzione
    Sono entrambe sanzioni sostitutive, la libertà controllata è applicabile solo in caso di pene detentive brevi, la libertà vigilata anche per pene detentive lunghe
    La libertà controllata è una misura alternativa, la libertà vigilata è una sanzione sostitutiva
    La libertà controllata è una misura alternativa, quella vigilata è una misura di sicurezza
    Non so rispondere

    6. La libertà vigilata è:

    Una misura di sicurezza
    Una sanzione sostitutiva
    Una misura alternativa
    Una misura di prevenzione
    Una misura cautelare
    Non so rispondere

    7. Qual è la differenza tra la detenzione domiciliare e gli arresti domiciliari?

    Gli arresti domiciliari costituiscono una misura alternativa alla detenzione, la detenzione domiciliare rientra tra le misure cautelari previste dal Codice di Procedura Penale
    La prima viene concessa ai condannati alla pena della reclusione, la seconda viene concessa ai condannati alla pena dell’arresto
    La detenzione domiciliare è una misura alternativa, gli arresti domiciliari rientrano tra le misure cautelari previste dal Codice di Procedura Penale
    La prima viene concessa agli imputati, la seconda ai condannati con sentenza definitiva
    La prima può essere concessa solo agli imputati, la seconda anche ai condannati con sentenza definitiva
    Non so rispondere

    8. Non si può procedere per il delitto di offesa all'onore o al prestigio del Presidente della Repubblica:

    Senza l’autorizzazione del Parlamento in seduta comune
    Senza l'autorizzazione del Ministro per l'interno
    Senza l'autorizzazione del Presidente della Repubblica
    Senza l'autorizzazione del Ministro per la giustizia
    Senza l'autorizzazione del Presidente del Consiglio dei Ministri
    Non so rispondere

    9. Costituisce attenuante specifica del delitto di abuso d’ufficio:

    Se il fatto è commesso dall’incaricato di pubblico servizio e non dal Pubblico Ufficiale
    Se il fatto è di particolare tenuità
    Se l’agente non ha commesso il fatto nell’esercizio delle sue funzioni
    Se il fatto è commesso dall’incaricato di pubblico servizio e non dal Pubblico Ufficiale, salvo che la legge disponga altrimenti
    Se l’agente non ha commesso il fatto nell’esercizio delle sue funzioni, salvo che la legge disponga altrimenti
    Non so rispondere

    10. Il delitto di rivelazione di segreti d’ufficio

    È un delitto proprio dei soli Pubblici Ufficiali
    Non ammette il tentativo
    È un delitto proprio dei Pubblici Ufficiali e degli incaricati di pubblico servizio
    È stato abrogato
    È un delitto proprio dei Pubblici Ufficiali e dei soli incaricati di pubblico servizio che rivestano la qualità di pubblico impiegato
    Non so rispondere