• Accedi • Iscriviti gratis
  • Diritto Amministrativo ( sistema di qualificazione)

    Tempo trascorso
    -

    1. Quando viene ritirato un precedente atto amministrativo, ampliativo delle facoltà del privato in caso di inadempimento di obblighi, mancato esercizio di facoltà o venir meno di requisiti di idoneità, si pone in essere un provvedimento di....

    Mero ritiro dell'atto amministrativo.
    Pronuncia di decadenza dell'atto amministrativo.
    Sospensione dell'atto amministrativo.
    Annullamento d'ufficio dell'atto amministrativo.
    Non so rispondere

    2. Dispone il D.Lgs. 163/2006 che tutte le comunicazioni e tutti gli scambi di informazioni tra stazioni appaltanti e operatori economici possono avvenire.....

    A scelta degli operatori economici, mediante posta ovvero mediante fax.
    Esclusivamente mediante fax o per via elettronica.
    Esclusivamente tramite posta ordinaria.
    A scelta delle stazioni appaltanti, mediante posta, mediante fax, per via elettronica o per telefono nei modi e alle condizioni espressamente previste.
    Non so rispondere

    3. A norma di quanto dispone il D.Lgs. n. 163/2006 quando, in esito all'esperimento di una procedura aperta o ristretta o di un dialogo competitivo, tutte le offerte presentate sono irregolari ovvero inammissibili la stazione appaltante può aggiudicare avvalendosi della procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara?

    No, il suddetto D.Lgs. ammette la procedura negoziata solo nel caso di appalti pubblici di lavori, per lavori realizzati unicamente a scopo di ricerca, sperimentazione o messa a punto, e non per assicurare una redditività o il recupero dei costi di ricerca e sviluppo.
    Si, lo prevede espressamente l'art. 56 del suddetto D.Lgs.
    No, in tal caso la stazione appaltante può procedere con accordi quadro.
    No, il suddetto D.Lgs. ammette la procedura negoziata solo in casi eccezionali, qualora si tratti di lavori, servizi, forniture, la cui particolare natura o i cui imprevisti, oggettivamente non imputabili alla stazione appaltante, non consentano la fissazione preliminare e globale dei prezzi.
    Non so rispondere

    4. Il D.Lgs. n. 163/2006 prevede un sistema di qualificazione, unico per tutti gli esecutori a qualsiasi titolo di lavori pubblici, per lavori di importo superiore a....

    150.000 Euro.
    500.000 Euro.
    800.000 Euro.
    300.000 Euro.
    Non so rispondere

    5. Da quali soggetti è attuato il sistema di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici previsto dal D.Lgs. n. 163/2006?

    Albo nazionale dei costruttori.
    Ministero dei lavori pubblici.
    Regioni territorialmente competenti.
    Organismi di diritto privato di attestazione, appositamente autorizzati dall'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture.
    Non so rispondere

    6. A norma di quanto dispone l'art. 64 del D.Lgs. n. 163/2006 per i lavori di rilevanza comunitaria le stazioni appaltanti che intendono aggiudicare un appalto pubblico o un accordo quadro mediante procedura aperta, devono rendere nota tale intenzione con un bando di gara?

    Si, l'obbligo sussiste solo quando le stazioni appaltanti intendono avvalersi della procedura aperta.
    No, l'obbligo sussiste solo quando le stazioni appaltanti intendono avvalersi della procedura ristretta.
    Si, le stazioni appaltanti che intendono aggiudicare un appalto pubblico o un accordo quadro mediante procedura aperta, procedura ristretta, procedura negoziata con pubblicazione di un bando di gara, dialogo competitivo, rendono nota tale intenzione con un bando di gara.
    No, l'obbligo sussiste solo quando le stazioni appaltanti intendono avvalersi della procedura negoziata con pubblicazione di un bando di gara ovvero del dialogo competitivo.
    Non so rispondere

    7. L'art. 75 del D.Lgs. 12/4/2006, n. 163 dispone che l'offerta da presentare per l'affidamento dell'esecuzione dei contratti pubblici è corredata da una garanzia pari al 2% dell'importo dei lavori. Ai non aggiudicatari la cauzione....

    É restituita entro 60 giorni dall'aggiudicazione.
    É restituita entro 30 giorni dall'aggiudicazione.
    É restituita immediatamente e comunque entro 5 giorni dall'aggiudicazione.
    É restituita entro 45 giorni dall'aggiudicazione.
    Non so rispondere

    8. Dispone il D.Lgs. n. 163/2006 che negli appalti relativi a lavori, quando il contratto ha per oggetto anche la progettazione, l'esecuzione può iniziare.....

    Solo dopo l'approvazione da parte della stazione appaltante del progetto preliminare.
    Sulla base delle prescrizioni contenute nel progetto preliminare.
    Sulla base delle prescrizioni contenute nel progetto definitivo.
    Solo dopo l'approvazione, da parte della stazione appaltante, del progetto esecutivo.
    Non so rispondere

    9. É conforme alle disposizioni di cui al D.Lgs. n. 163/2006 che una stazione appaltante, prima di procedere all'apertura delle buste delle offerte presentate, richieda soltanto ad alcuni offerenti di dimostrare il possesso dei requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa, attraverso l'effettiva presentazione della documentazione indicata nel bando o nella lettera di invito?

    No. La richiesta è illegittima perché viola la "par condicio" dei concorrenti.
    Si, qualora l'amministrazione abbia fondate ragioni per ritenere che l'offerente sia privo dei requisiti richiesti.
    Si. Le stazioni appaltanti, prima di procedere all'apertura delle buste delle offerte presentate, avanzano tale richiesta ad un numero di offerenti non inferiore al 10% delle offerte presentate, arrotondato all'unità superiore, scelti con sorteggio pubblico.
    Si. Le stazioni appaltanti, prima di procedere all'apertura delle buste delle offerte presentate, devono obbligatoriamente avanzare tale richiesta ad almeno due offerenti.
    Non so rispondere

    10. Ai sensi di quanto dispone il D.Lgs. n. 163/2006, le stazioni appaltanti sono tenute a comunicare ad ogni offerente escluso i motivi del rigetto dell'offerta?

    No, in nessun caso.
    Si, su richiesta scritta della parte interessata.
    Si, ma solo se l'offerente dimostra che il lavoro, il prodotto o il servizio conforme alla norma ottempera alle prestazioni o ai requisiti funzionali prescritti.
    Si, ma solo per la mancata aggiudicazione di un appalto di forniture e lavori d'importo superiore a 150.000 euro.
    Non so rispondere