• Accedi • Iscriviti gratis
  • Diritto Amministrativo (responsabile del procedimento)

    Tempo trascorso
    -

    1. A norma dell'art. 1 della legge n. 241/1990 così come modificato dalla legge n. 15/2005, la pubblica amministrazione, nell'adozione di atti di natura non autoritativa....

    Agisce secondo le norme di diritto pubblico salvo che la legge disponga diversamente.
    Agisce secondo le norme di diritto privato salvo che la legge disponga diversamente.
    Agisce sempre secondo le norme di diritto pubblico.
    Agisce sempre secondo le norme di diritto privato.
    Non so rispondere

    2. Esiste per la pubblica amministrazione un obbligo di motivazione dei provvedimenti amministrativi concernenti l'organizzazione amministrativa?

    La motivazione dei provvedimenti amministrativi costituisce una facoltà della pubblica amministrazione.
    L'obbligo di motivazione sussiste solo se espressamente richiesto da una delle parti interessate al procedimento.
    No. Tale fattispecie non rientra tra quelle espressamente previste dall'art. 3 della legge n. 241 del 1990.
    Si, tale obbligo è espressamente previsto dall'art. 3 della legge n. 241 del 1990.
    Non so rispondere

    3. La legge n. 241/1990 in materia di partecipazione degli interessati al procedimento amministrativo, ha recepito i dettami della dottrina del giusto procedimento prevedendo che l'amministrazione pubblica provvede a dare notizia dell'avvio del procedimento amministrativo, di norma, mediante....

    Comunicazione personale.
    Avviso pubblico affisso all'albo dell'ente.
    Messa a disposizione presso l'ente degli atti del procedimento.
    Avviso pubblico affisso sia all'albo dell'ente sia all'albo della Regione.
    Non so rispondere

    4. La legge n. 241/1990 stabilisce che i termini di conclusione del procedimento, nel caso di acquisizione di informazioni o certificazioni relative a fatti, stati o qualità non attestati in documenti già in possesso dell'amministrazione stessa o non direttamente acquisibili presso altre pubbliche amministrazioni....

    Possono essere sospesi, fino ad un massimo di tre volte.
    Possono essere sospesi, per una sola volta.
    Possono essere sospesi per un periodo non superiore a trenta giorni.
    Possono essere sospesi, per un periodo non superiore a dieci giorni.
    Non so rispondere

    5. I controlli amministrativi sostitutivi.....

    Si configurano quando l'autorità gerarchicamente superiore, accertata l'inerzia di quella inferiore, si sostituisce ad essa nell'emanazione del relativo provvedimento.
    Intervengono dopo che l'atto sia divenuto efficace.
    Possono intervenire esclusivamente su di un atto già formato, ma prima che produca i suoi effetti.
    Sono diretti a valutare l'atto e l'attività dell'organo sotto il profilo della utilità ed opportunità, cioè della convenienza per l'amministrazione.
    Non so rispondere

    6. Dispone l'art. 6 della legge n. 241/1990 che il responsabile del procedimento, tra l'altro,....

    Può chiedere il rilascio di dichiarazioni, ma non la rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete.
    Può ordinare esibizioni documentali, ma non esperire accertamenti tecnici ed ispezioni.
    Propone l'indizione o, avendone la competenza, indice le conferenze di servizi.
    Può ammettere a suo insindacabile giudizio rettifiche e/o dichiarazioni relative alla documentazione presentata.
    Non so rispondere

    7. Dispone la legge n. 241/1990 che in accoglimento di osservazioni e proposte presentate dai privati, l'amministrazione procedente può concludere, senza pregiudizio dei diritti dei terzi, e in ogni caso nel perseguimento del pubblico interesse, accordi con gli interessati al fine di determinare il contenuto discrezionale del provvedimento finale ovvero in sostituzione di questo. Tali accordi debbono essere stipulati in forma scritta?

    Si, a pena di nullità, salvo che la legge disponga altrimenti e ad essi si applicano, ove non diversamente previsto, i principi del c.c. in materia di obbligazioni e contratti in quanto compatibili.
    Si, a pena di nullità, e ad essi si applicano, ove non diversamente previsto, le speciali disposizioni dettate dalla stessa legge n. 241/1990.
    No, non è richiesta la forma scritta, ma si applicano, ove non diversamente previsto, i principi del c.c. in materia di obbligazioni e contratti in quanto compatibili.
    Si, se l'accordo oltre al destinatario del provvedimento prevede la partecipazione di altri cointeressati, e in tal caso si applicano i principi del c.c. in materia di obbligazioni e contratti in quanto compatibili.
    Non so rispondere

    8. Secondo il disposto dell'art. 3-bis della legge n. 241/1990 così come modificato dalla legge n. 15/2005, quale delle seguenti affermazioni in relazione all'uso della telematica è corretta?

    Le P.A. incentivano l'uso della telematica per conseguire maggiore efficienza nella loro attività.
    Le P.A. incentivano l'uso della telematica nei rapporti tra le diverse amministrazioni ed ai soli fini di garantire l'accesso ai documenti.
    Le P.A. incentivano l'uso della telematica solo nei rapporti interni e tra le diverse amministrazioni.
    Le P.A. incentivano l'uso della telematica al solo fine di ridurre i costi di conservazione dei documenti.
    Non so rispondere

    9. Ha facoltà di intervenire nel procedimento amministrativo,....

    Qualunque soggetto portatore di interessi pubblici o privati.
    Tra gli altri, qualunque soggetto, portatore di interessi pubblici o privati cui possa derivare un pregiudizio dal provvedimento.
    I soggetti portatori di interessi diffusi purché costituiti in associazioni.
    Soltanto i titolari di diritti soggettivi legittimi.
    Non so rispondere