10 domande sulle Regioni

Tempo trascorso
-

1. Il conferimento e l'assegnazione dei beni degli enti locali e delle aziende speciali alle società di cui al comma 1 dell'articolo 115 D.Lgs. N. 267/2000 e s.m.i.:

sono esenti da imposizioni fiscali, dirette e indirette, statali e regionali
non sono esenti da imposizioni fiscali, dirette e indirette, statali e regionali
sono esenti da imposizioni fiscali, dirette e indirette, statali ma non regionali
sono esenti da imposizioni fiscali, dirette, statali ma non regionali
Non so rispondere

2. La Corte dei conti riferisce al Parlamento ed ai consigli regionali sull'esito del controllo eseguito:

ogni trimestre di valutazione
almeno annualmente
ogni semestre di valutazione
mensilmente
Non so rispondere

3. Quali sono i gradi della giurisdizione tributaria?

Commissioni Tributarie di 1° e 2° grado
Commissioni Tributarie, Regionali e Comunali
Commissioni Tributarie, Provinciali e Regionali
Commissioni miste provinciali, regionali e comunali
Non so rispondere

4. Le commissioni tributarie regionali hanno sede:

in ciascun capoluogo di regione
in ciascun capoluogo di ogni provincia
presso il ministero dell'economia e delle finanze
presso la sede centrale dell'agenzia delle entrate
Non so rispondere

5. Da quando è in vigore l'imposta regionale sulle attività produttive?

1993
1997
2000
1999
Non so rispondere

6. L'atto impugnato può essere sospeso:

dalla commissione tributaria provinciale
dalla commissione tributaria provinciale e da quella regionale
dalla commissione tributaria regionale
l'atto impugnato non può essere sospeso
Non so rispondere

7. A norma dell'art. 39 del D.Lgs. 267/2000 e s.m.i., in caso di inosservanza degli obblighi di convocazione del Consiglio comunale e provinciale, previa diffida, provvede il:

Presidente della Regione
Prefetto
Ministro dello Sviluppo Economico
Giudice
Non so rispondere

8. A norma dell'art. 15, comma 3 del D.Lgs. 267/2000 e s.m.i., al fine di favorire la fusione dei Comuni, oltre ai contributi della Regione, per quanti anni lo Stato eroga appositi contributi straordinari commisurati ad una quota dei trasferimenti spettanti ai singoli comuni che si fondono?

Per i venticinque anni decorrenti dalla fusione stessa
Per i vent'anni decorrenti dalla fusione stessa
Per i quindici anni decorrenti dalla fusione stessa
Per i dieci anni decorrenti dalla fusione stessa
Non so rispondere

9. Ai fini dell'art. 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e s.m.i., per enti locali s'intendono:

i Comuni, le Province, le Città metropolitane, le Comunità montane, le Comunità isolane e le Unioni di regioni
i Comuni, le Province, le Città metropolitane, le Comunità montane, le Comunità isolane e le Unioni di comuni
i Comuni, le Province, le Regioni, le Città metropolitane, le Comunità montane, le Comunità isolane, ma non le Unioni di comuni
i Comuni, le Province, le Città metropolitane, le Comunità montane, le Comunità isolane e le Unioni di province
Non so rispondere

10. Secondo quanto stabilito dal comma 7, dell'art. 50 del D.Lgs. 267/2000 e s.m.i., a chi spetta il coordinamento e la riorganizzazione degli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici

Al Sindaco, sulla base degli indirizzi espressi dal consiglio comunale e nell'ambito dei criteri eventualmente indicati dalla Regione
Al Presidente del consiglio comunale, sulla base degli indirizzi espressi dalla giunta comunale e nell'ambito dei criteri eventualmente indicati dalla Regione
Al Sindaco, senza tener conto degli eventuali indirizzi espressi dal consiglio comunale o dei criteri eventualmente indicati dalla Regione
Al Presidente del consiglio comunale, senza tener conto degli eventuali indirizzi espressi dalla giunta comunale o dei criteri eventualmente indicati dalla Regione
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate