Collaboratore tecnico professionale presso Arpal Liguria

Tempo trascorso
-

1. Che cosa si intende per atmospheric boundary layer?

la porzione di atmosfera che risente poco degli effetti della vicinanza del suolo
la porzione di atmosfera che risente maggiormente degli effetti della vicinanza del suolo
la porzione di atmosfera oltre l’atmosfera libera
Non so rispondere

2. In atmosfera la predicibilità:

non dipende delle scale considerate
aumenta al diminuire delle scale considerate
diminuisce al diminuire delle scale considerate
Non so rispondere

3. Nel ciclo giornaliero tipico lo strato limite residuo inizia a formarsi:

a mezzogiorno
all’alba
al tramonto
Non so rispondere

4. Con z0 si indica la:

friction length
roughness length
Obukhov length
Non so rispondere

5. Quale delle seguenti affermazioni è veritiera?

nella troposfera la temperatura mediamente diminuisce con la quota
nella troposfera la temperatura non dipende dalla quota
nella troposfera la temperatura diminuisce con la quota solo in condizioni instabili
Non so rispondere

6. Quale è il valore di scala dell’altezza della troposfera?

100 m
1 km
10 km
Non so rispondere

7. La temperatura virtuale è:

maggiore di quella secca
minore di quella secca
può essere maggiore o minore a seconda del contenuto di umidità
Non so rispondere

8. Le condizioni di stratificazione stabile in atmosfera:

tendono a sostenere i moti verticali
tendono a sopprimere i moti verticali
tendono a sopprimere i moti orizzontali
Non so rispondere

9. I modelli Gaussiani tradizionali utilizzano in input:

campi 3D delle variabili meteorologiche prodotti da modelli atmosferici diagnostici
campi 3D delle variabili meteorologiche prodotti da modelli atmosferici prognostici
nessuna delle altre risposte
Non so rispondere

10. I modelli numerici che risolvono le equazioni dinamiche su grigliato sono detti:

Lagrangiani
Euleriani
Gaussiani
Non so rispondere

11. Nei modelli CFD (Computational Fluid Dynamics) per i fenomeni alle scale più piccole vengono utilizzate parametrizzazioni perché:

i modelli non possono simulare direttamente scale inferiori alla loro risoluzione
unicamente per ragioni di efficienza (il codice risulta più veloce)
per aggiungere una componente stocastica alla soluzione
Non so rispondere

12. Che cosa si intende per "Geographic Information System (GIS)"?

un sistema di visualizzazione di dati geofisici
un sistema di visualizzazione di dati satellitari
un sistema informativo computerizzato che permette l'acquisizione, l'elaborazione, la visualizzazione di informazioni derivanti da dati geografici geo-riferiti
Non so rispondere

13. La parallelizzazione di un modello implica di:

eseguire contemporaneamente diverse parti del calcolo suddividendo la simulazione su più processori
eseguire contemporaneamente più simulazioni modellistiche indipendenti sullo stesso processore
eseguire contemporaneamente più simulazioni modellistiche indipendenti su diversi processori
Non so rispondere

14. Nei modelli CFD (Computational Fluid Dynamics) si risolvono:

le equazioni di Bernoulli
le equazioni di Lagrange
le equazioni di Navier-Stokes
Non so rispondere

15. I modelli meteorologici diagnostici:

integrano su grigliato numerico un sistema di equazioni differenziali dipendenti dal tempo per la conservazione delle variabili atmosferiche dinamiche e termodinamiche
calcolano le variabili atmosferiche dinamiche e termodinamiche su grigliato numerico sulla base solo di formulazioni empiriche e parametrizzazioni
ricostruiscono i campi meteorologici tridimensionali su un grigliato predefinito a partire da un numero sufficiente di misure al suolo e in quota
Non so rispondere

16. I modelli Gaussiani integrano:

delle equazioni stocastiche per le fluttuazioni della velocità del vento
una forma delle equazioni dinamiche di conservazione su grigliato numerico
una forma analitica dell’equazione di diffusione stazionaria
Non so rispondere

17. Nei modelli Lagrangiani, si fa riferimento a:

nessuna delle altre risposte
un sistema di coordinate fisso solidale con la superficie terrestre
un sistema di coordinate solidale con la massa d’aria in movimento
Non so rispondere

18. I modelli di dispersione di tipo euleriano consentono di:

stimare la concentrazione degli inquinanti solo alle stazioni di misura vicine all’emissione nel dominio considerato
stimare la concentrazione degli inquinanti in ogni punto griglia del dominio considerato
stimare la concentrazione degli inquinanti solo alle sorgenti emissive del dominio considerato
Non so rispondere

19. I modelli numerici:

producono sempre un risultato esatto
hanno un certo grado di incertezza intrinseco
nessuna delle altre risposte
Non so rispondere

20. La VIA è la procedura di:

Valutazione di Inquinamento Ambientale
Valutazione di Impatto Ambientale
Valutazione di Inquinamento Atmosferico
Non so rispondere

21. Il valore limite di concentrazione su base giornaliera stabilito dal D. Lgs. 155/2010 per il PM10 è pari a:

150 μg/m3
50 μg/m3
250 μg/m3
Non so rispondere

22. Il valore limite di concentrazione su base annuale stabilito dal D. Lgs. 155/2010 per il PM2.5 è pari a:

25 μg/m3 per anno civile
50 μg/m3 per anno civile
100 μg/m3 per anno civile
Non so rispondere

23. Il D. Lgs. 155/2010 definisce come particolato PM10:

il particolato che penetra attraverso un ingresso dimensionale selettivo conforme al metodo di riferimento per il PM10, con un'efficienza di penetrazione del 50 per cento per materiale particolato di un diametro aerodinamico di 10 μm
il particolato che penetra attraverso un ingresso dimensionale selettivo conforme al metodo di riferimento per il PM10, con un'efficienza di penetrazione del 50 per cento per materiale particolato di peso pari a 10 μg
il particolato con un diametro geometrico di 10 μm
Non so rispondere

24. Il D. Lgs. 155/2010 cita tra i vari inquinanti da valutare l’ozono, questa molecola è un:

inquinante che si forma in atmosfera a seguito di reazioni fotochimiche
inquinante emesso come tale dalle attività umane
un inquinante emesso dalla vegetazione
Non so rispondere

25. Il Fortran:

è un pacchetto di programmi di analisi statistica
è un linguaggio di programmazione
è un linguaggio macchina di compilazione
Non so rispondere

26. Quale risultato stampa a video la seguente istruzione bash? RESULT=200 echo $RESULT

200
$RESULT
RESULT
Non so rispondere

27. Nel contesto GNU/Linux quale comando stampa a video il contenuto di una cartella?

echo
print
ls
Non so rispondere

28. Quale risultato stampa a video il seguente codice Fortran? INTEGER M M=10 CALL SUB() M=M+1 WRITE(*,*) M END SUBROUTINE SUB() M=M+1 RETURN END

10
11
12
Non so rispondere

29. Quale risultato stampa a video il seguente codice Fortran? INTEGER M,N M=6 N=4 WRITE(*,*) M/N END

1
1.5
2
Non so rispondere

30. Quale risultato stampa a video il seguente codice Fortran? INTEGER M REAL X M=6 X=4 WRITE(*,*) M/X END

1
1.5
2
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate