Istruttore tecnico 2022

Tempo trascorso
-

1. La comunicazione di inizio lavori asseverata ai sensi dell’art. 6-bis del D.P.R. 380/2001 deve essere corredata da:

i dati identificativi dell’impresa cui si intende affidare la realizzazione dei lavori;
la relazione paesaggistica
la verifica strutturale dell’edificio oggetto di intervento
Non so rispondere

2. Il contributo di costruzione per gli interventi a destinazione commerciale, previsto dall’art 19 del D.P.R. 380/2001, è composto dalle seguenti componenti

oneri di urbanizzazione primaria, oneri di urbanizzazione secondaria, costo di costruzione
oneri di urbanizzazione primaria, oneri di urbanizzazione secondaria, contributo per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani;
oneri di urbanizzazione primaria, oneri di urbanizzazione secondaria;
Non so rispondere

3. In caso di abuso edilizio, sono considerati soggetti responsabili:

il committente, il costruttore, il responsabile dello sportello unico per l’edilizia;
il direttore dei lavori, il dirigente responsabile dello sportello unico per l’edilizia;
il titolare del permesso di costruire, il committente e il costruttore;
Non so rispondere

4. Ai sensi del Testo Unico in materia di edilizia, quale documento deve essere allegato, a pena di nullità, agli atti tra vivi di costituzione di diritti reali su terreni

La visura ipocatastale
Il certificato di destinazione urbanistica.
La Segnalazione certificata di agibilità
Non so rispondere

5. Che cosa si intende per “adattabilità” di un immobile.

la possibilità, anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di accedere agli spazi di relazione e ad almeno un servizio igienico di ogni unità immobiliare;
la possibilità di modificare nel tempo lo spazio costruito a costi limitati, allo scopo di renderlo completamente ed agevolmente fruibile anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale;
la possibilità, anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di raggiungere l'edificio e le sue singole unità immobiliari e ambientali, di entrarvi agevolmente e di fruirne spazi e attrezzature in condizioni di adeguata sicurezza e autonomia.
Non so rispondere

6. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 146, comma 9 del Dlgs 42/2004 e smi, gli interventi di lieve entità, da realizzarsi su aree e immobili sottoposti alle norme della parte III del Codice dei beni culturali e del paesaggio, sono assoggettati a procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica. Entro quante termine il procedimento autorizzatorio semplificato di deve concludere con l’adozione del provvedimento?

Novanta giorni del ricevimento della domanda; -
Sessanta giorni dal ricevimento della domanda;
Trenta giorni dal ricevimento della domanda
Non so rispondere

7. Ai sensi del D.P.R. 13 febbraio 2017 n. 31, non sono soggetti ad autorizzazione paesaggistica: - installazione di tettoie aperte di servizio a capannoni destinati ad attività produttive, o di collegamento tra i capannoni stessi, entro il limite del 10 per cento della superficie coperta preesistente:

installazione di tettoie aperte di servizio a capannoni destinati ad attività produttive, o di collegamento tra i capannoni stessi, entro il limite del 10 per cento della superficie coperta preesistente
realizzazione di nuove strutture relative all’esercizio dell’attività ittica con superficie non superiore a 30 mq
opere di manutenzione e adeguamento degli spazi esterni, pubblici o privati, relative a manufatti esistenti, quali marciapiedi, banchine stradali, aiuole, componenti di arredo urbano, purché eseguite nel rispetto delle caratteristiche morfo-tipologiche, dei materiali e delle finiture preesistenti, e dei caratteri tipici del contesto locale;
Non so rispondere

8. Il Piano di Governo del Territorio, ai sensi della Legge Regionale lombarda n° 12/2005, è composto dai seguenti atti:

piano delle regole, documento di piano, piano dei servizi;
piano dei servizi, regolamento edilizio, norme tecniche di attuazione
documento di piano, norme tecniche di attuazione, piano die servizi;
Non so rispondere

9. Ai sensi della Legge Regionale Lombardia, le funzioni amministrative per il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica e per l’irrogazione delle sanzioni di cui, rispettivamente, agli articoli 146 e 147 del D.Lgs. 42/2004, relativamente agli interventi di recupero e smaltimento dei rifiuti di cui all’articolo 17 della L.R. 26/2003, sono esercitate da:

Comune;
Provincia Competente;
Regione
Non so rispondere

10. l termine di validità nonché i termini di inizio e fine lavori previsti dalle convenzioni di lottizzazione di cui all’articolo 28 della legge 17 agosto 1942, n. 1150, dagli accordi similari comunque denominati dalla legislazione regionale, nonché i termini dei relativi piani attuativi e di qualunque altro atto ad essi propedeutico, formatisi al 31 dicembre 2020,

sono prorogati di tre anni
Sono prorogati di quattro anni
Sono prorogati di due anni
Non so rispondere

11. I mutamenti di destinazione d’uso di immobili anche non comportanti la realizzazione di opere edilizie, finalizzate alla creazione di luoghi di culto e luoghi destinati a centri sociali sono assoggettati ai sensi della LR 12/05 a:

Comunicazione di inizio attività
Denuncia di inizio attività
Permesso a costruire
Non so rispondere

12. Il recupero dei vani seminterrati ai sensi della Legge Regionale Lombardia 10 marzo 2017 n° 7:

non può essere oggetto di mutamento di destinazione d’uso nei dieci anni successivi al conseguimento dell’agibilità;
è sempre sottoposto a procedura di esame di impatto paesaggistico;
è realizzabile solo mediante Premesso di costruire convenzionato
Non so rispondere

13. Secondo il D. Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. un sito si definisce potenzialmente contaminato:

quando uno o più valori di concentrazione delle sostanze inquinanti rilevati nelle matrici ambientali risultino superiori ai valori di concentrazione soglia di contaminazione;
quando uno o più valori di concentrazione delle sostanze inquinanti rilevati nelle matrici ambientali risultino superiori ai valori di concentrazione soglia di rischio;
quando uno o più valori di concentrazione delle sostanze inquinanti rilevati nelle matrici ambientali risultino superiori ai valori di concentrazione soglia di contaminazione ma inferiori ai valori di concentrazione soglia di rischio.
Non so rispondere

14. Qual è l’obiettivo dell’A.I.A. (Autorizzazione integrata ambientale):

L’A.I.A. persegue l’obiettivo di assicurare un elevato livello di protezione dell’ambiente nel suo complesso e a tal fine prevede misure per evitare, ove possibile, o ridurre le emissioni nell'aria, nell'acqua e nel suolo, ovvero ridurre la produzione di rifiuti, individuate sulla base delle Migliori Tecniche Disponibili (Best Availables Technologies – BAT);
Monitorare e censire le attività industriali presenti sul territorio, al fine di realizzare una banca dati Regionale;
Autorizzare l’esercizio di attività insalubri
Non so rispondere

15. Secondo il D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. cosa si intende per dispositivo di protezione individuale (DPI)?

gli apparecchi portatili per individuare e segnalare rischi e fattori nocivi
qualsiasi attrezzatura o dispositivo di sicurezza per l'autodifesa e la salvaguardia personale
qualsiasi attrezzatura destinata a essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro i rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro
Non so rispondere

16. Il Decreto Legislativo 81/2008:

obbliga a valutare e programmare attentamente le singole attività in rapporto ai rischi prevedibili;
stabilisce i criteri relativi all’agibilità degli edifici;
obbliga a valutare le singole attività solo nel caso si svolgano in edifici vincolati
Non so rispondere

17. Il certificato di pagamento di un appalto di lavori è emesso;

dal direttore dei lavori
dal direttore operativo
dal responsabile unico del procedimento
Non so rispondere

18. Qualora sia previsto nel bando e nei documenti contrattuali il certificato di ultimazione lavori può prevedere l’assegnazione di un termine perentorio:

non superiore a 30 giorni per il completamento di lavorazioni di piccole entità accertate da parte del direttore dei lavori come del tutto marginali e non incidenti sull’uso e sulla funzionalità dei lavori
non superiore a 60 giorni per il completamento di lavorazioni di piccole entità accertate da parte del direttore dei lavori come del tutto marginali e non incidenti sull’uso e sulla funzionalità dei lavori
non superiore a 90 giorni per il completamento di lavorazioni di piccole entità accertate da parte del direttore dei lavori come del tutto marginali e non incidenti sull’uso e sulla funzionalità dei lavori
Non so rispondere

19. L’affidatario deposita il contratto di subappalto presso la stazione appaltante:

almeno venti giorni prima della data di effettivo inizio dell’esecuzione delle relative prestazioni
almeno dieci giorni prima della data di effettivo inizio dell’esecuzione delle relative prestazioni
almeno cinque giorni prima della data di effettivo inizio dell’esecuzione delle relative prestazioni
Non so rispondere

20. La garanzia definitiva prestata dall’esecutore del contratto cessa di avere effetto:

solo alla data di emissione del certificato di ultimazione dei lavori o del certificato di collaudo definitivo
solo alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificato di regolare esecuzione
solo alla data di emissione dello stato finale o del certificato di collaudo definitivo
Non so rispondere

21. Il programma biennale di forniture e servizi e i relativi aggiornamenti annuali contengono gli acquisti di beni e servizi di importo unitario stimato pari o superiore a:

€ 40.000,00
€ 100.000,00
€ 221.000,00
Non so rispondere

22. Il responsabile del procedimento, qualora non vi siano ragioni di urgenza, autorizza il direttore dei lavori alla consegna dei lavori:

Dopo l’aggiudicazione;
Dopo l’assunzione di impegni di spesa a favore dell’appaltatore;
Dopo la stipula del contratto.
Non so rispondere

23. La stazione appaltante, nei contratti relativi ai lavori, verifica la rispondenza degli elaborati progettuali ai documenti di cui all’articolo 23 D. Lgs. 50/2016, nonché la loro conformità alla normativa vigente:

Prima dell'inizio delle procedure di affidamento
Prima della stipula del contratto di appalto
Prima dell'inizio dei lavori
Non so rispondere

24. Dopo quanto tempo dalla sua emissione, il certificato di collaudo assume carattere definitivo?

Dopo sei mesi
Dopo un anno
Dopo due anni
Non so rispondere

25. Quali, fra i seguenti, sono requisiti di ordine generale, necessari per la partecipazione alle procedure di affidamento delle concessioni o degli appalti di lavori, forniture e servizi:

Di essere in possesso della certificazione del sistema di qualità;
Di essere in possesso della certificazione SOA per la categoria richiesta dal bando di gara;
Di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativo al pagamento delle imposte e tasse;
Non so rispondere

26. Qual è il termine dell’emissione del certificato di regolare esecuzione dei lavori:

Non oltre 1 mese dell’ultimazione dei lavori;
Non oltre 2 mesi dell’ultimazione dei lavori;
Non oltre 3 mesi dell’ultimazione dei lavori
Non so rispondere

27. La violazione dei doveri contenuti nel codice di comportamento è fonte di:

Responsabilità disciplinare
Responsabilità penale
Responsabilità civile
Non so rispondere

28. Ai sensi dell'art. 169 del D.Lgs. 267/2000, con il "Piano esecutivo di gestione (PEG)":

L'organo consiliare determina i risultati minimi obbligatori
L'organo esecutivo determina gli obiettivi di gestione
La commissione consiliare di bilancio determina gli obiettivi di risultato
Non so rispondere

29. Legge n. 241/1990 e s.m.i. – art. 6 – Il responsabile del procedimento può adottare il provvedimento finale

Si, se ne ha la competenza
No, trasmette gli atti all’organo competente per la verifica
Si, se l’organo competente non provvede all’adozione entro 30 giorni dalla conclusione del procedimento
Non so rispondere

30. Quale è l’organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo del comune?

Il Sindaco;
Il Consiglio;
La Giunta
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate