istruttore amministrativo per settore segreteria-servizi sociali culturali

Tempo trascorso
-

1. secondo il d.lgs. n. 267/2000 rispetto alle proposte di deliberazione della giunta comunale e del consiglio comunale devono essere espressi pareri preventivi?

Si, da parte del responsabile del servizio interessato, in ordine alla sola regolarità tecnica, e del responsabile di ragioneria, se si tratta di atto di indirizzo, in ordine alla regolarità contabile
Si, solo da parte del Segretario comunale in ordine alla legittimità dell'atto
Si, relativamente alla proposta che non sia mero atto di indirizzo, in ordine alla sola regolarità tecnica, del responsabile del servizio interessato e, qualora comporti riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell'ente, del responsabile di ragioneria in ordine alla regolarità contabile
Non so rispondere

2. ai sensi dell’art. 19 della legge 8 novembre 2000, n. 328, il piano di zona è definito:

Con deliberazione del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per la solidarietà sociale, sentiti i Ministri interessati. Sullo schema di piano è acquisita l'intesa con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281
Dai comuni associati, negli ambiti territoriali di cui all'articolo 8, comma 3, lettera a), a tutela dei diritti della popolazione, d'intesa con le aziende unità sanitarie locali, nell'ambito delle risorse disponibili, ai sensi dell'articolo 4, per gli interventi sociali e socio-sanitari, secondo le indicazioni del piano regionale
Dalle regioni, nell'esercizio delle funzioni conferite dagli articoli 131 e 132 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, in relazione alle indicazioni del piano nazionale
Non so rispondere

3. i responsabili degli uffici e dei servizi sono nominati da:

Giunta
Segretario Comunale su delega del Sindaco
Sindaco
Non so rispondere

4. il dipendente

rispetta le prescrizioni contenute nel piano per la prevenzione della corruzione e presta la sua collaborazione al responsabile della prevenzione della corruzione; assicura, qualora in possesso della qualifica dirigenziale, l’adempimento degli obblighi di trasparenza previsti in capo alle pubbliche amministrazioni secondo le disposizioni normative vigenti, prestando la massima collaborazione nell’elaborazione, reperimento e trasmissione dei dati sottoposti all’obbligo di pubblicazione sul sito istituzionale
rispetta le prescrizioni contenute nel piano per la prevenzione della corruzione e presta la sua collaborazione al responsabile della prevenzione della corruzione; assicura l’adempimento degli obblighi di trasparenza previsti in capo alle pubbliche amministrazioni secondo le disposizioni normative vigenti, prestando la massima collaborazione nell’elaborazione, reperimento e trasmissione dei dati sottoposti all’obbligo di pubblicazione sul sito istituzionale
rispetta le prescrizioni contenute nel piano per la prevenzione della corruzione, presta la sua collaborazione al responsabile della prevenzione della corruzione; assicura, qualora titolare di posizione organizzativa, l’adempimento degli obblighi di trasparenza previsti in capo alle pubbliche amministrazioni secondo le disposizioni normative vigenti, prestando la massima collaborazione nell’elaborazione, reperimento e trasmissione dei dati sottoposti all’obbligo di pubblicazione sul sito istituzionale
Non so rispondere

5. in relazione a quanto dispone l’art. 177 del d.lgs. n. 267/2000, cosa deve fare il responsabile del servizio, nel caso in cui ritenga necessaria una modifica della dotazione assegnata per sopravvenute esigenze successive all'adozione degli atti di programmazione?

propone la modifica con modalità definite dal regolamento di contabilità
adotta la modifica con modalità definite dal regolamento di contabilità
propone la modifica con modalità definite dal regolamento dei contratti
Non so rispondere

6. in relazione a quanto dispone l’art. 169 del d.lgs. n. 267/2000, quale delle seguenti affermazioni e’ vera ?

La giunta delibera il piano esecutivo di gestione (PEG) entro venti giorni dall'approvazione del bilancio di previsione, in termini di competenza. Il PEG è riferito al primo esercizio del bilancio, individua gli obiettivi della gestione ed affida gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi
La giunta delibera il piano esecutivo di gestione (PEG) entro venti giorni dall'approvazione del bilancio di previsione, in termini di competenza. Con riferimento al primo esercizio il PEG è redatto anche in termini di cassa. Il PEG è riferito ai medesimi esercizi considerati nel bilancio, individua gli obiettivi della gestione ed affida gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi
La giunta delibera il piano esecutivo di gestione (PEG) entro venti giorni dall'approvazione del bilancio di previsione, in termini di competenza. Il PEG è riferito al primo biennio del bilancio, individua gli obiettivi della gestione ed affida gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi
Non so rispondere

7. gli enti locali

Al fine di svolgere in modo coordinato funzioni e servizi determinati, possono stipulare tra loro apposite convenzioni
Al fine di svolgere in modo coordinato servizi determinati, possono stipulare tra loro apposite convenzioni; non possono invece stipulare tra loro convenzioni al fine di svolgere in modo coordinato funzioni
Non possono stipulare convenzioni tra loro
Non so rispondere

8. ai sensi dell’art. 6 della legge n. 241/1990, l'organo competente per l'adozione del provvedimento finale, ove diverso dal responsabile del procedimento

non può mai discostarsi dalle risultanze dell'istruttoria condotta dal responsabile del procedimento
può discostarsi dalle risultanze dell'istruttoria condotta dal responsabile del procedimento e non è tenuto ad indicarne la motivazione nel provvedimento finale
non può discostarsi dalle risultanze dell'istruttoria condotta dal responsabile del procedimento se non indicandone la motivazione nel provvedimento finale
Non so rispondere

9. l'impegno di spesa costituisce:

la fase del procedimento di spesa, con la quale, a seguito di obbligazione giuridicamente perfezionata è determinata la somma da pagare, determinato il soggetto creditore, indicata la ragione e la relativa scadenza e viene costituito il vincolo sulle previsioni di bilancio, nell'ambito della disponibilità finanziaria accertata
la fase del procedimento di spesa attraverso la quale, in base ai documenti ed ai titoli atti a comprovare il diritto acquisito del creditore, si determina la somma certa e liquida da pagare nei limiti dell'ammontare dell'impegno definitivo assunto
la fase del procedimento di spesa attraverso la quale gli ordinativi di pagamento sono disposti nei limiti dei rispettivi stanziamenti di cassa
Non so rispondere

10. ai sensi dell’art. 6 della legge n. 241/1990, il responsabile del procedimento:

trasmette gli atti all’organo competente per l’adozione, non potendo mai coincidere con l’organo che adotta l’atto finale
adotta, ove ne abbia la competenza, il provvedimento finale, ovvero trasmette gli atti all’organo competente per l’adozione
è sempre competente ad adottare il provvedimento finale
Non so rispondere

11. le deliberazioni di competenza del consiglio comunale non possono essere adottate in via d’urgenza da altri organi del comune salvo quelle attinenti:

Disposizioni in merito all’organizzazione degli uffici e servizi adottate dal Sindaco da sottoporre a successiva ratifica del Consiglio Comunale entro 60 giorni;
Acquisti e alienazioni immobiliari adottate dalla Giunta da sottoporre a successiva ratifica del Consiglio Comunale entro 60 giorni
Variazioni di bilancio adottate dalla Giunta da sottoporre a successiva ratifica del Consiglio Comunale entro 60 giorni
Non so rispondere

12. ai sensi dell’art. 6 del gdpr, il trattamento è lecito se:

in ogni caso in cui lo disponga il titolare del trattamento dei dati
il trattamento è necessario per l'esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso all'esercizio di pubblici poteri di cui è investito il titolare del trattamento
quando lo disponga il responsabile della protezione dei dati
Non so rispondere

13. quale organo e’ competente ad approvare il regolamento del consiglio comunale ?

Il Comitato Regionale di Controllo;
La conferenza dei Capigruppo
Il Consiglio Comunale
Non so rispondere

14. ai sensi dell’art. 38 del d.p.r. n. 445/2000, le istanze e le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà da produrre agli organi della amministrazione pubblica o ai gestori o esercenti di pubblici servizi

sono sottoscritte dall’interessato in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore
sono sottoscritte dall’interessato in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica autenticata di un documento di identità del sottoscrittore
sono sottoscritte dall’interessato esclusivamente in presenza del dipendente e non possono mai essere presentate con modalità diverse
Non so rispondere

15. nel caso in cui vi è stata l'acquisizione di beni e servizi in violazione dell'obbligo indicato nei commi 1, 2 e 3, dell’art. 191 del d.lg.s. n. 267/2000 (regole per l'assunzione di impegni e per l'effettuazione di spese)

La giunta comunale provvede a sanare l’irregolarità mediante deliberazione di variazione di bilancio ed assunzione del necessario impegno di spesa
il rapporto obbligatorio intercorre, ai fini della controprestazione e per la parte non riconoscibile ai sensi dell'articolo 194, comma 1, lettera e) del d.lgs. n. 267/2000, tra il privato fornitore e l'amministratore, funzionario o dipendente che hanno consentito la fornitura; per le esecuzioni reiterate o continuative detto effetto si estende a coloro che hanno reso possibili le singole prestazioni.
Il funzionario competente provvede a sanare l’irregolarità mediante il necessario impegno di spesa, sulla base delle dotazioni finanziarie assegnate dalla Giunta con il piano esecutivo di gestione
Non so rispondere

16. il durc è:

Il Documento unico regolarità della concessione
Il Documento unico regolarità certificata
Documento unico regolarità contributiva
Non so rispondere

17. la legge n. 241/1990 ammette il recesso unilaterale dai contratti della p.a.?

No
Si, nei soli casi ammessi dal contratto
Si, nei casi previsti dalla legge e dal contratto
Non so rispondere

18. i consiglieri comunali hanno diritto di ottenere dagli uffici del comune

tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all'espletamento del proprio mandato
tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all'espletamento del proprio mandato, previo decreto del Prefetto della Provincia, che deve esprimersi entro 30 giorni dalla formulazione della richiesta di accesso agli atti
tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all'espletamento del proprio mandato, previa deliberazione del Consiglio comunale, che deve esprimersi entro 30 giorni dalla formulazione della richiesta di accesso agli atti
Non so rispondere

19. ai sensi del primo comma dell’art. 2 della legge n. 241/1990, ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad un’istanza, ovvero debba essere iniziato d’ufficio, le pubbliche amministrazioni

hanno il dovere di concluderlo mediante l’adozione di un provvedimento espresso
hanno la facoltà di concluderlo mediante l’adozione di un provvedimento espresso
hanno il dovere di concluderlo mediante l’adozione di un provvedimento espresso, solo nei casi espressamente previsti dalla legge
Non so rispondere

20. ai sensi dell’art. 125 del d.lgs. n. 267/2000, le deliberazioni

Adottate dalla Giunta e dal Consiglio comunale, contestualmente all’affissione all’albo, sono trasmesse in elenco ai capigruppo consiliari; i relativi testi sono messi a disposizione dei consiglieri nelle forme stabilite dallo statuto o dal regolamento
Adottate dalla Giunta comunale, contestualmente all’affissione all’albo per 15 giorni consecutivi, sono trasmesse in elenco ai capigruppo consiliari; i relativi testi sono messi a disposizione dei consiglieri nelle forme stabilite dallo statuto o dal regolamento
Adottate dal Consiglio comunale, contestualmente all’affissione all’albo, sono trasmesse in elenco ai capigruppo consiliari; i relativi testi sono messi a disposizione dei consiglieri nelle forme stabilite dallo statuto o dal regolamento
Non so rispondere

21. quale di questi atti compete alla giunta comunale:

Approvazione delle tariffe dei servizi
La stipulazione dei contratti
Approvazione Statuti dell'ente e delle aziende speciali
Non so rispondere

22. le competenze degli organi di governo del comune sono definite dal t.u.o.e.l. (d.lgs. n. 267/2000):

In maniera puntuale relativamente al Consiglio Comunale ed alla Giunta comunale
In maniera puntuale relativamente alla Giunta comunale
In modo puntuale relativamente al Consiglio Comunale; in modo residuale relativamente alla Giunta
Non so rispondere

23. il codice dei codice dei contratti pubblici – che disciplina i contratti di appalto e di concessione delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori aventi ad oggetto l’acquisizione di servizi, forniture, lavori e opere, nonché i concorsi pubblici di progettazione - è stato approvato con:

la legge n. 241/90;
la n. 142/1990
il d.lgs. n. 50/2016
Non so rispondere

24. per quanti giorni lo statuto comunale deve restare affisso all'albo pretorio prima di entrare in vigore?

Lo statuto comunale entra in vigore 15 giorni dopo l'avvenuta affissione all'Albo pretorio
L'entrata in vigore dello Statuto avviene a seguito della pubblicazione per 15 giorni consecutivi nel Bollettino Ufficiale della Regione. L'affissione all'Albo pretorio ha una funzione meramente informativa
Lo statuto comunale entra in vigore 30 giorni dopo l'avvenuta affissione all'Albo pretorio.
Non so rispondere

25. il fondo di riserva iscritto nel bilancio di previsione è utilizzato con:

Deliberazione del Consiglio Comunale
Ordinanza del Sindaco
Deliberazione della Giunta Comunale
Non so rispondere

26. ai sensi dell’art. 10 del d.p.r. n. 62/2013

Nei rapporti privati, comprese le relazioni extralavorative con pubblici ufficiali nell’esercizio delle loro funzioni, il dipendente non è tenuto ad osservare alcun dovere di comportamento
Nei rapporti privati, comprese le relazioni extralavorative con pubblici ufficiali nell’esercizio delle loro funzioni, il dipendente può menzionare la posizione che ricopre nell’amministrazione per ottenere utilità che non gli spettino
Nei rapporti privati, comprese le relazioni extralavorative con pubblici ufficiali nell’esercizio delle loro funzioni, il dipendente non sfrutta, né menziona la posizione che ricopre nell’amministrazione per ottenere utilità che non gli spettino e non assume nessun altro comportamento che possa nuocere all’immagine dell’amministrazione
Non so rispondere

27. ai sensi del d.lgs. 33/2013, nella sezione denominata “amministrazione trasparente” del sito istituzionale dell’ente, risultano, tra le altre, le seguenti sottosezioni:

Personale, performance, bilanci, aliquote tributi
Disposizioni generali, performance, bilanci, pubblicazioni di matrimonio, dichiarazioni I.V.A.
Disposizioni generali, performance, bilanci, pagamenti dell’amministrazione, altri contenuti
Non so rispondere

28. nel caso di urgenza le deliberazioni del consiglio o della giunta possono essere dichiarate immediatamente eseguibili con il voto espresso

dalla maggioranza dei componenti
dai due terzi dei componenti
dalla maggioranza dei presenti nella seduta deliberativa
Non so rispondere

29. ai sensi dell’art. 107 del t.u.o.e.l. (d.lgs. n. 267/2000):

poteri di indirizzo e di controllo politico-amministrativo spettano agli organi di governo, mentre la gestione amministrativa, finanziaria e tecnica è attribuita ai dirigenti mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo
I poteri di indirizzo e di controllo politico-amministrativo e la gestione amministrativa, finanziaria e tecnica spettano agli organi di governo che esercitano autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo
I poteri di indirizzo e di controllo politico-amministrativo e la gestione amministrativa, finanziaria e tecnica sono attribuiti ai dirigenti mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo
Non so rispondere

30. a norma del t.u.o.e.l. (d.lgs. n. 267/2000), chi sovrintende allo svolgimento delle funzioni coordinandone l'attività nei comuni privi di direttore generale?

Il Sindaco
Il Segretario Comunale
L'Assessore al Personale
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate