Batteria Quiz Collaboratore amministrativo B3

Tempo trascorso
-

1. Il bilancio di previsione finanziario deve essere deliberato…

Entro il 30 dicembre di ciascun anno, riferito ad un orizzonte temporale almeno triennale
Entro il 31 dicembre di ciascun anno, riferito ad un orizzonte temporale almeno biennale
Entro il 31 dicembre di ciascun anno, riferito ad un orizzonte temporale almeno triennale
Entro il 31 dicembre di ciascun anno, riferito ad un orizzonte temporale almeno quinquennale
Non so rispondere

2. Il regolamento di contabilità assicura, di norma…

La conoscenza consolidata dei risultati globali delle gestioni relative ad enti od organismi costituiti per l'esercizio di funzioni e servizi
La conoscenza superficiale dei risultati globali delle gestioni relative ad enti od organismi costituiti per l'esercizio di funzioni e servizi
La conoscenza consolidata dei risultati parziali delle gestioni relative ad enti od organismi costituiti per l'esercizio di funzioni e servizi
La conoscenza superficiale dei risultati parziali delle gestioni relative ad enti od organismi costituiti per l'esercizio di funzioni e servizi
Non so rispondere

3. Il Documento Unico di Programmazione, ai sensi dell'art. 151 del D.Lgs. 267/2000, è composto:

Dalla "Sezione previsionale" e dalla "Sezione divulgativa"
Dalla "Sezione strategica" e dalla "Sezione operativa".
Dalla "Sezione primaria" e dalle "Sezioni subalterne"
Dalla "Sezione previsionale” e dalla "Sezione operativa”.
Non so rispondere

4. Ai sensi dell'art. 169 del D.Lgs. 267/2000, entro quanto viene deliberato il piano esecutivo di gestione?

Entro 30 giorni dall'approvazione del bilancio di previsione, in termini di cassa.
Entro 60 giorni dalla presentazione del bilancio di previsione
Entro 15 giorni dall'approvazione del bilancio di previsione, in termini di competenza
Entro 20 giorni dall'approvazione del bilancio di previsione, in termini di competenza
Non so rispondere

5. Ai fini del Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e successive modifiche, si intendono per enti locali:

I comuni, le province, le regioni, le città metropolitane, le comunità montane e le unioni di comuni.
I comuni, le province, le città metropolitane, le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di comuni.
I comuni, le province, le regioni, le città metropolitane, le comunità montane e le comunità isolane.
I comuni, le province, le città metropolitane, le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di province
Non so rispondere

6. A norma dell’art. 2 del D.Lgs. 267/2000, le norme sugli enti locali previste dal TUEL si applicano, altresì, salvo diverse disposizioni:

Ai consorzi cui partecipano enti locali, inclusi quelli che gestiscono attività aventi rilevanza economica ed imprenditoriale
Esclusivamente ai consorzi che gestiscono attività aventi rilevanza imprenditoriale
Esclusivamente ai consorzi che gestiscono attività aventi rilevanza economica
Ai consorzi cui partecipano enti locali, con esclusione di quelli che gestiscono attività aventi rilevanza economica ed imprenditoriale
Non so rispondere

7. La dichiarazione IMU deve essere presentata entro:

Il 30 novembre
Il 31 aprile
Il 30 luglio dell’anno in questione
Il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso dell’immobile ha avuto inizio o sono intervenute variazioni
Non so rispondere

8. La TASI è dovuta solo dal possessore a titolo di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o superficie:

In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a 6 mesi nel corso dello stesso anno solare
In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a 3 mesi nel corso dello stesso anno solare
In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a 9 mesi nel corso dello stesso anno solare
In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a 4 mesi nel corso dello stesso anno solare
Non so rispondere

9. Chi deve pagare la TARI?

Tutti coloro che occupano locali ed aree scoperte, a qualsiasi titolo utilizzate, situate nel territorio comunale
Tutti coloro che occupano locali, a qualsiasi titolo utilizzate, situate nel territorio comunale
Tutti coloro che possiedono locali ed aree scoperte, a qualsiasi titolo utilizzate, situate nel territorio comunale
Tutti coloro che sono proprietari di locali ed aree scoperte, a qualsiasi titolo utilizzate, situate nel territorio comunale.
Non so rispondere

10. Il regolamento su pubblicità e pubbliche affissioni deve in ogni caso:

Esclusivamente determinare la tipologia e la quantità degli impianti pubblicitari
Determinare la tipologia e la quantità degli impianti pubblicitari, le modalità per ottenere il provvedimento per l’installazione, nonché i criteri per la realizzazione del piano generale degli impianti
Esclusivamente determinare le modalità per ottenere il provvedimento per l’installazione
Esclusivamente determinare i criteri per la realizzazione del piano generale degli impianti
Non so rispondere

11. È solidalmente obbligato al pagamento dell’imposta sulla pubblicità:

Esclusivamente colui che produce la merce
Colui che produce o vende la merce o fornisce i servizi oggetto della pubblicità
Esclusivamente colui che vende la merce
Esclusivamente colui che fornisce i servizi oggetto della pubblicità
Non so rispondere

12. Riguardo alla determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI, per ciascuna utenza domestica, si può correttamente affermare che:

La quota variabile è costituita da un valore assoluto, cioè da un importo rapportato al numero degli occupanti che non va moltiplicato per i metri quadrati dell’utenza; per la determinazione della quota fissa si tiene conto della superficie dell’alloggio sommata a quella delle relative pertinenze
La quota variabile è costituita da un valore variabile, cioè da un importo rapportato al numero degli occupanti che va moltiplicato per i metri quadrati dell’utenza; la quota fissa è calcolata in funzione della rendita catastale dell’immobile
Per il calcolo della quota fissa si tiene conto solo della superficie dell’abitazione escluse le pertinenze; la parte variabile è calcolata in funzione della composizione del nucleo familiare
La quota variabile non è costituita da un valore variabile, cioè da un importo rapportato al numero degli occupanti che va moltiplicato per i metri quadrati dell’utenza; la quota fissa non è calcolata in funzione della rendita catastale dell’immobile
Non so rispondere

13. Quale di queste categorie l’ufficiale d’anagrafe deve iscrivere all’ AIRE:

Coloro che acquisiscono la cittadinanza italiana continuando a risiedere all’estero
I cittadini italiani coniugati con cittadini stranieri
I cittadini stranieri che hanno risieduto per venti anni in Italia.
Coloro che acquisiscono la cittadinanza italiana non continuando a risiedere all’estero
Non so rispondere

14. L’ufficiale dello stato civile:

Può rifiutare l’adempimento di un atto di stato civile da chiunque richiesto, indicandone per iscritto le motivazioni.
Può rifiutare l’adempimento di un atto di stato civile da chiunque richiesto, indicando le motivazioni anche verbalmente
Non può rifiutare l’adempimento di un atto di stato civile da chiunque richiesto.
Può rifiutare l’adempimento di un atto di stato civile da chiunque richiesto senza dare alcune spiegazioni.
Non so rispondere

15. La legalizzazione della firma:

Prevede il riconoscimento dinanzi all’impiegato addetto di chi appone la firma
Prevede il riconoscimento di chi appone la firma nonché la sua funzione specifica
Non è prevista per gli atti formati nello stato e da valere all’estero
Non prevede il riconoscimento di chi appone la firma
Non so rispondere

16. Lo scioglimento o cessazione degli effetti civili consensuali di un matrimonio, effettuati innanzi all’ufficiale dello stato civile, possono essere conclusi:

Con l’assistenza obbligatoria di un avvocato per parte
Con l’assistenza obbligatoria di almeno di un avvocato
Con l’assistenza facoltativa di un avvocato
Con l’assistenza facoltativa di un parente o amico
Non so rispondere

17. La cancellazione anagrafica per irreperibilità deve essere comunicata:

Al prefetto entro 30 giorni dall’avvenuta cancellazione
Al prefetto entro 15 giorni dall’avvenuta cancellazione
Al questore entro 30 giorni dall’avvenuta cancellazione
Al questore entro 15 giorni dall’avvenuta cancellazione
Non so rispondere

18. I cittadini italiani che trasferiscono la loro residenza da un comune italiano all’estero devono farne dichiarazione al competente ufficio consolare entro:

60 giorni
30 giorni
90 giorni
120 giorni
Non so rispondere

19. L’obbligo di comunicazione dell’avvio del procedimento cui all’art. 7 della legge n. 241/1990 trova applicazione anche nel caso di provvedimento di dichiarazione di pubblica utilità?

No, anche nel caso di provvedimento di dichiarazione di pubblica utilità
No, mai
No, esclusivamente nel caso di provvedimento di dichiarazione di pubblica utilità
Si, anche nel caso di provvedimento di dichiarazione di pubblica utilità
Non so rispondere

20. L’obbligo di conclusione esplicita del procedimento amministrativo, sancito dalla legge n. 241/1990, sussiste:

Solo quando il procedimento consegua obbligatoriamente ad istanza
Solo quando il procedimento debba essere iniziato d’ufficio.
No, non sussiste
Sia quando il procedimento consegua obbligatoriamente ad istanza, sia quando debba essere iniziato d’ufficio
Non so rispondere

21. Cosa dispone l’art. 12 del D. Lgs. n. 196/2003 in merito ai Codici di deontologia e di buona condotta?

Il rispetto delle disposizioni contenute nei codici non costituisce condizione essenziale per la liceità e correttezza del trattamento dei dati personali effettuato da soggetti privati e pubblici.
Il rispetto delle disposizioni contenute nei codici costituisce condizione non essenziale per la liceità e correttezza del trattamento dei dati personali effettuato da soggetti privati e pubblici
Il rispetto delle disposizioni contenute nei codici costituisce condizione essenziale per la liceità e correttezza del trattamento dei dati personali effettuato da soggetti privati e pubblici
Il non rispetto delle disposizioni contenute nei codici costituisce condizione essenziale per la liceità e correttezza del trattamento dei dati personali effettuato da soggetti privati e pubblici.
Non so rispondere

22. Ai sensi di quanto dispone l’art. 26 del D. Lgs. n. 196/2003, i “dati sensibili” possono essere oggetto di trattamento anche senza consenso dell’interessato, previa autorizzazione del Garante?

Si, tra l’altro, quando il trattamento è necessario per la salvaguardia della vita o dell’incolumità fisica di un terzo.
Si, tra l’altro, non quando il trattamento è necessario per la salvaguardia della vita o dell’incolumità fisica di un terzo.
Si, tra l’altro, solo ed esclusivamente quando il trattamento è non necessario per la salvaguardia della vita o dell’incolumità fisica di un terzo.
Si, tra l’altro, quando il trattamento è inutile per la salvaguardia della vita o dell’incolumità fisica di un terzo
Non so rispondere

23. Ai sensi dell'art. 13 D. lgs n. 33/2013 le amministrazioni pubblicano, tra gli altri, i dati relativi:

Esclusivamente agli organi di indirizzo esecutivo
Agli organi di indirizzo politico e di amministrazione e gestione, con l'indicazione delle rispettive competenze
Esclusivamente agli organi di indirizzo politico
Esclusivamente agli organi di amministrazione e gestione
Non so rispondere

24. Ai sensi dell'art. 2 bis, co. 2, del D. lgs 33/2013, la medesima disciplina prevista per le pubbliche amministrazioni di cui al comma 1 si applica anche, in quanto compatibile:

Agli enti pubblici economici ma non agli ordini professionali.
Agli ordini professionali ma non agli enti pubblici economici
Agli enti pubblici economici e agli ordini professionali
Esclusivamente agli ordini professionali
Non so rispondere

25. A norma del decreto legislativo n. 165 del 2001, i dirigenti:

Non sono responsabili della gestione e dei risultati dell’attività amministrativa, che dipendono dagli organi di governo
Sono responsabili degli atti compiuti dai funzionari del proprio ufficio, percependo allo scopo un’apposita indennità
Sono responsabili per l’adozione degli atti e provvedimenti amministrativi di esclusiva rilevanza interna
Sono responsabili in via esclusiva dell’attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati
Non so rispondere

26. Ai sensi dell’articolo 55, comma 2, del D.Lgs. n.165/2001, la pubblicazione sul sito istituzionale dell’Amministrazione del codice disciplinare, con l’indicazione delle relative infrazioni e sanzioni, equivale:

A pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale
A notificazione al lavoratore
A tutti gli effetti alla sua affissione all’ingresso della sede di lavoro
A pubblicazione nel Bollettino Regionale
Non so rispondere

27. Le Pubbliche Amministrazioni:

Non possono impiegare lavoratori socialmente utili
Possono impiegare anche lavoratori socialmente utili, ma solo nell’espletamento di servizi alla persona
Possono impiegare anche lavoratori socialmente utili
Devono impiegare solo lavoratori socialmente utili
Non so rispondere

28. Le disposizioni dell’art. 19 del D.Lgs. n.165/2001, sugli incarichi di funzioni dirigenziali, costituiscono norme:

Derogabili solo da accordi o contratti collettivi nazionali di lavoro recepiti con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
Non derogabili dai contratti o dagli accordi collettivi.
Derogabili dai contratti singolarmente stipulati tra l’incaricato e la Pubblica Amministrazione
Non derogabili dai contratti o dagli accordi individuali
Non so rispondere

29. La sentenza di condanna per il reato di false attestazioni o certificazioni di cui all’art. 55-quinquies del D.Lgs. n.165/2001, comporta per il medico:

Il licenziamento per giusta causa, senza radiazione dall’albo
La radiazione dall’albo, senza il licenziamento
La radiazione dall’albo e altresì, se dipendente di una struttura sanitaria pubblica, il licenziamento per giusta causa
Il licenziamento per giusta causa con la multa da euro 400 ad euro 1.600.
Non so rispondere

30. Ai fini dell’articolo 54 del D.Lgs. n.165/2001, il codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni definisce i doveri:

Massimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i pubblici dipendenti sono tenuti ad osservare
Di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che moralmente i professionisti sono tenuti ad osservare.
Esclusivamente imparzialità e buona condotta che i pubblici dipendenti sono tenuti ad osservare
Minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i pubblici dipendenti sono tenuti ad osservare
Non so rispondere

31. Ai sensi dell’art. 16 del D. P.R. 445/2000, al fine di tutelare la riservatezza dei dati personali, i certificati ed i documenti trasmessi ad altre Pubbliche amministrazioni:

Non possono contenere le informazioni relative a stati, fatti e qualità personali previste da legge o da regolamento, anche se strettamente necessarie per il perseguimento delle finalità per le quali vengono acquisite.
Devono contenere obbligatoriamente le informazioni relative a stati, fatti e qualità personali, anche se non previste da legge o da regolamento e non strettamente necessarie per il perseguimento delle finalità per le quali vengono acquisite.
Possono contenere soltanto le informazioni relative a stati, fatti e qualità personali previste da legge o da regolamento e strettamente necessarie per il perseguimento delle finalità per le quali vengono acquisite.
Possono contenere soltanto le informazioni relative a fatti personali previste da legge e strettamente necessarie per il perseguimento delle finalità per le quali vengono acquisite.
Non so rispondere

32. Si afferma nel D.P.R. 445/2000 che “Nei documenti d’identità e di riconoscimento…

È sempre necessaria l’indicazione o l’attestazione dello stato civile
Non è necessaria l’indicazione o l’attestazione dello stato civile, salvo specifica istanza del richiedente.
È necessaria l’indicazione o l’attestazione dello stato civile, solo su specifica istanza del comune in cui risiede il richiedente
È necessaria esclusivamente l’indicazione dello stato civile
Non so rispondere

33. In base a quanto stabilito dal D. P.R. 445/2000, sono comprovati con dichiarazioni, anche contestuali all’istanza, sottoscritte dall’interessato e prodotte in sostituzione delle normali certificazioni, tra gli altri:

La situazione reddituale o economica ma non l’assolvimento di specifici obblighi contributivi.
La situazione reddituale o economica e l’assolvimento di specifici obblighi contributivi
L’assolvimento di specifici obblighi contributivi ma non la situazione reddituale o economica
Esclusivamente la situazione reddituale
Non so rispondere

34. Ai sensi dell’art. 48 del D. P.R. 445/2000, “Le singole Amministrazioni…

Predispongono i moduli necessari per la redazione delle dichiarazioni sostitutive, che gli interessati sono obbligati ad utilizzare
Non sono tenuti a predisporre moduli per la redazione delle dichiarazioni sostitutive, in quanto di libero arbitrio
Predispongono i moduli necessari per la redazione delle dichiarazioni sostitutive, che gli interessati hanno facoltà di utilizzare
Predispongono alcuni modelli tipo dei moduli per la redazione delle dichiarazioni sostitutive, che gli interessati devono obbligatoriamente utilizzare
Non so rispondere

35. L’articolo 1 del D. P.R. 445/2000 definisce il documento, rilasciato da una Amministrazione Pubblica, avente funzione di ricognizione di stati contenuti in registri pubblici, come:

Dichiarazione sostitutiva di certificazione
Certificato
Documento di riconoscimento
Dichiarazione
Non so rispondere

36. Secondo il D. P.R. 445/2000, quale dei seguenti elementi NON può essere comprovato dall’interessato con dichiarazione dallo stesso sottoscritta?

Stato di salute fisica, con riferimento allo svolgimento di attività sportive professionistiche
Qualità di pensionato e categoria di pensione
Qualità di studente
Qualità di appartenente ad un ordine professionale
Non so rispondere

37. Ai sensi del D.Lgs. n. 50/2016, cosa si intende per “Procedure aperte”?

Le procedure di affidamento di lavori, servizi e forniture dove solo gli operatori economici invitati dalla stazione appaltante possono presentare un’offerta
Le procedure di affidamento di lavori, servizi e forniture in cui al massimo cinque operatori economici possono presentare un’offerta
Le procedure di affidamento di lavori, servizi e forniture in cui ogni operatore economico può presentare un’offerta
Le procedure di affidamento in cui le stazioni appaltanti consultano gli operatori economici da loro scelti e negoziano con uno o più di essi le condizioni dell’appalto
Non so rispondere

38. Ai sensi dell’art. 32 del D.Lgs. n. 50/2016, l’aggiudicazione dell’offerta è immediatamente efficace?

No, lo diventa dopo la verifica del possesso dei prescritti requisiti
Si è immediatamente efficace
No, lo diventa dopo 15 giorni
No, dipende dalla specifica dell’offerta
Non so rispondere

39. Ai sensi dell’art. 48 del d.lgs. 50/2016, l’offerta presentata da un raggruppamento temporaneo di imprese in via di costituzione deve essere sottoscritta:

Dal solo mandatario
Dalla maggioranza degli operatori economici del raggruppamento
Dagli operatori economici a loro scelta libera
Da tutti gli operatori economici che costituiranno il raggruppamento temporaneo
Non so rispondere

40. Ai sensi dell’art. 95 del D.Lgs. n. 50/2016, i contratti relativi all’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura e degli altri servizi di natura tecnica e intellettuale di importo pari o superiore a 40.000 euro sono aggiudicati:

Sulla base del criterio del minor prezzo
Sulla base del criterio del prezzo più congruo
Sulla base del criterio dell’offerta economicamente più valida
Sulla base del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa
Non so rispondere

41. Ai sensi dell’articolo 48, comma 7, del D.Lgs. 50/2016, cosa accade qualora a una gara partecipino sia un consorzio sia i singoli consorziati dello stesso?

Nulla, perché entrambi possono partecipare alla gara
L’uno e gli altri sono esclusi dalla gara
Sono esclusi dalla gara solo i singoli consorziati
È escluso dalla gara solo il singolo consorzio.
Non so rispondere

42. L’articolo 93 del decreto legislativo 19 aprile 2016, n. 50 dispone che l’offerta da presentare per partecipare ad appalti pubblici nei settori ordinari deve essere corredata da una garanzia denominata “provvisoria” pari al:

2% del prezzo base indicato nel bando o nell’invito
20% del prezzo base indicato nel bando
5% del prezzo base indicato nel bando o nell’invito
15% del prezzo base indicato nel bando
Non so rispondere

43. Ai sensi del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013), il dipendente pubblico:

Deve astenersi dal prendere decisioni o svolgere attività inerenti le sue mansioni in situazioni di conflitto, anche potenziale, di interessi di qualsiasi natura
Deve astenersi dal prendere decisioni o svolgere attività inerenti le sue mansioni in situazioni di conflitto, anche potenziale, di interessi di qualsiasi natura, tranne nel caso in cui non siano patrimoniali
Può prendere decisioni o svolgere attività inerenti le sue mansioni in situazioni di conflitto, anche potenziale, di interessi di qualsiasi natura, nel caso in cui non siano patrimoniali
Può prendere decisioni o svolgere attività inerenti le sue mansioni in situazioni di conflitto, anche potenziale, di interessi di qualsiasi natura, purché tenga informato il suo dirigente superiore
Non so rispondere

44. Ai sensi del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013), l’azione amministrativa:

Deve essere orientata alla massima praticità, efficienza ed efficacia
Deve essere orientata alla massima economicità, efficienza ed efficacia
Deve essere orientata alla massima praticità, efficienza ed efficacia dei dipendenti, ad eccezione dei dirigenti che non devono raggiungere gli obiettivi prefissati
Deve essere orientata alla massima praticità, resilienza e capacità
Non so rispondere

45. Ai sensi dell’art. 3 del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013), l’utilizzo delle prerogative e poteri pubblici deve essere effettuato a fini:

Esclusivamente di interesse della pubblica opinione
Esclusivamente dei dirigenti
Esclusivamente di interesse generale
Esclusivamente del dipendente pubblico.
Non so rispondere

46. Ai sensi del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013), il dipendente pubblico ha l’obbligo di:

Dimostrare la massima disponibilità e collaborazione nei rapporti con le altre pubbliche amministrazioni, assicurando lo scambio e la trasmissione delle informazioni e dei dati esclusivamente in forma telematica, e solo dopo aver apposto la firma digitale
Assicurare la trasparenza e la tracciabilità dei processi decisionali adottati
Deve far presente per iscritto al dirigente dell'ufficio l'eventuale sussistenza di rapporti di collaborazione, sia diretti che indiretti, con soggetti privati in qualunque modo retribuiti, che lo stesso abbia instaurato negli ultimi dieci anni
Non tracciare i processi decisionali adottati per il rispetto della privacy e del segreto d’ufficio
Non so rispondere

47. Ai sensi dell'art. 15 del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013), ai fini dell'attività di vigilanza e monitoraggio prevista dal presente articolo, le amministrazioni si avvalgono:

Dell'ufficio procedimenti disciplinari
Del Tribunale Amministrativo Regionale
Della Corte dei Contabili
Dell’ufficio procedimenti penali
Non so rispondere

48. Ai sensi dell’art. 15 del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013), ai fini dello svolgimento delle attività previste dallo stesso articolo l'ufficio procedimenti disciplinari opera in raccordo con il:

Responsabile della sicurezza dei dati di cui all'articolo 1, comma 7, della legge n. 190 del 2012
Responsabile della prevenzione di cui all'articolo 1, comma 7, della legge n. 81 del 2001
Responsabile della prevenzione di cui all'articolo 1, comma 7, della legge n. 190 del 2012
Il responsabile del suo ufficio
Non so rispondere

49. Qual è il significato della sigla RLS?

Referente per Lavoro e Sicurezza
Rappresentante dei Lavoratori e Santificatori
Non ha nessun significato
Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza
Non so rispondere

50. In base al D.Lgs. n. 81/2008 il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) è obbligatorio per tutte le aziende con almeno:

15 dipendenti
250 dipendenti
1 dipendente
Non è obbligatorio
Non so rispondere

51. Ai sensi dell'art. 7 del D.Lgs. n. 81/2008, presso ogni Regione e Provincia autonoma opera:

Il Comitato dei medici competenti.
Il Comitato dei Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza
Il Comitato regionale di coordinamento
Il Comitato dei Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione
Non so rispondere

52. Ai sensi dell'art. 20 del D.Lgs. n. 81/2008, è fatto divieto ai lavoratori di:

Rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo
Abbandonare il luogo di lavoro in caso di grave pericolo
Utilizzare i dispositivi di sicurezza individuale
Nominare il Medico Competente
Non so rispondere

53. Ai sensi dell'art. 79 del D.Lgs. n. 81/2008, le circostanze e le situazioni in cui, ferme restando le priorità delle misure di protezione collettiva, si rende necessario l’impiego dei DPI sono indicati:

Dal Datore di Lavoro nel Manuale di utilizzo dei DPI
Dal Medico Competente mediante opportuna formazione
Dal Responsabile della Sicurezza dei Lavoratori
Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sentita la Commissione consultiva permanente
Non so rispondere

54. Ai sensi dell’art. 2 del D.Lgs. n. 81/2008 la definizione “il complesso delle disposizioni o misure necessarie anche secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell’integrità dell’ambiente esterno” si riferisce:

Alla sorveglianza sanitaria
Alla Valutazione degli incidenti
Ai Dispositivi di Protezione Individuali
Alla prevenzione
Non so rispondere

55. Se Marta ha percorso il 40% del viaggio in aereo che dura in totale 12 ore, quante ore di volo deve ancora fare?

7,2 ore.
8,2 ore
5,4 ore
8,4 ore
Non so rispondere

56. Sara acquista cinque confezioni di caramelle, ciascuna delle quali ne contiene 24. Ne offre subito 22 agli amici e ne mangia 2. Quante caramelle restano a Sara, sapendo che altre 8 vengono messe via per la sorellina?

92
88
86
97
Non so rispondere

57. Con quale numero dovrebbe continuare questa serie numerica? 2 – 4 – 12 - 14 - 42 – 44 - ..?..

46
24
86
132
Non so rispondere

58. Se nel numero 731 la cifra delle decine venisse scambiata con la cifra delle centinaia, come varierebbe il numero?

Diminuirebbe di 18
Diminuirebbe di 360
Aumenterebbe di 360
Aumenterebbe di 18
Non so rispondere

59. Marco ha ricevuto in regalo dalla nonna Euro 120 e successivamente ha speso 1/2, 1/3, 1/6 di tale somma. Quanto resta a Marco?

Euro 0.
Euro 20.
Euro 5.
Euro 10.
Non so rispondere

60. Individuare quale delle cinque serie di lettere è identica a quella data “CCOOOCOCCOOCOCC”:

CCOOOCCCCOOCOCC
CCOOOCOCCOOCOCC
CCOOOCOCCOOOCCC
CCOCOCOOCOOCOCC
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate