Preselettiva assistente contabile

Tempo trascorso
-

1. I consigli comunali, ai sensi dell’art. 193 del Codice degli Enti Locali approvato con L.R. 3.5.2018 n. 2, vengono sciolti:

con decreto del Presidente della Giunta Provinciale su conforme deliberazione della Giunta Provinciale
con decreto del Presidente del Consiglio Provinciale su conforme deliberazione del Consiglio Provinciale
con decreto del Presidente della Giunta Regionale su conforme deliberazione della Giunta Regionale
Non so rispondere

2. I componenti della giunta comunale:

sono nominati dal sindaco
sono eletti dal consiglio
sono automaticamente i più votati della lista che ha ottenuto il maggior numero di voti
Non so rispondere

3. Le deliberazioni di competenza del Consiglio Comunale:

possono essere adottate in via d’urgenza da altri organi del comune e devono essere sottoposte a ratifica del consiglio nei 60 giorni successivi a pena di decadenza
non possono mai essere adottate da altri organi
non possono essere adottate in via d’urgenza da altri organi del comune salvo quelle attinenti alle variazioni di bilancio da sottoporre a ratifica del consiglio nei 60 giorni successivi a pena di decadenza
Non so rispondere

4. I contratti aventi carattere di atto pubblico possono essere rogati:

esclusivamente dal Segretario Comunale o da notaio
da un funzionario del Comune purché delegato dal Sindaco
esclusivamente dal Sindaco
Non so rispondere

5. Quali provvedimenti devono essere adottati con l’assistenza del Segretario comunale?

le deliberazioni del consiglio e della giunta comunale e le determinazioni dei responsabili degli uffici
le deliberazioni del consiglio e della giunta comunale
le deliberazioni del consiglio e della giunta comunale e le ordinanze contingibili e urgenti del sindaco
Non so rispondere

6. Nel caso che il Sindaco non provveda, nei casi di sua competenza, ad adottare un’ordinanza contingibile ed urgente:

vi provvede il Presidente della Giunta Provinciale
vi provvede il Vicesindaco
vi provvede il Segretario comunale
Non so rispondere

7. Dopo la convalida della sua elezione il sindaco presta giuramento:

davanti al commissario del Governo
davanti al consiglio comunale
davanti al Presidente della Giunta Provinciale
Non so rispondere

8. Chi può rogare i contratti nell'interesse del Comune?

Il Sindaco
Il responsabile dell'ufficio di merito
Il Segretario comunale
Non so rispondere

9. Quali sono gli organi istituzionali del comune?

consiglio, giunta, sindaco, Presidente del Consiglio, revisore dei conti
consiglio, giunta, sindaco, segretario comunale, responsabili degli uffici e assessori comunali
consiglio, giunta e sindaco
Non so rispondere

10. Lo Statuto comunale viene deliberato:

dal consiglio comunale, con il voto favorevole dei tre quinti dei consiglieri assegnati. Qualora tale maggioranza non venga raggiunta, la votazione è ripetuta in successive sedute da tenersi entro 30 giorni e lo statuto è approvato se ottiene per due volte il voto favorevole della maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati
dal consiglio comunale, con voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati, da ripetersi nella successiva seduta da tenersi entro 30 giorni
dal consiglio comunale, con voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati. Qualora tale maggioranza non venga raggiunta, la votazione è ripetuta in successive sedute da tenersi entro 30 giorni e lo statuto è approvato se ottiene per due volte il voto favorevole della maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati
Non so rispondere

11. Il difensore civico:

svolge un ruolo di garante dell’imparzialità, del buon andamento dell’amministrazione comunale, segnalando anche di propria iniziativa gli abusi, le disfunzioni, le carenze e i ritardi dell’amministrazione nei confronti dei cittadini
svolge un ruolo di garante della trasparenza, del buon funzionamento dell’amministrazione statale e in particolare di quella comunale con possibilità di emanazione di sanzioni amministrative a carico dell’amministrazione che dimostri abusi, disfunzioni, carenze e ritardi nei confronti del cittadino.
è un istituto abrogato nel mese di maggio 2019 per lasciare spazio a una nuova figura denominata ‘Difensore delle amministrazioni e dei cittadini’
Non so rispondere

12. Il Sindaco:

è eletto dai cittadini a suffragio universale diretto ed entra in carica al momento del giuramento da prestarsi davanti al consiglio comunale
è eletto dai cittadini a suffragio universale diretto ed entra in carica al momento della proclamazione
è eletto dai cittadini a suffragio universale diretto ed entra in carica trascorsi 10 giorni dalla sua proclamazione
Non so rispondere

13. Ai sensi dell’art. 55 del Codice degli Enti locali ‘Parità di accesso nella giunta comunale’, qualora non vengano rispettate le disposizioni sulla rappresentazione di entrambi i generi:

Il Commissariato del Governo per la provincia di Trento diffida immediatamente il Comune ad adeguarsi entro 30 giorni. Scaduto tale termine il Commissario del Governo provvede allo scioglimento del consiglio comunale
non sono previste conseguenze sul piano giuridico
La Giunta provinciale diffida immediatamente il Comune ad adeguarsi entro 30 giorni. Scaduto
Non so rispondere

14. Quali tra queste non è una delle attribuzioni del Sindaco, ai sensi dell’art. 60 del Codice degli Enti Locali:

rappresenta il comune, convoca e presiede la giunta nonché il consiglio comunale, quando non è previsto il presidente del consiglio e sovraintende al funzionamento dei servizi e degli uffici e alla esecuzione degli atti
esercita le funzioni organizzative e disciplinari in materia di personale, con possibilità di emanazione di provvedimenti disciplinari a carico dei dipendenti
esercita le funzioni attribuitegli dalle leggi, dallo statuto e dai regolamenti e sovraintende altresì alle funzioni statali, regionali e provinciali delegate al comune
Non so rispondere

15. Ai sensi dell’art. 186 del Codice degli enti locali ‘Controlli interni’:

Gli enti locali, nell’ambito della loro autonomia normativa e organizzativa, individuano strumenti e metodologie per garantire attraverso il controllo di regolarità amministrativa e contabile, la legittimità, la regolarità e la correttezza dell’azione amministrativa
Gli enti locali, nell’ambito della loro autonomia normativa e organizzativa, possono decidere di non applicare controlli interni all’attività qualora i funzionari comunali godano della fiducia dell’amministrazione
Gli enti locali, nell’ambito esclusivo delle disposizioni impartite dal Ministero dell’Interno, individuano strumenti e metodologie per garantire attraverso il controllo di regolarità amministrativa e contabile, la legittimità, la regolarità e la correttezza dell’azione amministrativa
Non so rispondere

16. Ai sensi dell’art. 187 del Codice degli enti locali “Controllo di regolarità amministrativa e contabile’ il controllo di regolarità contabile:

assicurato dal responsabile del servizio finanziario attraverso il rilascio del visto attestante la copertura finanziaria nella fase preventiva della formazione della deliberazione e il rilascio del parere di regolarità contabile nella fase successiva all’adozione delle determinazioni di impegno di spesa da parte dei responsabili dei servizi
è assicurato dal responsabile del servizio finanziario attraverso il rilascio del parere di regolarità contabile nella fase preventiva della formazione della deliberazione e il rilascio del visto attestante la copertura finanziaria nella fase successiva all’adozione delle determinazioni di impegno di spesa da parte dei responsabili dei servizi
è assicurato dal responsabile del servizio finanziario attraverso il rilascio del parere di regolarità contabile e del visto attestante la copertura finanziaria nella fase preventiva della formazione della deliberazione all’adozione delle determinazioni di impegno di spesa da parte dei responsabili dei servizi
Non so rispondere

17. Il consiglio comunale, può adottare provvedimenti normalmente attribuiti alla giunta?

Si su richiesta del Sindaco
No
Si
Non so rispondere

18. Le ordinanze possono essere emanate:

In tutte le materie di competenza dell’Ente Locale
Nelle materie stabilite dallo statuto comunale
Solo nelle materie previste per legge
Non so rispondere

19. Il fondo pluriennale vincolato:

riguarda esclusivamente le spese in conto capitale
riguarda prevalentemente le spese in conto capitale ma può essere attivato anche per garantire la copertura di spese correnti impegnate a fronte di entrate vincolate esigibili in esercizi precedenti a quelli in cui è esigibile la corrispondente spesa
riguarda prevalentemente le spese correnti del bilancio
Non so rispondere

20. A seguito dell’armonizzazione contabile:

l’orizzonte temporale della gestione è triennale nel bilancio di previsione ed annuale nel PEG
l’orizzonte temporale della gestione è almeno triennale sia nel bilancio di previsione che nel PEG
l’orizzonte temporale della gestione è unico, unitario e annuale sia nel bilancio di previsione che nel PEG
Non so rispondere

21. la liquidazione delle spese i cui impegni sono reimputati all’esercizio 2019, in sede di riaccertamento ordinario, può avvenire:

dopo l’approvazione del bilancio di previsione
dopo il riaccertamento ordinario dei residui
dopo l’approvazione del rendiconto finanziario
Non so rispondere

22. Che tipologia d’imposta è l’IVA?:

È un’imposta indiretta
È un’imposta diretta
È un’imposta indiretta gravante solamente i trasferimenti di proprietà di immobili
Non so rispondere

23. Definizione di IM.I.S:

L’IM.I.S. è un’imposta locale diretta, di natura immobiliare, reale e proporzionale, e costituisce tributo “proprio” dei Comuni anche ai fini delle norme provinciali in materia di finanza locale
L’IM.I.S. è un’imposta locale indiretta, di natura immobiliare, reale e proporzionale, e costituisce tributo “proprio” dei Comuni anche ai fini delle norme provinciali in materia di finanza locale
L’IM.I.S. è un’imposta locale diretta, destinata a coprire il costo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi
Non so rispondere

24. Quali sono le aliquote IVA?:

Ordinaria del 22%, e aliquote ridotte del 4% e del 10%
Ordinaria del 22%, e aliquota ridotta del 10%
Ordinaria del 22%, e aliquota ridotta del 4% solo per il settore edilizia residenziale
Non so rispondere

25. Presupposto dell’IMIS?

L'IMIS è dovuta per il possesso, inteso quale titolarità dei diritti reali di proprietà, uso, usufrutto, abitazione, superficie ed enfiteusi sugli immobili di ogni tipo che costituiscono presupposto dell'imposta, ferme restando le esclusioni, esenzioni e riduzioni disciplinate dalla legge
L'IMIS è dovuta per il possesso, inteso quale titolarità del diritto reale sugli immobili di ogni tipo che costituiscono presupposto dell'imposta, ferme restando le esclusioni, esenzioni e riduzioni disciplinate dalla legge
L'IMIS è dovuta per il possesso, inteso quale titolarità dei diritti reali di uso, usufrutto, abitazione, superficie ed enfiteusi sugli immobili di ogni tipo che costituiscono presupposto dell'imposta, ferme restando le esclusioni, esenzioni e riduzioni disciplinate dalla legge
Non so rispondere

26. Ai fini IM.I.S. cosa si intende per area edificabile?:

Ai fini dell'applicazione dell'IMIS per area edificabile s'intende l'area utilizzabile a qualsiasi scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale comunale
Ai fini dell'applicazione dell'IMIS per area edificabile s'intende l'area utilizzabile a qualsiasi scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale comunale rientrante nel perimetro dei centri storici delimitato dai comuni
Ai fini dell'applicazione dell'IMIS per area edificabile s'intende l'area utilizzabile a qualsiasi scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale comunale in cui si possono realizzare solo edifici di civile abitazione
Non so rispondere

27. Soggetti passivi della TA.RI?

La tassa è dovuta da coloro che occupano o detengono i locali o le aree scoperte
La tassa è dovuta dai proprietari di locali o aree scoperte
La tassa è dovuta solamente dagli affittuari di locali o aree scoperte
Non so rispondere

28. A cosa è destinata la TA.RI?

La tassa è destinata alla copertura integrale dei costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati
La tassa è destinata alla copertura integrale dei costi relativi al servizio di raccolta dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati
La tassa è destinata alla copertura integrale dei costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani
Non so rispondere

29. diritti sulle pubbliche affissioni sono:

Un’imposta
Una tassa
Un’ entrata di pubblico servizio
Non so rispondere

30. A che si ricorre contro gli accertamenti sulla tassa smaltimento rifiuti urbani:

Alla commissione tributaria
All’intendenza di finanza
Al Commissario del Governo
Non so rispondere

31. Nel bilancio di competenza quali delle seguenti spese vanno indicate:

Le spese che si presume di effettuare sia per le spese correnti che per le spese in di investimento
Le spese che si presume di effettuare solo per le spese di investimento
Le spese che saranno effettivamente pagate
Non so rispondere

32. In quale documento vengono riassunti i risultati della gestione dell’anno finanziario:

Nel DUP (documento unico di programmazione
Nel bilancio di previsione
Nel rendiconto della gestione
Non so rispondere

33. I revisori dei Conti sono rieleggibili per una sola volta:

falso
vero
solo in casi eccezionali
Non so rispondere

34. Il pareggio di bilancio deve essere conservato nel corso dell’intero esercizio finanziario per il principio dell’equilibrio di gestione:

vero
falso
in linea di massima solo in base a legge, a meno che il Comune sia stato annoverato fra Enti dissestati
Non so rispondere

35. La specificazione del vincolo costituito sullo stanziamento di bilancio:

È un elemento costitutivo dell'atto di liquidazione
È un elemento costitutivo dell'impegno di spesa
È un elemento costitutivo del mandato di pagamento
Non so rispondere

36. Quali sono i presupposti obbligatori che la normativa di riferimento prevede affinché un'operazione commerciale sia imponibile IVA?

A tal fine è considerato fondamentale il solo presupposto soggettivo, consistente nel fatto che l'operazione deve essere realizzata nell'esercizio dell'attività imprenditoriale
I presupposti obbligatori indicati dalla normativa sono sostanzialmente due: quello soggettivo e quello oggettivo consistente nel fatto che l'operazione deve essere inquadrata come cessione di beni o prestazione di servizi
I presupposti obbligatori indicati dalla normativa sono tre: oggettivo, soggettivo, e territoriale
Non so rispondere

37. Affinché gli impegni di spesa di ciascun responsabile di servizio siano esecutivi:

È sufficiente che ci sia la copertura finanziaria
Devono essere trasmessi al responsabile del servizio finanziario il quale deve apporre il visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria
È sufficiente che ciascun responsabile di servizio apponga sull'impegno il visto di regolarità amministrativa e contabile
Non so rispondere

38. Ai sensi dell'art. 1, comma 641 della Legge 147/2013, il presupposto della TA.RI:

È la proprietà di locali o di aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti
È il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti urbani
È il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali, ad esclusione delle aree scoperte, ancorché suscettibili di produrre rifiuti urbani
Non so rispondere

39. In materia di bilancio, quale delle seguenti affermazioni è da ritenersi non corretta?

Il bilancio di previsione finanziario può subire variazioni nel corso dell'esercizio di competenza e di cassa sia nella parte prima, relativa alle entrate, che nella parte seconda, relativa alle spese
Il bilancio di previsione finanziario può subire variazioni nel corso dell'esercizio di competenza e di cassa. Tulle le variazioni possono essere deliberate entro il 31 dicembre
Le variazioni al bilancio possono essere deliberate non oltre il 30 novembre di ciascun anno fatte salve quelle elencate nel comma 3, che possono essere deliberate sino al 31 dicembre di ciascun anno
Non so rispondere

40. Le proposte di deliberazione sottoposte alla Giunta ed al Consiglio Comunale, salvo i meri atti di indirizzo, devono essere sempre corredate:

Del parere di legittimità del Segretario Comunale
Del parere del Responsabile del Servizio interessato in ordine alla sola regolarità tecnica, e del Responsabile della Ragioneria se vi siano effetti finanziari
Del parere del Segretario Comunale e del visto di regolarità del Revisore per i provvedimenti che contengano impegni di spesa pluriennali
Non so rispondere

41. Nello svolgimento delle proprie mansioni il pubblico dipendente è tenuto al segreto d'ufficio?

Solo nei casi specificati con altro atto
Sempre
Solo in materia di tutela della privacy
Non so rispondere

42. Quando un dipendente pubblico può prestare lavoro straordinario?

Per eccezionali ed inderogabili necessità dell'Amministrazione, con diritto al compenso per lavoro straordinario
In caso di consultazioni elettorali che si svolgono nella giornata della domenica, e su richiesta dell'Amministrazione, con diritto al compenso per lavoro straordinario
Solamente l’ultimo giorno del mese per smaltire gli arretrati di lavoro accumulati nel corso del mese con diritto solamente al recupero delle ore prestate come straordinario
Non so rispondere

43. Il dipendente può accettare regali da soggetti connessi con l’attività d’ufficio:

sì, senza limitazioni
assolutamente mai
solo se si tratta di regali d’uso e di modico valore
Non so rispondere

44. Nel caso in cui il responsabile dell’ufficio debba adottare un provvedimento all’interno del quale si ravvisa un interesse immediato ed attuale del coniuge quale comportamento deve tenere?

si astiene; adotterà il provvedimento il responsabile sostituto
chiede formale autorizzazione al Segretario comunale, e poi adotta il provvedimento
si astiene; adotterà il provvedimento la giunta comunale
Non so rispondere

45. La responsabilità disciplinare si verifica quando:

l’impiegato della p.a. si rende autore di infrazioni degli obblighi connessi al rapporto di lavoro
l’impiegato della p.a. non raggiunge gli obiettivi assegnatigli
l’impiegato della p.a. emana atti inopportuni
Non so rispondere

46. Ai sensi dell’art. 115 del Codice degli Enti locali ‘Conciliazione delle esigenze familiari con quelle professionali’:

gli enti locali adottano modalità organizzative e articolazioni dell’orario di lavoro esclusivamente a favore di dipendenti a tempo parziale dirette a conciliare le esigenze familiari con quelle professionali
gli enti locali adottano modalità organizzative e articolazioni dell’orario di lavoro esclusivamente a favore di dipendenti assunti a tempo indeterminato dirette a conciliare le esigenze familiari con quelle professionali
gli enti locali adottano modalità organizzative e articolazioni dell’orario di lavoro dirette a conciliare le esigenze familiari con quelle professionali anche a favore di dipendenti con incarichi dirigenziali
Non so rispondere

47. Il dipendente ha diritto di utilizzare beni o mezzi dell’amministrazione per fini personali al di fuori dell’orario di lavoro:

no, mai
sì, purché autorizzato
sì, purché autorizzato e purché successivamente rimborsi i costi di servizio
Non so rispondere

48. Il dipendente al di fuori dell’orario di lavoro:

può esercitare abitualmente attività lucrative
può esercitare saltuariamente attività lucrative previa autorizzazione dell’amministrazione
può esercitare saltuariamente attività lucrative senza alcuna autorizzazione dell’amministrazione
Non so rispondere

49. Le ferie non fruite sono rinunciabili?

sì purché vengano pagate
sono irrinunciabili
sono rinunciabili fino a metà di quelle spettanti, purché vengano remunerate
Non so rispondere

50. Il dipendente assunto a tempo determinato ha diritto alla trasformazione del rapporto a tempo indeterminato?

no, mai
sì, in ogni caso
sì, purché abbia superato il periodo massimo stabilito dalla legge
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate