Istruttore Direttivo Tecnico Lavori Pubblici Urbanistica e Patrimonio 2021

Istruttore Direttivo Tecnico Lavori Pubblici Urbanistica e Patrimonio 2021

Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate

Istruttore Direttivo Tecnico Lavori Pubblici Urbanistica e Patrimonio 2021

Autore: 
Provincia di Ravenna
Difficoltà: 
semplice
Voto: 
Average: 2 (2 votes)
Prova altri quiz della categoria: 

Domande test Istruttore Direttivo Tecnico Lavori Pubblici Urbanistica e Patrimonio 2021

1. Qual è l’equidistanza più plausibile per una carta in scala 1:5.000?

2. Indicare quale delle seguenti query SQL in ambiente GIS, impostata su uno shapefile poligonale denominato "LIMITI_AMMINISTRATIVI" contenente tutti i Comuni italiani, permette di estrarre i poligoni dei Comuni appartenenti alla Provincia di Ravenna (cod. 39) insieme a quelli della Provincia di Forlì-Cesena (cod. 40) e della Provincia di Rimini (cod. 99): SELECT * FROM LIMITI_AMMINISTRATIVI WHERE:

3. Avendo a disposizione due shapefile: 1) Confine provinciale di Ravenna, 2) Allevamenti presenti in Regione Emilia-Romagna; volendo estrarre, creando un nuovo shapefile, gli allevamenti presenti in Provincia di Ravenna, quale operazione di geoprocessing occorre utilizzare?

4. In quale delle seguenti operazioni GIS vengono utilizzati i GCP (Ground Control Point)?

5. Il formato informatico vettoriale "shapefile", utilizzato in ambito GIS, è costituito da un gruppo di file "necessari" per poterlo visualizzare. Quale fra i seguenti gruppi di estensioni è quello obbligatorio?

6. Dati due shapefile poligonali, relativi rispettivamente al vincolo paesaggistico e al vincolo forestale, volendo estrarre esclusivamente le aree in cui si verifica la sovrapposizione di entrambi i vincoli, quale operazione di geoprocessing occorre utilizzare?

7. Ai sensi del D.Lgs 267/00 e ss.mm.ii. i dipendenti degli enti locali a tempo parziale possono prestare attività lavorativa presso altri enti

8. Ai sensi del Testo Unico sull’ordinamento degli enti locali, di cui al D.Lgs 267/2000, nei comuni e nelle province, il parere di regolarità tecnica sulle proposte di deliberazione sottoposte all’organo esecutivo ed al consiglio sono di norma espressi: