Tecnico Amministrativo Categoria D Università degli Studi di Cagliari 2021

Tempo trascorso
-

1. Durante il medioevo:

I “naturalia” venivano normalmente appoggiati su una base, mai sospesi al soffitto.
Le vestigia del passato furono apprezzate per le loro qualità intrinseche e artistiche.
La componente religiosa divenne protagonista nelle logiche del collezionismo.
Non so rispondere

2. Trattando del collezionismo in epoca medievale, una delle prime raccolte in ambito laico fu quella del Duca Jean de Berry. Essa ricoprì un ruolo estremamente importante:

Perché era conservata in un luogo privato, diretto antenato degli “studioli” quattrocenteschi.
Perché era accompagnata da un inventario.
Per entrambi i motivi citati nelle altre risposte.
Non so rispondere

3. Nella Roma dei Papi, con Leone X Medici:

La politica di tutela del patrimonio antico si intensificò sempre di più, con la nomina di Raffaello a Ispettore generale delle Belle Arti, allo scopo di salvare i monumenti classici dalle spoliazioni selvagge (1515).
Le vestigia del passato furono avvertite esclusivamente come strumento simbolico di propaganda (donazione alla città di un nucleo di statue, fra cui la “Lupa”, collocandole sul Campidoglio, luogo ricco di significati simbolici, 1471).
Viene proibito ogni prelievo di marmi preziosi dai ruderi (Bolla “Etsi De Cunctarum”, 1425) ma il provvedimento fece poca presa.
Non so rispondere

4. Oggi il museo si è rivelato estremamente flessibile e adattabile; il riuso di strutture storiche continua a convivere con le grandi “cattedrali” autoreferenziali, con la citazione storica, con gli edifici “antimonumentali”. In quest'ultima categoria si possono annoverare:

Il Tate Modern e il Guggenheim di Bilbao.
Il Musée d'Orsay e il Centrale Montemartini.
Il Centre Pompidou e la nuova Kunsthaus di Bregenz.
Non so rispondere

5. Accanto al “museo”, esistono altre tipologie di strutture e/o istituti per i quali il D.Lgs. n. 42/2004 non riserva specifiche definizioni. Come si definisce nella letteratura del settore e nella pratica una struttura che accoglie le opere d'arte rimosse dagli edifici del territorio per lavori o restauri, nonché in caso di emergenze, per il tempo necessario all'esecuzione dei lavori di ripristino, recupero e restauro delle sedi originarie, nelle quali le opere sono destinate ad essere ricollocate:

Bene monumentale con valenza museale.
Deposito attrezzato.
Collezione.
Non so rispondere

6. É un piccolo museo che raccoglie materiale archeologico locale come cippi, epigrafi e altro materiale frammentario, può essere una struttura a se stante, annessa ai campi di scavo o a un museo di più ampie dimensioni:

Antiquarium.
Casa museo.
Gabinetto.
Non so rispondere

7. Si ha il diritto riconosciuto di disporre totalmente di un bene con:

Il deposito temporaneo o prestito.
La detenzione.
La proprietà.
Non so rispondere

8. Come è denominato il sistema web based utilizzato dall’ICCD per la catalogazione dei beni:

CMS
ALMAGEST
SIGEC WEB
Non so rispondere

9. Tra le cause di degrado di un'opera d'arte è una causa intrinseca all'oggetto:

La tecnica esecutiva.
Un evento calamitoso.
Ogni causa dovuta all’azione umana.
Non so rispondere

10. Tra gli elementi caratterizzanti il microclima di un museo, l'umidità è considerata quello più pericoloso che influenza maggiormente la conservazione degli oggetti. L'umidità relativa:

Indica il grado di saturazione di vapore acqueo nell'aria dell'ambiente.
Cresce all'aumentare della temperatura.
Decresce al crescere dell'umidità specifica.
Non so rispondere

11. I dipinti non esposti ma conservati in deposito:

Devono essere sistemati in posizione orizzontale con il fronte verso il basso per una maggiore protezione.
Dovrebbero essere sistemati in posizione verticale.
Devono essere sistemati in posizione orizzontale con il fronte verso l'alto.
Non so rispondere

12. Tra gli attori dell’attività di prestito di opere per mostre, chi si occupa dell’approvazione della richiesta da parte del direttore e delle autorità competenti?

Corriere.
Registrar.
Conservatore.
Non so rispondere

13. Quale fù la prima città in cui nel 1937 venne allestita la mostra “Entarte Kunst”?

Strasburgo
Amburgo
Monaco
Non so rispondere

14. Quando nasce la cura critica di un evento espositivo?

Con Fluxus
Con il dadaismo
Con le prime avanguardie storiche
Non so rispondere

15. L'istituzione negli ultimi anni dell'Ottocento delle rassegne internazionali:

Non scalfisce in sostanza le differenze tra le due forme espositive, quella istituzionale e quella indipendente.
Colma le differenze tra la forma espositiva istituzionale e quella indipendente.
Formalizza in un contesto istituzionale l'avvenuta completa sovrapposizione tra la forma espositiva istituzionale e quella indipendente.
Non so rispondere

16. La Biennale di Venezia (1895):

Si contraddistingue per la studiata intersezione dell'allestimento con le opere stesse, plasmando di volta in volta l'ambiente alle necessità dell'arte esposta.
Nasce come contenitore di opere ad invito ma con la possibilità per gli artisti di inviare i propri contributi e di essere valutati da una commissione.
Ha un allestimento in piena rottura con la tipologia del salotto Borghese.
Non so rispondere

17. Quale dei seguenti personaggi incarna, negli anni dell'Esposizione Universale 1889, il nuovo profilo di critico militante e fu chiamato poi da Paulhan “le critique”?

Paul Durand-Ruel.
Charles Pierre Baudelaire.
Félix Fénéon.
Non so rispondere

18. Nel 1955 viene inaugurata a Kassel la “documenta 1”. La documenta delle prime edizioni:

Era centrata sulle ultime emergenze, prassi ancora vigente.
Si rivolgeva comunque espressamente al passato, e questo avviene sino all'edizione del 1964.
Era centrata sulle ultime emergenze, fino all'edizione del 1968 che col suo approccio storico segnerà una sorta di “restaurazione”.
Non so rispondere

19. Quale delle seguenti proposizioni descrive meglio l’espressionismo:

Movimento che perseguiva un'esasperazione dei contenuti espressivi dell'immagine.
Movimento che tendeva sempre più a mettere in evidenza gli aspetti formali.
Movimento che si fece portatore delle istanze del dinamismo e modernismo.
Non so rispondere

20. Astrazione geometrica in Russia. Si contrassegni l'associazione corretta:

Mondrian -> costruttivismo.
Tatlin -> neoplasticismo.
Malevic -> suprematismo.
Non so rispondere

21. Il Gruppo del Ponte (Die Brücke) si formò a Dresda nel 1905 ma si trasferì a Berlino nel 1911. Allo spostamento geografico corrisponde uno spostamento tematico?

Si, allo spostamento geografico corrisponde uno spostamento tematico.
Si, passando dai soggetti ispirati all'uomo, alla città, alle strade, al paesaggio urbano, al tema della natura.
No, restano tra i soggetti preferiti il circo e il varietà, la solitudine delle metropoli, i suoi sobborghi, le vie incessantemente percorse dalla folla e siti metropolitani deserti.
Non so rispondere

22. Le due grandi correnti espressioniste dei Fauves e della Die Brücke:

Praticano entrambe la pittura en plein air fissando sulla tela una natura ancora serena e solare.
Sono egualmente legate alla campagna, ai siti marini, alle mete fluviali, ritenuti i luoghi più adatti a ispirare le loro opere.
Manifestano un atteggiamento assai diverso nei confronti degli spazi urbani e suburbani.
Non so rispondere

23. Quale delle seguenti opere, dipinta da Picasso nel 1907, esprime una violenta rottura delle forme passando per questo motivo alla storia come l'opera più sconcertante del ‘900?

L'attore.
La famiglia di acrobati.
Les demoiselles d'Avignon.
Non so rispondere

24. Chi dipinse nel 1912 il “Nudo che scende le scale” ispirandosi al procedimento cronofotografico che spezza l'azione e l'emozione in singoli momenti vettoriali?

Marcel Duchamp.
Francis Picabia.
Pablo Picasso.
Non so rispondere

25. Nel 1958, il suo inquieto sperimentalismo porta Mauro Manca ad imboccare la strada dell'Informale. Sono caratteri peculiari dell'informale di Manca:

La drammaticità e il caos e la casualità che, unici, governano la materia.
L'assenza di drammaticità e una ricerca di equilibrio formale, che pur lasciando spazio alla casualità del divenire della materia ne padroneggia gli svolgimenti.
La presenza delle architetture segniche e cromatiche che vincolano e disciplinano la materia.
Non so rispondere

26. Nei suoi quadri biellesi emergono sia il richiamo al paesaggismo ottocentesco sia il fatalismo e pessimismo esistenziali che dà sempre lo accompagnavano. Si tratta di:

Antonio Corriga.
Giuseppe Biasi.
Pietro Mele.
Non so rispondere

27. In che anno si svolse la rivoluzionaria mostra nel Portico di San’Antonio a Cagliari, in occasione della quale, Gaetano Brundu espose i suoi celebri sacchi:

1968
1958
1960
Non so rispondere

28. A quale di questi retabli apparteneva la tavola di Santa Chiara esposta alla Collezioni Piloni di Cagliari:

Retablo della visitazione
Retablo della Porziuncola
Retablo di Bonaria
Non so rispondere

29. Nella sua pittura Hoder Claro Grassi:

Utilizza colori tenui e sfumati, fruttando anche il bianco della tela.
L’artista immerge le sue scene in una atmosfera irreale.
Rifiuta i toni straniati e metafisici.
Non so rispondere

30. Quale di questi artisti ha realizzato i mosaici nella chiesa del Carmine a Cagliari:

Aligi Sassu
Filippo Figari
Pietro Antonio Manca
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate