Istruttore Amministrativi Servizi Demografici 2021

Tempo trascorso
-

1. Perviene dal tribunale per i minorenni una sentenza nella quale un cittadino adotta ai sensi dell’art. 44 della legge 184/1983 il figlio minore della coniuge. Quale cognome assume il minore per effetto dell’adozione? 

Unicamente il cognome del padre adottante
Il cognome dell'adottante anteposto al cognome già portato
I genitori si dovranno presentare e scegliere quale cognome attribuire al figlio
Non so rispondere

2. Il trasporto di feretro destinato all'estero che prescrizioni aziona?

Nessuna, occorre solo tradurre il certificato di morte
Le medesime prescrizioni, senza distinzione di destinazione
Occorre distinguere tra Paesi aderenti o meno alla Convenzione di Berlino e, in quest'ultimo caso, acquisire anche il nulla osta dell'autorità diplomatico-consolare
Non so rispondere

3. A norma dell’art. 90 del D.P.R. n. 285/90, il comune può concedere a privati e ad enti l’uso di aree per la costruzione di sepolture a sistema di tumulazione individuale, per famiglie e collettività:

no
si
limitatamente ai cimiteri privati
Non so rispondere

4. Un cittadino straniero maggiorenne riconosciuto dal padre cittadino italiano, in che modo acquista la cittadinanza italiana?

per effetto del riconoscimento da parte del padre cittadino italiano, lo straniero maggiorenne acquista automaticamente la cittadinanza italiana
lo straniero maggiorenne riconosciuto dal padre cittadino italiano durante la sua maggiore età potrà chiedere la naturalizzazione italiana dopo tre anni di residenza legale in Italia
lo straniero maggiorenne riconosciuto dal padre cittadino italiano durante la sua maggiore età potrà eleggere, entro un anno dall’avvenuto riconoscimento, la cittadinanza italiana con dichiarazione resa innanzi all’ufficiale dello stato civile italiano o innanzi al console se residente all’estero
Non so rispondere

5. Quale è la procedura corretta per effettuare un'annotazione a margine di un atto di stato civile?

fare comunicazione al Comune, dove l'atto è iscritto, dell'evento che deve essere annotato: l'ufficiale di stato civile, dopo aver apposto l'annotazione a margine, provvederà a comunicarla alla Procura della Repubblica o alla Prefettura, a seconda di dove risulti depositato il secondo originale del registro
fare comunicazione alla Prefettura competente rispetto al Comune luogo dell'evento, che deve essere annotato: dopo aver apposto il visto, la Prefettura la trasmetterà al Comune dove l'atto è iscritto affinché provveda all'annotazione e la comunichi alla Procura della Repubblica o alla Prefettura, a seconda di dove risulti depositato il secondo originale del registro
fare comunicazione alla Procura della Repubblica competente rispetto al Comune luogo dell'evento che deve essere annotato: dopo aver apposto il visto, la Procura la trasmetterà al Comune dove l'atto è iscritto affinché provveda all'annotazione e la comunichi alla Procura della Repubblica o alla Prefettura, a seconda di dove risulti depositato il secondo originale del registro
Non so rispondere

6. Se l’atto amministrativo e’ viziato da difetto assoluto di attribuzione..

E’ nullo
E’ annullabile
E’ convalidabile
Non so rispondere

7. Entro quale termine deve essere reso il giuramento per l’acquisto della cittadinanza italiana:

3 mesi
6 mesi
1 anno
Non so rispondere

8. Entro quale termine deve essere resa la dichiarazione di residenza nel comune di dimora abituale:

1 mese
20 giorni
24 ore
Non so rispondere

9. Quale titolo di studio viene richiesto per l’iscrizione nell’albo dei presidenti di seggio?

Diploma di scuola media superiore
Licenza Media Inferiore
Laurea
Non so rispondere

10. Le sentenze di accoglimento della corte costituzionale hanno efficacia:

Erga omnes
Solo nei confronti delle parti del giudizio a quo
Solo nei confronti delle parti costituite nel giudizio di legittimità costituzionale
Non so rispondere

11. Una donna non vuole essere nominata nell'atto di nascita, in quanto non vuole riconoscere il figlio da lei partorito. E' possibile?

no, la donna dovrà essere indicata nell'atto di nascita come madre, ma nell'atto si dovrà comunque riportare la sua volontà contraria: subito dopo si dovrà fare rapporto al Procuratore della Repubblica
si, la denuncia dovrà essere fatta da personale sanitario che ha assistito al parto e nell'atto si scriverà che la nascita è avvenuta da donna che non consente di essere nominata: se manca anche il riconoscimento di paternità, dovrà essere l'ufficiale di stato civile ad imporre il nome ed il cognome
si, la denuncia dovrà essere fatta da personale sanitario che ha assistito al parto e nell'atto si scriverà che la nascita è avvenuta da donna che non consente di essere nominata: se manca anche il riconoscimento di paternità, l'ufficiale di stato civile dovrà chiedere al Tribunale per i Minorenni di emettere il decreto di attribuzione del nome e del cognome
Non so rispondere

12. E’ corretto affermare che i comuni hanno potesta’ legislativa?

No
Si
Si, ma solo nelle materie di nuova competenza definite da legge statale
Non so rispondere

13. Ai sensi dell’art. 35 del D.P.R. n. 445/2000, sono equipollenti alla carta di identità i seguenti documenti:

il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d’armi, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un’amministrazione dello Stato
il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto rilasciato dalla diocesi, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d’armi, le tessere di riconoscimento legalizzate da una pubblica amministrazione
il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d’armi, la tessera elettorale, i libretti di identificazione, purché muniti di fotografia, rilasciati da una qualsiasi pubblica amministrazione
Non so rispondere

14. Un cittadino italiano residente in Italia vuole rinunciare alla cittadinanza italiana: può farlo?

No, deve prima recarsi all’estero, rendere una dichiarazione presso il nostro consolato competente e poi rientrare in Italia e farla registrare al comune di residenza
No, deve prima stabilire la residenza all’estero e dichiarare di voler rinunciare alla cittadinanza italiana con dichiarazione presso il consolato italiano competente
No, deve prima stabilire la residenza all’estero e dichiarare di voler rinunciare alla cittadinanza italiana con dichiarazione presso il consolato italiano competente, dimostrando contestualmente di essere in possesso di altra cittadinanza
Non so rispondere

15. A norma dell’art. 8 del D.P.R. n. 285/90, nessun cadavere può essere chiuso in cassa, né essere sottoposto ad autopsia, a trattamenti conservativi, a conservazione in celle frigorifere, né essere inumato, tumulato, cremato, prima che siano trascorse:

15 ore dal momento del decesso
24 ore dal momento del decesso
30 ore dal momento del decesso
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate