Codice disciplinare dipendenti pubblici

Tempo trascorso
-

1. L'art. 16 del "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013) riporta anche che resta ferma:

la comminazione del licenziamento senza preavviso per i casi già previsti dalla legge, dai regolamenti e dai contratti collettivi
la disposizione per cui possono essere applicate sanzioni amministrative anche ai cittadini, secondo quanto disposto anche dal regolamento nell'art. 54
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

2. Il licenziamento senza preavviso per i casi previsti dalla legge, dai regolamenti e dai contratti collettivi è una delle opzioni possibili elencate all'interno del "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici" (DPR n. 62/2013) in relazione alla:

violazione dei doveri del Codice stesso (art. 16)
possibile candidatura politica (art. 24)
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

3. Sull'applicazione del "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013), secondo quanto specificato dall'art. 15 dello stesso Codice, vigilano:

i giudici amministrativi della Corte giuridica di Sanità
i dirigenti responsabili di ciascuna struttura, le strutture di controllo interno e gli uffici etici e di disciplina
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

4. L'art. 16 del "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013) riporta anche che resta ferma:

la disposizione per cui possono essere applicate sanzioni amministrative anche ai cittadini, secondo quanto disposto anche dal regolamento nell'art. 54
la comminazione del licenziamento senza preavviso per i casi già previsti dalla legge, dai regolamenti e dai contratti collettivi
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

5. Il licenziamento senza preavviso per i casi previsti dalla legge, dai regolamenti e dai contratti collettivi è una delle opzioni possibili elencate all'interno del "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici" (DPR n. 62/2013) in relazione alla:

nessuna delle altre risposte è corretta
possibile candidatura politica (art.24)
violazione dei doveri del Codice stesso (art. 16)
Non so rispondere

6. Sull'applicazione del "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013), secondo quanto specificato dall'art. 15 dello stesso Codice, vigilano:

nessuna delle altre risposte è corretta
i giudici amministrativi della Corte giuridica di Sanità
i dirigenti responsabili di ciascuna struttura, le strutture di controllo interno e gli uffici etici e di disciplina
Non so rispondere

7. Secondo quando riportato nel DPR n.62/2013,''Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici'',al fine di preservare il prestigio e l'imparzialità dell'amministrazione chi vigila sulla corretta applicazione dell'art.4 ''regali, compensi e altre utilità

il Direttore Generale
il responsabile dell'ufficio
il Direttore Amministrativo insieme al Ministro della salute
Non so rispondere

8. Cosa norma l'art.5 comma 2 del DPR 62/2013,''Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici''?

che il pubblico dipendente può costringere altri dipendenti ad aderire ad associazioni od organizzazione
che il pubblico dipendente può costringere altri dipendenti ad aderire ad associazioni od organizzazioni, promettendo vantaggi o prospettando svantaggi di carriera
che il pubblico dipendente non può costringere altri dipendenti ad aderire ad associazioni od organizzazioni, ne' esercita pressioni a tale fine, promettendo vantaggi o prospettando svantaggi di carriera
Non so rispondere

9. Se un dipendente decide di aderire a partiti politici o a sindacati, secondo quando normato nel DPR 62/2013,''Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici', è tenuto a comunicarlo al responsabile d'ufficio?

si, il dipendente anche nel caso di adesione a partiti politici o a sindacati è tenuto a comunicarlo al responsabile d'ufficio
no, il dipendente è tenuto a comunicare al responsabile dell'ufficio di appartenenza la propria adesione o appartenenza ad associazioni od organizzazioni
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

10. Quale art. del DPR 62/2013,''Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici', disciplina l'obbligo di astensione?

art.7
art.18
art.37
Non so rispondere

11. Secondo quando riportato nel DPR n.62/2013,''Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici'' La tracciabilità dei processi decisionali adottati dai dipendenti deve essere:

garantita attraverso un adeguato supporto documentale, che consenta in ogni momento la replicabilità
garantita attraverso un adeguato supporto documentale, che però non ne consenta in ogni momento la replicabilità
garantita attraverso un adeguato supporto documentale e digitale
Non so rispondere

12. Per l'art. 10 del DPR n.62/2013,''Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici'', nei rapporti privati, il dipendente può menzionare la posizione che ricopre?

si, il dipendente sfrutta, e menziona la posizione che ricopre nell'amministrazione per ottenere utilità che non gli spettino e assume un comportamento che possa nuocere all'immagine dell'amministrazione
no, il dipendente non sfrutta, ne' menziona la posizione che ricopre nell'amministrazione per ottenere utilità che non gli spettino ma può invece assumere comportamenti che possano nuocere all'immagine dell'amministrazione
no, il dipendente non sfrutta, ne' menziona la posizione che ricopre nell'amministrazione per ottenere utilità' che non gli spettino e non assume nessun altro comportamento che possa nuocere all'immagine dell'amministrazione
Non so rispondere

13. Secondo l'art. 3 del DPR n. 62/2013, concernente il codice di comportamento dei dipendenti pubblici, il dipendente non può usare a fini privati:

oggetti da collezione che discordano con i suoi ruoli pubblici
le informazioni di cui dispone per ragioni di ufficio
contatti privati di profili social, per preservare il suo anonimato
Non so rispondere

14. Secondo l'art. 3 del DPR n. 62/2013, concernente il codice di comportamento dei dipendenti pubblici, il dipendente evita:

nessuna delle altre risposte è corretta
di stringere rapporti amichevoli con persone di schieramenti politici differenti a quelli al potere
situazioni e comportamenti che possano ostacolare il corretto adempimento dei compiti o nuocere agli interessi o all'immagine della pubblica amministrazione
Non so rispondere

15. Secondo l'art. 3 del DPR n. 62/2013, concernente il codice di comportamento dei dipendenti pubblici, il dipendente esercita i propri compiti

orientando l'azione amministrativa alla massima economicità, efficienza ed efficacia
offrendosi di compiere il proprio lavoro anche oltre le ore lavorative, senza alcun incremento di stipendio
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

16. Secondo l'art. 3 del DPR n. 62/2013, concernente il codice di comportamento dei dipendenti pubblici, nei rapporti con i destinatari dell'azione amministrativa, il dipendente deve:

nessuna delle altre risposte è corretta
contrastare la pubblica amministrazione per cui lavora
assicurare la piena parità di trattamento a parità di condizioni
Non so rispondere

17. Il DPR n. 62/2013, ovvero il "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici", così come si legge nell'art. 2, si applica ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni. Per "pubbliche amministrazioni "si intendono:

tutte le amministrazioni dello Stato
solo gli sportelli aperti al pubblico (URP)
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

18. Secondo quanto riporta l'art. 1 "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici" (DPR n. 62/2013), gli obblighi di condotta previsti dal codice devono essere applicati, per quanto compatibili:

solo a chi detiene incarichi di dirigenza
a tutti i collaboratori e consulenti, con qualsiasi tipologia di contratto o incarico e a qualsiasi titolo
solo a chi si occupa di forniture extra-statali, come disciplinato dal d.lgs. N. 34/2014
Non so rispondere

19. Da quanto disposto nell'art. 12 del "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici" (DPR n. 62/2013), dall'astensione a esprimere dichiarazioni pubbliche offensive nei confronti dell'amministrazione nei confronti del dipendente, non rientra:

il diritto di esprimere valutazioni e diffondere informazioni a tutela dei diritti sindacali
la possibilità di scrivere un dossier scandalistico che coinvolga l'amministrazione
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

20. Il "Codice di comportamento dei dipendenti pubblici" (DPR n. 62/2013) indica:

indicazioni sulla struttura (organigramma comportale)
doveri di comportamento
istruzioni per l'uso di farmaci
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate