Contratto collettivo lavoro per Oss

Tempo trascorso
-

1. Secondo l'art. 31 del CCNL relativo al personale del comparto sanità, da chi è autorizzata la prestazione di lavoro straordinario?

è autorizzata dal dirigente o del responsabile sulla base delle esigenze organizzative e di servizio individuate dalla Aziende ed Enti, rimanendo esclusa ogni forma generalizzata di autorizzazione
è autorizzata esclusivamente dal responsabile sulla base delle esigenze organizzative e di servizio individuate dalla Aziende ed Enti, rimanendo esclusa ogni forma generalizzata di autorizzazione
è autorizzata dal dirigente previo accordo con il Direttore Sanitario
Non so rispondere

2. Secondo quando riportato nel comma 4 dell'art. 30 del CCNL comparto sanità, nel caso in cui sopraggiungono condizioni di salute che comportano l'inidoneità alla prestazione di lavoro notturno, si applicano:

le disposizione dell'art. 6 del D.lgs. n° 532/1985
le disposizioni dell'art. 6 del D Lgs n° 532/1999 ed è garantita al lavoratore l'assegnazione ad altro lavoro o a lavori diurni
le disposizioni dell'art. 6 del D Lgs n° 534 /1995 ed è garantita al lavoratore l'assegnazione ad altro lavoro o a lavori diurni
Non so rispondere

3. Secondo il CCNL relativo al personale del comparto sanità, qualora un lavoratore presenta condizioni di salute che lo rendono inidoneo alla prestazione di lavoro notturno, al lavoratore è garantita:

un'indennità mensile
l'assegnazione ad altro lavoro o a lavori diurni
un fondo previdenziale
Non so rispondere

4. Secondo quando riportato nel CCNL relativo al personale del comparto sanità, le prestazioni di lavoro straordinario sono rivolte a fronteggiare situazioni di lavoro eccezionale e, pertanto:

non possono essere utilizzate come fattore ordinario di programmazione del tempo di lavoro e di copertura dell'orario di lavoro
non possono essere utilizzate come fattore straordinario di programmazione del tempo di lavoro
possono essere utilizzate come fattore ordinario di programmazione del tempo di lavoro e di copertura dell'orario di lavoro
Non so rispondere

5. Secondo l'art. 31 del CCNL relativo al personale del comparto sanità, da chi è autorizzata la prestazione di lavoro straordinario?

è autorizzata dal dirigente previo accordo con il Direttore Sanitario
è autorizzata esclusivamente dal responsabile sulla base delle esigenze organizzative e di servizio individuate dalla Aziende ed Enti, rimanendo esclusa ogni forma generalizzata di autorizzazione
è autorizzata dal dirigente o del responsabile sulla base delle esigenze organizzative e di servizio individuate dalla Aziende ed Enti, rimanendo esclusa ogni forma generalizzata di autorizzazione
Non so rispondere

6. Secondo quando stabilito nel comma 2 dell'art. 31 del CCNL relativo al personale del comparto sanità, il lavoratore può essere esonerato dall'effettuazione di lavoro straordinario?

si, per giustificati motivi d'impedimento derivanti da esigenze personali e familiari
no, perché il lavoro straordinario è imposto per legge
si, ma solo se il lavoratore ha più di 10 anni di servizio
Non so rispondere

7. Secondo il CCNL relativo al personale del comparto sanità, le prestazioni di lavoro straordinario, debitamente autorizzate, possono dare luogo a:

corrispondente riposo compensativo, da fruirsi entro il termine massimo di 12 mesi
corrispondente indennizzo pari a 550,00 euro mensili
corrispondente riposo compensativo, da fruirsi entro il termine massimo di 4 mesi, compatibilmente con le esigenze organizzative e di servizio
Non so rispondere

8. Secondo quando riportato nel CCNL relativo al personale del comparto sanità, il dipendente , in ogni anno di servizio, ha diritto:

ad un periodo di ferie retribuito
ad un periodo di lavoro con turni solo diurni antimeridiani
ad un mese consecutivo di ferie
Non so rispondere

9. Secondo il comma 2 dell'art. 33, del CCNL relativo al personale del comparto sanità, in caso di distribuzione dell'orario settimanale di lavoro su cinque giorni, in cui il sabato è considerato non lavorativo, la durata delle ferie è:

di 30 giorni lavorativi
di 31 giorni lavorativi
di 28 giorni lavorativi
Non so rispondere

10. Secondo il CCNL relativo al personale del comparto sanità, di quant' è la durata delle ferie per i dipendenti che hanno un'articolazione oraria su sei giorni?

di 28 giorni lavorativi
di 32 giorni lavorativi
di 31 giorni lavorativi
Non so rispondere

11. Secondo il comma 4 dell'art. 33 del CCNL relativo al personale del comparto sanità, ai dipendenti assunti per la prima volta in una PA per i primi tre anni di servizio, in caso di articolazione dell'orario di lavoro su cinque giorni, quanti giorni di ferie spettano?

30 giorni
26 giorni
28 giorni
Non so rispondere

12. Secondo il comma 9 dell'art. 33 del CCNL relativo al personale del comparo sanità, le ferie sono godute, previa autorizzazione, nel corso:

di ciascun anno solare, in periodi compatibili con le esigenze di servizio, tenuto conto delle richieste del dipendente
di ciascun anno civile, in periodi compatibili con le esigenze di servizio, tenuto conto delle richieste del dipendente
di ciascun anno sidereo, in periodi compatibili con le esigenze di servizio, tenuto conto delle richieste del dipendente
Non so rispondere

13. Il CCNL relativo al personale del comparto sanità, prevede che le ferie:

vengano pianificate dai Direttori Sanitari
vengano pianificate e godute nell'anno sidereo
vengano pianificate al fine di garantire la fruizione delle stesse nei termini previsti dalle disposizioni contrattuali vigenti
Non so rispondere

14. Secondo il CCNL relativo al personale del comparto sanità, le ferie maturate e non godute per esigenze di servizio, possono essere monetizzabili?

si, ma solo all'atto della cessazione del rapporto di lavoro, nei limiti delle vigenti norme di legge e delle relative disposizioni applicative
si, ma solo se si è all'inizio del rapporto di lavoro , nei limiti delle vigenti norme di legge e delle relative disposizioni applicative
no, perché le ferie non sono monetizzabili
Non so rispondere

15. Secondo il comma 14 dell'art 13 del CCNL relativo al personale del comparto sanità, in caso di indifferibili esigenze di servizio o personali che non abbiano reso possibile il godimento delle ferie nel corso dell'anno, le ferie:

dovranno essere monetizzate
dovranno essere godute entro il trimestre dell' anno successivo
dovranno essere fruite entro il primo semestre dell'anno successivo
Non so rispondere

16. Il comma 1 dell'art. 34 del CCNL relativo al personale del comparto sanità, stabilisce che un dipendente , su base volontaria ed a titolo gratuito , può cedere , in tutto o in parte , ad altro dipendente della stessa azienda o ente che abbia necessità di prestare assistenza a figli minori che necessitano di cure costanti le:

giornate di ferie nella propria disponibilità o le quattro giornate di riposo per le festività soppresse di cui all'art. 33, comma 6
ore di lavoro straordinarie accumulate
Le giornate di ferie in esubero nella propria disponibilità
Non so rispondere

17. Secondo il CCNL relativo al personale del comparto sanità, quale articolo disciplina le ferie e i riposi solidali?

l'art. 33
l'art. 34
l'art. 35
Non so rispondere

18. L'art. 36 del CCNL relativo al personale del comparto sanità; stabilisce:

a domanda del dipendente sono concessi giorni feriali extra
a domanda dipendente sono concessi riposi solidali
a domanda del dipendente sono concessi permessi giornalieri
Non so rispondere

19. Secondo il comma 1 dell'art. 36 del CCNL relativo al personale comparto sanità, in quale dei seguenti casi documentati debitamente, sono concessi permessi giornalieri retribuiti:

partecipazione a concorso od esami regionali - limitatamente ai giorni di svolgimento delle prove - o per aggiornamento professionale facoltativo comunque connesso all'attività di servizio: giorno otto all'anno
nessuna delle altre risposte è corretta
partecipazione a concorsi od esamilimitatamente ai giorni di svolgimento delle prove - o per aggiornamento professionale facoltativo comunque connesso all'attività di servizio: giorno otto all'anno
Non so rispondere

20. Secondo l'art. 36 del CCNL relativo al personale comparto sanità, al dipendente cosa viene concesso nel caso di lutto per il coniuge per i parenti entro il secondo grado e gli affini entro il primo grado o per il convivente ai sensi dell'art. 1, comma 36 e 50, della legge 76/2016?

vengono concessi sette giorni per evento da fruire entro dieci giorni lavorativi dal decesso
vengono concessi due giorni per evento da fruire entro sette giorni lavorativi dal decesso
vengono concessi tre giorni per evento da fruire entro sette giorni lavorativi dal decesso
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate