Istruttore direttivo amministrativo 2020

Tempo trascorso
-

1. Sulla base di cosa sono elaborate le previsioni di bilancio degli EE. LL.?

In base al bilancio di competenza e di cassa del triennio precedente
In base alle linee strategiche di cui al Documento unico di programmazione, osservando i principi contabili generali ed applicati allegati al D.Lgs. n. 118/2011 e s.m.i.
Soltanto osservando i principi contabili generali di cui al D.Lgs. n. 267/2000
Non so rispondere

2. Ai sensi del D.lgs 118/2011, secondo il Principio della integrita':

Nel bilancio di previsione e nei documenti di rendicontazione le entrate devono essere iscritte al lordo delle spese sostenute per la riscossione e di altre eventuali spese ad esse connesse e, parimenti, le spese devono essere iscritte al lordo delle correlate entrate, senza compensazioni di partite
Nel bilancio di previsione e nei documenti di rendicontazione le entrate devono essere iscritte al netto delle spese sostenute per la riscossione e di altre eventuali spese ad esse connesse, mentre le spese devono essere iscritte al lordo delle correlate entrate, senza compensazioni di partite.
Nel bilancio di previsione e nei documenti di rendicontazione le entrate devono essere iscritte al lordo delle spese sostenute per la riscossione e di altre eventuali spese ad esse connesse, mentre, le spese devono essere iscritte al netto delle correlate entrate, con compensazioni di partite
Non so rispondere

3. Da quale organo è deliberato il piano esecutivo di gestione (c.d. PEG), una volta che sia approvato il bilancio di previsione?

Dal Consiglio dell’Ente Locale
Dalla Giunta dell’Ente Locale
Dal Governo al quale è presentato da ciascun Ente un progetto di PEG
Non so rispondere

4. Esiste il documento unico di programmazione (DUP) semplificato?

Si, per tutti gli enti locali ma non per le Regioni
No, non esiste
Si, solo per gli enti locali con popolazione fino a 5.000 abitanti
Non so rispondere

5. Nella contabilità di un ente locale quale fase rappresenta l'ordinazione?

E' il momento in cui da una obbligazione giuridica sorge per l'Amministrazione l'obbligo di effettuare un pagamento a favore di un creditore
E' la fase della spesa, successiva alla liquidazione, in cui viene impartita al tesoriere dell'ente la disposizione di provvedere al pagamento ad un soggetto specificato
E' la fase in cui si determina in modo preciso l'ammontare della somma da pagare e si individua esattamente il creditore
Non so rispondere

6. Ai sensi dell'art. 174 del D.Lgs. 267/2000 il bilancio di previsione finanziario:

Comprende unicamente le previsioni di competenza e di cassa del primo esercizio del periodo considerato
E' deliberato dall'organo consiliare entro il termine previsto dall'articolo 151 del TUEL
E' predisposto dalla commissione consiliare di bilancio e approvato dalla giunta entro il 30 novembre di ogni anno
Non so rispondere

7. Al fine di evitare ritardi nei pagamenti e la formazione di debiti pregressi, il responsabile della spesa:

Ha l’obbligo di accertare preventivamente che il programma dei conseguenti pagamenti sia compatibile con i relativi stanziamenti di cassa e con le regole del patto di stabilità interno
Non ha nessun obbligo preventivo ma comunque è prevista dalla legge una sua responsabilità disciplinare ed amministrativa
Ha l’obbligo di accertare preventivamente soltanto che il programma dei conseguenti pagamenti sia compatibile con i relativi stanziamenti di cassa
Non so rispondere

8. In un E.L., ai sensi del relativo T.U., nella sua attuale formulazione, gli impegni di spesa

Sono assunti nei limiti dei rispettivi stanziamenti di competenza del bilancio di previsione, con imputazione agli esercizi in cui le obbligazioni passive sono esigibili
Sono assunti a prescindere dai limiti dei rispettivi stanziamenti di competenza del bilancio di previsione, poiché derivano da titoli esecutivi definitivi
Nessuna delle risposte è corretta
Non so rispondere

9. Lo schema di bilancio di previsione finanziario e il Documento Unico di Programmazione sono predisposti:

Dall'organo esecutivo
Dall’organo consiliare
Dall’organo di controllo
Non so rispondere

10. Secondo il D.Lgs 165/2001 e la c.d. riforma Madia, le determinazioni relative all’avvio di procedure di reclutamento devono essere adottate da ciascuna amministrazione o ente:

Sulla base delle direttive emanate dagli organi di governo
Sulla base degli atti di indirizzo dell’ARAN
Sulla base del piano triennale dei fabbisogni
Non so rispondere

11. Ai sensi del decreto legislativo 50 del 2016, quando un'offerta appaia anormalmente bassa, la Stazione appaltante:

Esclude l'offerente dalla gara
Richiede all'offerente le giustificazioni relative al prezzo o ai costi proposti nell'offerta
Per evitare l'esclusione dalla gara, da la possibilità all'operatore di modificare l'offerta con il meccanismo del soccorso istruttorio
Non so rispondere

12. Secondo il D.Lgs 50/2016, fermo restando quanto previsto all'articolo 83, comma 9, sono considerate irregolari le offerte:

che non hanno la qualificazione necessaria
il cui prezzo supera l'importo posto dall'amministrazione aggiudicatrice a base di gara, stabilito e documentato prima dell'avvio della procedura di appalto.
che non rispettano i documenti di gara
Non so rispondere

13. Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con:

l’arresto
l’ammenda
la reclusione
Non so rispondere

14. La novazione è:

Un diritto reale di garanzia.
Un diritto personale di garanzia
Un modo di estinzione dell'obbligazione diverso dall'adempimento.
Non so rispondere

15. Ai sensi dell’art. 13 d.lgs. n. 33/2013 le amministrazioni pubblicano, tra gli altri, i dati relativi:

solo agli organi di indirizzo politico
agli organi di indirizzo politico e di amministrazione e gestione, con l'indicazione delle rispettive competenze
agli organi di indirizzo esclusivamente esecutivo
Non so rispondere

16. Secondo l’art. 5 comma 7 del Decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33, nei casi di diniego totale o parziale dell'accesso o di mancata risposta entro il termine indicato al comma 6 dello stesso articolo, il richiedente può presentare richiesta di riesame al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che decide con provvedimento motivato:

entro il termine di dieci giorni
entro il termine di venti giorni
nessuna delle risposte è corretta
Non so rispondere

17. Ai fini del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, la valutazione del rischio di ciascun processo:

è una mera operazione, utile, ma facoltativa
è considerato come elemento essenziale ai fini della qualità del PTPCT e la sua assenza può comportare un accertamento di mancata adozione del piano
è considerato come elemento essenziale ai fini della qualità del PTPCT, ma la sua assenza non comporta un accertamento di mancata adozione del piano
Non so rispondere

18. Gli accertamenti dell'ANAC:

riguardano vicende di corruzione e maladministration, ma non riguardano fattispecie di reato, di responsabilità amministrativo-contabile, di responsabilità disciplinare
riguardano solo fattispecie di reato, di responsabilità amministrativo-contabile, di responsabilità disciplinare
riguardano insieme vicende di corruzione e maladministration e fattispecie di reato, di responsabilità amministrativocontabile, di responsabilità disciplinare
Non so rispondere

19. E’ possibile ricorrere al “diritto all’oblio” in caso di accertamento, esercizio o difesa di un diritto in sede giudiziaria?

No.
Si, lo prevede espressamente il GDPR 679/2016
Si, ma solo in caso di difesa in sede amministrativa
Non so rispondere

20. In tema di trattamento dei dati, secondo il GDPR:

L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la rettifica dei dati personali inesatti che lo riguardano senza ingiustificato ritardo
L'interessato non può ottenere l'integrazione dei dati personali incompleti
L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la rettifica dei dati personali inesatti che lo riguardano anche con giustificato ritardo
Non so rispondere

21. Ai sensi dell’art. 2bis della l. n. 241/1990:

le pubbliche amministrazioni e i soggetti di cui all'articolo 1, comma 1ter, sono tenuti al risarcimento del danno ingiusto cagionato in conseguenza dell'inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento
le pubbliche amministrazioni e i soggetti di cui all'articolo 1, comma 1ter, sono tenuti al risarcimento solo del danno giusto cagionato in conseguenza dell'inosservanza dolosa del termine di conclusione del procedimento
le pubbliche amministrazioni, sono tenute al risarcimento solo del danno ingiusto cagionato in conseguenza dell'inosservanza esclusivamente colposa del termine di conclusione del procedimento
Non so rispondere

22. Con riferimento ai compiti del responsabile del procedimento amministrativo, secondo la legge 241/1990 il responsabile:

È sempre competente all'adozione del provvedimento finale
Può ordinare esibizioni documentali ma non esperire accertamenti tecnici ed ispezioni
Può chiedere, in fase di istruttoria, il rilascio di dichiarazioni, la rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete
Non so rispondere

23. Ai sensi dell’art. 6 della l. n. 241/1990:

l'organo competente per l'adozione del provvedimento finale, ove diverso dal responsabile del procedimento, può discostarsi dalle risultanze dell'istruttoria condotta dal responsabile del procedimento senza indicarne la motivazione nel provvedimento finale
l'organo competente per l'adozione del provvedimento finale, ove diverso dal responsabile del procedimento, non può discostarsi dalle risultanze dell'istruttoria condotta dal responsabile del procedimento se non indicandone la motivazione nel provvedimento finale.
l’organo competente per l'adozione del provvedimento finale, ove diverso dal responsabile del procedimento, non può mai discostarsi dalle risultanze dell'istruttoria condotta dal responsabile del procedimento
Non so rispondere

24. La sottoscrizione del provvedimento amministrativo:

Contiene la parte precettiva nella quale è espressa la volontà dell'Amministrazione e sono indicati gli effetti dell'atto
E' la parte che contiene la firma dell'autorità che emana l'atto.
E' la parte dell'atto che contiene l'indicazione dei presupposti di fatto e le ragioni giuridiche del provvedimento.
Non so rispondere

25. Le Conferenze di servizi sono disciplinate:

all’art. 10 della l. n. 241/1990
all’art. 11 della l. n. 241/1990
all’art. 14 della l. n. 241/1990
Non so rispondere

26. Osservare attentamente le seguenti coppie di termini e indicare quella che non c’entra con le altre.

villa - sfavillante
lusso - afflusso
cava - ricavare
Non so rispondere

27. Si considerino i seguenti ragionamenti: 1) Enrico legge su una rivista scientifica che se si mangia cioccolato si affatica il fegato. Mario ha il fegato affaticato. Questo significa che ha mangiato cioccolato. 2) Enrico legge su una rivista scientifica che i carciofi, se cucinati al vapore, diventano scuri. Enrico va in cucina e vede che i suoi carciofi non sono scuri. Ciò significa che nessuno li ha cucinati al vapore.

Il secondo è valido ma il primo non lo è
.Entrambi i ragionamenti sono validi
Il primo è valido ma il secondo non lo
Non so rispondere

28. Se la parola HUMOUR viene scritta sotto a SANGUE, la parola ORAMAI viene scritta sotto a HUMOUR, la parola LINNEO viene scritta sotto a ORAMAI e la prima e l'ultima parola sono rispettivamente CALURA e FLUIDO, allora in diagonale si può leggere:

IBISCO.
ONCOSI.
CAMMEO.
Non so rispondere

29. Mettere tra parentesi la parola che assume un significato che può essere ricondotto per analogia sia al termine che precede che a quello che segue: Torace (?) Corsetto

Spalle.
Osso
Busto.
Non so rispondere

30. Trovare la chiave che regge i seguenti abbinamenti: Se stalle = 8, edera = 7, sortire = 9, sonno = ?

7
10
5
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate