Formazione graduatoria agenti polizia locale

Tempo trascorso
-

1. Per enti locali, ai sensi del d.lgs. n. 267/2000, si intendono:

i comuni, le province (o enti territoriali di area vasta), le città metropolitane, montane, le comunità isolane e le unioni di comuni;
comuni, le province (o enti territoriali di area vasta), le città metropolitane, montane, le comunità isolane, le unioni di comuni, i consorzi e le convenzioni
i comuni, le province (o enti tìmtoriali di area vasta), le città metropolitane, le regioni, le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di comuni
ì comuni e le province (o enti territoriali di area vasta);
Non so rispondere

2. I comuni e le province (o enti territoriali di area vasta) ai sensi del d.lgs. n. 267/2000 hanno autonomia

statutaria, legislativa, nonnativa, organizzativa e amministrativa, nonché autonomia impositiva e finanziaria nell'ambito dei propri statuti e regolamenti e delle leggi di coordinamento della finanza pubblica;
statutaria, legislativa, normativa, organizzativa e amministrativa nell'ambito dei propri statuti e regolamenti
statutaria, sulla base della quale - dopo delega conferita dagli enti territoriali sovraordinati competenti - possono esercitare altre forme di autonomia riconosciute loro dalla delega
statutaria, normativa, organizzativa e amministrativa, nonché autonomia impositiva e finanziaria nelfambito dei propri statuti e regolamenti e delle leggi di coordinamento della finanza pubblica
Non so rispondere

3. I comuni e le province (o enti territoriali di area vasta) ai sensi del d.lgs. n, 267/2000 sono titolari di funzioni:

proprie e conferite con legge statale o regionale, secondo il principio di sussidiarietà orizzontale;
proprie e conferite con legge statale, poiché il principio di sussidiarietà esclude la competenza regionale in materia
proprie e conferite con legge statale o regionale, secondo il principio di sussidiarietà verticale;
proprie e conferite con legge regionale, poiché il principio di sussidiarietà esclude la competenza statale in materia
Non so rispondere

4. Lo statuto dell’ente locale stabilisce:

le norme fondamentali dell'organizzazione dell'ente e, in particolare, specifica le attribuzioni degli organi e le forme di garanzia e di partecipazione delle minoranze e i modi di esercizio della rappresentanza legale dell'ente;
le norme fondamentali dell'organizzazione dell'ente e, in particolare, i requisiti di elettorato attivo e passivo previsti per le elezioni amministrative locali dell’ente locale che l’ha approvato
i criteri generali in materia di esercizio di potere legislativo e regolamentare dell'ente locale, le forme di collaborazione fra comuni e province, della partecipazione popolare, del decentramento, dell'accesso dei cittadini alle informazioni e ai procedimenti amministrativi, lo stemma e il gonfalone e quanto \ ulteriormente previsto dal testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali
Non so rispondere

5. Lo statuto dell’ente locale e le sue modifiche

sono deliberati dai rispettivi consigli con il voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati. Qualora tale maggioranza non venga raggiunta, lo statuto è approvato dall’ente territoriale sovraordinato entro trenta giorni con voto favorevole della maggioranza assoluta dei consiglieri dell’ente territoriale sovraordinato
sono deliberati dai rispettivi consigli con il voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati. Qualora tale maggioranza non venga raggiunta, la votazione è ripetuta in successive sedute da tenersi entro trenta giorni e lo statuto è approvato se ottiene per due volte il voto favorevole della maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati
sono deliberati dai rispettivi consigli con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati
sono deliberati dai rispettivi consigli con il voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati. Qualora tale maggioranza non venga raggiunta, lo statuto e le sue modifiche devono essere approvati dal dirigente competente per gli enti locali dell’ufficio territoriale di Governo provinciale
Non so rispondere

6. I regolamenti degli enti locali:

sono adottati, in particolare, per l'organizzazione e il funzionamento delle istituzioni e degli organismi di partecipazione, per il funzionamento degli organi e degli uffici e per l'esercizio delle funzioni proprie o conferite
sono adottati nel rispetto dei principi fissati dallo statuto, nelle materie di propria competenza, con possibilità di derogare alla disciplina legislativa laddove ritenuta non idonea a tutelare gli interessi della comunità locale
sono adottati, in particolare, per il funzionamento degli organi e degli uffici e per disciplinare le attività economiche ritenute in contrasto con gli interessi della comunità locale
Non so rispondere

7. Le sanzioni amministrative per violazione dei regolamenti comunali e provinciali:

può essere prevista esclusivamente dal regolamento della cui violazione si discute in applicazione del principio di specialità
salvo che il regolamento comunale e provinciale non deroghi alle previsioni legislative prevedendo un ammontare superiore, la sanzione amministrativa pecuniaria può essere compresa tra 25 euro e 500 euro
salvo che la legge non preveda diversamente, la sanzione amministrativa pecuniaria può essere compresa tra 25 euro e 500 euro
può essere stabilita dal regolamento comunale e provinciale indipendentemente dalle previsioni legislative, in virtù dell’autonomia dell’ente locale
Non so rispondere

8. Le sanzioni amministrative per violazione delle ordinanze del Sindaco o del Presidente della Provincia:

può essere prevista esclusivamente dall’ordinanza della cui violazione si discute in applicazione del principio di specialità
salvo che la legge non preveda diversamente, la sanzione amministrativa pecuniaria può essere compresa tra 25 euro e 500 euro
salvo che l’ordinanza non deroghi alle previsioni legislative prevedendo un ammontare superiore, la sanzione amministrativa pecuniaria può essere compresa tra 25 euro e 500 euro
può essere stabilita da apposito regolamento comunale e provinciale sul procedimento amministrativo indipendentemente dalle previsioni legislative, in virtù dell’autonomia dell’ente locale
Non so rispondere

9. L’organo competente ad irrogare la sanzione amministrativa per violazione delle disposizioni regolamentari di Comune e Provincia è:

lo stesso funzionario accertatore, che ha l’obbligo di notificare personalmente il provvedimento al trasgressore
il superiore gerarchico del funzionario accertatore, dal quale quest’ultimo dipende funzionalmente
il segretario comunale, quale organo di vertice che assicura la legittimità dell’agire amministrativo
l’organo al quale il funzionario accertatore ha l’obbligo di presentare il rapporto ai sensi dell’art. 17 legge n. 689/1981 laddove non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta
Non so rispondere

10. L’organo competente ad irrogare la sanzione amministrativa per violazione delle disposizioni previste nelle ordinanze del Sindaco o del Presidente della Provincia:

l’organo al quale il funzionario accertatore ha l'obbligo di presentare il rapporto ai sensi dell'art. 17 legge n. 689/1981 laddove non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta
10 stesso funzionario accertatore, che ha l’obbligo di notificare personalmente il provvedimento al trasgressore
il superiore gerarchico del funzionario accertatore, dal quale quest’ultimo dipende funzionalmente
il segretario comunale, quale organo di vertice che assicura la legittimità dell’agire amministrativo
Non so rispondere

11. Nel gioco della tombola, qual è la probabilità che esca alla prima estrazione 87?

0
1/2
1
1/ထ
1/87
Non so rispondere

12. Completa la seguente successione: ‘*1, 3, 9, 27,...”:

18
30
81
27
72
Non so rispondere

13. Se A = B, B<C e D>C allora:

C<A
A>C
A<D
B>D
B>A
Non so rispondere

14. Quali tra i termini proposti completano correttamente la seguente proposizione? Giornale : emeroteca = X : Y

X = enoteca; Y = vino
X = giardino; Y = sedia
X = quadro; Y = pinacoteca
X = giornalaio; Y = custode
X = albero; Y = giungla
Non so rispondere

15. Individuare il termine da scartare:

melanzana
uva
zucchina
cetriolo
carota
Non so rispondere

16. Ai sensi del Codice Penale commette il reato di omissione di atti d’ufficio il pubblico ufficiale che:

entro quindici giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse non compie 1’ non risponde per esporre le ragioni del ritardo
benché l’atto debba essere compiuto “senza ritardo”, non vi è una scadenza specifica
entro trenta giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse non compie l’atto risponde per esporre le ragioni del ritardo
Non so rispondere

17. Ai sensi del Codice Penale, agli effetti della legge penale sono pubblici ufficiali coloro i quali esercitano una pubblica funzione;

giudiziaria
legislativa, giudiziaria o amministrativa
legislativa o amministrativa
Non so rispondere

18. Ai sensi del Codice Penale il reato di malversazione ai danni dello stato può essere commesso:

da chiunque
dal pubblico ufficiale o dall’incaricato di pubblico servizio
da chiunque sia estraneo alla pubblica amministrazione
Non so rispondere

19. L’oltraggio a pubblico ufficiale:

è un reato presente nel Codice Penale
era un reato fino al 1999, oggi depenalizzato
era un reato fino al 2009, oggi depenalizzato
Non so rispondere

20. L’ingiuria:

è un reato presente nel Codice Penale
era un reato fino al 2016, oggi depenalizzato
era un reato fino al 1999, depenalizzato fino al 2009, oggi tornato ad essere reato
Non so rispondere

21. La perquisizione è:

un mezzo di prova preordinato alla ricerca delle sole cose pertinenti al reato
un mezzo di ricerca della prova preordinato alla ricerca del corpo del pertinenti al reato
un mezzo di prova preordinato alla ricerca del corpo del reato
Non so rispondere

22. L'azione penale, per il codice di procedura penale, è esercitata:

dalla Polizia Giudiziaria
dal Pubblico Ministero
dal Giudice per le Indagini Preliminari
Non so rispondere

23. Quale di questi atti può essere svolto anche dagli agenti di polizia giudiziaria:

l’acquisizione di plichi o di corrispondenza ai.sensi dell’art. 353 c.p.p.
fermo di indiziato di delitto ai sensi dell'art. 384 c.p.p.
l’assunzione di sommarie informazioni della persona sottoposta alle indagini ai sensi dell’art. 350 commi 1 e 5 c.p.p.
Non so rispondere

24. Il sequestro penale probatorio (354 c.p.p.) va trasmesso aH’autorità giudiziaria:

entro 48 ore dal compimento dell'atto
entro 48 ore dalla notifica all’indagato
senza ritardo
Non so rispondere

25. L'accompagnamento presso gli uffici di polizia ai fini dell'identificazione può avvenire nei confronti di :

persona sottoposta alle indagini
persona in grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti
entrambi i precedenti casi
Non so rispondere

26. La Polizia locale ha l’obbligo di rilevare un sinistro stradale:

sempre, nel territorio di propria competenza
solo nei casi in cui ci siano feriti, nel territorio di propria competenza
solo nei casi in cui le parti non decidano di compilare il modulo CID cosiddetta “constatazione amichevole
Non so rispondere

27. Gli scuolabus in servizio di linea con più di nove posti, sono esclusi dall’obbligo del tachigrafo?

si, se il percorso non supera i 70 chilometri
si, se il percorso non supera i 50 chilometri
no
Non so rispondere

28. Il conducente che omette di fermarsi in caso di incidente stradale con soli danni a cose, è punito:

con sanzione amministrativa
con l’ammenda
con la multa
Non so rispondere

29. Ai sensi dell’art. 142 del codice della strada, dalla violazione ne consegue la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida da sei a dodici mesi:

quando il trasgressore supera di 40 km/h il limite massimo di velocità
quando il trasgressore commetta la stessa violazione per due volte nell’arco temporale di due anni
quando il trasgressore supera di 60 km/h il limite massimo di velocità
Non so rispondere

30. L’art. 142 del codice della strada prevede anche la revoca della patente di guida?

no, mai
si, nel caso di superamento di 60 km/h del limite massimo di velocità
si, nel caso in cui il titolare di una patente di guida sia incorso, in un periodo di due anni, nella violazione che prevede il superamento di 60 km/h del limite massimo di velocità
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate