Assistente Sociale, Emilia Romagna

Tempo trascorso
-

1. In base all'art. 404 del Codice Civile, l'Amministratore di Sostegno può assistere:

Le persone affette da un'infermità o menomazione fisica o psichica che si trovano nell'impossibilità anche parziale o temporanea di provvedere ai propri interessi
Le persone affette da infermità che si trovano stabilmente nell'impossibilità di provvedere ai propri interessi
Le persone affette da infermità che si trovano nell'impossibilità totale di provvedere ai propri interessi
Non so rispondere

2. In riferimento alla DGR E.R. 1904/2011 “Direttiva in materia di affidamento familiare, accoglienza in comunità e sostegno alle responsabilità familiari” e successive modifiche e integrazioni l‘accompagnamento oltre il diciottesimo anno di età:

Non comporta un’automatica interruzione o modifica della tipologia di accoglienza solo se accolto in comunità educativa
Non comporta un’automatica interruzione o modifica della tipologia di accoglienza solo se autorizzata dal Tribunale per i minorenni
Non comporta un’automatica interruzione o modifica della tipologia di accoglienza
Non so rispondere

3. Quale, fra le seguenti condizioni, non può essere individuata fra quelle oggetto della DGR Emilia-Romagna 2068/2004 sul sistema integrato di interventi sanitari e socio-assistenziali per persone con gravissime disabilità acquisite?

Gravissime cerebrolesioni acquisite e mielolesioni
Gravissime forme di demenza senile (ad esempio Morbo di Alzheimer, etc.)
Gravissimi esiti disabilitanti di patologie neurologiche involutive in fase avanzata (ad esempio Sclerosi Laterale Amiotrofica, Coree, etc.)
Non so rispondere

4. L’assegno ordinario di invalidità è:

Una prestazione economica erogata ai lavoratori dipendenti o autonomi con infermità accertata superiore ai due terzi che abbiano lavorato nei 5 anni precedenti alla certificazione
Un assegno di cura
Una prestazione per i ciechi
Non so rispondere

5. Il caregiver familiare, ai sensi della L.R. Emilia Romagna 2/2014, è colui che:

volontariamente, in modo gratuito e responsabile, si prende cura nell'ambito del piano assistenziale individualizzato di una persona cara consenziente, in condizioni di non autosufficienza o comunque di necessità di ausilio di lunga durata, non in grado di prendersi cura di sé, anche avvalendosi di lavoro di cura privato realizzato da assistenti famigliari retribuiti
inviato dai servizi sociali territoriali, con titolo di operatore socio sanitario, si prende cura nell'ambito del piano assistenziale individualizzato di una persona consenziente, in condizioni di non autosufficienza o comunque di necessità di ausilio di lunga durata, non in grado di prendersi cura di sé
con un contratto di lavoro privato di assistenza famigliare, si prende cura nell'ambito del piano assistenziale individualizzato di una persona consenziente, in condizioni di non autosufficienza o comunque di necessità di ausilio di lunga durata, non in grado di prendersi cura di sé
Non so rispondere

6. In coerenza con quanto disposto dalla L.R. Emilia Romagna 2/2014, i Comuni e le AUSL, nei limiti delle risorse disponibili, assicurano, fra l’altro, al caregiver familiare:

Un riconoscimento economico parametrato a quello del voucher INPS
Il riconoscimento dei contributi previdenziali figurativi
La formazione e l'addestramento finalizzati al corretto svolgimento del lavoro di cura
Non so rispondere

7. In Emilia Romagna ai sensi della DGR 1206/2007, finalità dell’accoglienza temporanea di sollievo è, tra le altre:

garantire un periodo di sollievo per coloro che assistono persone non autosufficienti programmabile sulla base delle esigenze dell’anziano e del caregiver stesso
garantire un periodo di sollievo per coloro che assistono anziani soli in condizioni di grave disagio socio-economico, programmabile sulla base delle esigenze dell’anziano
garantire un periodo di sollievo all’anziano per la cura di gravi patologie
Non so rispondere

8. Secondo la L. R. Emilia Romagna 1/2019 il tirocinio è:

Un insieme di interventi socio assistenziale di supporto ed integrazione al reddito del soggetto svantaggiato
Una misura formativa di politica attiva che consiste in periodi di orientamento al lavoro e di formazione in situazioni che non si configurano come rapporti di lavoro
Un insieme di interventi a sostegno all’inclusione sociale di soggetti fragili e vulnerabile
Non so rispondere

9. In Emilia Romagna ai sensi della DGR 1206/2007, cosa si intende per Assistenza Domiciliare Socio Sanitaria Integrata?

Una forma di assistenza che consente di mantenere a domicilio le persone con gravi difficoltà di natura socio-economica, favorendo il recupero delle capacità residue di autonomia e relazione
Una forma di assistenza che consente di mantenere a domicilio gli anziani ancora autosufficienti favorendo il mantenimento delle capacità residue di autonomia e relazione
Una forma di assistenza che consente di mantenere a domicilio le persone non autosufficienti, favorendo il recupero delle capacità residue di autonomia e relazione
Non so rispondere

10. I destinatari della Assistenza Domiciliare Integrata ai sensi della DGR E.R. 1206/2007 sono:

Anziani autosufficienti, disabili gravi e gravissimi, malati dimessi da ospedali o strutture residenziali
I malati di qualsiasi età, cronici, terminali, disabili gravi e gravissimi, malati dimessi da ospedali o strutture residenziali
Utenti in condizioni di abbandono
Non so rispondere

11. Con il Piano Regionale contro la violenza di genere, approvato con la DGR 64/2016, la Regione Emilia Romagna, al fine di costruire un sistema di prevenzione primaria e secondaria e per il trattamento delle donne vittime di violenza promuove, tra le diverse azioni:

La realizzazione di accordi di programma tra forze dell’ordine e strutture di pronto soccorso ospedaliero
L’integrazione fra i centri antiviolenza ed i servizi pubblici sociali e sanitari
La costituzione dei centri antiviolenza quali soggetti deputati alla presa in carico
Non so rispondere

12. Il Tribunale per i Minorenni ha competenza:

Sul Distretto di Corte d'Appello (che solitamente coincide con la Regione)
Sulle Aree Metropolitane
Sulla Regione
Non so rispondere

13. Ai sensi dell’art. 19 della Legge 328/2000 quali sono, tra gli altri, gli obiettivi del Piano di Zona?

Favorire la formazione di sistemi locali d’intervento fondati su servizi e prestazioni tra loro complementari qualificandone la spesa
Definire le tariffe dei Servizi alla Persona
Individuare i gestori degli interventi socio assistenziali in ambito territoriale
Non so rispondere

14. La DGR Emilia Romagna n. 564/2000 e sue successive modifiche e integrazioni concerne:

L’autorizzazione ed il funzionamento delle strutture residenziali e semiresidenziali per portatori di handicap, anziani e malati di AIDS
Il sistema di accreditamento dei servizi socio sanitari
I requisiti per l’erogazione delle prestazioni socio sanitarie domiciliari di portatori di handicap, anziani e malati di AIDS
Non so rispondere

15. Ai sensi del Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (Direttiva europea 679/2016), la Privacy è:

Un insieme di prassi concordate a livello aziendale, dettagliate in linee guida
un insieme di norme create per garantire che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali di ognuno
Un insieme di comportamenti che il dipendente pubblico deve adottare per evitare l’identificazione dell’utente
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate