Prova preselettiva Funzionario amministrativo, Regione Toscana

Tempo trascorso
-

1. Secondo l'art. 33, comma 5, del Regolamento (UE) N. 1303/2013, la decisione che approva una strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo:

stabilisce la dotazione di ciascun fondo SIE interessato
non stabilisce la dotazione di ciascun fondo SIE interessato
stabilisce la dotazione solo dei fondi stanziati a seguito del Regolamento UE del 2010
Non so rispondere

2. Secondo l'art. 22, comma 4, del Regolamento (UE) N. 1303/2013, nell'ambito dell'applicazione del quadro di riferimento dell'efficacia dell'attuazione, se le priorità non hanno conseguito i propri target intermedi:

lo Stato membro viene penalizzato ed escluso da eventuali assegnazioni di altri fondi, secondo le disposizioni comunitarie riportate nel Regolamento (UE) n. 1189/2009
lo Stato membro propone una riassegnazione degli importi corrispondenti della riserva di efficacia dell'attuazione a priorità definite dalla decisione della Commissione
lo Stato membro non può proporre una riassegnazione degli importi corrispondenti della riserva di efficacia dell'attuazione a priorità definite dalla decisione della Commissione
Non so rispondere

3. Secondo l'art. 37 Regolamento (UE) N. 1303/2013, gli strumenti finanziari:

sono attuati per sostenere investimenti che si prevede siano finanziariamente sostenibili e non diano luogo a un finanziamento sufficiente da fonti di mercato
non sono attuati per sostenere investimenti che si prevede siano finanziariamente sostenibili e non diano luogo a un finanziamento sufficiente da fonti di mercato
sono attuati per sostenere esclusivamente investimenti di lungo termine in infrastrutture
Non so rispondere

4. Uno dei criteri che consente di superare un eventuale contrasto tra norme dello stesso grado, nell'ambito della gerarchia delle fonti, è il cosiddetto "criterio della specialità", secondo il quale:

l'organo che ha emesso la norma da applicare è speciale rispetto a chi ha emesso la norma in contrasto
l'organo che ha emesso la norma da applicare è gerarchicamente superiore rispetto all'organo che ha emesso la norma in contrasto
viene data preferenza alla norma speciale, anche se successiva, rispetto a quella generale, mantenendone comunque l'efficacia
Non so rispondere

5. Nella gerarchia delle fonti del diritto, in quale grado si trovano i decreti legge?

Al pari delle consuetudini
Al pari delle leggi costituzionali
Al pari delle leggi ordinarie
Non so rispondere

6. Tra gli articoli che compongono il Titolo V della Costituzione Italiana, l'art. 123 stabilisce che ciascuna Regione abbia un proprio Statuto che ne determina:

la forma di governo e i principi fondamentali di organizzazione e funzionamento
solo i principi fondamentali di organizzazione e funzionamento, ma non la forma di governo
solo la forma di governo, ma non i principi fondamentali di organizzazione e funzionamento
Non so rispondere

7. Il Presidente della Giunta regionale, ai sensi di quanto disposto dall'art. 121 della Costituzione Italiana, oltre a rappresentare la Regione:

seleziona esclusivamente i Fondi comunitari da destinare ai Comuni
presiede le sedute del Senato della Repubblica, così come richiamato anche dall'art. 15 della stessa Costituzione
dirige la politica della Giunta e ne è responsabile
Non so rispondere

8. L'art. 127 della Costituzione Italiana dispone che, nel caso in cui una Regione ritenga che una legge o un atto avente forza di legge dello Stato o di un'altra Regione leda la sua sfera di competenza, può:

promuovere la questione di legittimità costituzionale dinanzi al Consiglio di Stato entro 30 giorni dalla pubblicazione della legge o dell'atto avente forza di legge
promuovere la questione di legittimità costituzionale dinanzi alla Corte Costituzionale solo per le leggi, ma non per gli atti aventi forza di legge
promuovere la questione di legittimità costituzionale dinanzi alla Corte Costituzionale entro 60 giorni dalla pubblicazione della legge o dell'atto avente forza di legge
Non so rispondere

9. Secondo quanto previsto dall'art. 74 del D.P.R. 445/2000 e s.m.i., la mancata accettazione delle dichiarazioni sostitutive di certificazione o di atto di notorietà:

costituisce violazione dei doveri d'ufficio
non costituisce violazione dei doveri d'ufficio
costituisce reato penale
Non so rispondere

10. Sulla base di quanto disposto dal D. Lgs. 50/2016 e s.m.i., l'avvalimento è un istituto giuridico di derivazione comunitaria al quale un operatore economico, privo dei requisiti necessari per la partecipazione ad un appalto pubblico, può ricorrere al fine di soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti di carattere:

economico, finanziario e tecnico, ma non professionale, necessari per la partecipazione ad un appalto pubblico
economico, finanziario e professionale, ma non tecnico, necessari per la partecipazione ad un appalto pubblico
economico, finanziario, tecnico e professionale necessari per la partecipazione ad un appalto pubblico
Non so rispondere

11. Il provvedimento amministrativo ad efficacia durevole, in base all'art. 21-quinquies della Legge 7 agosto 1990, n. 241 e s.m.i.:

può essere revocato da qualsiasi Pubblica Amministrazione
può essere revocato da parte dall'organo che lo ha emanato ovvero da altro organo previsto dalla legge
non è mai revocabile
Non so rispondere

12. A seguito di quanto disposto dall'art. 30 della Legge 241/1990 e s.m.i., in tutti i casi in cui le leggi e i regolamenti prevedono atti di notorietà o attestazioni asseverate da testimoni altrimenti denominate, il numero dei testimoni è ridotto a:

uno
tre
due
Non so rispondere

13. A seguito di quanto disposto dall'art. 2-bis della Legge 241/1990 e s.m.i., le pubbliche amministrazioni in conseguenza dell'inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento:

non sono tenute al risarcimento del danno ingiusto cagionato
non sono tenute al risarcimento del danno ingiusto cagionato, se non nei casi previsti dalla legge
sono tenute al risarcimento del danno ingiusto cagionato
Non so rispondere

14. Per atti amministrativi plurimi, intendiamo atti:

formalmente unici, ma scindibili in tanti diversi provvedimenti quanti sono i destinatari
destinati ad un solo soggetto
rivolti a destinatari non determinati al momento dell'emanazione dell'atto, ma determinabili in un momento successivo
Non so rispondere

15. A norma dell'art. 83 del D. Lgs. 50/2016 e s.m.i. inerente i criteri di selezione e soccorso istruttorio, i requisiti di idoneità professionale:

sono attinenti e proporzionati all'oggetto dell'appalto, ma non necessariamente devono tenere conto dell'interesse pubblico e rispettare i principi di trasparenza e rotazione
non necessariamente devono essere attinenti e proporzionati all'oggetto dell'appalto
sono attinenti e proporzionati all'oggetto dell'appalto, tenendo presente l'interesse pubblico ad avere il più ampio numero di potenziali partecipanti, nel rispetto dei principi di trasparenza e rotazione
Non so rispondere

16. Il procedimento ha inizio in diritto amministrativo:

su istanza di parte o anche d'ufficio
solo su istanza di parte
solo d'ufficio
Non so rispondere

17. In caso di conflitto d'interessi, il responsabile del procedimento amministrativo e i titolari degli uffici competenti ad adottare i pareri, le valutazioni tecniche, gli atti endoprocedimentali e il provvedimento finale devono:

non astenersi, segnalando però la situazione di conflitto, anche solo potenziale
astenersi, segnalando ogni situazione anche potenziale di conflitto
astenersi, ma nel solo caso in cui debbano assumere il provvedimento finale
Non so rispondere

18. Le segnalazioni anonime che pervengono all'ANAC sono:

sempre archiviate e non se ne può tenere conto in alcun caso
archiviate, ma se riguardano fatti di particolare rilevanza o gravità e presentano informazioni adeguatamente circostanziate, possono essere tenute in considerazione al fine di integrare le informazioni disponibili
sempre considerate ai fini dell'avvio di procedimenti di vigilanza
Non so rispondere

19. Se per il trattamento dei dati personali è necessario manifestare un consenso, chi deve dimostrare che l’interessato lo abbia prestato per il suddetto trattamento, secondo il GDPR n. 679/2016?

L'interessato del trattamento dei dati
Il titolare del trattamento dei dati
Il responsabile del trattamento dei dati
Non so rispondere

20. In base a quanto disposto dall'art. 76 dello Statuto della Regione Toscana, è possibile l'indizione del referendum consultivo su proposte di particolare interesse per la popolazione e su richiesta di:

trentamila elettori della Regione
mille elettori della Regione
trecento elettori della Regione
Non so rispondere

21. Selezionare l’affermazione compatibile con il "principio di prudenza" posto dall’Allegato 1 del D. Lgs. 118/2011 e s.m.i..

Nel bilancio di previsione devono essere iscritte solo le componenti positive, purché siano assolutamente aleatorie
Nel bilancio di previsione devono essere iscritte solo le componenti positive che ragionevolmente saranno disponibili nel periodo amministrativo considerato
Nel bilancio di previsione devono essere iscritte solo le componenti positive, anche quelle che non saranno disponibili nel periodo amministrativo considerato
Non so rispondere

22. A: Have you had dinner? B: Yes, I … .

have
do
did
Non so rispondere

23. I feel tired today. I didn't ... very well last night.

sleeping
sleeps
sleep
Non so rispondere

24. Tra le seguenti opzioni di risposta, individuare quella con una corretta definizione del termine "provider" in ambito informatico.

Azienda che fornisce servizi di connessione a Internet
Azienda che fornisce esclusivamente informazioni per la gestione documentale digitale
Applicazione che gestisce il flusso in entrata delle informazioni, salvaguardando il PC da attacchi malware
Non so rispondere

25. Il termine "freeware", in ambito informatico, indica:

un dispositivo, simile al mouse, che consente di comunicare con il PC usando la vista
un software che può essere distribuito gratuitamente, e senza bisogno di licenza d'uso
solo quei programmi che tutelano il PC da attacchi esterni
Non so rispondere

26. L'art. 1 del Regolamento di disciplina del processo di formazione, monitoraggio e valutazione degli strumenti di programmazione di competenza della Regione Toscana del 4 aprile 2019, n. 15/R, stabilisce che tale Regolamento si applica a tutti i:

piani e programmi regionali
programmi regionali, ma non a tutti i piani regionali
piani regionali, ma non a tutti i programmi regionali
Non so rispondere

27. In base all'art. 28 della Legge regionale della Toscana del 7 gennaio 2015, n. 1, la verifica di cassa è effettuata con cadenza:

mensile, dal Collegio dei revisori dei conti della Regione Toscana
trimestrale, dal Collegio dei revisori dei conti della Regione Toscana
semestrale, dal Collegio dei revisori dei conti della Regione Toscana
Non so rispondere

28. In materia di "Controlli sulle assenze", l'art. 55-septies del D.Lgs. N. 165/2001 e s.m.i., nell'ipotesi di assenza per malattia protratta per un periodo superiore a dieci giorni e, in ogni caso, dopo il secondo evento di malattia nell'anno solare l'assenza:

non è richiesto alcun tipo di certificazione medica
viene giustificata esclusivamente mediante certificazione medica rilasciata da una struttura sanitaria pubblica o da un medico convenzionato con il Servizio sanitario nazionale
può essere giustificata anche tramite una semplice autocertificazione, così come stabilisce l'art. 15 del CCNL di riferimento
Non so rispondere

29. Secondo le disposizioni previste dall'art. 15 del D.Lgs. N. 165/2001 e s.m.i., per le Regioni, il dirigente cui sono conferite funzioni di coordinamento è sovraordinato:

limitatamente alla durata dell'incarico, al restante personale dirigenziale
per la durata di cinque anni, al restante personale dirigenziale
per la durata di tre anni, al restante personale dirigenziale
Non so rispondere

30. L'art. 33-bis del CCNL relativo al personale del comparto "Funzioni locali" per il triennio 2016/2018, in relazione ai permessi brevi che possono essere richiesti dal dipendente, disciplina che:

in caso di gravi necessità, la richiesta deve essere fatta almeno la sera prima della giornata lavorativa
la richiesta del permesso deve essere effettuata in tempo utile e, comunque, non oltre un'ora dopo l'inizio della giornata lavorativa, salvo casi di particolare urgenza o necessità, valutati dal dirigente o dal responsabile
la richiesta del permesso deve essere effettuata in tempo utile e, comunque, almeno un giorno prima
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate