Simulazione esame Diritto Amministrativo

Tempo trascorso
-

1. Secondo la più diffusa prospettazione, il procedimento amministrativo si articola in:

Tre fasi: fase istruttoria, fase costitutiva e fase integrativa dell'efficacia.
Quattro fasi: fase dell'iniziativa, fase istruttoria, fase decisoria, fase integrativa dell'efficacia.
Cinque fasi: fase d'iniziativa, fase istruttoria, fase decisoria, fase di controllo, fase integrativa dell'efficacia.
Non so rispondere

2. Le verbalizzazioni sono:

Atti di scienza con cui si narrano e si documentano atti giuridici, operazioni o anche meri comportamenti di altre figure soggettive.
Ispezioni particolarmente qualificate in ordine all'oggetto dell'acquisizione che, presentando il carattere di accadimento straordinario, comporta che le stesse siano affidate ad uffici particolari costituiti ad hoc, e talvolta estranei all'amministrazione.
Acquisizioni di scienza espletate dagli organi ordinari dell'amministrazione, che possono culminare in un atto ricognitivo o esaurirsi in sè stesse, e comportanti potenzialmente l'ingerenza nella sfera giuridica di altri che si trovano in posizione di soggezione.
Non so rispondere

3. Nel caso di procedimento amministrativo ad istanza di parte il responsabile del procedimento o l'autorità competente, prima della formale adozione di un provvedimento negativo, comunica tempestivamente agli istanti i motivi che ostano all'accoglimento della domanda. In tal caso:

La comunicazione interrompe i termini per concludere il procedimento che iniziano a decorrere nuovamente dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di venti giorni dal ricevimento della comunicazione da parte degli istanti.
Entro il termine di trenta giorni dalla comunicazione, gli istanti devono presentare per iscritto le loro osservazioni, obbligatoriamente corredate da documenti.
La comunicazione interrompe i termini per concludere il procedimento che iniziano a decorrere nuovamente dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di dieci giorni dal ricevimento della comunicazione da parte degli istanti.
Non so rispondere

4. La richiesta è:

Una dichiarazione che viene presentata dai privati ad un'autorità amministrativa, al fine di provocare l'esercizio dei suoi poteri, con l'emanazione di un provvedimento.
Un atto amministrativo con cui l'autorità amministrativa competente si rivolge ad altra autorità per sollecitare l'emanazione di un atto che altrimenti non potrebbe essere emanato.
Una domanda dei privati interessati, tendente ad ottenere un provvedimento a loro favore.
Non so rispondere

5. Il contenuto di un atto amministrativo:

Deve essere di natura patrimoniale.
Non può essere caratterizzato dalla presenza di elementi accidentali.
Deve essere possibile, lecito, determinato o determinabile.
Non so rispondere

6. La revoca di un atto dell'atto amministrativo:

Ricorre tra l'altro quando viene annullato un atto amministrativo in caso di inadempimento di obblighi, mancato esercizio di facoltà o venir meno di requisiti di idoneità
Ricorre tra l'altro quando viene ritirato un atto amministrativo per il sopravvenire di nuove circostanze di fatto che rendono l'atto non più rispondente al pubblico interesse.
Ricorre tra l'altro quando viene modificato parzialmente un precedente atto amministrativo.
Non so rispondere

7. Il visto:

É un atto privo di rilievo giuridico.
É una funzione che si esplica con il controllo di merito e di legittimità.
É un atto di controllo preventivo ad esito positivo, nel quale l'autorità tutoria è chiamata a verificare l'assenza di un vizio di legittimità nell'atto, essendo vincolata a rilasciare il visto ove non ne riscontri alcuno.
Non so rispondere

8. Il comando è:

Un provvedimento amministrativo mediante il quale la P.A. consente l'esercizio di determinati diritti o facoltà, rendendo efficaci ed eseguibili atti giuridici già compiuti e perfetti.
Un provvedimento amministrativo mediante il quale la P.A. fa sorgere nuovi obblighi giuridici a carico dei destinatari, imponendo loro determinati comportamenti a contenuto positivo.
Un atto con cui l'autorità amministrativa dichiara di non aver osservazioni da fare in ordine all'adozione di un provvedimento restrittivo da parte di un'altra autorità.
Non so rispondere

9. In base all’art. 19 della l. n.196/2003, la comunicazione di dati diversi da quelli sensibili e giudiziari da parte di un soggetto pubblico a privati o a enti pubblici economici e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse:

Solo se sono previste da una norma di legge .
Se conforme all'interesse pubblico.
Unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento.
Non so rispondere

10. In base all’art. 18 della l. n.196/2003:

Il trattamento è consentito solo nei casi previsti dalla legge.
Il trattamento dei dati personali da parte di soggetti pubblici è sempre consentito.
Qualunque trattamento di dati personali da parte di soggetti pubblici è consentito soltanto per lo svolgimento delle funzioni istituzionali.
Non so rispondere

11. In base all’art. 19 della l. n.196/2003, la comunicazione di dati diversi da quelli sensibili e giudiziari da parte di un soggetto ad altri soggetti pubblici, se non è prevista da una specifica norma di legge o di regolamento:

Non è ammessa
E’ ammessa quando è comunque necessaria per lo svolgimento di funzioni istituzionali e può essere iniziata se è decorso il termine di cui all'articolo 39, comma 2, e non è stata adottata la diversa determinazione ivi indicata.
E’ ammessa previa autorizzazione dell’Autorità Garante, se è decorso il termine di cui all'articolo 39, comma 2, e non è stata adottata la diversa determinazione ivi indicata.
Non so rispondere

12. In base all’art. 20 della l. n.196/2003, il trattamento dei dati sensibili da parte di soggetti pubblici:

E’ consentito se il Garante specifica i tipi di dati che possono essere trattati e di operazioni eseguibili e le finalità di rilevante interesse pubblico perseguite.
E’ consentito se l'amministrazione specifica i tipi di dati che possono essere trattati e di operazioni eseguibili e le finalità di rilevante interesse pubblico perseguite.
E’ consentito se autorizzato da espressa disposizione di legge nella quale sono specificati i tipi di dati che possono essere trattati e di operazioni eseguibili e le finalità di rilevante interesse pubblico perseguite.
Non so rispondere

13. Deve mantenere il segreto d'ufficio:

il dipendente-persona fisica.
nessuno, la regola del segreto d'ufficio è superata dal diritto d'accesso e dal principio della trasparenza.
anche il soggetto non appartenente alla Pubblica Amministrazione che abbia conoscenza di atti amministrativi.
Non so rispondere

14. L'esame dei documenti e' effettuato dal richiedente o da persona da lui incaricata:

con l'eventuale accompagnamento di altra persona di cui vanno specificate le generalità, che devono essere poi registrate in calce alla richiesta.
con l'eventuale accompagnamento di altra persona di cui non è necessario assumere le generalità.
ad esclusione di altre persone, in nessun caso ammesse dalla legge in accompagnamento del richiedente o di altra persona da lui incaricata.
Non so rispondere

15. Quando non è possibile l'accoglimento immediato della richiesta in via informale?

Qualora sorgano dubbi sulla legittimazione del richiedente, sulla sua identità, sui suoi poteri rappresentativi, sulla sussistenza dell'interesse alla stregua delle informazioni e delle documentazioni fornite, sull'accessibilità del documento o sull'esistenza di controinteressati.
Esclusivamente qualora sorgano dubbi sulla sussistenza dell'interesse alla stregua delle informazioni e delle documentazioni fornite, sull'accessibilità del documento o sull'esistenza di controinteressati.
Esclusivamente qualora sorgano dubbi sull'esistenza di controinteressati.
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate