Collaboratore Professionale Sanitario - Infermiere, 2020

Tempo trascorso
-

1. Nella corretta gestione dei farmaci stupefacenti, la verifica della corrispondenza tra giacenza reale e giacenza contabile sull'apposito registro, e di competenza:

dell'lnfermiere Coordinatore
del Dirigente Medico o Direttore Sanitario
dell'lnfermiere che effettua I'ultima operazione di carico/scarico nel registro
tutte le precedenti
Non so rispondere

2. Aprassia, agnosia, aggressivita, difficolta attentiva, fenomeno "sulla punta della lingua", instability emotiva, apatia, ansia, wandering, insonnia. Sono tutti sintomi spesso associati a quale patologia?

depressione
ipotiroidismo
malattia di Alzheimer
Non so rispondere

3. L'Unita di Valutazione Distrettuale e:

un'equipe di operatori addetti a fare valutazioni
un'equipe multiprofessionale attraverso la quale si realizza la valutazione e programmazione a favore delle persone con difficolta socio-sanitarie
un servizio specifico che valuta e decide solo in merito agli inserimenti nelle strutture residenziali
Non so rispondere

4. Quali sono gli strumenti che definiscono i bisogni e i programmi assistenziali delle persone?

linee guida, protocolli, procedure
sistema informativo, cartelle infermieristiche, schede assistenziali
le scale di valutazione, il piano personalizzato
Non so rispondere

5. Quale, tra questi presidi, non e considerato una protezione fisica e quindi non necessita di prescrizione medica?

cintura magnetica
tavolino per carrozzina
Una spondina alzata a letto
divaricatore inguinale
tutte le precedenti
Non so rispondere

6. "La responsabilita dell'infermiere consiste nell'assistere, nel curare e nel prendersi cura della persona nel rispetto della vita, della salute, della liberta e della dignita dell'individuo". Questo concetto, citato all'art. 3, viene riportato:

nel Codice Internazionale di Etica dell'lnfermiera del 1965
nel Mansionario dell'lnfermiere del 1974
nel Codice Deontologico del 2009
Non so rispondere

7. La procedura di "read back" (detta anche "repeat back") deve essere utilizzata nel caso di:

prescrizione scritta
prescrizione verbale
sia per la prescrizione scritta sia per quella verbale
Non so rispondere

8. Le linee guida sono raccomandazioni di comportamento clinico basate sulla valutazione ed interpretazione delle prove scientifiche e vengono elaborate:

a un team di medici esperti
dallo stesso gruppo di professionisti che poi li utilizzera
da un team di esperti, come societa scientifiche e agenzie governative
Non so rispondere

9. La rete dei servizi socio-sanitari e rappresentata da:

un insieme di risorse, di opportunity, competenze e attivazioni che si collegano e si intrecciano per affrontare problemi socio-sanitari
un insieme di servizi territoriali
un insieme di associazioni di volontariato
Non so rispondere

10. Nella persona istituzionalizzata e anziana, uno degli eventi potenzialmente piu dannosi, e rappresentato dalle cadute. Per riconoscere i fattori di rischio ed effettuare degli interventi mirati, e indispensabile utilizzare uno strumento di valutazione specifico, quale?

la Scala di Norton
I'lndice di Barthel
la Scala di Conley
Non so rispondere

11. La compilazione del modulo di Incident Reporting, come strumento di gestione del rischio clinico, e:

obbligatoria per ogni professionista sanitario
volontaria e spontanea
volontaria se non e avvenuto un danno, obbligatoria se il danno insorto e grave
Non so rispondere

12. A livello internazionale, I'atto di somministrazione della terapia e considerato un atto unico, sequenziale e cronologico. Per verificare la correttezza di tale procedura, e consigliabile seguire la "regola delle 7 G":

Giusto farmaco, Giusta dose, Giusta via, Giusto contesto, Giusto orario, Giusto paziente, Giusto controllo
Giusto farmaco, Giusta dose, Giusta via, Giusto orario, Giusto controllo, Giusto ambiente, Giusta registrazione
Giusto farmaco, Giusta dose, Giusta via, Giusto orario, Giusto paziente, Giusta registrazione, Giusto controllo
Non so rispondere

13. Quali dei seguenti e un obbligo dei lavoratori in riferimento al D.Lgs 81/2008 "Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro?

elaborare il piano di sicurezza aziendale insieme al preposto
valutare i rischi lavorativi nei proprio ambiente di lavoro e munirsi dei dispositivi di protezione individuale
prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute durante il lavoro conformemente alla formazione ricevuta
Non so rispondere

14. Nel caso di un utente affetto da infezione accertata da Clostridium Difficile, I'infermiere dovra utilizzare, durante le proprie attivita di competenza:

le precauzioni standard
le precauzioni standard e le precauzioni da contatto
le precauzioni standard e le precauzioni per via aerea
Non so rispondere

15. Quali sono i profili di bisogno generati dal sistema di valutazione multidimensionale Val.Graf.FVG?

profilo ad alto assorbimento, profilo a medio assorbimento, profilo a basso assorbimento
persone autosufficienti, persone parzialmente autosufficienti, persone non autosufficienti
profilo A star, profilo A, profilo B, profilo B comportamentale, profilo C. profilo E
Non so rispondere

16. La dieta di una persona anziana diabetica, non dovra prevedere:

un adeguato introito di proteine, preferendo il pesce ed i legumi
un aumentato introito di frutta e verdura, per favorire I'introduzione di Sali minerali, vitamine e fibre
un ridotto apporto di carboidrati (10-20% delle calorie totali) per non provocare un aumento delle glicemie post prandiali
Non so rispondere

17. Nel posizionamento di un catetere vescicale in un uomo con ipertrofia prostatica, e consigliabile utilizzare:

un catetere di Foley
un catetere di Mercier
un catetere di Nelaton
Non so rispondere

18. Per limitare I'insorgenza delle infezioni correlate all'assistenza e più efficace:

una procedura specifica per il lavaggio delle mani
un protocollo per il lavaggio delle mani
il ricorso all'outsourcing per la sanificazione ambientale
sensibilizzazione e formazione degli operatori
sensibilizzazione, formazione e osservazione strutturata dei comportamenti degli operatori
Non so rispondere

19. L'acronimo "LASA", di origine anglosassone, viene utilizzato quando si parla di:

farmaci lassativi che vengono somministrati per via orale
farmaci che possono essere triturati per la somministrazione orale ad utenti con problemi di disfagia
farmaci foneticamente o graficamente simili tra loro
Non so rispondere

20. Le cure palliative sono:

cura attiva, multidisciplinare dei pazienti oncologici che non rispondono alia chemio/radioterpia
trattamento del dolore nel paziente oncologico
trattamento attivo ma non risolutivo nelle patologie croniche
cura attiva globale multidisciplinare finalizzata al controllo dei sintomi nei pazienti oncologici
cura attiva globale multidisciplinare finalizzata al controllo dei sintomi nei pazienti in fase di end stage
Non so rispondere

21. Un utente in terapia antibiotica, deve assumere 80 mg di farmaco ma a disposizione c'e solamente il dosaggio di 500 mg in 100 ml. L'infermiere quanti mg di farmaco dovrà somministrare?

8 mg
16 mg
20 mg
Non so rispondere

22. In caso di presenza di stomia intestinale, ossia di una apertura chirurgica sulla parte addominale alia quale viene collegato un tratto di intestino, per effettuare una corretta igiene dello stoma e necessario:

detergere la cute con acqua tiepida e sapone, disinfettare con disinfettante a base alcolica, asciugare tamponando accuratamente
detergere la cute con acqua tiepida e sapone, disinfettare con disinfettante a base di iodopovidone, asciugare accuratamente e con insistenza la cute per togliere I'umidita in eccesso e favorire I'adesione della placca
detergere la cute con acqua tiepida e sapone, asciugare la stomia tamponando
Non so rispondere

23. Cosa si intende per fragilità nel paziente anziano:

condizione associata all'invecchiamento e riferibile ad uno stato di solitudine e abbandono
condizione associata all'invecchiamento in cui multipli sistemi fisiologici perdono gradualmente le loro riserve intrinseche con un aumento di rischio di esiti avversi in condizione di esposizione a stress
condizione in cui I'individuo si trova in uno stato di vulnerabilità con un aumento di rischio di fratture in caso di cadute
Non so rispondere

24. In una persona molto anziana sono segni di possibile infezione in atto:

stato letargico
febbre
presenza di secrezioni bronchiali
urine maleodoranti
Non so rispondere

25. Avendo a disposizione un materasso antidecubito per quale dei due pazienti di seguito descritti e piu indicato?

Paziente 1: condizioni generali scadenti, lucido, costretto a letto, immobile, incontinenza abituale (Norton =11)
Paziente 2: condizioni generali scadenti, confuso, costretto a letto, mobilita piena, incontinenza doppia (Norton =11)
Non so rispondere

26. Secondo la letteratura internazionale, nei setting assistenziali a basso rischio infettivo, e necessario sostituire il catetere venoso periferico ad intervalli precisi di tempo?

no, e sufficiente nel caso in cui compaiano segni di flogosi previa ispezione giornaliera del situ
ogni 48 per prevenire la comparsa di segni di flogosi (dolore, arrossamento, indurimento del sito o lungo il decorso della vena)
no, solo alia scadenza della terapia infusiva prescritta
Non so rispondere

27. II sistema di autorizzazione delle strutture residenziali per anziani non autosufficienti della regione FVG prevede le seguenti tipologie strutture:

Residenza protetta, Casa di riposo
Residenza sanitaria assistenziale, Residenza sociosanitaria assistenziale per anziani, Casa di riposo
Residenze per anziani non autosufficienti di livello base, Residenze per anziani non autosufficienti di primo livello, Residenze per anziani non autosufficienti di secondo livello, Residenze per anziani non autosufficienti di terzo livello
Non so rispondere

28. Una persona di 90 anni con frattura di femore da caduta sottoposto ad intervento di osteosintesi con chiodo endomidollare in corso di riabilitazione e esposto a rischio di :

lussazione dell'anca
carico eccessivo all'arto operato
delirio
cadute
Non so rispondere

29. Quale fra i seguenti fattori non e scatenante il delirio?

interventi chirurgici
ospedalizzazione
infezione delle vie urinarie
ritenzione acuta d'urina
incontinenza fecale
Non so rispondere

30. Responsabilita infermieristica: "..quando I'evento, anche se preveduto, non e voluto e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini e discipline" (art. 43 C.P.), parliamo di:

colpa
dolo
preterintenzione
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate