• Accedi • Iscriviti gratis
  • Concorso Infermiere Professionale

    Tempo trascorso
    -

    1. In quale di queste situazioni l'infermiere deve provvedere a un monitoraggio stretto per il rischio grave di disidratazione:

    Persona con febbre 38°C.
    Persona con una glicemia capillare di 40mg/dl.
    Persona con sincope.
    Persona in coma iperosmolare non chetoacidosico.
    Non so rispondere

    2. Quali sono gli elementi che definiscono il campo di attività e la responsabilità dell'infermiere:

    Profilo professionale, formazione di base e post base, codice deontologico.
    Profilo professionale, formazione di base e formazione continua.
    Profilo professionale ed esperienza conseguita sul campo.
    Profilo professionale e codice deontologico.
    Non so rispondere

    3. I cinque momenti fondamentali per l'igiene delle mani atti ad interrompere la catena di trasmissione dei microrganismi tra le persone prevedono un ordine ben preciso (WHO, 2009). Individui l'affermazione che ha l’ordine corretto:

    Prima del contatto del paziente, dopo esposizione ad un liquido biologico, prima di una manovra asettica, dopo il contatto con il paziente, dopo il contatto con ciò che sta attorno al paziente.
    Prima del contatto del paziente, dopo esposizione ad un liquido biologico, dopo il contatto con il paziente, prima di una manovra asettica, dopo il contatto con ciò che sta attorno al paziente.
    Prima del contatto del paziente, dopo il contatto con il paziente, dopo esposizione ad un liquido biologico, prima di una manovra asettica, dopo il contatto con ciò che sta attorno al paziente.
    Prima del contatto del paziente, prima di una manovra asettica, dopo esposizione ad un liquido biologico, dopo il contatto con il paziente, dopo il contatto con ciò che sta attorno al paziente.
    Non so rispondere

    4. L'infermiere prima di decidere di attribuire un compito all’OSS deve procedere alle seguenti valutazioni;

    Determinare le condizioni dell’utente, definire la complessità dell'attività da eseguire, verificare le competenze dell’OSS.
    Determinare le condizioni dell'utente, definire la complessità dell'attività da eseguire, verificare gli anni di attività lavorativa.
    Determinare le condizioni dell'utente, definire la complessità dell'attività da eseguire, verificare le aree in cui ha prestato servizio precedentemente.
    Determinare le condizioni dell'utente, definire la complessità dell'attività da eseguire, provvedere ad una gradualità dell'attribuzione del compito.
    Non so rispondere

    5. Nella sanifìcazione della stanza di degenza di un paziente con infezione da Clostridium difficile, si devono utilizzare:

    Prodotti a base di polifenoli.
    Prodotti a base di ipoclorito di sodio.
    Prodotti disinfettanti a base di iodopovidone.
    Prodotti a base di ammoni quaternari.
    Non so rispondere

    6. L'assorbimento intestinale del calcio nell'anziano è:

    Aumentato.
    Aumentato gradualmente in base all'età.
    Ridotto solo in caso di infiammazione intestinale.
    Generalmente ridotto.
    Non so rispondere

    7. II farmaco di prima scelta nel trattamento dei breaktrough pain nel paziente oncologico è:

    Ossicodone a rilascio prolungato.
    Fans.
    Morfina a immediato rilascio orale.
    Paracetamolo.
    Non so rispondere

    8. Secondo il "Codice in materia di protezione dei dati personali" il “titolare" è:

    La persona alla quale si riferiscono i dati personali.
    La persona che decide le finalità e le modalità del trattamento di dati personali.
    La persona che rileva dati personali di altre persone e risponde della correttezza della rilevazione.
    La persona che ha la responsabilità della conservazione dei dati personali.
    Non so rispondere

    9. La sofferenza della persona anziana:

    È un'esperienza monodimensionale.
    Nel fine vita diventa normale.
    È sempre presente in anziani con dolore cronico.
    Tutte le precedenti.
    Non so rispondere

    10. Che cosa è la Scala di Push?

    Uno strumento che permette la valutazione del rischio delle ulcere da pressione.
    È uno strumento che permette la valutazione degli interventi volti alla prevenzione.
    È uno strumento che serve a monitorare dimensioni e caratteristiche delle ulcere da pressione.
    È uno strumento per la misurazione dell'intensità dolore.
    Non so rispondere

    11. Durante l'esecuzione di un prelievo di sangue venoso, la vena prescelta va punta:

    Mettendo l'ago in linea rispetto alla vena con un'angolazione di circa 60 gradi.
    Mettendo l’ago in linea rispetto alla vena con un'angolazione di circa 45 gradi.
    Mettendo l'ago in linea rispetto alla vena con un'angolazione di circa 30 gradi.
    Mettendo l'ago in linea rispetto alla vena con un'angolazione di circa 120 gradi.
    Non so rispondere

    12. Nel processo di adattamento psicologico alla malattia di un anziano con demenza, il familiare può vivere alcune tappe evidenziate dalla letteratura:

    Rabbia e negazione.
    Senso di colpa e assenteismo assistenziale.
    Assenteismo assistenziale e direttività.
    Negazione e ipercontrollo.
    Non so rispondere

    13. Quali sono le caratteristiche definenti della diagnosi infermieristica “diarrea"?

    Aumentata frequenza delle evacuazioni superiore a 5 volte al giorno.
    Aumentata frequenza delle evacuazioni superiore a 3 volte al giorno.
    Aumentata frequenza delle evacuazioni e assenza di borborigmi.
    Aumentata frequenza delle evacuazioni con emissione di feci non formate.
    Non so rispondere

    14. Che cosa si intende per delirium?

    Entrambe le risposte B e C.
    È una patologia ad esordio improvviso caratterizzato da uno stato di confusione mentale con decorso ingravescente.
    Stato di confusione mentale ad insorgenza acuta, con decorso fluttuante, di breve durata, dovuto a cause organiche, caratterizzato dalla presenza di disturbi dell’attenzione, della coscienza, del pensiero e della memoria.
    Nessuna risposta esatta.
    Non so rispondere

    15. Le norme contenute nel Codice Deontologico dell'infermiere sono:

    Non vincolanti.
    Obbligatorie, non vincolanti.
    Vincolanti, la loro inosservanza è sanzionata dall’ordine professionale.
    Non vincolanti, ma il professionista ne risponde all’Ordine professionale.
    Non so rispondere

    16. Una lesione da pressione classificata al primo stadio:

    È caratterizzata da eritema che non scompare alla digitopressione.
    È caratterizzata da eritema che scompare alla digitopressione.
    È caratterizzata da lesione degli strati superficiali della cute.
    E caratterizzata da lesione del derma.
    Non so rispondere

    17. L’igiene della mani, secondo le linee guida OMS del 2009, effettuata con frizione idroalcolica per essere efficace deve durare?

    Il tempo non è un indicatore di efficacia
    Non deve durare meno di 20 secondi
    Non deve durare meno di 10 secondi
    Non deve durare meno di 15 secondi
    Non so rispondere

    18. Nell'ambito della bioetica il concetto di "moral distress" si riferisce a:

    Una situazione in cui l’operatore sanitario fa esperienza di disagio a livello della propria coscienza.
    Una situazione in cui l’operatore sanitario fa esperienza di disagio per il dissenso del paziente alle scelte terapeutiche proposte.
    Uno stato di disagio dell’operatore sanitario per la sua perdita della fede religiosa.
    Uno stato di disagio dell’operatore sanitario che precede il burnout.
    Non so rispondere

    19. Tra i segnali non verbali di sofferenza ci possono essere:

    La riduzione del piacere di fare le cose.
    Espressioni di chiusura totale e isolamento.
    Percezioni di mancanza di dignità.
    Domande ripetute ed esplicite sul senso/non senso delle cose.
    Non so rispondere

    20. Il lutto è:

    Un processo che riguarda qualsiasi perdita importante per la persona.
    Un processo di elaborazione esclusivamente della morte di una persona cara.
    Una reazione patologica a una perdita importante per la persona.
    Un processo psicologico dì adattamento alla solitudine.
    Non so rispondere

    21. Quale comportamento può essere utile verso un anziano con deterioramento cognitivo che chiede ripetutamente di "tornare a casa"?

    Somministrare subito la terapia ansiolitica.
    Sollecitare la famiglia ad una presenza più assidua.
    Ragionare e spiegare alla persona l'impossibilità del rientro a casa.
    Rassicurare e confortare con un tono calmo e pacato.
    Non so rispondere

    22. L'art. 4, comma 1, del D.P.R. 16-4-2013, n, 62, concernente il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici reca: "Il dipendente non chiede, nè sollecita, per sè o per altri, regali o altre utilità." Quale delle seguenti affermazioni è coerente con le norme previste dal Codice di comportamento dei dipendenti pubblici?

    Il dipendente non può mai accettare, per sé o per altri, regali o altre utilità offertigli da un paziente.
    Il dipendente può accettare regali da un paziente solo precisando che saranno messi a disposizione dell’ente di appartenenza e devoluti per fini istituzionali.
    Il dipendente può accettare un regalo da un paziente solo se di modico valore e donato in via occasionale nell'ambito delle normali relazioni di cortesia.
    Il dipendente può accettare un regalo da un paziente, ma è tenuto a informare del fatto il suo responsabile di riferimento.
    Non so rispondere

    23. Cosa rappresenta in termini comunicativi una mappa cognitiva personale?

    Il contesto culturale nel quale si esprime un linguaggio.
    Un insieme di regole grammaticali e semantiche.
    L'interpretazione personale di un evento.
    La riproduzione fedele e vera di un evento.
    Non so rispondere

    24. Nella relazione di cura con l'anziano sofferente:

    L'infermiere porta inevitabilmente anche il proprio vissuto personale.
    L'infermiere deve sempre accantonare il proprio vissuto emozionale per essere utile all'altro.
    L'infermiere porta il suo vissuto prettamente professionale.
    L'infermiere agisce in base al buon senso.
    Non so rispondere

    25. Un punteggio < 21 al Mini Mental State Examination fa porre diagnosi di:

    Demenza di Alzhaimer.
    Decadimento cognitivo.
    Normale livello cognitivo.
    Nessuna delle precedenti.
    Non so rispondere

    26. Farmaci che non contribuiscono al rischio di caduta in un anziano sono:

    Farmaci psicotropi.
    Farmaci antiaritmici.
    Farmaci anti-ipertensivi.
    Farmaci fans.
    Non so rispondere

    27. Per artrocentesi s'intende:

    L'aspirazione del midollo osseo da una cavità articolare.
    Un prelievo ematico da una cavità articolare.
    Un indagine radiologica di una articolazione.
    L'aspirazione di un liquido da una cavità articolare.
    Non so rispondere

    28. Per confermare la presenza del sondino nasogastrico nello stomaco occorre:

    Introdurre 5 mi di aria nello stomaco attraverso la sonda e auscultare con il fonendo scopio il movimento dell’aria a livello dello stomaco.
    Introdurre 5 mi di acqua nello stomaco attraverso la sonda e auscultare con il fonendo scopio il movimento dell'acqua a livello dello stomaco.
    Introdurre almeno 10 mi di acqua, aspirarla e verificare il ph che deve risultare acido.
    Tutte le precedenti.
    Non so rispondere

    29. Con quale scala di valutazione si può indagare la condizione di delirium?

    CAM.
    MMSE.
    SPMSQ.
    CMAI.
    Non so rispondere

    30. indica quale residente di una RSA tra quelli citati è più a rischio di caduta?

    Persona deambulante con febbre.
    Persona affetta da demenza con Barthel mobilità 10/40.
    Persona deambulante e lucida.
    Delirium ipocinetico.
    Non so rispondere

    31. Un anziano lucido e orientato residente in RSA che utilizza la carrozzina per la maggior parte della giornata, si fa portare dal figlio nell'ambulatorio infermieristico lamentando un gonfiore agli arti inferiori. Quale degli interventi elencati è scorretto:

    Applicare le calze elastiche e ridurre l’introito di liquidi
    Consigliare all'utente di mantenere il più possibile gli arti inferiori in scarico e ritornare il giorno dopo per la visita medica.
    Controllare gli arti inferiori ed il livello di edema chiedendo alla persona se ha tosse, se dorme bene di notte, se si sente affaticata.
    Verificare le patologie di cui affetto e la terapia in atto e monitoraggio fino a consulenza medica.
    Non so rispondere

    32. La sig.ra Lucia, lucida e orientata con dieta libera, entrata in struttura ieri pomeriggio ha in terapia questa mattina alle ore 8,00 1cp da 5mg di Oxycontin a rilascio prolungato (ossicodone). L'infermiere si reca in stanza per la somministrazione della terapia delle ore 8,00 e Lucia chiede che la terapia venga tritata perche era abituata così a domicilio. Decide quindi di:

    Somministrare il farmaco tritando la compressa.
    Parlare con il medico e verificare l’opportunità di variare la forma farmaceutica.
    L'infermiere varia la forma farmaceutica e somministra il farmaco.
    Nessuna della precedenti.
    Non so rispondere

    33. Mentre un infermiere sta rimuovendo un ago a farfalla per termine terapia infusiva si punge sul polso. Cos'è necessario fare in questa situazione:

    Usare prodotti a base di acqua ossigenata.
    Aumentare il sanguinamento, procedere con la disinfezione.
    Aumentare il sanguinamento, detergere la zona con acqua e sapone.
    Aumentare il sanguinamento, detergere la zona con acqua e sapone e procedere con la disinfezione.
    Non so rispondere

    34. L'infermiere si reca al letto dell’utente per eseguire la medicazione su un ulcera da pressione a livello del trocantere di stadio III di dimensioni 3cmx3cm. Rimossa la medicazione precedente l'infermiera osserva la ferita e trova le seguenti caratteristiche: tessuto di granulazione presente con assenza di fibrina, essudato siero-ematico abbondante, bordi della lesione arrossati e medicazione precedente molto intrisa di essudato. Quale tipo di medicazione avanzata l'infermiere decide di adottare?

    Alginato di calcio e successiva medicazione secondaria con garza sterile e cerotto di fissaggio.
    Idrocolloidale in placca.
    Antisettico in soluzione o garza con antisettico e con medicazione secondaria con garza sterile con cerotto di fissaggio.
    Idrogel e come medicazione secondaria garza sterile con cerotto per fissaggio.
    Non so rispondere

    35. Tra le seguenti quattro affermazioni sotto riportate sulla pratica trasfusionale alcune sono vere altre sono false:1. Il tempo di permanenza fuori dal frigo delle emazie non deve essere superiore a 2 ore. 2. Il tempo di infusione di una sacca di CE è di circa 60’-120'. 3. L’identificazione del ricevente può essere effettuata al letto del paziente da 2 infermieri immediatamente prima dell’inizio della trasfusione. 4. Le verifiche pre-trasfusionali come l’identificazione del paziente, la corrispondenza e la compatibilità teorica tra i dati dell’unità (es: Concentrato Eritrocitario), i dati della richiesta e la documentazione del paziente possono essere effettuati da 2 infermieri. Indicare tra le varie combinazioni sotto riportate quella corretta:

    1. FALSO - 2.VERO - 3.VERO - 4.FALSO
    1. FALSO - 2. FALSO - 3. VERO - 4.VERO
    1. VERO - 2. VERO - 3. VERO - 4. FALSO
    1. FALSO - 2. VERO - 3. FALSO - 4. VERO
    Non so rispondere