• Accedi • Iscriviti gratis
  • Assistente Amministrativo Economico Categoria C

    Tempo trascorso
    -

    1. L'efficacia di un provvedimento amministrativo può essere sospesa?

    No, assolutamente.
    Sì, ma solo per gravi ragioni e per il tempo strettamente necessario.
    Sì, in applicazione del principio di trasparenza, ogni qualvolta i destinatari del provvedimento lo richiedano.
    Sì, sempre.
    Non so rispondere

    2. Ai sensi dell’art. 6 della Legge 7 agosto 1990, n. 241, il responsabile del procedimento:

    Adotta, ove ne abbia la competenza, il provvedimento finale, ovvero trasmette gli atti all'organo competente per l'adozione.
    Può sempre adottare il provvedimento finale.
    Non ha mai competenza a trasmettere gli atti all'organo competente per l'adozione del provvedimento finale.
    Nessuna delle alternative proposte è corretta.
    Non so rispondere

    3. Secondo l'articolo 8 della L.241/1990, nella comunicazione di avvio del procedimento devono essere indicati:

    Solo l'oggetto del procedimento promosso e la persona responsabile.
    Solo l'amministrazione competente e il responsabile del procedimento.
    L'amministrazione competente; l'oggetto del procedimento promosso; l'ufficio e la persona responsabile del procedimento.
    Solo il responsabile del procedimento.
    Non so rispondere

    4. Ai sensi dell’art. 22 della legge 7 agosto 1990, n.241 cosa si intende per "controinteressati"?

    Tutti i soggetti, individuati o facilmente individuabili in base alla natura del documento richiesto, che dall'esercizio dell'accesso vedrebbero compromesso il loro diritto alla riservatezza.
    Tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l'accesso.
    Tutti i soggetti privati, esclusi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l'accesso.
    Tutti i soggetti di diritto pubblico e i soggetti di diritto privato limitatamente alla loro attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o comunitario.
    Non so rispondere

    5. Che cosa si intende per accordi integrativi?

    Accordi stipulati in sostituzione del provvedimento amministrativo.
    Accordi conclusi tra amministrazione procedente e interessati al fine di determinare il contenuto del provvedimento.
    Contratti che disciplinano i rapporti obbligatori nascenti dal provvedimento.
    Contratti che disciplinano i rapporti tra Regioni.
    Non so rispondere

    6. Il Consiglio d'Europa:

    E' un comitato consultivo della NATO.
    E' un organo dell'Unione Europea.
    E' un'organizzazione internazionale il cui scopo è promuovere la democrazia e i diritti dell'uomo.
    Non esiste più.
    Non so rispondere

    7. In quale di questi settori l'Unione ha competenza esclusiva?

    Politica commerciale.
    Protezione dei consumatori.
    Ambiente.
    Immigrazione.
    Non so rispondere

    8. Ai sensi del Trattato di Lisbona, il Parlamento europeo esercita:

    Disgiuntamente al Consiglio, la funzione rappresentativa e la funzione di giudizio.
    Congiuntamente al Consiglio, la funzione rappresentativa e la funzione di giudizio.
    Disgiuntamente al Consiglio, la funzione legislativa e la funzione di bilancio.
    Congiuntamente al Consiglio, la funzione legislativa e la funzione di bilancio.
    Non so rispondere

    9. Ai sensi dell'art. 288 del TFUE, per esercitare le competenze dell'Unione, le istituzioni adottano:

    Solo raccomandazioni e pareri.
    Solo direttive.
    Regolamenti, direttive, decisioni, raccomandazioni e pareri.
    Regolamenti, direttive, decisioni ma non raccomandazioni e pareri.
    Non so rispondere

    10. I regolamenti comunitari sono:

    Direttamente applicabili.
    Necessitano di essere trasposti nel diritto nazionale.
    Sono applicabili solo se non contrastano col diritto nazionale.
    Non sono mai applicabili.
    Non so rispondere

    11. Cosa si intende con FESR?

    Fattibilità e studio dei rating eruopei.
    Fondo europeo stato rivalutazione.
    Fondo europeo di sviluppo regionale.
    Fabbisogno entrate e spese regionali.
    Non so rispondere

    12. Ai sensi del Regolamento Europeo n. 1301/2013, il FESR sostiene tra le priorità d'investimento lo sviluppo dell'imprenditorialità, in particolare facilitando lo sfruttamento economico di nuove idee e promuovendo:

    La creazione di nuove aziende, anche attraverso incubatori di imprese.
    La crescita delle sole aziende già costituite da 24 mesi.
    La crescita delle sole aziende già costituite da 12 mesi.
    La crescita delle sole aziende già costituite da 6 mesi.
    Non so rispondere

    13. Ai sensi del Regolamento Europeo n. 1301/2013, il FESR contribuisce al finanziamento del sostegno destinato a rafforzare:

    La sola coesione economica.
    La sola coesione sociale.
    La sola coesione territoriale.
    La coesione economica, sociale e territoriale.
    Non so rispondere

    14. Ai sensi del Regolamento Europeo n. 1301/2013, il FESR, sostiene nell'ambito dei programmi operativi, lo sviluppo urbano sostenibile per mezzo di strategie che prevedono azioni integrate per far fronte alle sfide economiche, ambientali, climatiche, demografiche e sociali che si pongono nelle aree urbane, tenendo anche conto dell'esigenza di promuovere i collegamenti tra:

    Aree urbane e rurali.
    Aree urbane e industriali.
    Tra le sole aree urbane.
    Tra le sole aree industriali.
    Non so rispondere

    15. Il Regolamento UE n. 1303/2013 del parlamento europeo e del consiglio del 17 dicembre 2013, abroga:

    Il regolamento (CE) n.1083/2006 del Consiglio.
    Il regolamento (CE) n. 1003/2006 del Consiglio.
    Il regolamento (CE) n. 1803/2006 del Consiglio.
    Il regolamento (CE) n. 1380/2006 del Consiglio.
    Non so rispondere

    16. Ai sensi del Regolamento UE n. 1303/2013 del parlamento europeo e del consiglio del 17 dicembre 2013, la "programmazione" definisce:

    L'iter organizzativo, finalizzato all'attuazione, su base pluriennale, dell'azione congiunta dell'Unione e degli Stati membri per realizzare gli obiettivi della strategia dell'Unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.
    La decisionale su base pluriennale, dell'azione congiunta dell'Unione e degli Stati membri per realizzare gli obiettivi della strategia dell'Unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.
    La sola ripartizione delle risorse finanziarie in più fasi, con il coinvolgimento dei partner conformemente all'art. 5, finalizzato all'attuazione, su base pluriennale, dell'azione congiunta dell'Unione e degli Stati membri per realizzare gli obiettivi della strategia dell'Unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.
    L'iter organizzativo, decisionale e di ripartizione delle risorse finanziarie in più fasi, finalizzato all'attuazione, su base pluriennale, dell'azione congiunta dell'Unione e degli Stati membri per realizzare gli obiettivi della strategia dell'Unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.
    Non so rispondere

    17. Ai sensi del Regolamento Europeo n. 1304/2013, tra i compiti del FSE c'è:

    Sostenere la mobilità geografica ma non l'occupazionale dei lavoratori.
    Sostenere la mobilità geografica e occupazionale dei lavoratori ma non facilitare il loro adattamento ai cambiamenti industriali e ai cambiamenti del sistema produttivo necessari per gli sviluppi sostenibili.
    Sostenere la mobilità geografica e occupazionale dei lavoratori e facilitare il loro adattamento ai cambiamenti industriali e ai cambiamenti del sistema produttivo necessari per gli sviluppi sostenibili.
    Facilitare il loro adattamento ai cambiamenti industriali e ai cambiamenti del sistema produttivo necessari per gli sviluppi sostenibili ma non sostenere la mobilità geografica e occupazionale dei lavoratori.
    Non so rispondere

    18. Cosa prevede il Regolamento (UE) N. 1304/2013, tra le altre cose, in tema di coerenza e concentrazione tematica?

    Per quanto riguarda le regioni più sviluppate, gli Stati membri concentrano almeno l'80 % della dotazione FSE destinata a ciascun programma operativo su un massimo di cinque tra le priorità d'investimento enunciate all'articolo 3, paragrafo 1.
    Per quanto riguarda le regioni più sviluppate, gli Stati membri concentrano almeno il 50 % della dotazione FSE destinata a ciascun programma operativo su un massimo di cinque tra le priorità d'investimento enunciate all'articolo 3, paragrafo 1.
    Per quanto riguarda le regioni più sviluppate, gli Stati membri concentrano almeno il 40 % della dotazione FSE destinata a ciascun programma operativo su un massimo di cinque tra le priorità d'investimento enunciate all'articolo 3, paragrafo 1.
    Per quanto riguarda le regioni più sviluppate, gli Stati membri concentrano almeno il 20 % della dotazione FSE destinata a ciascun programma operativo su un massimo di cinque tra le priorità d'investimento enunciate all'articolo 3, paragrafo 1.
    Non so rispondere

    19. Cosa si intende per FEAMP?

    Fondo europeo per le attività di monitoraggio presenza stranieri.
    Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca.
    Fondo europeo per l'attribuzione meriti e premialità.
    Fondo europeo attività militari e paramilitari.
    Non so rispondere

    20. Il Regolamento (UE) N. 215/2014 stabilisce norme di attuazione del regolamento:

    N. 1303/2013.
    N. 1830/2013.
    N. 1303/2014.
    N. 1003/2013.
    Non so rispondere

    21. Ai sensi dell'art.4 del Regolamento delegato (UE) n. 240/2014, per quanto riguarda i programmi di cooperazione territoriale europea, gli Stati membri possono coinvolgere nel partenariato:

    Nessuna delle alternative proposte è corretta.
    Gruppi non europei di cooperazione territoriale che operano nell’ambito dei rispettivi programmi transfrontalieri o transnazionali.
    Autorità o organismi coinvolti nello sviluppo o nell’attuazione di una strategia macroregionale o per i bacini marittimi nella zona interessata dal programma, esclusi i coordinatori di settori prioritari per le strategie macroregionali.
    Gruppi europei di cooperazione territoriale che operano nell’ambito dei rispettivi programmi transfrontalieri o transnazionali.
    Non so rispondere

    22. Secondo la Comunicazione della Commissione sulla Disciplina degli aiuti di Stato a favore di ricerca, sviluppo e innovazione (2014/C 198/01), cosa si intende per "aiuto individuale"?

    Aiuti concessi ad un’impresa specifica che includono tanto gli aiuti ad hoc che gli aiuti concessi sulla base di un regime di aiuti.
    Un prestito a favore di un progetto, versato necessariamente in due rate e le cui condizioni di rimborso non dipendono dall’esito del progetto.
    Aiuti destinati solamente ad ovviare ai fallimenti del mercato legati alle esternalità positive (ricadute di conoscenza).
    Aiuti non concessi nell’ambito di un regime di aiuti.
    Non so rispondere

    23. Secondo la Comunicazione della Commissione sulla Disciplina degli aiuti di Stato a favore di ricerca, sviluppo e innovazione (2014/C 198/01), cosa si intende per "collaborazione effettiva"?

    L’appalto pubblico di servizi di ricerca e sviluppo i cui benefici appartengono tutti esclusivamente all’amministrazione aggiudicatrice o all’ente aggiudicatore, i quali possono utilizzare tali servizi nell’esercizio della propria attività a condizione di remunerarli pienamente.
    La collaborazione tra almeno due parti indipendenti, finalizzata allo scambio di conoscenze o di tecnologie, o al conseguimento di un obiettivo comune basato sulla divisione del lavoro, nella quale le parti definiscono di comune accordo la portata del progetto di collaborazione, contribuiscono alla sua attuazione e ne condividono i rischi e i risultati.
    La collaborazione tra almeno due parti indipendenti, finalizzata allo scambio di conoscenze o di tecnologie, ma mai al conseguimento di un obiettivo comune.
    La ricerca industriale, lo sviluppo sperimentale o una qualsiasi combinazione dei due tipi di attività.
    Non so rispondere

    24. Il Regolamento (UE) n. 1407/2013 si applica agli aiuti concessi alle imprese:

    Del settore manufatturiero.
    Del settore della pesca
    Dell’acquacoltura.
    Del settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.
    Non so rispondere

    25. Ai fini del Regolamento (UE) N. 651/2014, si intende per "impresa innovativa":

    Un'impresa i cui costi di ricerca e sviluppo rappresentano almeno il 10 % del totale dei costi di esercizio in almeno uno dei tre anni precedenti la concessione dell'aiuto.
    Un'impresa i cui costi di ricerca e sviluppo rappresentano almeno il 20 % del totale dei costi di esercizio in almeno uno dei tre anni precedenti la concessione dell'aiuto.
    Un'impresa i cui costi di ricerca e sviluppo rappresentano almeno il 30 % del totale dei costi di esercizio in almeno uno dei tre anni precedenti la concessione dell'aiuto.
    Un'impresa i cui costi di ricerca e sviluppo rappresentano almeno il 25 % del totale dei costi di esercizio in almeno uno dei tre anni precedenti la concessione dell'aiuto.
    Non so rispondere

    26. Ai sensi del Regolamento (UE) N. 651/2014 in materia di aiuti per i costi di cooperazione sostenuti dalle PMI che partecipano a progetti di cooperazione territoriale europea, l'intensità di aiuto non supera:

    Il 50 % dei costi ammissibili.
    Il 55 % dei costi ammissibili.
    Il 60 % dei costi ammissibili.
    Il 70 % dei costi ammissibili.
    Non so rispondere

    27. Ai sensi del Regolamento UE n. 1303/2013 del parlamento europeo e del consiglio del 17 dicembre 2013, per le misure per collegare l'efficacia dei fondi SIE a una sana governance economica:

    E' La Commissione che può chiedere ad uno Stato membro di rivedere e proporre di modificare il suo contratto di partenariato e i programmi rilevanti, ove necessario per sostenere l'attuazione delle raccomandazioni pertinenti del Consiglio.
    E' il Consiglio che può chiedere ad uno Stato membro di rivedere e proporre di modificare il suo contratto di partenariato e i programmi rilevanti, ove necessario per sostenere l'attuazione delle raccomandazioni pertinenti della Commissione.
    E' Il Parlamento che può chiedere ad uno Stato membro di rivedere e proporre di modificare il suo contratto di partenariato e i programmi rilevanti, ove necessario per sostenere l'attuazione delle raccomandazioni pertinenti del Consiglio.
    E' il Parlamento che può chiedere ad uno Stato membro di rivedere ma mai di modificare il suo contratto di partenariato e i programmi rilevanti.
    Non so rispondere

    28. Secondo la Comunicazione della Commissione sulla Disciplina degli aiuti di Stato a favore di ricerca, sviluppo e innovazione (2014/C 198/01), cosa si intende per "attivi immateriali"?

    Servizi di consulenza, assistenza e formazione in materia di trasferimento delle conoscenze.
    Locali ad uso ufficio, banche dati, biblioteche, ricerche di mercato, laboratori, sistemi di etichettatura della qualità, test e certificazione al fine di sviluppare prodotti, processi o servizi più efficienti.
    Esclusivamente i brevetti.
    Gli attivi che non hanno una consistenza fisica o finanziaria, quali brevetti, licenze, now-how o altri diritti di proprietà intellettuale.
    Non so rispondere

    29. Nel Regolamento (UE) n. 1407/2013, l’importo complessivo degli aiuti de minimis concessi da uno Stato membro a un’impresa unica non può superare:

    I 150 000 euro nell’arco di cinque esercizi finanziari.
    I 450 000 euro nell’arco di due esercizi finanziari.
    I 250 000 euro nell’arco di sei esercizi finanziari.
    I 200 000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari.
    Non so rispondere

    30. Ai sensi del Regolamento Europeo n. 1301/2013, il fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), sostiene investimenti produttivi che contribuiscono alla creazione e al mantenimento di posti di lavoro sostenibili tramite aiuti diretti a investimenti?

    Si, alle PMI esclusivamente di natura tecnologica.
    Si, alle PMI.
    Si, alle sole GI.
    Nessuna delle alternative proposte è corretta.
    Non so rispondere