OSS Azienda pubblica di Servizi alla Persona

Tempo trascorso
-

1. Che cos’è il PAI?

È il progetto di pianificazione individuale degli interventi assistenziali.
È la rappresentazione del progetto globale sulla persona (aspetti clinico sanitari e bisogni assistenziali).
È il progetto di pianificazione individuale degli interventi sanitari.
Non so rispondere

2. Cos’è la geriatria?

La prevenzione e il trattamento delle malattie nelle persone anziane.
Un sinonimo di gerontologia.
Lo studio dell’invecchiamento.
Non so rispondere

3. La causa principale dell’insorgenza di lesioni da pressione è…

Attrito e frizione.
Pressione.
Aumento della temperatura locale.
Non so rispondere

4. Quante ore di formazione annuali devono essere assicurate agli operatori coinvolti nel processo assistenziale?

8 ore.
12 ore.
18 ore.
Non so rispondere

5. L’UVG si avvale di strumenti semplici e complessi per determinare…

Il grado di autosufficienza, le autonomie residue, le capacità mentali.
Le capacità mentali, il grado di insufficienza, le capacità residue.
Le capacità di svolgere lavori manuali, il grado di dipendenza, le capacità psichiche.
Non so rispondere

6. Il lavoro d’équipe ha come finalità principale quella di…

Ridurre il carico di lavoro individuale.
Facilitare l’integrazione di competenze e sostenere i processi di condivisione delle decisioni.
Consentire a ciascun operatore di esprimere il proprio punto di vista.
Non so rispondere

7. Una terapia che utilizza effetti visivi, uditivi, olfattivi e tattili è…

Una terapia polisensoriale.
Una terapia multisensoriale.
Una terapia dei sensi.
Non so rispondere

8. Quali sono le parti del corpo più soggette alla formazione di lesioni da decubito in una persona che trascorre molto tempo in posizione seduta?

Tronco, arcate costali, sacro.
Sacro, tallone e gomito.
Ginocchia, sacro e piede.
Non so rispondere

9. Quali fra questi sono considerati fattori intrinseci per sviluppare lesioni da pressione?

Umidità della cute.
Patologia cardiovascolare.
Pressione.
Non so rispondere

10. Quali dei seguenti presidi sono sconsigliati per la prevenzione delle lesioni da pressione?

Dispositivi circolari tipo ciambella.
Materasso a pressione alternata.
Presidi ad alta tecnologia.
Non so rispondere

11. L’Handicap è una condizione di svantaggio soggetta…

A possibili cambiamenti migliorativi o peggiorativi.
A possibili cambiamenti migliorativi.
A possibili cambiamenti peggiorativi.
Non so rispondere

12. Perché un OSS deve evitare di gettare la biancheria sul pavimento?

Per prevenire i disturbi da movimentazione manuale dei carichi.
In quanto è poco rispettoso delle condizioni di salute degli ospiti.
In quanto previene da diffusione da microrganismi.
Non so rispondere

13. Quali sono le scale di misurazione del dolore utilizzate per gli anziani?

NRS e PAINAD.
NRS e MNA.
NPI e PAINAD.
Non so rispondere

14. La scala NRS serve a misurare…

I disturbi del comportamento.
Il dolore.
I livelli ematici.
Non so rispondere

15. La scala PAINAD serve a misurare…

Il dolore nella persona con demenza.
Il dolore nell’ospite emiplegico.
Nessuna delle risposte sopra indicate.
Non so rispondere

16. Chi può eseguire la rilevazione del dolore?

Il medico, l’infermiere, l’OSS, il care-givers.
L’OSS e il fisioterapista.
L’infermiere e il medico.
Non so rispondere

17. Il dolore deve essere sempre valutato e trattato?

No, solo quando lo decidono i sanitari.
Sì, deve essere valutato e trattato solo quando l’ospite accetta il trattamento medico.
Sì, deve essere valutato e obbligatoriamente trattato dal medico.
Non so rispondere

18. Per favorire il benessere complessivo di un ospite con wandering, può essere utile:

Tenerlo occupato in attività quali ad esempio quelle domestiche.
Tenerlo occupato in attività distraenti quali la tombola.
Tenerlo occupato prevalentemente attraverso il Karaoke.
Non so rispondere

19. Quale non è uno scopo delle cure palliative?

Perseguire la migliore qualità di vita possibile per il malato in fase terminale e per la sua famiglia.
Controllare il processo evolutivo della malattia.
Non accelerare né ritardare la morte.
Non so rispondere

20. Per monitorare e quantificare il problema di un disturbo di wandering e affaccendamento in un ospite affetto da demenza, a quale strumento si ricorre?

Le ADL.
L’UCLA-NPI.
Il PAI.
Non so rispondere

21. Cosa può portare ad una condizione di gravissima disabilità acquisita?

Eventi traumatici in fase post natale, malattie degenerative che portano ad una totale dipendenza dal punto di vista assistenziale e sanitario.
Una diagnosi clinica sbagliata in età adulta.
Esiti di ictus.
Non so rispondere

22. Cosa si riscontra nella prima fase del morbo di Alzheimer?

Difficoltà nell’esprimere giudizi e formulare pensieri astratti.
Difficoltà nell’imparare e ricordare informazioni nuove.
Ripetitività delle azioni e irrequietezza.
Non so rispondere

23. Quale test può essere utilizzato per la valutazione della disfagia?

BSA.
MMSE.
MNA.
Non so rispondere

24. Quale delle seguenti non è una caratteristica relativa alla scala di Tinetti?

Valuta l’equilibrio del paziente anziano.
Mette in evidenza i soggetti a rischio di caduta grazie all’esecuzione di prove e alla risposta di domande specifiche.
Mette in evidenza i soggetti a rischio di caduta grazie all’esecuzione di prove.
Non so rispondere

25. Cosa caratterizza la sindrome da immobilizzazione o da allettamento?

È un caratteristico desiderio dell’anziano di restare a lungo nel letto e riposo.
È una riduzione della funzionalità dei vari apparati, che si manifesta quando una persona è costretta a letto per lungo tempo.
È tipica di anziani colpiti da decadimento intellettivo.
Non so rispondere

26. Se durante l’assunzione di cibo, l’assistito inizia a tossire, cosa occorre fare?

Iniziare la manovra di Heimlich.
Lasciarlo tossire, continuando a sorvegliarlo.
Chiamare prontamente il 118.
Non so rispondere

27. La compilazione della cartella clinica è un obbligo…

Deontologico e normativo.
Aziendale, normativo e organizzativo.
Amministrativo e dell’ordine professionale.
Non so rispondere

28. Come è più opportuno rivolgersi ad una persona afasica?

In modo diretto.
In modo indiretto.
Per interposta persona.
Non so rispondere

29. Il dolore è un parametro da inserire in cartella clinica?

No, in quanto non tutto il dolore viene trattato.
No, in quanto è una condizione che va scritta solo nella consegna.
Sì, in quanto è diventato un parametro vitale.
Non so rispondere

30. Cosa non è utile per prevenire lesioni da pressione?

Fornire una dieta con adeguato apporto idrico e proteico.
Frizionare vigorosamente la cute per riattivare il circolo e prevenire la formazione di flittene in presenza di eritema persistente.
Ridurre periodicamente la pressione ai talloni anche in presenza di materassino antidecubito.
Non so rispondere

31. Menomazione significa…

Incapacità di mantenere l’attenzione e la concentrazione.
Difficoltà cardiorespiratorie.
Svantaggio derivante da disabilità psico-fisica.
Non so rispondere

32. L’OSS che assiste nella deambulazione la persona deve…

Interrompere di tanto in tanto l’andatura per fare riposare l’ospite.
Accelerare di tanto in tanto per stimolare l’andatura.
Lasciare che sia il paziente a fare l’andatura.
Non so rispondere

33. Come viene definita la demenza?

Disturbo congenito delle funzioni motorie e psichiche: linguaggio e almeno una tra pensiero astratto, capacità critica, memoria (a breve e a lungo termine) orientamento spazio temporale, con conservazione dello stato di coscienza vigile.
Disturbo acquisito e con base organica delle funzioni intellettive acquisite: memoria (a breve e lungo termine) e almeno una tra pensiero astratto, capacità critica, linguaggio e orientamento spazio temporale, con conservazione dello stato di coscienza vigile.
Disturbo acquisito della memoria a breve e lungo termine, del linguaggio e dell’orientamento spazio temporale.
Non so rispondere

34. Se si vuole indagare che tipo di deficit della memoria presenta il paziente, quale di queste domande non è utile porre?

Cosa ha mangiato oggi a pranzo?
Qual è il colore preferito di sua moglie?
Come si chiamano i suoi figli?
Non so rispondere

35. Per agnosia si intende…

Un disturbo della produzione o della comprensione del linguaggio.
La perdita della facoltà di riconoscere.
La perdita della capacità di apprendere nuove informazioni.
Non so rispondere