• Accedi • Iscriviti gratis
  • Infermiere, serie 25 domande

    Tempo trascorso
    -

    1. Il Consiglio Superiore di Sanità è composto da.

    Dal Ministro della Salute e dai Sottosegretari.
    Dai componenti delle Commissioni parlamentari della Sanità.
    Da 15 componenti nominati dal Ministro della Salute e da 15 membri di diritto.
    Da 56 membri, di cui 26 di diritto.
    Non so rispondere

    2. Il piano di assistenza infermieristica:

    Rappresenta un metodo idoneo per comunicare ed organizzare l’assistenza.
    Rappresenta un metodo efficace per gestire il budget assegnato.
    È la rappresentazione grafica del metodo di lavoro adottato all’interno di un’equipe assistenziale.
    È una relazione scritta sull’attività clinico-gestionale svolta
    Non so rispondere

    3. La differenza fondamentale tra ADL e IADL, nella valutazione di un soggetto a domicilio, consiste nel:

    Misurare aspetti della relazione sociale ed interpersonale.
    Considerare abilità anche strumentali a quelle di vita quotidiana.
    Considerare anche gli aspetti dello stato di salute e di malattia.
    Considerare anche la diagnosi ed incidenti pregressi.
    Non so rispondere

    4. Il modello assistenziale caratterizzato da un team infermieristico a cui vengono assegnati un piccolo gruppo di pazienti, in cui il lavoro è basato sulla pianificazione e l’integrazione, prende il nome di :

    Modello dell’equipe multidisciplinare.
    Modello per piccole equipe.
    Modello del primary care.
    Modello personalizzato di cure.
    Non so rispondere

    5. Un evento sentinella è:

    Un evento inatteso.
    Un evento prevedibile.
    Un evento solo pericoloso.
    Un errore solo prevedibile.
    Non so rispondere

    6. Nel processo di assistenza infermieristica, un obiettivo è:

    Un’affermazione sulle azioni che l’infermiere deve compiere per risolvere un problema di salute della persona assistita.
    Un’affermazione relativa alla valutazione delle diagnosi infermieristiche della persona assistita.
    Un’affermazione sullo stato di salute della persona assistita dopo un intervento infermieristico.
    Un’indicazione di comportamento per le figure di supporto.
    Non so rispondere

    7. Per validazione dei dati si intende:

    La raccolta dei soli dati di stretta pertinenza infermieristica.
    Il controllo dell’accuratezza delle informazioni ottenute.
    L’organizzazione dei dati raccolti secondo un determinato modello teorico dell’assistenza.
    La trasformazione di un’ipotesi diagnostica in una diagnosi infermieristica.
    Non so rispondere

    8. Quale teoria dell’assistenza infermieristica ha definito la persona come “sistema di adattamento”?

    Quella di Callista Roy.
    Quella di Madeleine Leininger.
    Quella di Betty Neuman.
    Quella di Myra Levine
    Non so rispondere

    9. Il “modello bifocale” di Carpenito distingue:

    La fase della raccolta dei dati da quella della diagnosi infermieristica.
    L’attività esercitata dall’infermiere in forma autonoma da quella in collaborazione con gli altri professionisti sanitari.
    Le attività dell’infermiere da quelle delle figure di supporto.
    Le diagnosi infermieristiche dagli obiettivi di assistenza.
    Non so rispondere

    10. Il primary nursing, modello organizzativo dell’assistenza infermieristica, prevede:

    La suddivisione del personale infermieristico di una unità operativa in nuclei di 3-4 operatori.
    L’assegnazione di un infermiere per ciascun paziente.
    La periodica rotazione dei compiti fra gli infermieri di una stessa unità operativa.
    La suddivisione dei pazienti secondo il grado di dipendenza.
    Non so rispondere

    11. Il giudizio di idoneità al lavoro può essere formulato:

    Dal datore di lavoro.
    Dal responsabile per la sicurezza.
    Dal medico competente.
    Dal direttore sanitario aziendale.
    Non so rispondere

    12. La sorveglianza sanitaria può essere definita come la:

    Valutazione periodica medico-fisiologica dei lavoratori esposti.
    Misura degli agenti tossici negli ambienti di lavoro.
    Diagnosi e terapia delle malattie professionali.
    Prognosi e cura delle malattie professionali.
    Non so rispondere

    13. Secondo il D.Lgs. 81/2008 il lavoratore è:

    Una persona che svolge un’attività indipendentemente dalla tipologia di contratto.
    Una persona che svolge un’attività e che percepisce o non una retribuzione.
    Una persona che svolge un’attività al solo fine di apprendere un mestiere.
    Tutte le risposte sono corrette.
    Non so rispondere

    14. Quale normativa, nell’ambito della prevenzione sui luoghi di lavoro, fa riferimento ai dispositivi di protezione individuale?

    D.P.R. 37/98.
    D.Lgs. 626/96.
    D.P.R.309/90.
    D.L.gs.81/08.
    Non so rispondere

    15. Chi ha diritto di accedere ai documenti amministrativi secondo la L.241/90?

    Solo l’interessato.
    I parenti degli interessati.
    Chiunque abbia un interesse da tutelare che sia giuridicamente rilevante.
    Nessuno.
    Non so rispondere

    16. Chiunque riveli l’identità di chi ha fatto ricorso alle procedure o agli interventi previsti dalla legge per l’interruzione volontaria della gravidanza, se di ciò è venuto a conoscenza per ragioni di professione o di ufficio:

    E' punito con una sanzione di carattere penale.
    E' punito con una sanzione di carattere civile.
    E' punito con una sanzione di carattere amministrativo.
    Non è soggetto ad alcuna sanzione.
    Non so rispondere

    17. L’attuale Codice Deontologico dell’infermiere è entrato in vigore nel:

    1977.
    1999.
    2009.
    2012.
    Non so rispondere

    18. Secondo l’art.1 del Codice Deontologico l’infermiere è:

    L’operatore sanitario responsabile dell’assistenza infermieristica.
    Il professionista sanitario responsabile dell’assistenza infermieristica.
    Il professionista responsabile delle manovre infermieristiche.
    Il professionista sanitario che svolge funzioni di assistenza infermieristica.
    Non so rispondere

    19. Secondo il Codice Deontologico, la responsabilità dell’infermiere nel prendersi cura della persona si ispira a quattro valori fondamentali. Quali?

    Vita, salute, libertà, dignità.
    Vita, buona morte, salute, libertà.
    Vita, salute, interesse della persona, necessità istituzionali.
    Vita, salute, etica, professionalità.
    Non so rispondere

    20. Quale dei seguenti punti è citato nel Codice Deontologico?

    L’infermiere è un operatore sanitario in possesso di un diploma abilitante.
    Richiesta di iscrizione all’Albo.
    L’infermiere è il professionista sanitario responsabile dell’assistenza infermieristica.
    Tutte i punti descritti nelle altre risposte sono presenti nel Codice Deontologico.
    Non so rispondere

    21. Un comportamento si definisce negligente quando è caratterizzato da:

    Insufficiente preparazione professionale.
    Trascuratezza, mancanza di attenzione e superficialità.
    Superficialità e volontarietà.
    Avventatezza e superficialità.
    Non so rispondere

    22. La possibilità di applicare sanzioni disciplinari ai lavoratori in caso di inadempimento degli obblighi contrattuali è:

    Prevista dall’art.7 dello Statuto dei lavoratori.
    Prevista dalla contrattazione collettiva applicabile allo specifico rapporto di lavoro.
    Prevista dall’art.2016 del codice civile.
    Prevista nel contratto individuale di lavoro.
    Non so rispondere

    23. Le sanzioni disciplinari previste per l’infermiere dipendente di una Pubblica Amministrazione sono:

    Censura, multa, sospensione, radiazione.
    Censura, multa, sospensione, licenziamento.
    Rimprovero verbale, rimprovero scritto, multa, sospensione, licenziamento.
    Rimprovero scritto, multa, licenziamento.
    Non so rispondere

    24. Quale delle seguenti sanzioni NON viene applicata al lavoratore in caso di violazione degli obblighi disciplinati dall’art.28 del CCNL sanità?

    Rimprovero verbale.
    Censura.
    Ordine di servizio.
    Multe di importo variabile fino ad un massimo di quattro ore di retribuzione.
    Non so rispondere

    25. Ordinare correttamente le azioni infermieristiche per effettuare la procedura di “posizionamento del paziente in decubito di Sims” 1. Mettere un piccolo cuscino sotto la testa del paziente in modo che sia facilitato il drenaggio delle secrezioni dalla bocca 2. Documentare sulla cartella clinico-infermieristica: orari, cambi di posizione e mobilizzazione del paziente in base quanto previsto dai protocolli utilizzati 3. Spiegare al paziente cosa si sta facendo e perché e come può collaborare 4. Effettuare il lavaggio delle mani ed indossare i guanti se necessario 5. Assicurarsi che le spalle siano allineate sullo stesso piano così come le due anche 6. Se le spalle non sono allineate spingere una spalla o un’anca all’indietro o in avanti finché le quattro articolazioni non siano allineate sullo stesso piano 7. Mettere l’avambraccio davanti al corpo del paziente in una posizione confortevole che non alteri la circolazione 8. Ruotare il paziente come per una posizione prona 9. Garantire la privacy al paziente 10. Posizionare La spalla superiore in modo che sia abdotta dal corpo e che la spalla e gomito siano flessi. Mettere un cuscino nello spazio tra torace, addome, braccio superiore e letto

    9-3-4-8-1-7-10-6-2-5.
    9-4-3-1-8-7-10-5-6-2.
    3-9-8-1-4-10-7-5-6-2.
    3-4-9-8-1-7-10-5-6-2.
    Non so rispondere