Concorso istruttore direttivo amministrativo contabile D1, serie 30 domande

Tempo trascorso
-

1. Ai sensi del D. Lgs. 118/2011 costituiscono residui passivi:

Le spese impegnate, non liquidabili nell’esercizio.
Le spese impegnate, liquidate o liquidabili nell’esercizio, ma non pagate.
Le spese impegnate e pagate nell’esercizio.
Non so rispondere

2. Il riaccertamento parziale dei residui è approvato con:

Specifica deliberazione di Giunta Comunale, previo parere dell’organo di revisione; i relativi effetti sono recepiti nella delibera di riaccertamento ordinario.
Specifica deliberazione di Consiglio Comunale, previo parere dell’organo di revisione; i relativi effetti sono recepiti nella delibera di riaccertamento ordinario.
Determinazione del responsabile del servizio finanziario, previo parere dell’organo di revisione; i relativi effetti sono recepiti nella delibera di riaccertamento ordinario.
Non so rispondere

3. Il fondo pluriennale vincolato di spesa è iscritto in bilancio per un importo pari:

Alle spese che si prevede di impegnare nel corso del primo anno considerato nel bilancio con imputazione all’esercizio successivo.
Alle spese che si prevede di impegnare nel corso del primo anno considerato nel bilancio con imputazione agli esercizi successivi e alle spese già impegnate negli esercizi precedenti con imputazione agli esercizi successivi a quello considerato.
Alle spese che si prevede di impegnare nel corso del primo anno considerato nel bilancio con imputazione all’esercizio successivo e alle spese già impegnate negli esercizi precedenti con imputazione all’esercizio successivo a quello considerato.
Non so rispondere

4. Ai sensi dell’art 183 del D. Lgs. 267/2000:

non si possono assumere obbligazioni che danno luogo ad impegni di spesa corrente sugli esercizi non considerati nel bilancio.
non si possono assumere obbligazioni che danno luogo ad impegni di spesa di investimento sugli esercizi non considerati nel bilancio.
si possono assumere obbligazioni che danno luogo ad impegni di spesa corrente sugli esercizi non considerati nel bilancio per rate di ammortamento prestiti, inclusa la quota capitale.
Non so rispondere

5. Il risultato di amministrazione è applicabile:

Ad ognuno degli esercizi compresi nel bilancio di previsione.
Solo al primo esercizio del bilancio di previsione.
Al primo esercizio del bilancio di previsione e, limitatamente alla quota vincolata, agli esercizi successivi compresi nel bilancio di previsione.
Non so rispondere

6. Le variazioni compensative tra macroaggregati dello stesso programma all’interno della stessa missione sono adottate:

Con delibera di Consiglio Comunale.
Con delibera di Giunta Comunale.
Con determinazione del responsabile del servizio finanziario.
Non so rispondere

7. La verifica degli equilibri di bilancio è effettuata con la periodicità stabilita dal regolamento di contabilità e comunque:

Almeno una volta entro il 31 luglio.
Almeno una volta entro il 30 settembre.
Almeno una volta entro il 30 novembre.
Non so rispondere

8. L’incarico di revisore in ente locale non può essere svolto:

Per più di due volte consecutive nello stesso ente locale.
Per più di due volte nello stesso ente locale.
Per più di una volta nello stesso ente locale.
Non so rispondere

9. Le entrate di dubbia e difficile esazione sono accertate:

Per l’importo incassato nell’esercizio.
Per l’intero importo del credito.
Per l’importo del credito diminuito del fondo crediti dubbia esigibilit.
Non so rispondere

10. Le entrate proprie rateizzate, con scadenza dell’ultima rata oltre i 12 mesi, sono imputate:

Per intero all’esercizio in cui è concessa la rateizzazione.
Per intero all’esercizio in cui scade l’ultima rata.
Agli esercizi in cui scadono le rate, per i rispettivi importi.
Non so rispondere

11. Gli stanziamenti di bilancio costituiscono limite:

Agli accertamenti di entrata e agli impegni di spesa.
Agli accertamenti di entrata per accensione di prestiti e agli impegni di spesa, esclusi i rimborsi di anticipazioni di tesoreria e le partite di giro.
Agli accertamenti di entrata per accensione di prestiti e agli impegni di spesa, esclusi i rimborsi di prestiti e le partite di giro.
Non so rispondere

12. Le obbligazioni giuridiche perfezionate:

Sono registrate nelle scritture contabili al momento della scadenza dell'obbligazione, imputandole all'esercizio in cui l'obbligazione è sorta.
Sono registrate nelle scritture contabili al momento della nascita dell'obbligazione, imputandole all'esercizio in cui l'obbligazione viene a scadenza.
Sono registrate nelle scritture contabili nel momento in cui la spesa diviene esigibile imputandole all'esercizio in cui l'obbligazione viene a scadenza.
Non so rispondere

13. Le spese di investimento sono impegnate:

Agli esercizi in cui scadono le singole obbligazioni passive derivanti dal contratto avente ad oggetto la realizzazione dell'investimento, sulla base del relativo cronoprogramma.
All'esercizio in cui é sottoscritto il contratto avente ad oggetto la realizzazione dell'investimento per l'importo complessivo della spesa.
All'esercizio in cui l'opera è prevista nel piano triennale dei lavori approvato dal Consiglio Comunale per l'importo complessivo della spesa.
Non so rispondere

14. L'impegno delle spese di investimento effettuato sulla base del cronoprogramma può comportare, nel caso di variazioni del cronoprogramma determinate dall'avanzamento dei lavori con un andamento differente rispetto a quello previsto.

La necessità di procedere ad assumere nuovi impegni di spesa nell'anno di prevista esigibilità della spesa.
La necessità di procedere a variazioni di bilancio e al riaccertamento degli impegni assunti.
La necessità di procedere di al reperimento di nuove entrate per far fronte all'assunzione di nuovi impegni di spesa nell'anno di prevista esigibilità della spesa.
Non so rispondere

15. Ai fini del saldo di competenza tra entrate finali e spese finali, di cui alla legge 232/2016, commi 465 e seguenti:

Nelle entrate finali e spese finali non è considerato il fondo pluriennale vincolato di entrata e di spesa.
Nelle entrate finali e spese finali è considerato il fondo pluriennale vincolato di entrata e di spesa, al netto della quota riveniente dall’indebitamento.
Nelle entrate finali e spese finali non è considerato il fondo pluriennale vincolato di entrata e di spesa, al lordo della quota riveniente dall’indebitamento.
Non so rispondere

16. Ai fini del saldo di competenza tra entrate finali e spese finali, di cui alla legge 232/2016, commi 465 e seguenti:

Tra le spese finali non si considerano quelle per rimborso di prestiti.
Tra le spese finali non si considerano quelle correnti e per rimborso di prestiti .
Tra le spese finali si considerano quelle per rimborso di prestiti .
Non so rispondere

17. In base al principio applicato della contabilità economico patrimoniale, i costi/oneri sono rilevati:

In corrispondenza con la fase dell’impegno di spesa.
In corrispondenza con la fase della liquidazione della spesa.
In corrispondenza con la fase del pagamento della spesa.
Non so rispondere

18. In contabilità economico patrimoniale, i proventi da contributi agli investimenti sono rilevati:

Per intero nell’esercizio in cui sono stati accertati finanziariamente.
In quote annuali in relazione al piano di ammortamento del cespite a cui si riferiscono.
In quote annuali in relazione alla durata dei lavori di realizzazione del cespite a cui si riferiscono.
Non so rispondere

19. La contabilità economico patrimoniale per gli enti locali è tenuta a fini:

Autorizzatori.
Conoscitivi.
Autorizzatori e conoscitivi.
Non so rispondere

20. Ai sensi dell’articolo 10 del DPR 633/72, “Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto”, non sono operazioni esenti:

Prestazioni delle biblioteche e quelle inerenti la visita ai musei.
Prestazioni delle mense scolastiche e mense aziendali.
Prestazioni degli asili e case di riposo.
Non so rispondere

21. L’IVA relativa alle cessioni di beni ed alle prestazioni di servizi che la Pubblica amministrazione riceve da terzi, diviene esigibile:

Al momento della registrazione della fattura di acquisto e partecipa alla liquidazione iva del mese in cui è registrata la fattura.
Al momento del pagamento della fattura di acquisto e partecipa alla liquidazione iva del mese in cui è pagata la fattura.
Al momento di ricevimento della fattura di acquisto e partecipa alla liquidazione iva del mese in cui è stata ricevuta.
Non so rispondere

22. Quali sanzioni disciplinari sono irrogate direttamente dal responsabile della struttura presso cui presta servizio il dipendente?

Nessuna.
Il rimprovero verbale.
Il rimprovero verbale ma solo previa segnalazione all’Ufficio competente per i Procedimenti Disciplinari.
Non so rispondere

23. Il piano triennale dei fabbisogni di personale è adottato:

Ogni tre anni, in coerenza con la dotazione organica e le facoltà assunzionali previste dalla normativa vigente.
Ogni tre anni, in coerenza con la pianificazione pluriennale delle attività e della performance, nei limiti delle facoltà assunzionali previste dalla normativa vigente.
Ogni anno, in coerenza con la pianificazione pluriennale delle attività e della performance, nei limiti delle facoltà assunzionali previste dalla normativa vigente.
Non so rispondere

24. I dipendenti pubblici possono essere adibiti a mansioni della qualifica immediatamente superiore solo nei casi:

Di vacanza di posto in organico, per un periodo di sei mesi, prorogabili a dodici se sono state avviate le procedure per la copertura del posto, e di sostituzione di dipendente assente con diritto di conservazione del posto per la durata dell’assenza.
In cui il dirigente assegni al dipendente mansioni superiori attraverso un provvedimento scritto e solo per un periodo non superiore a dodici mesi.
Di vacanza del posto in organico per un periodo di tempo illimitato, sicuramente fino a quanto la Giunta Comunale non provveda all’ approvazione di un nuovo piano triennale dei fabbisogni di personale.
Non so rispondere

25. Ai sensi dell’art. 314 del Codice penale, il reato di peculato si verifica quando:

Un pubblico ufficiale od un incaricato di pubblico servizio, essendo per ragioni di ufficio in possesso di denaro o di altra cosa mobile di altrui, se ne appropria, anche per un periodo di tempo ridotto.
Il pubblico ufficiale o l’ incaricato di pubblico servizio che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro od altra utilità.
Il pubblico ufficiale, che, per l’ esercizio delle sue funzioni o dei suoi poteri, riceve indebitamente, per sé o per altri, denaro o altra utilità, o ne accetta la promessa.
Non so rispondere

26. L’accesso ai dati, documenti e informazioni pubblicati ai sensi del D. Lgs. 33/2013 si realizza:

Attraverso l’accesso nei siti istituzionali delle pubbliche amministrazioni previa identificazione o autenticazione.
Attraverso l’accesso nei siti istituzionali delle pubbliche amministrazioni senza necessità di identificazione o autenticazione, in presenza di un interesse pubblico o privato giuridicamente rilevante.
Attraverso l’accesso nei siti istituzionali delle pubbliche amministrazioni senza necessità di identificazione o autenticazione.
Non so rispondere

27. L'esercizio del diritto di accesso civico a dati e documenti delle pubbliche amministrazioni, quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente:

E' consentito soltanto ai residenti del Comune al quale è inoltrata la richiesta.
E' consentito soltanto ai diretti interessati.
Non è sottoposto ad alcuna limitazione.
Non so rispondere

28. La concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l'attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati sono subordinate:

Alla predeterminazione da parte delle amministrazioni procedenti dei criteri e delle modalità cui le amministrazioni stesse devono attenersi.
All'adozione, per ciascuna richiesta di contributo, di apposita deliberazione dell'amministrazione procedente nelle quale siano determinati i criteri e le modalità cui il richiedente deve attenersi affinché possa essere erogato il contributo da parte del dirigente competente.
Alla dicrezionalità amministrativa dell'Ente sulla base degli obiettivi programmatici contenuti nel Documento Unico di Programmazione (D.U.P.).
Non so rispondere

29. Il responsabile del procedimento:

Adotta, ove ne abbia la competenza, il provvedimento finale, ovvero trasmette gli atti all'organo competente per l'adozione.
Adotta il provvedimento finale qualora non comporti impegno di spesa.
Adotta, ove ne abbia la competenza, il provvedimento finale, previo parere del responsabile del servizio di appartenenza.
Non so rispondere

30. Per quanto non espressamente previsto nel D. Lgs. 50/2016 e negli atti attuativi, alle procedure di affidamento e alle altre attività amministrative in materia di contratti pubblici si applicano:

Le disposizioni del codice civile.
Le disposizioni di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241, anche per quanto attiene alla stipula e alla fase di esecuzione del contratto.
Le disposizioni di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241, per le procedure di affidamento, mentre alla stipula del contratto e alla fase di esecuzione si applicano le disposizioni del codice civile.
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate