Medicina specialistica per infermieri

Tempo trascorso
-

1. Quale esame nella diagnosi di "sindrome X" cardiaca è dirimente?

coronarografia
ecocardiogramma
scintigrafia miocardia
test da sforzo
nessuna delle risposte indicate
Non so rispondere

2. Nella popolazione sana tra gli uomini la prima manifestazione delle malattie coronariche e' piu' frequentemente:

l'angina cronica stabile
l'infarto
la morte improvvisa coronarica
l'angina instabile
l'insufficienza cardiaca post-ischemica
Non so rispondere

3. Quale di queste condizioni richiede (salvo controindicazioni) l'impianto di un pace-maker?

Episodi di fibrillazione atriale ad elevata risposta ventricolare alternati a fasi di ritmo sinusale
Fibrillazione atriale non responsiva ad amiodarone, recidivante dopo ripetuti tentativi di cardioversione elettrica
Episodi di tachicardia ventricolare sotto sforzo
Alterazioni ischemiche in corso di test da sforzo al cicloergometro
Paziente con funzione ventricolare marcatamente depressa con episodi di bradicardia marcata
Non so rispondere

4. L'esame principale per la valutazione della cardiomiopatia dilatativa e':

L'elettrocardiogramma
L'ecocardiografia
La coronarografia
La scintigrafia miocardica
Il test da sforzo al cicloergometro
Non so rispondere

5. Qual e' il management piu' corretto tra quelli indicati di un paziente da alcune settimane sintomatico per dispnea da sforzo e palpitazioni, con riscontro ad una visita di controllo di fibrillazione atriale non precedentemente nota?

Immediata cardioversione con amiodarone
Immediata cardioversione elettrica
Esecuzione di Ecografia trans esofagea e successiva eventuale cardioversione elettrica
Terapia con antiaggreganti
Esecuzione di coronarografia
Non so rispondere

6. Quale delle seguenti è un importante funzione fisiologica degli acidi biliari?

favorire l'escrezione di sostanze tossiche
favorire l'assorbimento della vitamina B12
mantenere un adeguato pH intestinale
favorire l'assorbimento dei grassi
favorire l'assorbimento degli aminoacidi
Non so rispondere

7. In quale delle seguenti condizioni la lesione intestinale è transmurale:

colite ulcerosa
celiachia
morbo di Crohn
nessuna di queste
m. di Whipple
Non so rispondere

8. Massimo, un operaio di 35 anni, si presenta ad un controllo ambulatoriale per la valutazione di un problema di diarrea e perdita di peso. Una esofagogastroduodenoscopia, eseguita allo scopo di ottenere un campione bioptico del piccolo intestino, dimostra eritema dell'esofago, con alcune erosioni, due ulcere gastriche e multiple ulcerazioni duodenali. Il campione bioptico dimostra un appiattimento dei villi. Quale indagine eseguireste quale successivo passo diagnostico?

ERCP (colangiopancreatografia retrograda per via endoscopica)
colonscopia
gastrinemia
ricerca anticorpi anti-endomisio ed anti-gliadina
test di Schilling
Non so rispondere

9. Le colangiti sono più frequentemente dovute a:

assunzione di bevande ghiacciate in pazienti con litiasi multipla delle vie biliari
batteri Gram positivi provenienti più frequentemente dall'arteria epatica
effetto detergente degli acidi biliari
disfunzione dello sfintere di Oddi e autodigestione da parte degli enzimi pancreatici refluiti nelle vie biliare
batteri Gram positivi e Gram negativi provenienti dall'intestino
Non so rispondere

10. Tutte le seguenti condizioni rientrano tra le cause di pseudoostruzione intestinale cronica, tranne:

sclerodermia
assunzione di antidepressivi triciclici
diabete mellito
ipertiroidismo
amiloidosi
Non so rispondere

11. Le lesioni del morbo celiaco si riscontrano a livello:

dello stomaco
del digiuno solamente
del duodeno e del digiuno
dell'ileo
del duodeno solamente
Non so rispondere

12. Quali delle seguenti patologie può manifestarsi con ascite?

sindrome nefrosica
rettocolite ulcerosa
steatosi epatica
deficit di disaccaridasi
tireotossicosi
Non so rispondere

13. I parametri di laboratorio piu' utili per monitorare l'attivita' del processo infiammatorio nella epatite cronica sono:

sali biliari totali
bilirubinemia frazionata
transaminasi e gammaglobuline sieriche
tempo di protrombina
fosfatasi alcalina
Non so rispondere

14. Tutte le seguenti condizioni rappresentano fattori di rischio della colelitiasi colesterinica, tranne:

obesità
terapia con clofibrato
terapia con estrogeni
resezione chirurgica dell'ileo
rettocolite ulcerosa
Non so rispondere

15. Il sintomo "bruciore retrosternale" è indicativo e specifico di:

ulcera gastrica
ulcera duodenale
gastrite autoimmune
malattia da reflusso esofageo
gastrite da Helicobacter pylori
Non so rispondere

16. Lorenzo, un muratore di 21 anni, ha una bilirubinemia totale = 2.3 mg/dl, con una frazione diretta = 0.3 mg/dl. Non risulta storia familiare di epatopatia; dall'anamnesi, stimate che beva circa 40 gr di alcool al dì; non ha altri sintomi o segni di epatopatia, se si esclude il subittero. Emocromo, conta reticolocitaria, ALT, AST, fosfatasi alcalina e GGT sono normali, così come profilo elettroforetico ed INR. Vi risulta infine che sia HBsAg negativo, HBsAb positivo, HBcAb negativo. Il vostro orientamento è:

epatite B, in atto
epatite B, in fase di risoluzione
epatite C
epatite alcolica
malattia di Gilbert
Non so rispondere

17. Si può osservare ipoglicemia postprandiale:

nel morbo celiaco
dopo gastroresezione subtotale
per una fistola gastro-colica
per singhiozzo persistente
nell'ulcera duodenale
Non so rispondere

18. Quali delle seguenti malattie puo' essere causa di coma epatico?

Epatite cronica attiva in evoluzione cirrotica
Ittero ostruttivo da calcolosi cirrotica
Cirrosi epatica scompensata
Malattia di Gilbert
Cirrosi settale incompleto
Non so rispondere

19. Per quale motivo è effettuato un test allo xylosio?

per verificare la funzionalità delle disaccaridasi intestinali
per verificare l'integrità dlel'area superficiale dell'intestino tenue
per verificare la funzionalità pancreatica
per verificare la fosforilazione dei carboidrati dell'intestino
per valutare l'assorbimento glicidico
Non so rispondere

20. Tutti i seguenti farmaci trovano indicazione nella terapia dell'ulcera peptica, tranne:

salazopirina
omeprazolo
sucralfato
ranitidina
pirenzepina
Non so rispondere

21. Osvaldo, anni 52-enne, ha una storia di diarrea e calo ponderale che si può far riferire a due anni prima. Non c'è storia di sanguinamento gastroenterico ed una ricerca di sangue occulto fecale è risultata negativa su tre campioni. Ammette di averci dato dentro con l'alcol in passato, ma da diversi anni è assolutamente astinente. Ha un diabete, controllato con insulina. Sei anni prima è stato colecistectomizzato. Gli esami di laboratorio sono normali, se si fa eccezione per una lieve anemia, così come normali sono lo studio radiologico del piccolo e del grosso intestino. A questo punto, suggerireste:

ERCP (colangiopancreatolografia retrograda per via endoscopica)
biopsia digiunale
dosaggio dei grassi fecali
breath test per disaccaridi
colonscopia più biopsia
Non so rispondere

22. Il morbo di Crohn interessa:

solo l'ileo
solo l'ileo e il colon
solo il colon
ileo, colon e anche altri tratti dell'apparato digerente
ileo, colon e retto
Non so rispondere

23. La sindrome di Mallory Weiss si verifica in caso di:

tumore endocrino del pancreas
diarrea secretoria
vomito persistente
tumore ipofisario
poliposi giovanile
Non so rispondere

24. Nel morbo di Crohn la maggiore frequenza di litiasi colecistica è legata a:

un aumentato assorbimento ileale di sali biliari
un ridotto pool di sali biliari
un aumentato assorbimento ileale di colesterolo
un'associata colecistite
ipovitaminosi
Non so rispondere

25. In quale dei seguenti tratti intestinali avviene principalmente l'assorbimennto del ferro?

duodeno
ileo
colon
stomaco
in tutto il tratto intestinale
Non so rispondere

26. Qual è la principale componente dei calcoli biliari radiotrasparenti?

bilirubina
sali biliari
urobilina
colesterolo
lecitina
Non so rispondere

27. Il più frequente tumore benigno del fegato è:

l'emangioma capillare
il fibroma ialino
il fibroadenoma
il neurofibroma
l'adenoma dei dotti biliari
Non so rispondere

28. La peritonite batterica spontanea rappresenta una complicanza di quale delle seguenti patologie:

appendicite acuta
diverticolosi del colon
cirrosi epatica
malattia di Crohn
colecistite
Non so rispondere

29. In quali linfonodi metastatizza prevalentemente il carcinoma della giunzione retto-sigmoidea?

ipogastrici
inguinali
mesenterici inferiori
mesenterici superiori
tripode celiaco
Non so rispondere

30. Tutti i seguenti parametri sono utilizzati per la classificazione di Child-Pugh della cirrosi epatica, tranne:

albuminemia
ascite
bilirubina
colinesterasi
encefalopatia
Non so rispondere