Medicina specialistica 03

Tempo trascorso
-

1. A quale dei seguenti tipi di IMA può essere associata una importante attivazione vagale?

IMA del setto
IMA laterale
IMA anteriore
IMA diaframmatico
Nessuno delle risposte indicate
Non so rispondere

2. La fibrillazione ventricolare è caratterizzata sul piano clinico da:

cardiopalmo
dispnea grave
infarto acuto
arresto cardiocircolatorio
cianosi
Non so rispondere

3. Quali dei seguenti esami è determinante nell'arteriopaticoai fini della scelta terapeutica?

TAC
arteriografia
scintigrafia
fotopletismografia
flebografia
Non so rispondere

4. Qual è la complicanza più grave della stenosi mitralica?

fibrillazione atriale
infarto polmonare
infarto del miocardio
embolia sistemica
asistolia
Non so rispondere

5. Nel paziente iperteso la severità del danno d'organo è più strettamente correlata:

con la PA clinica
con la PA domiciliare
con la PA diurna
con la PA delle 24 ore
con la PA notturna
Non so rispondere

6. L'angioplastica coronarica percutanea (PTCA) è indicata nella condizione seguente:

stenosi coronarica
insufficienza cardiaca
difetto interatriale
arteriopatia arti inferiori
amiloidosi cardiaca
Non so rispondere

7. Nella dissecazione aortica il reperto semeiologico più importante è:

assenza o ipofisgmia dei polsi arteriosi
ippocratismo digitalico
cianosi
blocco di branca dx
pectus excavatum
Non so rispondere

8. In quale di queste cardiopatie all'auscultazione si apprezza un "click" meso-telesistolico?

insufficienza mitralica
prolasso della valvola mitrale
cardiopatia infartuale
aneurisma aortico
difetto interventricolare
Non so rispondere

9. Quale tra i seguenti fattori non è correlato ad una maggiore mortalità in un paziente con scompenso cardiaco?

La ridotta variabilità dell'intervallo RR
l'utilizzo degli ACE INibitori
elevati livelli circolanti di BNP (brain natriuretic peptide)
la sfericizzazione del ventricolo sinistro
una pressione arteriosa inferiore a 80/60 mmHg
Non so rispondere

10. La causa più comune della stenosi aortica è:

la malattia congenita
la malattia reumatica
la degenerazione fibrocalcifica senile
la degenerazione fibrocalcifica di una valvola aortica bicuspide
l'endocardite infettiva
Non so rispondere

11. Il flutter atriale:

origina da un meccanismo di rientro a partenza dall'atrio destro
origina da un meccanismo di rientro che origina dall'atrio sinistro
spesso presenta il proprio focus di attivazione a livello delle vene polmonari
origina da un punto qualsiasi a livello atriale destro o sinistro
origina a livello del nodo atrio-ventricolare
Non so rispondere

12. Qual è il sintomo immediato di rottura di un aneurisma aortico?

dolore improvviso acuto e/o shock
melena
ematemesi
anuria
scomparsa dei polsi periferici
Non so rispondere

13. Il polso « parvus et tardus » è presente in quale delle seguenti valvulopatie?

stenosi mitralica
insufficienza aortica
insufficienza polmonare
stenosi aortica
insufficienza mitralica
Non so rispondere

14. In quale di queste patologie la frazione di eiezione, valutata ecograficamente, viene sovrastimata?

stenosi aortica
insufficienza aortica
ipertrofia miocardia concentrica
ipertrofia miocardia eccentrica
insufficienza mitralica
Non so rispondere

15. In un paziente affetto da cardiopatia ischemica e diabete, qual è il valore di pressione arteriosa che ci si prefigge di raggiungere in quanto considerato ottimale?

=130/80
=120/80
=100/80
<120/80
<130/80
Non so rispondere

16. Cosa non è possibile auscultare all'esame obiettivo cardiaco, in un paziente con FA?

il I° tono cardiaco
il II° tono cardiaco
un soffio da insufficienza mitralica
un soffio da stenosi mitralica
il IV° tono cardiaco
Non so rispondere

17. Nell'insufficienza aortica valvolare si rilevano tutti i seguenti segni tranne:

pallore
aumento della pressione differenziale arteriosa
polso tardo
danza delle arterie
rumore di Flint
Non so rispondere

18. Per miocardio ibernato si intende:

una condizione di diminuita funzione miocardia, dovuta a riduzione del flusso coronarico, che persiste dopo rivascolarizzazione, nonostante l'assenza di un danno irreversibile
una condizione di diminuita funzione miocardia, dovuta a riduzione del flusso coronarico, che migliora dopo rivascolarizzazione
la riduzione della temperatura corporea che porta il miocardio ad una temperatura di circa 17°C, che viene effettuata prima di interventi di cardiochirurgia a cuore aperto
la condizione a cui va incontro il miocardio in conseguenza di un evento ischemico
la condizione a cui va incontro il miocardio in seguito a denervazione
Non so rispondere

19. L'ulcerazione della placca ateromatosa coronarica si associa a:

ischemia da ridotto apporto
vasocostrizione focale coronarica
aggregazione piastrinica
angina instabile
tutte le risposte indicate
Non so rispondere

20. Quale di questi non è un fattore di rischio cardiovascolare?

iperomocisteinemia
proteina C reattiva >1mg/dl
dislipidemia
circonferenza addominale =102cm nei maschi e =88cm nelle femmine
aumento TNF circolante
Non so rispondere

21. Quale delle seguenti condizioni non costituisce un fattore di rischio per embolia polmonare:

traumi/fratture
età avanzata
insufficienza venosa cronica
ipotiroidismo
obesità
Non so rispondere

22. Tutte le seguenti sono caratteristiche del dolore nell'angina stabile tranne:

sensazione di peso o di bruciore in sede retrosternale
insorgenza a riposo con peggioramento in seguito allo sforzo fisico
durata non superiore ai 20 minuti
sensibile alla somministrazione dei nitrati
nel sonno insorge più frequentemente durante la fase REM
Non so rispondere

23. Lo studio elettrofisiologico endocavitario è indispensabile:

nei pazienti con extrasistolia frequente
nei pazienti con insufficienza cardiaca
nei pazienti con blocco di branca destra
nei pazienti con blocco di branca
nei pazienti con aritmie ventricolari maligne
Non so rispondere

24. Lo schiocco di apertura è un reperto ascoltatorio della:

insufficienza polmonare
stenosi aortica
stenosi tricuspidale
stenosi mitralica
insufficienza aortica
Non so rispondere

25. Se un paziente ha per la prima volta un episodio di angina, come dobbiamo classificare la malattia:

angina preinfartuale
angina stabile
angina instabile
angina da ridotto apporto
angina da aumentata richiesta
Non so rispondere

26. Un uomo di 30 anni si reca dal medico con febbre associata a brivido, palpitazioni e marcata sudorazione; all'esame obiettivo si riscontra la presenza di un soffio sistolico puntale di 3/6. Cosa sospetti?

rottura di corda tendinea
insufficienza aortica acuta
mixoma atriale
endocardite batterica
IMA in atto
Non so rispondere

27. La miocardiopatia dilatativa su base alcolica non è caratterizzata da:

prognosi peggiore rispetto alla CMPD di origine primitiva, anche con la sospensione totale dell'assunzione di alcool
elevato rischio di aritmie
elevato rischio di tromboembolia
evoluzione in scompenso cardiaco
reversibilità alla sospensione dell'assunzione di alcool
Non so rispondere

28. In un paziente portatore di protesi valvolare cardiaca di tipo meccanico, quale fra le seguenti risulta essere la terapia corretta?

terapia anticoagulante, mantenendo un range di INR compreso fra 2,5-3,5 per 6 mesi, poi solo terapia antiaggregante
terapia anticoagulante , mantenendo un range di INR compreso fra 2,5-3,5 per tempo indefinito
terapia anticoagulante , mantenendo un range di INR compreso fra 2-3 per tempo indefinito
terapia anticoagulante , mantenendo un range di INR compreso fra 2-3 per 6 mesi, poi solo terapia antiaggregante
terapia anticoagulante , mantenendo un range di INR compreso fra 2,5-3,5 per un anno, poi solo terapia antiaggregante
Non so rispondere

29. Per quali valori medi di pressione arteriosa si definisce l'ipertensione arteriosa, al monitoraggio pressorio delle 24 ore

=120/80
=125/90
=125/80
=130/85
>120/80
Non so rispondere

30. Soffio sistolico di rigurgito si rileva nella:

stenosi polmonare
insufficienza mitralica
insufficienza polmonare
stenosi aortica
stenosi tricuspidale
Non so rispondere