Prova preselettiva per istruttore amministrativo 03

Tempo trascorso
-

1. QUALI TRA LE SEGUENTI NORME DISCPLINANO ALCUNI DEI PRINCIPI CHE REGOLANO IL RAPPORTO DI PUBBLICO IMPIEGO?

Gli articoli 50 e 94 della Costituzione
Gli articoli 25 e 91 della Costituzione
Gli articoli 51 e 98 della Costituzione
Non so rispondere

2. SECONDO LA COSTITUZIONE, CHI DIRIGE LA POLITICA DELLA GIUNTA REGIONALE?

Il Presidente della Giunta
Uno dei componenti, secondo turni prestabiliti all’atto dell’insediamento
L’assessore più anziano
Non so rispondere

3. SECONDO L'ART. 126 DELLA COSTITUZIONE, LO SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO REGIONALE È DISPOSTO:

Con decreto motivato del Presidente della Regione
Con decreto motivato del Presidente della Repubblica
Con deliberazione anche non motivata della Giunta regionale
Non so rispondere

4. L’ART. 25 DELLA NOSTRA COSTITUZIONE SANCISCE L’IRRETROATTIVITÀ DELLA LEGGE:

Limitatamente al diritto penale
Sia nel diritto privato sia nel diritto penale
Limitatamente al diritto privato
Non so rispondere

5. L’INCOMPETENZA, NEGLI ATTI AMMINISTRATIVI, SI CONFIGURA COME UN VIZIO DI:

Illiceità
Legittimità
Inopportunità
Non so rispondere

6. IL RICORSO GERARCHICO È AMMESSO:

Sia per motivi di merito, sia per motivi di legittimità
Solo per motivi di legittimità
Solo per motivi di merito
Non so rispondere

7. LA MANCANZA DI UN REQUISITO ESSENZIALE DELL’ATTO AMMINISTRATIVO NE DETERMINA:

L’annullabilità
La nullità
La decadenza
Non so rispondere

8. QUALE TIPO DI VIZIO INFICIA L’ATTO AMMINISTRATIVO CHE VIOLA UNA REGOLA DI CONVENIENZA E DI BUONA AMMINISTRAZIONE?

Un vizio di merito
Un vizio di invalidità derivata
Un vizio di legittimità
Non so rispondere

9. QUALE CONSEGUENZA GIURIDICA DERIVA NELL’IPOTESI DI ATTO AMMINISTRATIVO VIZIATO PER INCOMPETENZA DELL’ORGANO CHE LO HA EMANATO?

L’annullabilità
La nullità
L’inefficacia
Non so rispondere

10. AI SENSI DEL D.P.R. N. 445/00, IL TESTO DI UN ATTO PUBBLICO NON DEVE CONTENERE:

Lacune, aggiunte, abbreviazioni, correzioni, alterazioni o abrasioni
Abbreviazioni, acronimi ed espressioni in lingua straniera di uso comune
Correzioni in cui sia leggibile la precedente stesura
Non so rispondere

11. CHIUNQUE RILASCIA DICHIARAZIONI MENDACI, FORMA ATTI FALSI O NE FA USO, SECONDO QUANTO INDICATO NEL D.P.R. N. 445/00:

È punito con la reclusione da uno a tre anni
È punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia
È interdetto dai pubblici uffici
Non so rispondere

12. QUALE DIFFERENZA INTERCORRE TRA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ?

La prima comprova gli status e le qualità personali risultanti dalle normali certificazioni, la seconda gli status, le qualità personali ed i fatti che siano a conoscenza del dichiarante
Solo la seconda può esibirsi nell'ambito di procedimenti complessi
Sono sinonimi
Non so rispondere

13. AI SENSI DELLA L. 241/1990, LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI POSSONO IMPORRE COATTIVAMENTE L’ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI NEI LORO CONFRONTI?

Solo se il provvedimento ha carattere di indifferibilità ed urgenza
Solo nei casi e con le modalità stabilite dalla legge
Solo se il provvedimento è immediatamente efficace
Non so rispondere

14. AI SENSI DELLA L. 241/1990, LA RIDUZIONE DEL TERMINE DI SOSPENSIONE DELL’EFFICACIA DEL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO PUÒ ESSERE DISPOSTA:

Per una sola volta, dallo stesso organo che lo ha emanato ovvero da altro organo previsto dalla legge
Per sopravvenute esigenze, dallo stesso organo che lo ha emanato
Per una sola volta, dallo stesso organo che lo ha emanato
Non so rispondere

15. AI SENSI DELLA L. 241/1990, IL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO COSTITUTIVO DI QUALSIVOGLIA OBBLIGO NEI CONFRONTI DELLA P.A.:

Deve indicare il termine e le modalità dell’esecuzione da parte del soggetto obbligato
Si esegue attraverso l’applicazione delle disposizioni per l’esecuzione coattiva dei crediti dello Stato
Costituisce una diffida che precede l’esecuzione coattiva
Non so rispondere

16. LA LEGGE N. 241/90 STABILISCE CHE LA RICHIESTA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DEVE ESSERE MOTIVATA?

Sì, indipendentemente dalla forma dell'istanza
Sì, se l'istanza ha la forma scritta
Sì, se la richiesta di accesso proviene da un privato
Non so rispondere

17. AI SENSI DEL D. LGS. 196 DEL 2003, L'INTERESSATO HA DIRITTO DI OTTENERE LA CONFERMA DELL'ESISTENZA O MENO DI DATI PERSONALI CHE LO RIGUARDANO?

No
Sì
Solo se si tratta di dati sensibili
Non so rispondere

18. AL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI SPETTA DI:

Segnalare al parlamento e al governo l'opportunità di interventi normativi
Segnalare solo al governo l'opportunità di interventi normativi
Applicare le sanzioni previste dal D.Lgs. n. 196 del 2003
Non so rispondere

19. AI SENSI DEL TESTO UNICO DEGLI ENTI LOCALI, QUALE E’ L’ORGANO RESPONSABILE DELL’AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE?

Il Sindaco
La Giunta
Il Sindaco e il Consiglio
Non so rispondere

20. DA QUALE ORGANO È DELIBERATO LO STATUTO COMUNALE?

Dal Consiglio comunale
Dal Parlamento in seduta comune
Dalla Giunta comunale
Non so rispondere

21. L’ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL COMUNE È DISCIPLINATO:

Da legge regionale
Da apposito regolamento, in conformità con lo statuto
Da legge ordinaria
Non so rispondere

22. SECONDO QUANTO INDICATO NEL D. LGS. 267/00, COSA SI INTENDE PER ELETTORATO PASSIVO?

Il diritto di essere eletti alle cariche indicate all’art.55 per gli elettori di un qualsiasi Comune della Repubblica che abbiano compiuto il venticinquesimo anno di età, nel primo giorno fissato per la votazione
La parte di popolazione che non ha diritto al voto
Il diritto di essere eletti alle cariche indicate all’art.55 per gli elettori di un qualsiasi Comune della Repubblica che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, nel primo giorno fissato per la votazione
Non so rispondere

23. IN MATERIA DI ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI, QUAL È LA PRINCIPALE FONTE NORMATIVA?

D. Lgs. N° 77 del 2000
D. Lgs. N° 267 del 2000
L. N° 142 del 1990
Non so rispondere

24. AI SENSI DELL’ART. 180 DEL TUEL, QUALE DELLE SEGUENTI AFFERMAZIONI NON E’ CORRETTA RELATIVAMENTE ALLA RISCOSSIONE?

La riscossione costituisce una fase del procedimento dell’entrata, che consiste nel materiale introito da parte del tesoriere delle somme dovute all’ente
La riscossione è una fase di gestione dell’entrata mediante la quale viene verificata la ragione del credito
La riscossione è disposta a mezzo di ordinativo di incasso, fatto pervenire al tesoriere
Non so rispondere

25. AI SENSI DELL’ART. 179 DEL TUEL, QUALE DELLE SEGUENTI AFFERMAZIONI E’ CORRETTA RELATIVAMENTE ALL’ACCERTAMENTO?

Costituisce una fase di gestione dell'entrata mediante la quale viene verificata la ragione del credito
Costituisce una fase di gestione delle spese mediante la quale viene verificata la ragione del credito e la sussistenza di un idoneo titolo giuridico
Costituisce una fase di gestione dell'entrata mediante la quale è determinata la somma da pagare 
Non so rispondere

26. L’AFFERMAZIONE “UN ENTE LOCALE È AUTORIZZATO AD ATTIVARE PRESTITI OBBLIGAZIONARI NELLE FORME CONSENTITE DALLA LEGGE”, È:

Sempre vera
Sempre falsa
Vera solo se l’Ente ottiene prima il parere favorevole della Banca d’Italia e del Governo
Non so rispondere

27. LA DEFINIZIONE “IL PUBBLICO UFFICIALE O L'INCARICATO DI UN PUBBLICO SERVIZIO CHE, AL FINE DI PROCURARE A SE O AD ALTRI UN INGIUSTO VANTAGGIO NON PATRIMONIALE O PER ARRECARE AD ALTRI UN DANNO INGIUSTO, ABUSA DEL SUO UFFICIO” SI RIFERISCE AL REATO DI :

Concussione
Abuso d’ufficio
Corruzione per un atto d’ufficio
Non so rispondere

28. AI SENSI DEL D.LGS.165/2001, QUALE DEI SEGUENTI PRESUPPOSTI, TRA GLI ALTRI, È NECESSARIO AFFINCHÈ LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI POSSANO CONFERIRE INCARICHI INDIVIDUALI, CON CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO, AD ESPERTI DI PROVATA COMPETENZA?

La prestazione deve essere di natura temporanea ed altamente qualificata
L'oggetto della prestazione deve essere il più possibile generale, in modo tale da consentire una migliore flessibilità nell'utilizzo delle risorse umane
Gli incaricati debbono essere iscritti nei ruoli della stessa pubblica amministrazione
Non so rispondere

29. COME SI PUÒ ESTINGUERE IL RAPPORTO D’IMPIEGO NELLA P.A.?

Collocamento a riposo per raggiunti limiti di età
Infortunio
Comunicazione verbale di dimissioni
Non so rispondere

30. IL DLGS 33/13 HA PER OGGETTO ?

Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni
Aggiornamento del DLgs 241/1990 relativo alle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi
Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria
Non so rispondere