Prova preselettiva per istruttore amministrativo

Tempo trascorso
-

1. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, PRIMA DI PROMULGARE UNA LEGGE, PUÒ ESERCITARE IL SUO POTERE DI VETO:

Tre volte
Due volte
Una volta
Non so rispondere

2. LA COSTITUZIONE AFFERMA CHE L'IMPUTATO NON È CONSIDERATO COLPEVOLE FINO:

Alla sentenza di condanna definitiva
Alla sentenza di condanna di qualunque grado
Al rinvio a giudizio
Non so rispondere

3. SECONDO LA COSTITUZIONE ITALIANA, QUALE ORGANO RAPPRESENTA LA REGIONE?

Il Presidente della Regione
Il Commissario governativo
La Giunta
Non so rispondere

4. QUAL È, SECONDO LA COSTITUZIONE ITALIANA, L'ORGANO ESECUTIVO DELLE REGIONI?

La Giunta regionale
Il Presidente della Giunta
Il Consiglio regionale
Non so rispondere

5. SI PUÒ DISPORRE L'AVOCAZIONE QUANDO TRA GLI ORGANI SUSSISTE:

Una qualsiasi relazione interorganica
Una situazione di imprescindibile necessità ed urgenza
Un rapporto di gerarchia propria o impropria
Non so rispondere

6. CHE COSA SI INTENDE PER COMPETENZA?

L'insieme delle funzioni che l'ordinamento giuridico assegna ad un organo
La professionalità che un soggetto deve avere per ricoprire una carica
L'insieme delle funzioni assegnate ai dirigenti di un organo
Non so rispondere

7. L’ECCESSO DI POTERE È:

Un vizio di legittimità dell’atto
Un vizio di merito dell’atto
Un'invasione delle competenze di altri organi
Non so rispondere

8. QUANDO L'UFFICIO È PRIVO DEL TITOLARE, SI HA:

Vacanza
Assenza
Impedimento
Non so rispondere

9. SONO ATTI AMMINISTRATIVI RESTRITTIVI:

Gli atti che si limitano ad accertare una determinata situazione, senza influire su di essi
Gli atti che attribuiscono al destinatario nuovi poteri e nuove facoltà, ampliando la sua sfera giuridica
Gli atti che restringono la sfera giuridica del destinatario
Non so rispondere

10. I CITTADINI DI STATI NON APPARTENENTI ALL’UNIONE EUROPEA POSSONO UTILIZZARE LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE PREVISTE DALL’ORDINAMENTO ITALIANO?

Si, ma con le limitazioni previsti dallo stesso Testo Unico
No, in nessun caso
Si, ma possono utilizzarle esclusivamente nei rapporti con soggetti privati e non con la pubblica amministrazione
Non so rispondere

11. SECONDO QUANTO INDICATO NEL D.P.R. N. 445/00, QUALI CERTIFICATI NON POSSONO ESSERE SOSTITUITI DA ALTRO DOCUMENTO?

I certificati attestanti l’assolvimento degli obblighi retributivi
I certificati penali e dei carichi pendenti
I certificati medici, sanitari, veterinari
Non so rispondere

12. CON QUALE TERMINE IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DEFINISCE L'ATTESTAZIONE, DA PARTE DI UN PUBBLICO UFFICIALE, CHE UNA SOTTOSCRIZIONE È STATA APPOSTA IN SUA PRESENZA, PREVIO ACCERTAMENTO DELL'IDENTITÀ DELLA PERSONA CHE SOTTOSCRIVE?

Atto notorio
Dichiarazione sostitutiva di certificazione
Autenticazione di sottoscrizione
Non so rispondere

13. LA LEGGE N. 241/90 DISPONE CHE, CON APPOSITO REGOLAMENTO, SIANO INDIVIDUATI DETERMINATI CASI DI ESCLUSIONE DEL SILENZIO-ASSENSO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE?

Sì, dispone in tal senso
Si, in materia ambientale
Sì, ma solo in materia di licenza di porto d'armi
Non so rispondere

14. AI SENSI DELLA L. 241/1990, LA SOSPENSIONE DELL’ESECUZIONE DEL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO PUÒ ESSERE DISPOSTA:

Solo in caso di provvedimenti limitativi della sfera giuridica dei privati
Per gravi ragioni
In caso di provvedimento avente carattere cautelare ed urgente
Non so rispondere

15. LA FACOLTÀ DI PRENDERE VISIONE DEGLI ATTI DEL PROCEDIMENTO COINCIDE CON L’ESERCIZIO DEL DIRITTO D’ACCESSO?

No, sono due concetti totalmente distinti
Sì, sempre
Sì, in alcuni casi
Non so rispondere

16. “IL POTERE RICONOSCIUTO ALLA P.A. (STATO ED ENTI PUBBLICI) DI ELIMINARE I PROVVEDIMENTI VIZIATI”, È LA DEFINIZIONE CHE SI RIFERISCE ALLA:

Impunità
Autotutela
Autonomia
Non so rispondere

17. AI SENSI DEL D.LGS. 196/03 PER “RESPONSABILE” SI INTENDE:

La persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali e agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza
La persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal titolare al trattamento di dati personali
La persona fisica, la persona giuridica, l'ente o l'associazione cui si riferiscono i dati personali
Non so rispondere

18. IL D. LGS 196 DEL 2003, AFFERMA CHE:

IL D- LGS 196/2003 Nulla dispone in specifico riguardo ai sistemi informativi e ai programmi informatici
I sistemi informativi e i programmi informatici sono configurati riducendo al minimo l’utilizzazione di dati personali e di dati identificativi
I sistemi informativi e i programmi informatici possono essere configurati utilizzando in modo estensivo e senza limiti particolari i dati personali e i dati identificativi sempre che siano consultabili on line per garantire la trasparenza
Non so rispondere

19. AI FINI DELL’APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO SUGLI ENTI LOCALI, QUALE TRA I SEGUENTI NON VIENE INTESO COME ENTE LOCALE?

La Regione
Il Comune
La città metropolitana
Non so rispondere

20. AI SENSI DEL TESTO UNICO DEGLI ENTI LOCALI, QUALE TESTO NORMATIVO DISCIPLINA L’ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI?

Il decreto legislativo 81 del 2008
La legge 59 del 1997 (legge Bassanini)
Il decreto legislativo 267 del 2000
Non so rispondere

21. AI SENSI DEL TESTO UNICO DEGLI ENTI LOCALI, QUAL E’ LA CONSEGUENZA IN CASO DI MOZIONE DI SFIDUCIA CONTRO UNA PROPOSTA DEL SINDACO?

Le dimissioni in ogni caso
Le dimissioni solo in caso di approvazione della mozione da parte di almeno un terzo dei componenti il Consiglio
Le dimissioni solo in caso di approvazione della mozione di sfiducia dalla maggioranza assoluta dei componenti del Consiglio votata per appello nominale
Non so rispondere

22. PER QUALI DEI SEGUENTI FINI, TRA GLI ALTRI, I COMUNI E LE PROVINCE, AI SENSI DELL’ART. 31 DEL D.LGS 267/2000, POSSONO COSTITUIRE UN CONSORZIO VOLONTARIO?

Per la gestione associata di uno o più servizi
Per la gestione di una attività economica
Per fini generali
Non so rispondere

23. AI SENSI DEL TUEL, L’ORGANO DI REVISIONE HA DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI DELL'ENTE?

Sì, al fine di garantire l'adempimento delle funzioni di cui al TUEL
Solo in via eccezionale, nell’espletamento dei compiti di natura ispettiva circa la regolarità contabile e finanziaria
No, mai
Non so rispondere

24. SE UN ENTE LOCALE INTENDE CONTRARRE UN MUTUO, A CHI SI PUÒ RIVOLGERE?

Esclusivamente alla Banca d’Italia
A qualsiasi istituto finanziario
Esclusivamente alla Cassa Depositi e Prestiti o all’Istituto per il Credito Sportivo
Non so rispondere

25. AI SENSI DEL TESTO UNICO DEGLI ENTI LOCALI, IL BILANCIO DI PREVISIONE HA CARATTERE AUTORIZZATORIO

Sì, costituendo limite agli impegni di spesa
Sì, come il bilancio pluriennale
Sì, ma solo con riferimento alle previsioni relative alle entrate
Non so rispondere

26. “PEG” SIGNIFICA:

Patto Esecutivo di Garanzia
Piano Esecutivo di Gestione
Programma Economico Gestionale
Non so rispondere

27. QUALE DELLE SEGUENTI FATTISPECIE DI REATO, TRA LE ALTRE, SI CARATTERIZZA PER IL FATTO DI POTERSI PERFEZIONARE SOLO ATTRAVERSO L’ACCORDO, CONTRA LEGEM, DI UN SOGGETTO PRIVATO E DI UN PUBBLICO UFFICIALE?

Corruzione per un atto d’ufficio
Abuso d’ufficio
Peculato
Non so rispondere

28. AGLI IMPIEGHI NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SI ACCEDE:

Sempre e comunque mediante concorso
Mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge
Con selezione privata
Non so rispondere

29. AI SENSI DEL D.LGS.165/2001, QUALE DEI SEGUENTI PRESUPPOSTI, TRA GLI ALTRI, È NECESSARIO AFFINCHÈ LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI POSSANO CONFERIRE INCARICHI INDIVIDUALI, CON CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO, AD ESPERTI DI PROVATA COMPETENZA?

Gli incaricati debbono essere in possesso di laurea specialistica o titolo equipollente
L'oggetto della prestazione deve corrispondere ad obiettivi e progetti specifici e determinati
Gli incaricati debbono essere iscritti nei ruoli della stessa pubblica amministrazione
Non so rispondere

30. AI SENSI DELL'ART 1 COMMA 12 DELLA LEGGE 190/12, IN CASO DI COMMISSIONE, ALL'INTERNO DELL'AMMINISTRAZIONE, DI UN REATO DI CORRUZIONE ACCERTATO CON SENTENZA PASSATA IN GIUDICATO, IL RESPONSABILE ANTICORRUZIONE RISPONDE :

ai sensi dell'art. 21 d.lgs 165/01 esclusivamente sul piano disciplinare
ai sensi dell'art. 21 d.lgs 165/01 sia sul piano disciplinare, che per il danno erariale e all'immagine della pubblica amministrazione
ai sensi dell'art. 21 d.lgs 165/01 esclusivamente per il danno erariale e all'immagine della pubblica amministrazione
Non so rispondere