Prova preselettiva per infermieri 02 - serie 30 domande

Tempo trascorso
-

1. QUALI SONO GLI ELEMENTI CHE COMPONGONO LE PROTEINE ?

Carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto
Solo idrogeno, ossigeno e azoto
Solo idrogeno e ossigeno
Non so rispondere

2. L'ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE:

Non deve durare più di 10 - ­15 secondi per non provo care effetti collaterali
Non deve avere durata inferiore a 20 secondi
Deve essere prolungata per almeno 25-­30 secondi per avere la certezza della rimozione delle secrezioni
Non so rispondere

3. DURANTE LE MANOVRE DI RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE NEL NEONATO, IL POLSO SI CONTROLLA A LIVELLO DELL'ARTERIA:

Brachiale
Carotidea
Radiale
Non so rispondere

4. I VIRUS POSSONO CONTAMINARE GLI ALIMENTI?

Si
No
Si, ma solo il virus dell'epatite B
Non so rispondere

5. LA POSIZIONE PIÙ INDICATA NEL PAZIENTE INCOSCIENTE CHE PRESENTA VOMITO È:

Supina con capo iperesteso
Prona
Laterale
Non so rispondere

6. L'ATASSIA RAPPRESENTA UN SEGNO CLINICO CHE INDICA:

L'incapacità di comunicare verbalmente
Un disturbo della coordinazione motoria
Uno stato depressivo del paziente
Non so rispondere

7. PER ASSORBIMENTO DI UN FARMACO SI INTENDE:

Il passaggio di un farmaco dallo stomaco all'intestino
Il passaggio di un farmaco dal sistema arterioso al sistema venoso
Il passaggio di un farmaco dal punto di somministrazione al circolo ematico sistemico
Non so rispondere

8. UN SOGGETTO IN CONDIZIONI DI PESO OTTIMALE HA UN INDICE DI MASSA CORPOREA COMPRESO TRA:

20­ - 25
25 - ­30
30­ - 32
Non so rispondere

9. QUAL È LA CAUSA PIÙ FREQUENTE DELLE RAGADI AL SENO?

Infezione
Traumatismo
Attacco inadeguato
Non so rispondere

10. SE UN PAZIENTE SOTTOPOSTO A PUNTURA LOMBARE PRESENTA CEFALEA È OPPORTU NO:

Diminuire l'illuminazione della stanza
Fargli assumere la posizione supina eventualmente senza cuscini
Mantenere il paziente in posizione semiseduta, e se in grado, farlo deambulare
Non so rispondere

11. LA FREQUENZA MINZIONALE INDICA:

L'intervallo tra un atto minzionale e l'altro durante il giorno
Il numero degli atti minzionali giornalieri
Un numero di minzioni superiore al normale
Non so rispondere

12. CHE COSA È UN'ULCERA GASTRICA?

Un'infiammazione della prima parte dell'intestino
Un'infiammazione dello stomaco
Una perforazione o erosione della parete dello stomaco
Non so rispondere

13. LEI SI TROVA IN UNA STANZA DI DEGENZA DELL'UNITÀ OPERATIVA DI MEDICINA GENERALE. MENTRE STA PARLANDO CON UN PAZIENTE IL MALATO DEL LETTO ACCANTO, CHE STAVA SEDUTO SU DI UNA SEDIA, LAMENTA DOLORE, RECLINA IL CAPO E PERDE COSCIENZA. COSA NON DEVE ASSOLUTAMENTE FARE?

Somministrare liquidi al paziente
Stendere il paziente sul pavimento
Controllare i segni vitali del paziente
Non so rispondere

14. LA PIU IMPORTANTE CONSEGUENZA A SEGUITO DELLA SOMMINISTRAZIONE DI UN UNICO DOSAGGIO ECCESSIVO DI BENZIODIAZEPINE PUÒ ESSERE:

Depressione del respiro
Dipendenza psicologica
Ipertonia muscolare
Non so rispondere

15. LA TOSSINA PRODOTTA DAL CLOSTRIDIUM BOTULINUM PROVOCA MANIFESTAZIONI A CARICO DI QUALE DEI SEGUENTI ORGANI O APPARATI?

Sistema linfatico
Fegato
Sistema nervoso
Non so rispondere

16. LA PRESSIONE ARTERIOSA MEDIA SI OTTIENE ATTRAVERSO IL SEGUENTE CALCOLO:

Pressione diastolica + 1/3 della pressione differenziale
(Pressione diastolica + Pressione sistolica) : 2
Pressione diastolica + 1/2 Pressione Sistolica
Non so rispondere

17. IL LAVORO MUSCOLARE:

Trasforma energia chimica in energia meccanica
Ha costi energetici influenzati dallo stress
Trasforma il calore in energia meccanica
Non so rispondere

18. L'ATTIVITÀ DEI DISINFETTANTI CHIMICI È IN GENERE RIDOTTA:

Dalla presenza di spore
Dalla presenza di materiale organico
Dalla bassa temperatura ambientale
Non so rispondere

19. QUALE TRA I SEGUENTI DISINFETTANTI PUÒ ESSERE UTILIZZATO PER GLI STRUMENTI ENDOSCOPICI:

Glutaraldeide
Paraformaldeide
Sali di ammonio quaternario
Non so rispondere

20. UNA PERSONA, STANDO IN PIEDI SU UNA BASE INSTABILE, MIGLIORA LE SUE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO QUANDO:

Flette le gambe
Allarga le gambe
Flette e allarga le gambe
Non so rispondere

21. IN UN PAZIENTE CON SHOCK IPOVOLEMICO IL POLSO SI PRESENTA:

Filiforme e bradicardico
Filiforme e tachicardico
Aritmico con frequenti extrasistoli
Non so rispondere

22. LA PREVENZIONE DELLA TROMBOSI VENOSA SI BASA:

Sull'osservazione quotidiana degli arti inferiori
Sulla lotta alla stasi venosa con la mobilizzazione, l'uso di calze elastiche ed il posizionamento declive
Sull'uso della compressione pneumatica intermittente
Non so rispondere

23. LE PRECAUZIONI UNIVERSALI PER LE MALATTIE A TRASMISSIONE PARENTERALE DEVONO ESSERE MESSE IN ATTO NEI CONFRONTI DI:

Tutti i pazienti con AIDS conclamato
Tutti i pazienti immunodepressi
Tutti i pazienti
Non so rispondere

24. QUALE TRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI RELATIVA ALLE VIE DI SOMMINISTRAZIONE PARENTERALI È FALSA?

Sono le più utili nelle situazioni di urgenza
Presentano il più alto numero di effetti indesiderati
Sono quelle con il minor rischio di effetti collaterali
Non so rispondere

25. IN CASO DI PAZIENTE CON EPISODIO CONFUSIONALE ACUTO È PIÙ OPPORT UNO:

Parlare con il paziente, spiegando ciò che si sta facendo anche in caso di mancati ritorni comunicativi
Modificare spesso gli orari e i ritmi delle attività assistenziali
Aumentare in modo significativo gli stimoli ambientali di tipo uditivo e visivo
Non so rispondere

26. PRIMA DI EFFETTUARE UNA PARACENTESI È OPPORTUNO CHE IL PAZIENTE:

Sia preparato con clistere di pulizia
Rispetti il riposo a letto nelle 12 ore precedenti
Svuoti la vescica
Non so rispondere

27. L'ASSENZA DI BORBORIGMI E FLATULENZA NEL POST­OPERATORIO DI UN PAZIENTE SOTTOPOSTO A CHIRURGIA ADDOMINALE:

Può indicare l'insorgenza di ileo paralitico
È sintomo di ritenzione urinaria acuta
È normale nei primi 5 o 6 giorni dall'intervento
Non so rispondere

28. QUALE TRA I SEGUENTI È UN VETTORE DI TRASMISSIONE DI MALATTIE INFETTIVE?

Aria
Acqua
Zanzara
Non so rispondere

29. QUALE ALIMENTO NON DEVE ESSERE ASSUNTO DA PAZIENTI IN TRATTAMENTO CON FARMACI IMAO?

Formaggi
Carni bianche
Cereali
Non so rispondere

30. QUALE TRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI, RIFERITE AL PAZIENTE IN ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO, È VERA?

Il massaggio cardiaco non deve essere alternato alla respirazione artificiale
La priorità assoluta è data dal mantenimento della pervietà delle vie aeree
La prima operazione che deve essere realizzata è la defibrillazione
Non so rispondere