Comprensione di testi 2°- (4 brani) 20 domande

Tempo trascorso
-

1. Leggere attentamente il seguente brano. Nel corso del '700 vennero inventati molti congegni meccanici per filare e tessere su più vasta scala (sostituendo l'arcolaio, usato nel Medioevo). In un primo tempo questi macchinari venivano azionati dalla forza muscolare degli animali o da ruote idrauliche, ma nel 1790 fu compiuto il passo cruciale: venne adottata la macchina a vapore per azionarli. Così gli impianti tessili di nuova costruzione non richiedevano più la vicinanza di correnti d'acqua veloci né la disponibilità di animali, ma si potevano costruire in qualsiasi località. La Gran Bretagna entrò in una fase di trasformazione rivoluzionaria: i lavoratori lasciavano la campagna e abbandonavano le manifatture familiari per riversarsi in massa nelle grandi fabbriche. La stessa trasformazione si verificò in altri Paesi che adottarono il nuovo sistema basato sull'uso della macchina a vapore: era la Rivoluzione industriale (un'espressione introdotta nel 1837 dall'economista francese Jerome Adolphe Blanqui). (da: Isaac Asimov, "Il libro di fisica") Quale delle seguenti alternative è deducibile dal testo?

Solo la Gran Bretagna ebbe una fase rivoluzionaria, chiamata Rivoluzione Industriale
La Rivoluzione Industriale iniziò nei Paesi meno sviluppati, per poi espandersi in Gran Bretagna
In Gran Bretagna, per via del fenomeno dell'urbanizzazione, non erano più praticate l'agricoltura e la manufattura familiare
Sia la Gran Bretagna che gli altri Paesi entrarono in una fase rivoluzionaria, chiamata Rivoluzione Industriale
Non so rispondere

2. Prima dell'introduzione della macchina a vapore, gli impianti tessili venivano azionati:

Dalla forza muscolare degli uomini o da ruote idrauliche
Da congegni meccanici
Dalla forza muscolare degli animali o da ruote idrauliche
Solamente dalle ruote idrauliche
Non so rispondere

3. Con l'introduzione della macchina a vapore nella produzione tessile, gli impianti potevano essere posizionati:

In qualsiasi località
In qualsiasi località tranne che in città
Solo in prossimità di correnti d'acqua veloci
Solo in campagna, dove era più disponibile la forza animale
Non so rispondere

4. Quando fu adottata la macchina a vapore nella produzione tessile?

Nel 1790
Nel primo ‘700
Nel XII secolo
Nel Medioevo
Non so rispondere

5. Quale fu una delle prime conseguenze della rivoluzione industriale in Gran Bretagna?

L'abbandono delle campagne e delle manifatture familiari
L'abbandono delle grandi fabbriche
L'aumento della manodopera nelle manifatture familiari
Solo l'abbandono delle manifatture familiari
Non so rispondere

6. Leggere attentamente il seguente brano. Fu forse mezzo milione di anni fa che i nostri antenati ominidi "scoprirono" il fuoco; ciò avveniva assai prima che comparisse l'"Homo sapiens", cioè l'uomo moderno. Certamente anche prima di allora gli ominidi si erano imbattuti in incendi di boscaglie e foreste appiccati dai fulmini, e probabilmente si erano dati alla fuga. Ma la scoperta delle virtù del fuoco venne solo quando la curiosità divenne più forte della paura. Deve esserci stato un momento in cui un essere primitivo – forse una donna, o più probabilmente un bambino – fu attratto dai residui in lenta combustione di uno di questi incendi e cominciò a divertirsi giocando con le braci, alimentandole con qualche ramoscello e osservando i guizzi delle fiamme. Senza dubbio qualche adulto sarà intervenuto a por fine al gioco pericoloso, finché un giorno qualcuno, dotato di maggior immaginazione, deve aver compreso quali vantaggi si potevano avere domando il fuoco e trasformando un gioco infantile in un'attività utile agli adulti. (da: Isaac Asimov, "Il libro di fisica") Secondo quanto sostenuto nel brano, il fuoco fu scoperto:

Molto prima della comparsa dell'"Homo sapiens"
Dal successore dell'"Homo sapiens"
Dagli antenati degli ominidi
Dall'"Homo sapiens"
Non so rispondere

7. Le virtù del fuoco furono scoperte grazie:

Alla paura più forte della curiosità
Alla fuga dettata dalla paura
A un fulmine
Alla curiosità più forte della paura
Non so rispondere

8. Chi, secondo l'autore del brano, fu presumibilmente il primo ad alimentare le braci di un incendio?

Un uomo adulto
Un adulto
Un bambino
Una donna
Non so rispondere

9. Il maneggiare il fuoco può essere definito un gioco:

Esclusivamente infantile e pericoloso
Per cui serve molta immaginazione
Da ragazzi, nel senso che è alla portata di tutti
Infantile e pericoloso, ma anche un'attività utile agli adulti
Non so rispondere

10. Prima della scoperta del fuoco, gli ominidi si erano imbattuti in incendi appiccati da:

Una donna o un bambino
Fulmini
Uomini
Qualche adulto
Non so rispondere

11. Leggere attentamente il seguente brano. C’è un vecchio pregiudizio con il quale gli uomini convivono da secoli: che il mondo non sia mai cambiato. E la storia che abbiamo alla spalle è talmente breve da potercene dare l’impressione. Nessuno, nell’antichità, ritenne che per comprendere la nostra presenza sulla Terra occorresse andare all’indietro milioni di anni, eccetto alcuni pensatori che, come Pitagora ed Erodoto, intuirono una vita biologica e geologica precedente. Pitagora – a detta di Ovidio, che nelle sue Metamorfosi ce ne ha tramandato le teorie – affermava: "Le cose non fanno che variare e cambiar forma: il mare fu convertito in terra e le conchiglie marine si trovano lontane dall’oceano, le paludi furono prosciugate e i luoghi asciutti convertiti in paludi, le valli furono scavate dalle acque correnti e le inondazioni hanno travolto le montagne". Nel V secolo a.C., avendo potuto osservare alcuni pesci fossili pietrificati nelle rocce di un’altura egiziana, Erodoto si spinse a supporre che lì, molto tempo prima, avesse dovuto trovarsi il mare, e che le acque del Mediterraneo fossero giunte a bagnare l’Etiopia. [1] Nel tempo dovevano dunque essere accaduti dei cambiamenti profondi, eppure nell’antichità non venne mai messo in dubbio l’assunto che i viventi fossero stati creati una volta per tutte e che fossero entità sostanzialmente immutabili. Il pensiero di Aristotele, saldamente ancorato alla teoria fissista, venne adottato dalla teologia medievale, con la conseguenza che fino al secolo dei Lumi fu impossibile mettere in discussione il pregiudizio per cui – secondo la lettera della descrizione biblica della Genesi – [2] tutto sarebbe sorto per un fiat divino. (Da: Luigi Luca Cavalli Sforza, "La specie prepotente", Editrice San Raffaele, Milano) La teoria fissista:

È smentita da Erodoto, che osservò alcuni fossili di pesci pietrificati
Non è mai stata messa in discussione da Aristotele a oggi
Non è smentita con una teoria filosofica fino al secolo dei Lumi
Fu formulata da Aristotele
Non so rispondere

12. "Tutto sarebbe sorto per un fiat divino" (paragrafo [2]), significa che:

L'uomo nacque dalla volontà divina di renderlo partecipe dell'universo
Il mondo è stato creato in un solo istante dalla bontà divina
Nel tempo sono avvenuti cambiamenti profondi
I viventi sono creati come entità immutabili
Non so rispondere

13. Chi furono gli unici pensatori dell'antichità che supposero potesse esserci stata una vita biologica e geologica risalente a milioni di anni fa?

Erodoto e Ovidio
Soltanto Ovidio, che lo racconta nelle sue Metamorfosi
Nessun autore dell'antichità
Pitagora, Erodoto e pochi altri
Non so rispondere

14. Quale delle seguenti affermazioni, in riferimento al brano, è corretta?

La storia che abbiamo alle spalle presenta solo uomini che sostenevano l'immobilità del mondo
Secondo la descrizione biblica della Genesi, gli uomini furono creati secondo il volere divino, nel loro stato attuale
La teoria di Aristotele sulla fissità del mondo trae ispirazione dalla teologia medievale
Erodoto affermava che le cose non fanno che cambiare forma
Non so rispondere

15. Qual è un sinonimo del termine "assunto" (paragrafo [1])?

Ipotesi
Espressione
Atteggiamento
Condotta
Non so rispondere

16. Leggere attentamente il seguente brano. Latte alla spina, saldi "last minute" al mercato, spesa nell'orto self service: nonostante il caro prezzi è possibile fare una spesa low cost con risparmi che possono arrivare a superare il 30%. Senza rinunciare alla qualità e, soprattutto, tagliando le intermediazioni. È quanto rileva la Coldiretti. Grazie alla distribuzione alla spina, il latte fresco di altissima qualità può essere acquistato a prezzi variabili tra 1 € e 1,20 € per il biologico, mentre sugli scaffali il latte fresco è venduto attorno a 1,6 € al litro. In molte città invece, è possibile approfittare dell'apertura dei mercati all'ingrosso ai privati cittadini, prevista dalla legge in orari determinati. È possibile, poi, fare la spesa direttamente nell'orto delle aziende agricole, raccogliendo personalmente dal terreno frutta e ortaggi. Per chi, infine, vuole acquistare prodotti freschi direttamente dal produttore, sul sito www.campagnamica.it c'è il motore di ricerca "fattorie e cantine" dove è possibile individuare per singolo Comune le aziende agricole dove è possibile fare la spesa, con quasi diecimila indirizzi disponibili. (da: "l'Unità") Secondo quanto riportato nel brano, facendo una spesa low cost:

Si può risparmiare circa un terzo rispetto alla spesa normale
Si perde in qualità dei prodotti
Si risparmia soprattutto sugli ortaggi
Si risparmia soprattutto sul latte
Non so rispondere

17. Secondo quanto riportato nel brano, quale delle seguenti alternative NON indica un possibile prezzo del latte alla spina?

1 €
1,10 €
1,15 €
1,60 €
Non so rispondere

18. Secondo quanto riportato nel brano, i mercati all'ingrosso:

Vendono prodotti acquistati su Internet
Non aprono mai ai privati cittadini
Non sono aperti ai privati cittadini in tutte le città
Sono sempre aperti per i privati cittadini
Non so rispondere

19. Secondo quanto riportato nel brano, su Internet:

Si possono acquistare direttamente prodotti agricoli, ma non freschi
Si trovano informazioni utili per chi volesse acquistare prodotti freschi direttamente dal produttore
Si possono acquistare direttamente tutti i prodotti agricoli
Si trovano i siti di tutte le aziende agricole in cui si può fare la spesa
Non so rispondere

20. Secondo quanto riportato nel brano, il latte alla spina:

È fresco
Non è di gran qualità
È a lunga conservazione
Costa più che al supermercato
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate