CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI O.S.S.

Tempo trascorso
-

1. Quando sono necessarie le manovre di base (BLS) per il supporto delle funzioni vitali?

Quando il paziente è caduto;
Quando il paziente ha perso coscienza;
Quando il paziente ha difficoltà respiratorie;
Tutte le precedenti.
Non so rispondere

2. L’Operatore socio-sanitario quando si trova a collaborare in progetti educativo/animativi:

Deve sostituirsi agli utenti e fare ciò che essi non riescono a fare da soli;
Diviene un facilitatore e come tale non si sostiuisce mai all’utente, bensi trova delle strategie affinchè il soggetto possa raggiungere l’obiettivo prefissato;
Osserva le dinamiche di gruppo e le interpreta;
Si limita ad osservare, non mettendosi in gioco personalmente.
Non so rispondere

3. Per costruire un piano di assistenza personalizzata è necessario conoscere:

Anatomia e fisiologia del corpo umano;
Bisogni e problemi del paziente;
La patologia manifestata dal paziente;
I risultati a breve, medio, lungo termine che il paziente deve raggiungere.
Non so rispondere

4. La “consegna e il rapporto” sono:

Una forma di comunicazione scritta utile alla continuità dell’assistenza e non solo;
Sistemi rapidi di informazione tra il personale dei vari turni;
Sono semplici promemoria;
Sono strumenti utili per prevenire errori assistenziali
Non so rispondere

5. In ambito geriatrico con che scala di valutazione viene determinato il rischio di cadute nell’anziano?

Scala di Braden;
Scala di Norton;
Scala D.I.S.C.O.;
Scala di Tinetti.
Non so rispondere

6. Cosa definiscono i LEA?

Le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che il SSN non assicura ai cittadini;
Le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che il SSN assicura ai cittadini solo dietro pagamento;
Le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che il SSN assicura ai cittadini gratuitamente;
Le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che il SSN assicura ai cittadini gratuitamente o in compartecipazione.
Non so rispondere

7. Quali sono le norme attuali che regolano la sicurezza sul lavoro?

D.Lgs. n. 81/2008;
D.Lgs. n. 626/1994;
L. n. 46/1990;
L. n. 241/1990.
Non so rispondere

8. Per valutare lo stato della cute si osserva :

Il colorito;
La consistenza;
La temperatura;
Tutte le precedenti.
Non so rispondere

9. L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce la “salute”:

Assenza o mancanza di malattia o infermità;
Stato di completo benessere fisico;
Stato di completo benessere fisico, psichico e sociale;
Stato di autonomia/autosufficienza.
Non so rispondere

10. Come può definirsi la “Carta dei Servizi”?:

Un documento che descrive le prestazioni erogate e le modalità di accesso ai servizi;
Un documento che elenca i diritti e i doveri del cittadino che accede ai servizi;
Un documento che indica i requisiti per l’accesso ai servizi e le tariffe delle singole prestazioni;
Un documento che descrive finalità, modi, criteri e strutture attraverso cui il servizio viene attuato, diritti e doveri, modalità e tempi di partecipazione, nonché procedure di controllo che il cittadino ha a sua disposizione.
Non so rispondere

11. Che cosa non dovrebbe mancare sul carrello per le cure igieniche?

Guanti monouso;
Apparecchio per la misurazione della glicemia;
Termometro;
Tutte le precedenti.
Non so rispondere

12. L’Operatore si assume la responsabilità:

In base al livello di competenza e conoscenza raggiunto, al suo profilo e alle norme di riferimento;
Non nuocendo alla persona assistita;
Analizzando le conseguenze dei suoi atti;
Tutte le precedenti.
Non so rispondere

13. Quali dei seguenti fattori non influenza l’azione dei farmaci?

L’età;
Il peso;
L’ora di somministrazione;
Nessuna delle precedenti.
Non so rispondere

14. Nell’esecuzione del bagno a letto come si procede?

Si lavano prima le parti intime e poi a seguire le altre parti del corpo;
Si lavano nell’ordine: la testa, viso, arti superiori, tronco (petto e schiena) parti intime e arti inferiori;
E’ indifferente, è importante che il bagno a letto venga effettuato almeno una volta la settimana;
Si inizia lavando le parti intime, poi arti inferiori, tronco e, per ultimo, il viso.
Non so rispondere

15. Per ausilio si intende:

Intervento fatto da un operatore, finalizzato a sostituire in parte o del tutto l’autonomia del paziente;
Prodotto, strumento o dispositivo tecnologico utilizzato per prevenire, correggere e migliorare l’autonomia e la qualità di vita di un paziente;
Prodotto, strumento o dispositivo tecnologico utilizzato con finalità clinicodiagnostica;
Tutte le precedenti.
Non so rispondere

16. L’anuria è :

Totale assenza di urine o formazione di 50/100 cc. nelle 24 ore;
Totale assenza di urine o formazione di 300/500 cc. nelle 24 ore ;
Formazione di 500/600 cc. nelle 24 ore ;
Nessuna delle precedenti.
Non so rispondere

17. Dove sono principalmente rinvenibili le norme sul “ segreto professionale”, inteso quale obbligo di mantenere il segreto su tutto ciò di cui si viene a conoscenza per ragione del proprio lavoro o professione?

Nei codici deontologici delle diverse professioni;
Nelle “Carte dei Servizi” delle diverse istituzioni;
Nel codice penale;
Nella normativa regionale in materia di servizi sociali e sanitari.
Non so rispondere

18. In ambito socio-sanitario che cosa si intende con l’acronimo PAI?

Programmi anziani istituzionalizzati;
Progetto anziani in comunità;
Piano assistenziale individualizzato;
Piano anziani in convenzione.
Non so rispondere

19. L’Operatore socio sanitario è tenuto a comunicare le informazioni sulla patologia dell’assistito:

Al familiare;
Su richiesta della stessa;
Solo se la persona è totalmente dipendente;
Nessuna delle precedenti.
Non so rispondere

20. Se un paziente tossisce e diventa cianotico mentre l’OSS lo sta imboccando:

Sospende l’alimentazione e chiama l’infermiere;
Sospende l’alimentazione e lo pone in posizione supina;
Sospende temporaneamente l’alimentazione e riprende dopo qualche minuto;
Sospende l’alimentazione e somministra acqua.
Non so rispondere

21. Quali delle seguenti complicanze dell’anziano è dovuta alla sindrome da immobilizzazione prolungata a letto?

Piaghe da decubito;
Comparsa di ridotta mobilità articolare;
Stipsi;
Tutte le precedenti.
Non so rispondere

22. Come si possono individuare i bisogni di un’ospite?

Dati raccolti in precedenza, colloquio;
Osservazione;
In virtù di un adeguato percorso formativo;
Tutte le precedenti.
Non so rispondere

23. La posizione dell’operatore durante attività assistenziali che comportano il sollevamento pesi è:

Stringere la base di appoggio (piedi bene uniti), mantenere la colonna in flessione e gli arti estesi;
Allargare la base d’appoggio (piedi leggermente divaricati), evitare la flessione della colonna, flettere le ginocchia;
Mantenere i piedi bene uniti, ginocchia flesse e dorso incurvato;
allargare la base d’appoggio, estendere la colonna e allargare gli arti superiori.
Non so rispondere

24. Quali accorgimenti non sono utili al fine di prevenire il rischio di cadute nell’anziano?

Insegnargli a cambiare posizione lentamente;
Rivalutare con frequenza la terapia farmacologica;
Eliminare gli ostacoli ed il disordine;
Dotarlo di ausili protettivi (protettori d’anca, caschetti, etc..).
Non so rispondere

25. L’OSS nel rifare il letto deve:

Piegare correttamente con cura le lenzuola usate ;
Esporre la biancheria usata all’aria dopo averla scossa;
Maneggiare il meno possibile le lenzuola usate;
Depositare le lenzuola usate sul pavimento.
Non so rispondere

26. Quale, tra i seguenti elementi non ha rilievo giuridico ai fini costitutivi del rapporto di pubblico impiego?:

L’oggetto;
La durata;
Il soggetto;
Il contenuto.
Non so rispondere

27. Secondo la D.G.R. del Piemonte n. 45-4248 del 30 luglio 2012, che cosa si intende con l’acronimo N.A.T.?

Nucleo Anziani Tracheostomizzati;
Nucleo Assistenziale Temporaneo;
Nucleo Alzheimer Temporaneo;
Nucleo di Assistenza Totale.
Non so rispondere

28. I parametri assistenziali di tipo tutelare previsti dalla D.G.R. del Piemonte n. 45- 4248 del 30 luglio 2012, per per ospiti in fascia assistenziale “Alta” sono i seguenti:

210 minuti al giorno per ospite;
4 ore al giorno per ospite
36 ore/settimana per nuclei da 20 ospiti;
120 minuti al giorno per ospite.
Non so rispondere

29. Le IPAB dal punto di vista amministrativo dipendono esclusivamente:

Dal Comune ove hanno la sede;
Dalle Giunte provinciali;
Dalle Giunte regionali;
Da nessuno, si auto amministrano.
Non so rispondere

30. Non è considerato invalido civile:

Il cittadino (di età compresa fra i 18 ed i 65 anni) che ha menomazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo e che ha riduzione delle capacità di lavoro non inferiore a 1/3;
Il minore di anni 18 con difficoltà persistenti a svolgere compiti e funzioni proprie dell’età;
Il cittadino con più di 65 anni ospitato in una residenza per anziani, in un nucleo per non autosufficienti;
Il cittadino con più di 65 anni che ha difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni proprie della sua età.
Non so rispondere