ELEMENTI DI DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE 3° – serie 35 domande

Tempo trascorso
-

1. Quale voce della retribuzione è legata all'anzianità di servizio del lavoratore, ed è rappresentata da aumenti percentuali che maturano normalmente ogni biennio a decorrere dalla presa di servizio nella medesima impresa e nel medesimo livello di inquadramento?

Il cottimo.
Gli scatti di anzianità.
La tredicesima mensilità.
Non so rispondere

2. Quale età è oggi prevista di regola per l'accesso al lavoro?

Diciotto anni.
Sedici anni.
Quattordici anni.
Non so rispondere

3. A norma di quanto dispone l'art. 70 del D.Lgs. n. 276/2003, gli studenti possono svolgere attività di lavoro accessorio?

No, solo i pensionati e le casalinghe possono svolgere attività di lavoro accessorio.
Solo se di età compresa tra i sedici e i diciannove anni.
Si.
Non so rispondere

4. Nel caso di trasferimento d'azienda quale è il principale scopo dell'art. 2112 del codice civile?

Garantire la stabilità dei rapporti di lavoro e la conservazione dei diritti dei lavoratori.
Garantire la continuità aziendale.
Tutelare il concessionario e il cedente.
Non so rispondere

5. Ai sensi dell'art. 2242 del c.c. il lavoratore domestico ammesso alla convivenza familiare...

Ha soltanto diritto al vitto e all'alloggio.
Ha soltanto diritto alla retribuzione in denaro.
Ha diritto alla retribuzione in denaro, al vitto e all'alloggio.
Non so rispondere

6. Nel caso di trasferimento d'azienda, l'art. 2112 del codice civile pone per il lavoratore alcune garanzie. Tra esse è ricompresa una responsabilità solidale tra cedente e cessionario a garanzia del soddisfacimento dei crediti vantati dal lavoratore all'epoca del trasferimento?

Si.
No, l'unica garanzia prevista per il lavoratore è la continuazione del rapporto di lavoro.
No, l'unica garanzia prevista per il lavoratore è il mantenimento dei diritti già maturati.
Non so rispondere

7. Quale è l'orario normale di lavoro fissato all'art. 3 del D.Lgs. n. 66/2003?

35 ore settimanali.
48 ore settimanali.
40 ore settimanali.
Non so rispondere

8. Il lavoratore che, in caso di pericolo prende misure per evitare le conseguenze di tale pericolo, non può subire pregiudizio per tale azione. Ciò....

In assenza del responsabile della sicurezza.
A condizione che non abbia commesso una grave negligenza.
In ogni caso.
Non so rispondere

9. Ai sensi dell'art. 2119 del c.c., il divieto di licenziamento nel periodo di comporto....

Non opera in caso di infortunio sul lavoro.
Non opera quando il rapporto non può proseguire neanche provvisoriamente.
Opera solo per i licenziamenti collettivi.
Non so rispondere

10. I cittadini degli Stati membri dell'Unione europea possono accedere ai posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche....

Che non implichino gestione di entrate o spese dello Stato.
Che, tra l'altro, non attengono alla tutela dell'interesse nazionale.
Che implichino esclusivamente applicazione presso strutture ministeriali.
Non so rispondere

11. I tirocini formativi e di orientamento di cui al D.M. n. 142/1998 possono essere promossi anche da centri per l'impiego?

No, i tirocini formativi possono essere promossi solo da soggetti privati.
I tirocini formativi possono essere promossi solo da organi centrali dello Stato.
Si, i tirocini formativi possono essere promossi da una pluralità di soggetti pubblici e privati.
Non so rispondere

12. L'art. 2099 del codice civile prevede forme ordinarie e forme speciali di retribuzione. É una forma ordinarie di retribuzione....

Il cottimo.
Solo la retribuzione a tempo.
La retribuzione in natura.
Non so rispondere

13. Ai sensi di quanto dispone l'art. 56 del D.Lgs. n. 276/2003, nel contratto di inserimento deve essere specificamente indicato il progetto individuale di inserimento?

Si.
No, salvo che non sia richiesto dal lavoratore.
Solo se il contratto ha una durata superiore a diciotto mesi.
Non so rispondere

14. I soggetti che promuovono lo sciopero nell'ambito dei servizi pubblici essenziali indicati dalla legge n. 146/1990 sono tenuti all'effettuazione delle prestazioni indispensabili?

Solo se le prestazioni sono inerenti alla tutela della vita.
No.
Sì, lo prevede espressamente l'art. 2 della suddetta legge.
Non so rispondere

15. Nel contratto ripartito, ciascuno dei lavoratori coobbligati ha diritto di partecipare alle riunioni assembleari di cui all'art. 20 della L. n. 300/1970?

Si, lo prevede espressamente l'art. 44 del D.Lgs. n. 276/2003, entro il limite complessivo di tre ore annue.
No, lo esclude espressamente l'art. 44 del D.Lgs. n. 276/2003.
Si, lo prevede espressamente l'art. 44 del D.Lgs. n. 276/2003, entro il limite complessivo di dieci ore annue.
Non so rispondere

16. La L. n. 146/1990 definisce servizi pubblici essenziali quelli volti a garantire il godimento dei diritti della persona, costituzionalmente tutelati. La regolamentazione del diritto di sciopero, per quanto riguarda la tutela della vita, della salute e della libertà, ecc....

Concerne anche la protezione civile.
Non concerne l'igiene pubblica.
Non concerne lo smaltimento dei rifiuti urbani.
Non so rispondere

17. Quale principio sulla retribuzione del lavoratore è sancito dall'art. 36 della Costituzione?

La retribuzione deve solamente essere più che proporzionata alla quantità del suo lavoro.
La retribuzione deve essere proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro ed in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.
La retribuzione deve essere proporzionata alla qualità del suo lavoro, a prescindere dalla quantità prestata, ed in ogni caso essere sufficiente ad assicurargli un'esistenza libera e dignitosa.
Non so rispondere

18. Quale particolare tipologia di contratto di lavoro subordinato, è stata prevista dal D.Lgs. n. 276/2003?

Lavoro notturno.
Lavoro intermittente.
Lavoro a tempo parziale.
Non so rispondere

19. Il D.Lgs. n. 276/2003 per il contratto di apprendistato per l'acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione, prevede un limite di durata minima o massima?

No, non prevede né durata minima né durata massima.
Prevede una durata massima di due anni.
Prevede una durata massima di tre anni.
Non so rispondere

20. Con riferimento al periodo di prova, cosa prevede l'art. 5 della L. n. 339/1958 per i lavoratori domestici con mansioni impiegatizie (precettori, istitutori, governanti, bambinaie diplomate, maggiordomi, dame di compagnia) ed altri lavoratori aventi analoghe funzioni?

L'esonero dal periodo di prova.
Un periodo di prova, regolarmente retribuito.
Un periodo di prova, non computabile agli effetti dell'anzianità di servizio.
Non so rispondere

21. A norma di quanto prevede la L. n. 260/1949, durante le festività, ai lavoratori è dovuta...

La normale retribuzione giornaliera, compreso ogni elemento accessorio.
La normale retribuzione giornaliera, esclusi gli altri elementi accessori.
Oltre alla retribuzione normale, compreso ogni elemento accessorio, un'ulteriore retribuzione.
Non so rispondere

22. Ai sensi di quanto dispone l'art. 42 del Codice delle pari opportunità tra uomini e donne, qual è lo scopo delle azioni positive?

Promuovere l'occupazione dei lavoratori extracomunitari.
Eliminare le disparità nella formazione scolastica e professionale, nell'accesso al lavoro, nella progressione in carriera, nella vita lavorativa.
Promuovere l'occupazione dei disabili ai sensi della legge n. 68 del 1999.
Non so rispondere

23. É ammissibile che un lavoratore rinunci a fruire delle ferie in cambio della loro monetizzazione?

Si, le ferie possono essere sempre monetizzate.
No, le ferie non possono essere monetizzate.
Solo per i contratti di lavoro a tempo indeterminato.
Non so rispondere

24. In materia di incompatibilità e cumulo di impieghi degli impiegati pubblici, il D.Lgs. n. 165/2001 dispone che....

Non costituiscono incompatibilità i compensi derivati da attività svolte dal dipendente in società di commercio.
Non costituiscono incompatibilità i compensi derivati da attività di formazione diretta ai dipendenti della P.A.
Costituiscono incompatibilità i compensi derivati da incarichi per lo svolgimento dei quali il dipendente è posto in posizione di aspettativa, di comando o fuori ruolo.
Non so rispondere

25. Ai fini del computo dei dipendenti occupati da considerare per la reintegrazione nel posto di lavoro in caso di licenziamento (art. 18 Statuto dei lavoratori) si tiene conto anche dei lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato parziale?

Sì, per la quota di orario effettivamente svolto.
Solo se il tempo parziale è pari o superiore al 70% dell'orario a tempo pieno.
Sì, a prescindere dalla quota di orario effettivamente svolto.
Non so rispondere

26. Ai sensi dell'art. 33 del D.Lgs. n. 165/2001, è collocato in disponibilità al termine della procedura di mobilità....

Solo il personale che non sia possibile impiegare diversamente nell'ambito della medesima amministrazione.
Solo il personale che non abbia preso servizio presso la diversa amministrazione che, secondo gli accordi intervenuti, ne avrebbe consentito la ricollocazione.
Il personale che non sia possibile impiegare diversamente nell'ambito della medesima amministrazione e che non possa essere ricollocato presso altre amministrazioni.
Non so rispondere

27. Dispone l'art. 3 del D.Lgs. n. 61/2000 che il datore di lavoro, che intenda variare in aumento la prestazione o collocarla diversamente deve dare al lavoratore....

Un preavviso di almeno ventiquattro ore.
Un preavviso di almeno tre giorni.
Un preavviso di almeno cinque giorni.
Non so rispondere

28. Dispone il D.Lgs. n. 66/2003 (disciplina del rapporto di lavoro connessa alla organizzazione dell'orario di lavoro), che ferma restando la durata normale dell'orario settimanale, il lavoratore ha diritto a....

12 ore di riposo consecutivo ogni 36 ore.
11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore.
16 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore.
Non so rispondere

29. A norma di quanto dispone l'art. 15 del D.Lgs. 66/2003, qualora sopraggiungano condizioni di salute che comportino l'inidoneità alla prestazione di lavoro notturno...

Il lavoratore ha diritto ad essere assegnato al lavoro diurno, anche se in mansioni non equivalenti o inferiori.
Il lavoratore ha diritto ad essere assegnato al lavoro diurno, in altre mansioni equivalenti, se esistenti e disponibili.
Il datore di lavoro può decidere a suo insindacabile giudizio di sospendere il lavoratore ovvero di assegnarlo al lavoro diurno.
Non so rispondere

30. Quando l'attività lavorativa è di natura occasionale ed è attuata esclusivamente per l'esecuzione di determinate attività previste all'art. 70 del D.Lgs. n. 276/2003, si parla di...

Lavoro autonomo.
Lavoro accessorio.
Lavoro a progetto.
Non so rispondere

31. Tra gli organi promotori delle azioni positive previste dal Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, rientrano anche i datori di lavoro?

Si, rientrano anche i datori di lavoro.
No, gli organi promotori delle azioni positive sono solo gli enti locali.
No, gli organi promotori delle azioni positive sono solo i sindacati.
Non so rispondere

32. A norma del disposto di cui all'art. 6 del D.Lgs. 276/2003 le università sono autorizzate allo svolgimento dell'attività di intermediazione nell'incontro tra domanda ed offerta di lavoro?

No, solo gli enti locali sono autorizzati a svolgere attività di intermediazione.
Si, sia pubbliche che private.
Solo se private.
Non so rispondere

33. Come è denominato lo speciale contratto di lavoro, di cui all'art. 41 del D.Lgs. n. 276/2003, nel quale due lavoratori assumono in solido l'adempimento di un'unica e identica prestazione lavorativa?

Contratto a progetto.
Contratto a tempo parziale.
Contratto ripartito.
Non so rispondere

34. La riunione periodica prevista dall'art. 35 del D.Lgs. n. 81/2008 deve essere indetta, nelle aziende che occupano più di 15 lavoratori,....

Bimestralmente.
Una volta ogni tre mesi.
Una volta all'anno.
Non so rispondere

35. Dispone l'art. 3 del D.Lgs. n. 81/2008 che i lavoratori a distanza....

Sono soggetti all'applicazione nei loro confronti di tutti gli obblighi del nuovo Testo Unico in materia di salute e di sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 9/4/2008 n. 81).
Sono informati dal datore di lavoro circa le politiche aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, in particolare in ordine alle esigenze relative ai videoterminali ed applicano correttamente le direttive aziendali di sicurezza.
Non devono essere informati dal datore di lavoro circa le politiche aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate