• Accedi • Iscriviti gratis
  • Diritto amministrativo 3°- serie 10 domande

    Tempo trascorso
    -

    1. Relativamente a quale delle seguenti tipologie di atti in arrivo non è prevista la registrazione di protocollo, di cui all'art. 53 del D.P.R. n. 445/2000?

    Gazzette ufficiali.
    Atti provenienti da organi politici.
    Documenti informatici.
    Non so rispondere

    2. I gestori di pubblici servizi devono consentire l'accesso ai documenti nei casi in cui una norma imponga al gestore l'attivazione di procedimenti, anche in merito alla scelta del contraente?

    I gestori di pubblici servizi non sono tenuti all'osservanza delle norme in materia di diritto di accesso di cui alla legge n. 241/1990.
    Si, in base alla nuova formulazione legislativa dell'art. 23 della legge n. 241/1990.
    No, alla luce delle più recenti pronunce del C.d.S. i gestori sono tenuti a garantire l'accesso solo con riferimento alle modalità con cui è materialmente gestito il servizio pubblico.
    Non so rispondere

    3. In relazione al risultato, gli atti amministrativi si distinguono in atti restrittivi e atti ampliativi. Gli atti che restringono la sfera giuridica del destinatario....

    Sono atti amministrativi restrittivi.
    Non possono creare nuovi obblighi.
    Sono atti amministrativi ampliativi.
    Non so rispondere

    4. La legge 14 dicembre 2000, n. 379, riconosce alle persone nate e già residenti in particolari territori appartenuti all'Italia, nonché ai loro discendenti:

    La preclusione al riconoscimento della cittadinanza italiana
    La cittadinanza italiana ad eccezione dei soggetti originari dei territori ricompresi nel trattato tra la Repubblica italiana e la Repubblica socialista federativa di Jugoslavia firmato ad Osimo il 10 novembre 1975
    La cittadinanza italiana qualora rendano, entro il dicembre 2005, una dichiarazione all'ufficiale dello stato civile del comune dove il dichiarante risiede o intende stabilire la propria residenza, ovvero, in caso di residenza all'estero, davanti all'autorità diplomatica o consolare del luogo di residenza
    Non so rispondere

    5. Gli stranieri muniti del permesso di soggiorno o titolo equipollente rilasciato dall'autorità di uno Stato appartenente all'Unione europea, valido per il soggiorno in Italia, ai sensi del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, cosa sono tenuti a fare ?

    Sono tenuti a dichiarare la loro presenza al Questore, entro un mese dall'ingresso
    Nulla
    Sono tenuti a dichiarare la loro presenza al Questore, entro otto giorni dall'ingresso
    Non so rispondere

    6. La partecipazione al procedimento amministrativo e il diritto di accesso ai documenti amministrativi sono esercitabili mediante l'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione?

    Solo il diritto di partecipazione.
    Solo il diritto di accesso.
    Si, secondo quanto disposto dagli artt. 59 e 60 del D.P.R. 445/2000.
    Non so rispondere

    7. Per il rilascio della carta di soggiorno lo straniero, regolarmente soggiornante nel territorio dello Stato da almeno sei anni, è tenuto a farne richiesta per iscritto a quale autorità ?

    Allo Sportello unico per l'immigrazione presso il Comune
    Allo Sportello unico per l'immigrazione presso la Prefettura-Ufficio territoriale del Governo
    Alla questura del luogo in cui lo straniero risiede
    Non so rispondere

    8. In diritto amministrativo il termine competenza....

    Viene adoperato al fine di individuare uno dei tre vizi di legittimità da cui l'atto amministrativo può essere affetto.
    Viene adoperato per indicare il complesso di attribuzioni di un organo, ovvero i poteri e le funzioni esercitabili
    Viene adoperato per indicare la facoltà per alcuni organi della P.A. di dotarsi di proprio statuto.
    Non so rispondere

    9. Gli addetti alle operazioni di trasmissione per via telematica di atti, dati e documenti formati con strumenti informatici:

    Possono prendere cognizione della corrispondenza telematica a prescindere dall'indicazione del mittente che le comunicazioni sono destinate ad essere rese pubbliche
    Non possono prendere cognizione della corrispondenza telematica, salvo che per espressa indicazione del mittente destinate ad essere rese pubbliche
    Debbono duplicare le comunicazioni trasmesse in via telematica, anche se non destinate ad essere rese pubbliche
    Non so rispondere

    10. La legge 241/1990 e s.m.i. stabilisce l'ambito di applicazione e di esclusione del diritto di accesso. Quale tra le seguenti affermazioni non è corretta?

    Sono escluse istanze di accesso nei procedimenti tributari, per i quali restano ferme le particolari norme che li regolano.
    Sono escluse istanze di accesso per i documenti coperti da segreto di Stato.
    Sono ammissibili istanze di accesso preordinate ad un controllo generalizzato dell'operato delle pubbliche amministrazioni.
    Non so rispondere