Infermieri(pratica pertinente) 2°- serie 20 domande

Tempo trascorso
-

1. Se il monitor cardiaco va in allarme si deve:

vedere il colorito cutaneo del paziente e rilevare il polso radiale
spegnere gli allarmi
verificare i collegamenti e valutare clinicamente il paziente
chiamare subito il medico
Non so rispondere

2. PERCHÈ È NECESSARIO EFFETTUARE CONTROLLI FREQUENTI DELLA GLICEMIA E DELLA GLICOSURIA NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A NUTRIZIONE PARENTERALE TOTALE?

Perché la nutrizione parenterale totale altera la produzione e l’utilizzazione dell’insulina
Perché è frequente il verificarsi di ipoglicemia a causa della mancata assunzione di cibo
Perché deve essere valutata la tolleranza del paziente al carico del glucosio infuso
Perché è frequente il verificarsi di iperglicemia a causa della assunzione di cibo per via parenterale
Non so rispondere

3. LE “PRECAUZIONI UNIVERSALI” PER LE MALATTIE A TRASMISSIONE PARENTERALE DEVONO ESSERE APPLICATE NEI CONFRONTI DI:

Tutti i pazienti
Pazienti sieropositivi e pazienti di cui non è noto lo stato sierologico
Pazienti sieropositivi e pazienti che fanno parte di categorie a rischio
Pazienti immunodepressi e tutti quelli nelle categorie a rischio
Non so rispondere

4. Le urine dei pazienti sottoposti a chemioterapia vanno:

scaricate direttamente nel water comune degli ammalati
inattivate e poi eliminate nel water comune
eliminate con i RSO (rifiuti speciali ospedalieri)
nessuna delle altre risposte è corretta
Non so rispondere

5. Quale dei seguenti accorgimenti atti a ridurre il rischio di complicanze relative alla manovra di rimozione di un CVC è errata?

L'infermiere deve controllare l'integrità del catetere rimosso
Il paziente deve essere posizionato in posizione anti-Trendellenburg
Durante la rimozione, fare effettuare al paziente la manovra di Valsalva
L'infermiere deve rilevare PA e Fc ed accertarsi che non vi sia una reazione vagale
Non so rispondere

6. QUALE TRA I SEGUENTI PRINCIPI ATTIVI È ADATTO PER IL LAVAGGIO ANTISETTICO DELLE MANI?

Amuchina pura
Benzalconio Cloruro
Glutaraldeide
Clorexidina
Non so rispondere

7. NEL PAZIENTE EMIPLEGICO ALLETTATO, IN FASE ACUTA, IL CAPO SI PRESENTA:

In linea mediana
Inclinato e ruotato verso il lato sano
Inclinato dal lato sano e ruotato verso il lato plegico
Inclinato dal lato plegico e ruotato verso il lato sano
Non so rispondere

8. Quale delle seguenti affermazioni relative alla procedura di eparinizzazione di un CVC è errata?

Si deve mantenere una pressione positiva al termine della procedura
Si utilizza una soluzione eparinata 10 U/ml
Si deve effettuare utilizzando una pressione pulsatile
Viene effettata prima del lavaggio, se il CVC non deve essere riutilizzato
Non so rispondere

9. COSA È PIÙ IMPORTANTE VALUTARE DOVENDO FORNIRE AL PAZIENTE INFORMAZIONI SULLA PROPRIA MALATTIA IN FUNZIONE DELLA DIMISSIONE?

Il possibile contatto del paziente con familiari affetti dalla stessa patologia
La capacità di comprendere ed apprendere i fattori che la influenzano
Le conoscenze specifiche già possedute sulle caratteristiche della sua malattia
tutte le altre risposte sono esatte
Non so rispondere

10. L’ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE:

Non deve durare più di 10 –15 secondi per non provocare effetti collaterali
Non deve avere durata inferiore a 20 secondi
Deve essere prolungata per almeno 25-30 secondi per avere la certezza della rimozione delle secrezioni
non è una procedura da eseguire sterilmente
Non so rispondere

11. Una delle seguenti affermazioni relative al calibro del materiale da sutura è sbagliata:

è espresso con numeri-simboli degli zero
è espresso in decimi di millimetro
più piccola è la misura, più resistente è il filo
va adattato al tessuto su cui si agisce
Non so rispondere

12. I PRESIDI TRATTATI CON OSSIDO DI ETILENE DEVONO ESSERE:

Sottoposti a trattamento di degassificazione
Estratti dalla confezione almeno un’ora prima del loro utilizzo
Sciacquati con soluzione fisiologica prima dell’uso
Sciacquati con soluzione glucosata prima dell’uso
Non so rispondere

13. Una medicazione deve:

essere sterile ed impermeabile ai batteri, non consentire l' assorbimento degli essudati, lasciar traspirare la ferita
essere sterile ed permeabile ai batteri, consentire l' assorbimento degli essudati, lasciar traspirare la feritai
essere sterile ed impermeabile ai batteri, consentire l' assorbimento degli essudati, lasciar traspirare la ferita
essere sterile ed impermeabile ai batteri, consentire l' assorbimento degli essudati, non lasciar traspirare la ferita
Non so rispondere

14. Se un soggetto risulta essere tollerante ad un farmaco "x" cosa accade?

Il farmaco che sta assumendo non provoca alcun effetto collaterale
Il farmaco che sta assumendo non produce più alcun effetto terapeutico
Necessita di sospendere la somministrazione di quel farmaco
Necessita di dosi sempre maggiori per ottenere l'effetto prodotto dalla dose iniziale
Non so rispondere

15. Nella valutazione del rischio ambientale da farmaci chemioterapici antiblastici è importante considerare:

i dispositivi utilizzati per la sicurezza disponibili nell'unità operativa
le caratteristiche degli ambienti ma non la tipologia di farmaco antiblastico utilizzata ed i DPI
il carico di lavoro del singolo operatore, le caratteristiche degli ambienti, i dispositivi utilizzati per la sicurezza
il carico di lavoro del singolo operatore, le caratteristiche ambientali e la tipologia di farmaco antiblastico utilizzata
Non so rispondere

16. GENERALMENTE, LA RELAZIONE DI AIUTO NEI CONFRONTI DEL PAZIENTE SI REALIZZA:

Ogni volta che l’infermiere si sostituisce al paziente per risolvere le sue esigenze cliniche
Quando si informa il paziente su procedimenti diagnostici e terapeutici che lo riguardano
tutte le altre risposte sono corrette
Quando attraverso la comunicazione nasce un clima di fiducia e di rispetto
Non so rispondere

17. LA MANOVRA DI HEIMLICH È UTILE PER:

Valutare l'attività cardiaca
Disostruire le vie aeree da corpi estranei
Cambiare postura in una persona allettata
Valutare l'attività respiratoria
Non so rispondere

18. Che cosa si intende per antisepsi?

Un insieme di norme atte a impedire o rallentare la moltiplicazione dei germi patogeni e non patogeni
Un insieme di norme atte a impedire la contaminazione microbica di substrati già sterili
Un processo che permette l’uccisione di ogni organismo vivente (microrganismi patogeni, saprofiti, miceti, spora e virus)
La detersione eseguita mediante l’uso di saponi liquidi ad alto potere detergente
Non so rispondere

19. Nel preparare il paziente per l'intervento chirurgico, l'infermiere deve controllare sempre:

che sia stato effettuato un bagno medicato
che l'igiene personale sia soddisfacente
che l'igiene personale sia adeguata all'intervento
che l'igiene personale sia stata effettuata dai familiari
Non so rispondere

20. NEL CASO IN CUI UNA PUERPERA PRESENTI INGORGO MAMMARIO CHE SI MANIFESTA CON DOLORE E PARTICOLARE TENSIONE DEL SENO, QUALE OPERAZIONE PUÒ COMPIERE UN INFERMIERE AL FINE DI RIDURRE LA SINTOMATOLOGIA E FAVORIRE LA FUORIUSCITA DEL LATTE?

Massaggiare il seno in senso circolare
Somministrare diuretici
Applicare un impacco freddo
Applicare un impacco caldo
Non so rispondere