• Accedi • Iscriviti gratis
  • Infermieri(pratica pertinente) serie 20 domande

    Tempo trascorso
    -

    1. IN CASO DI ASSENZA DI PERISTALSI NEL PERIODO POST-OPERATORIO È OPPORTUNO:

    Evitare che il paziente assuma cibi e bevande
    Evitare l’assunzione di liquidi sia per OS che endovena
    Incoraggiare l’assunzione di cibi semi-solidi per favorire la ripresa della peristalsi
    Incoraggiare l’assunzione di cibi liquidi-cremosi per favorire la ripresa della peristalsi
    Non so rispondere

    2. Nella cute il corpuscolo di Pacini risponde alle/agli…

    Compressioni statiche e alla tessitura delle superfici
    Compressioni oscillatorie o a pressioni che scorrono sotto la cute
    Vibrazioni
    Stiramenti della cute
    Non so rispondere

    3. PER L’IRRIGAZIONE CONTINUA DELLA VESCICA SI UTILIZZA:

    Un catetere ad una via, da rimuovere al termine del trattamento
    Un catetere a due vie senza palloncino
    Un catetere a due vie
    Un catetere a tre vie
    Non so rispondere

    4. DOPO UN PRELIEVO DI MIDOLLO OSSEO DALLA CRESTA ILIACA OCCORRE:

    Praticare una medicazione senza esercitare pressione per non traumatizzare ulteriormente i tessuti
    Esercitare una pressione sulla zona di inserimento dell’ago per prevenire la formazione di ematomi
    Praticare frizioni sulla zona del prelievo
    Applicare necessariamente punti di sutura
    Non so rispondere

    5. LEI È STATO ASSEGNATO AL BLOCCO OPERATORIO DI CHIRURGIA GENERALE E VASCOLARE E SI VERIFICANO LE SEGUENTI SITUAZIONI: SCELGA QUELLA PIÙ CORRETTA. NEL CORSO DELLA SEDUTA PROGRAMMATA È STATO ESEGUITO UN SOLO INTERVENTO CHIRURGICO DI BREVE DURATA:

    Nessuna delle altre risposte è corretta
    Non è necessaria la sanificazione della sala operatoria al termine della seduta, in quanto il sistema di condizionamento ha contenuto nei limiti prescritti la carica microbica, data anche la brevità dell’impegno della sala
    Al termine della seduta si provvede alla sanificazione della sala operatoria
    La sala operatoria viene sanificata al termine della seduta solo se è stato eseguito un intervento su paziente portatore di malattia infettiva diffusiva
    Non so rispondere

    6. Per Brachiterapia si intende:

    radioterapia palliativa
    radioterapia a contatto o a breve distanza
    terapia di brevi segmenti
    terapia di breve durata
    Non so rispondere

    7. Quali sono le azioni che l'infermiere deve mettere in atto per ridurre il dolore associato all'iniezione intramuscolare?

    Sceglie la sede vastolaterale, applica la tecnica Z, inietta il farmaco lentamente, esegue la manovra li Lesser prima di iniettare
    Sceglie la sede dorsoglutea, sostituisce l'ago usato per aspirare il farmaco, esegue la manovra di Lesser prima di iniettare
    Sceglie la sede ventroglutea, applica la tecnica Z, inietta il farmaco lentamente, applica una delicata pressione con una garza asciutta per 30 secondi
    Sceglie la sede vastolaterale, applica la tecnica Z, inietta il farmaco lentamente, effettua un massaggio dopo l'iniezione
    Non so rispondere

    8. DOPO AVERE ESEGUITO UNA INIEZIONE INTRAMUSCOLARE, QUALE DELLE SEGUENTI OPERAZIONI DEVE ESSERE SICURAMENTE EVITATA?

    Riporre la siringa priva dell’ago nell’apposito contenitore cartaceo predisposto
    Riporre l’ago privo di cappuccio nell’apposito contenitore di smaltimento
    Reincapucciare l’ago prima di riporlo nell’apposito contenitore di smaltimento
    Tutte le altre risposte sono errate
    Non so rispondere

    9. NEL CASO DI INDICAZIONE DI RIMOZIONE DEL TESSUTO NECROTICO DA UNA LESIONE DA DECUBITO SI PUÒ UTILIZZARE:

    Collagene
    Mercurocromo
    Pomata a base di enzimi proteolitici
    Acqua ossigenata
    Non so rispondere

    10. Monitorare l’emodinamica e l’assetto respiratorio di un paziente:

    non prevede l’emissione di segnali acustici da parte del monitor
    permette il controllo dei parametri vitali del paziente
    non è indispensabile durante l’intervento chirurgico
    è sinonimo di misurazione di un parametro
    Non so rispondere

    11. La consegna del paziente operato al personale del reparto avviene:

    se i valori vitali sono nella norma anche se lo stato di coscienza non è rientrato totalmente
    se i valori vitali sono nella norma
    se i valori vitali sono nella norma, se lo stato di coscienza è presente
    dopo 2 ore dal risveglio e se è in condizioni cliniche stabili
    Non so rispondere

    12. COSA VALUTA LA SCALA DI MASLOW?

    Il dolore in età pediatrica
    Il rischio professionale
    Lo stato di coscienza
    La necessità ed i bisogni dell'uomo
    Non so rispondere

    13. Tra le seguenti qual è una scala di valutazione delle lesioni da pressione?

    Barthel
    Conley
    VaS
    Norton
    Non so rispondere

    14. LA POSIZIONE DI FOWLER FAVORISCE:

    Una migliore funzionalità respiratoria
    L'esplorazione della prostata
    L'esecuzione del clistere evacuativo
    Ritorno venoso
    Non so rispondere

    15. Quale fra le seguenti affermazioni sulla valutazione anestesiologica pre-operatoria è esatta?

    Non è indispensabile per programmare un’adeguata anestesia
    Ha come scopo principale la riduzione della morbilità intra e post-operatoria
    Non è importante per poter predisporre una strategia anestetica idonea
    Non contribuisce a ridurre la componente ansiosa del paziente
    Non so rispondere

    16. Cosa si intende con il termine "Paraplegico"?

    Paresi del volto
    Paralisi degli arti inferiori
    Paralisi degli arti inferiori e superiori
    Paralisi di una metà, sinistra o destra, del corpo
    Non so rispondere

    17. Che dieta è consigliata a pazienti con infezione in corso?

    a basso contenuto proteico e calorico
    con alto contenuto proteico e calorico
    iperlipidica
    ricca di fibre
    Non so rispondere

    18. Qual è la terapia indicata nei pazienti con insufficienza renale cronica progressiva anemizzazione?

    Corticosteroidi a bassi dosaggi
    Trasfusioni di sangue intero
    Trasfusioni di emazie concentrate
    Iniezioni di EPO
    Non so rispondere

    19. Quale fra i seguenti esami sul liquido pleurico si utilizza per comprendere se il versamento è un essudato o un trasudato?

    Dosaggio della concentrazione pleurica di proteine
    Dosaggio della concentrazione pleurica di LDH
    Valutazione del rapporto fra le concentrazioni di proteine nel liquido pleurico e nel sangue
    Tutte le altre risposte sono corrette
    Non so rispondere

    20. Quando si attua uno studio follow-up?

    Prima di somministrare una certa terapia sperimentale
    Per valutare i risultati di una procedura terapeutica
    Per effettuare screening su malattie genetiche
    Solo su persone sane e consenzienti
    Non so rispondere