DIRITTO E ATTIVITA DI POLIZIA - Diritto e procedura penale 10

Tempo trascorso
-

1. L’ISTIGAZIONE ALLA CORRUZIONE È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE:

No.
Si.
Soltanto se l’istigazione è fatta in pubblico.
No, in quanto la fattispecie in questione è stata abrogata.
Non so rispondere

2. SECONDO LE NORME VIGENTI QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE?

Alterazione di moneta
Concussione
Uso abusivo di sigilli
Non esistono delitti contro la pubblica amministrazione
Non so rispondere

3. SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE?

Abusivo esercizio di una professione
Abuso di potere
Abuso di ufficio
Abusico esercizio di un'attività commerciale
Non so rispondere

4. SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE?

Interruzuine di un servzio pubblico o di pubblica necessità
Danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale
Rivelazione di segreti scientifici o industriali
Abuso di potere
Non so rispondere

5. QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE:

Strage
Falsa testimonianza
Corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio
omicidio
Non so rispondere

6. SECONDO LE NORME VIGENTI QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE?

Peculato
Oltraggio a magistrato in udienza
Appropriazione indebita
Falsa testimonianza
Non so rispondere

7. SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE?

Truffa
Bancarotta fraudolenta
Corruzione
Oltraggio a magistrato in udienza
Non so rispondere

8. SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE?

Omessa denuncia di reato da parte del pubblico ufficiale
Istigazione alla corruzione
Uso di valori di bollo contraffatti
Contraffazione del sigillo dello stato
Non so rispondere

9. QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE:

Malversazione a danno dello Stato
Millantato credito
Omessa denuncia di reato da parte del pubblico ufficiale
Contraffazione del sigillo dello stato
Non so rispondere

10. QUALE DEI SEGUENTI DELITTI È UN DELITTO CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE:

Contraffazione del sigillo dello stato
Epidemie
Ritrattazione
Corruzione per un atto di ufficio
Non so rispondere

11. IL DIPENDENTE PUBBLICO CHE INDEBITAMENTE RIFIUTA UN ATTO DEL SUO UFFICIO, COMMETTE IL DELITTO DI RIFIUTO DI ATTI D'UFFICIO:

Solo se riveste la qualità di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio e l'atto, per ragioni di giustizia, sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo.
Solo se riveste la qualità di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio e l'atto per una qualunque ragione è urgente.
Solo se riveste la qualità di pubblico ufficiale e l'atto é urgente.
Solo se l'atto, per ragioni di giustizia, sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, anche se non riveste alcun titolo di pubblico ufficiale.
Non so rispondere

12. IL PUBBLICO UFFICIALE, CHE SI APPROPRIA DI UNA COSA ALTRUI SOTTOPOSTA A SEQUESTRO NEL CORSO DI UN PROCEDIMENTO PENALE ED AFFIDATA ALLA SUA CUSTODIA COMMETTE IL DELITTO DI:

Peculato.
Abuso d'ufficio.
Sottrazione di cose sottoposte a sequestro disposto nel corso di un procedimento penale o dall'Autorità amministrativa.
Truffa aggravata con utilizzo del mezzo fraudolento.
Non so rispondere

13. IL DELITTO DI ISTIGAZIONE ALLA CORRUZIONE, PREVISTO DALL’ART. 322 DEL C.P., SI CONCRETIZZA QUANDO L’OFFERTA O LA PROMESSA DI DENARO NON DOVUTA E’ FORMULATA NEI CONFRONTI:

del pubblico ufficiale o dell’incaricato di un pubblico servizio, anche se questi non riveste la qualità di pubblico impiegato
del solo pubblico ufficiale
del pubblico ufficiale o dell’incaricato di un pubblico servizio che rivesta la qualità di pubblico impiegato
del pubblico ufficiale, dell’incaricato di pubblico servizio o dell’esercente un servizio di pubblica necessità
Non so rispondere

14. QUALE DEI SEGUENTI DELITTI E’ COMPRESO TRA QUELLI PROPRI DEI PUBBLICI UFFICIALI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE?

falsa testimonianza
omissione di referto
corruzione in atti giudiziari
millantato credito
Non so rispondere

15. IN BASE AL DISPOSTO DELL’ART. 320 C.P., I DELITTI DI “CORRUZIONE PER UN ATTO D’UFFICIO” E “DI CORRUZIONE PER UN ATTO CONTRARIO AI DOVERI D’UFFICIO” SONO IPOTIZZABILI ANCHE NEI CONFRONTI DELL’INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO?

si, ma in entrambi i casi è necessario che l’incaricato di pubblico servizio rivesta la qualità di pubblico impiegato
si, ma il delitto di corruzione per un atto d’ufficio è ipotizzabile solo qualora l’incaricato di pubblico servizio rivesta la qualità di pubblico impiegato
si, ma il delitto di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio è ipotizzabile solo qualora l’incaricato di pubblico servizio riveste la qualità di pubblico impiegato
si, i due delitti sono sempre ipotizzabili nei confronti dell’incaricato di pubblico servizio, anche se questi non riveste la qualità di pubblico impiegato
Non so rispondere

16. NON RIENTRA TRA I DELITTI PROPRI DEI PUBBLICI UFFICIALI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE:

falsa testimonianza
corruzione in atti giudiziari
abuso d’ufficio
sottrazione di cose sottoposte a sequestro disposto nel corso di un procedimento penale
Non so rispondere

17. SALVO CHE IL FATTO COSTITUISCA IL REATO DI CUI ALL’ART.640 BIS C.P., IL CONSEGUIRE INDEBITAMENTE, MEDIANTE L’UTILIZZO DI DICHIARAZIONI FALSE, MUTUI AGEVOLATI EROGATI DA ENTI PUBBLICI COSTITUISCE, A NORMA DELL’ART. 316/TER DEL C.P.:

delitto o contravvenzione penale, a seconda della somma indebitamente percepita
delitto o illecito amministrativo, a seconda della somma indebitamente percepita
delitto se commesso dal pubblico ufficiale, illecito amministrativo se commesso dal privato
sempre delitto, con la pena attenuata se il fatto è di particolare tenuità o è commesso dal privato
Non so rispondere

18. COSTITUISCE AGGRAVANTE SPECIFICA DEL DELITTO DI CORRUZIONE PER UN ATTO CONTRARIO AI DOVERI D’UFFICIO:

aver agito per motivi economici.
se il fatto ha per oggetto l’erogazione di contributi, sovvenzioni o finanziamenti da parte delle Comunità europee
se il fatto ha per oggetto la stipulazione di contratti nei quali sia interessata una qualsiasi pubblica amministrazione
se il fatto ha per oggetto la stipulazione di contratti nei quali sia interessata l’amministrazione alla quale il pubblico ufficiale appartiene
Non so rispondere

19. IL DELITTO DI CONCUSSIONE, DISCIPLINATO DALL’ART. 317 C.P., È UN DELITTO PROPRIO:

del solo pubblico ufficiale
di competenza del Giudice Monocratico
del pubblico ufficiale e dell’incaricato di pubblico servizio
ed è incompatibile con il tentativo
Non so rispondere

20. RELATIVAMENTE AGLI ATTI PUBBLICI, AFFINCHÉ SI CONCRETIZZINO I DELITTI DI FALSITÀ MATERIALE E FALSITÀ IDEOLOGICA COMMESSI DAL PUBBLICO UFFICIALE:

per la falsità materiale è necessario che abbia agito nell’esercizio delle sue funzioni, per la falsità ideologica è sufficiente che abbia conseguito un vantaggio personale, pur non avendo agito nell’esercizio delle sue funzioni
è necessario che il Pubblico Ufficiale abbia agito nell’esercizio delle sue funzioni oppure, al di fuori di questa ipotesi, abbia comunque conseguito un vantaggio personale
è necessario, in ogni caso, che il Pubblico ufficiale abbia agito nell’esercizio delle sue funzioni
non è necessario che il Pubblico Ufficiale abbia agito nell’esercizio delle sue funzioni; questa circostanza costituisce solo un’aggravante specifica dei due delitti
Non so rispondere

21. QUAL' È LA DIFFERENZA TRA I REATI DI CORRUZIONE E CONCUSSIONE?

nella corruzione la volontà del privato viene coartata dal pubblico ufficiale, mentre nellaconcussione c'è accordo tra le parti
nella corruzione c'è accordo tra le parti mentre nella concussione la volontà del privato viene coartata dal pubblico ufficiale
nella corruzione il pubblico ufficiale riceve denaro, mentre nella concussione altri benefici
nella corruzione c'è accordo tra le parti mentre nella concussione la volontà del Pubblico Ufficiale viene coartata dal privato
Non so rispondere

22. QUALE È LA DIFFERENZA TRA CORRUZIONE PROPRIA E CORRUZIONE IMPROPRIA DI UN PUBBLICO UFFICIALE?

nella prima il pubblico ufficiale riceve, per la sua opera, denaro non dovutogli mentre nella seconda riceve altri vantaggi
nella prima il corrotto compie un atto contrario al proprio ufficio mentre nella seconda omette o ritarda un atto del suo ufficio
nella prima il corrotto compie un atto del suo ufficio mentre nella seconda compie un atto contrario al proprio ufficio, sempre dietro compenso non dovuto
la corruzione propria è commessa dal Pubblico Ufficiale, la corruzione impropria è commessa dal privato
Non so rispondere

23. PER I REATI COMMESSI DA ANIMALI, IL PROPRIETARIO PUÒ ESSERE CHIAMATO A RISPONDERNE PENALMENTE?

si, ma solo a titolo di colpa
no, può essere chiamato a risponderne solo in sede civile
si, a seconda dei casi, per dolo o per colpa
si, ma solo se ha istigato l’animale a commettere il fatto
Non so rispondere

24. L’OMESSA DENUNCIA DI REATO DA PARTE DEL P.U. È PUNITA CON:

reclusione, se il P.U. è anche ufficiale od agente di p.g.
reclusione in ogni caso
multa in ogni caso
una sanzione amministrativa
Non so rispondere

25. QUAL È LA SOSTANZIALE DIFFERENZA TRA I REATI DI CORRUZIONE E CONCUSSIONE?

il reato di concussione è molto più grave del reato di corruzione
nella corruzione il pubblico ufficiale riceve denaro, mentre nella concussione altri benefici di diversa natura
nella corruzione la volontà del privato è coartata dal pubblico ufficiale, mentre nella concussione c'è accordo tra le parti
nella corruzione c'è accordo tra le parti mentre nella concussione la volontà del privato è coartata dal pubblico ufficiale
Non so rispondere

26. QUAL È L’OGGETTO MATERIALE NEL REATO DI PECULATO?

la condotta del pubblico ufficiale
esclusivamente il denaro o altra cosa mobile della Pubblica Amministrazione
esclusivamente il denaro
il denaro o altra cosa mobile altrui
Non so rispondere

27. QUAL È LA DIFFERENZA TRA CORRUZIONE PROPRIA E CORRUZIONE IMPROPRIA DI UN PUBBLICO UFFICIALE?

nella prima il corrotto compie un atto contrario al proprio ufficio mentre nella seconda omette o ritarda un atto del suo ufficio
nella prima il corrotto compie un atto del suo ufficio mentre nella seconda compie un atto contrario al proprio ufficio, sempre dietro compenso non dovuto
nella prima il pubblico ufficiale riceve, per la sua opera, denaro non dovutogli mentre nella seconda riceve altri vantaggi
nella prima fattispecie l'autore è perseguibile, invece, nella seconda fattispecie l'agente non è perseguibile
Non so rispondere

28. IL DELITTO DI ABUSO D’UFFICIO, DISCIPLINATO DALL’ART. 323 CODICE PENALE, È UN DELITTO PROPRIO:

di competenza del Giudice Monocratico
del solo pubblico ufficiale
del pubblico ufficiale e dell’incaricato di pubblico servizio
punibile con la reclusione da 1 anno a 5 anni
Non so rispondere

29. IL REATO DI ISTIGAZIONE ALLA CORRUZIONE FINALIZZATO AL COMPIMENTO DI UN ATTO D'UFFICIO SI CONCRETIZZA QUANDO L’OFFERTA O LA PROMESSA DI DENARO NON DOVUTA È FORMULATA NEI CONFRONTI:

Del Pubblico Ufficiale e dell’incaricato di un pubblico servizio che rivesta la qualità di pubblico impiegato
Del solo Pubblico Ufficiale
Del Pubblico Ufficiale e dell’incaricato di un pubblico servizio, anche se questi non riveste la qualità di pubblico impiegato
Del Pubblico Ufficiale, dell’incaricato di pubblico servizio e dell’esercente un servizio di pubblica necessità
Non so rispondere

30. IL DELITTO DI “VIOLAZIONE DI DOMICILIO COMMESSA DA UN PUBBLICO UFFICIALE” È UN DELITTO:

Proprio del Pubblico Ufficiale e dell’incaricato di pubblico servizio
Proprio del pubblico ufficiale, salvo che la legge disponga altrimenti
Proprio esclusivamente degli appartenenti alla Polizia Giudiziaria
Proprio del pubblico ufficiale
Non so rispondere

31. IL PUBBLICO UFFICIALE O L’INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO, CHE, AVENDO PER RAGIONE DEL SUO UFFICIO O SERVIZIO, LA DISPONIBILITÀ DI UNA COSA MOBILE ALTRUI, SE NE APPROPRIA, COMPIE IL REATO DI:

abuso d’ufficio
malversazione
peculato
corruzione
Non so rispondere

32. DA CHI PUÒ ESSERE COMMESSO IL DELITTO DI CONCUSSIONE?

pubblico ufficiale
pubblico ufficiale e incaricato di pubblico servizio
esercente un servizio di pubblica necessità
chiunque
Non so rispondere

33. IN QUALE CATEGORIA DI REATI RIENTRA LA CONCUSSIONE:

contro la Fede pubblica;
contro la Libertà morale della persona;
contro la Pubblica Amministrazione;
contro l’Amministrazione della Giustizia;
Non so rispondere

34. È UNA CIRCOSTANZA ATTENUANTE SPECIFICA DEI DELITTI DI CONCUSSIONE DEI PUBBLICI UFFICIALI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE:

se il fatto è commesso occasionalmente;
se il fatto è di particolare tenuità.
se il fatto è commesso per legittima difesa;
se il fatto è commesso dall’incaricato di pubblico servizio;
Non so rispondere

35. CHIUNQUE USA MINACCIA PER OPPORSI AD UN PUBBLICO UFFICIALE MENTRE COMPIE UN ATTO D'UFFICIO COMMETTE DELITTO DI:

violenza privata;
resistenza a pubblico ufficiale;
oltraggio aggravato dall’uso della violenza;
malversazione.
Non so rispondere

36. QUALE DI QUESTI DELITTI RICHIEDE IL DOLO SPECIFICO:

peculato d’uso;
concussione;
malversazione a danno dello Stato;
interruzione di un servizio pubblico.
Non so rispondere

37. IL REATO DI PECULATO PUÒ ESSERE COMMESSO:

dal privato, anche da solo, purché svolga funzioni di pubblico dipendente.
solo dal privato purché in concorso con il pubblico ufficiale;
solo dal pubblico ufficiale;
solo dal pubblico ufficiale o dall’incaricato di pubblico servizio;
Non so rispondere

38. LA SOSPENSIONE DALL’ESERCIZIO DI UN PUBBLICO UFFICIO È:

una misura di sicurezza provvisoria;
una pena accessoria;
una misura cautelare personale;
una misura amministrativa.
Non so rispondere

39. I PUBBLICI UFFICIALI E GLI INCARICATI DI UN PUBBLICO SERVIZIO HANNO L’OBBLIGO DI FARE DENUNCIA PER ISCRITTO DI UN REATO:

solo se trattasi di reato perseguibile d’ufficio;
per qualsiasi ragione ne siano venuti a conoscenza;
solo se ne hanno avuto notizia durante il servizio;
solo se si tratti di delitto.
Non so rispondere

40. NELLA CONCUSSIONE L’AGENTE COSTRINGE TALUNO INDEBITAMENTE A DARE O PROMETTERE:

beni dello Stato.
esclusivamente denaro;
beni mobili in genere;
denaro o altra utilità;
Non so rispondere

41. NON COSTITUISCE CIRCOSTANZA AGGRAVANTE COMUNE:

aver commesso il reato al fine di trarne profitto per se o per altri.
avere agito per motivi abietti;
avere, nei delitti colposi, agito nonostante la previsione dell’evento;
l’avere adoperato sevizie;
Non so rispondere

42. IL PUBBLICO UFFICIALE È:

anche un privato purché eserciti una funzione pubblica;
un dipendente dello Stato o comunque un soggetto legato allo Stato da rapporto di lavoro anche autonomo;
necessariamente dipendente di Ente Pubblico;
un dipendente dello Stato che abbia la qualità di ufficiale o agente di polizia giudiziaria
Non so rispondere

43. CHI COMMETTE IL DELITTO DI RIVELAZIONE ED UTILIZZAZIONE DI SEGRETI DI UFFICIO?

Sia il pubblico ufficiale che la persona incaricata di un pubblico servizio.
Solo il pubblico ufficiale
Solo la persona incaricata di un pubblico servizio.
Solo la persona che riveste la funzione di Polizia Giudiziaria.
Non so rispondere

44. SI CONFIGURA IL REATO DI FALSITÀ IDEOLOGICA, COMMESSA DAL PUBBLICO UFFICIALE IN CERTIFICATI O IN AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE, QUANDO:

Il pubblico ufficiale, nell’esercizio delle sue funzioni, rilascia la copia di un atto pubblico o privato conforme all’originale.
Il pubblico ufficiale, nell’esercizio delle sue funzioni, rilascia la copia di un atto pubblico o privato diversa dall’originale.
Il pubblico ufficiale, nell’esercizio delle sue funzioni, supponendo esistente un atto pubblico o privato, ne simula una copia e la rilascia in forma legale.
Il pubblico ufficiale, nell’esercizio delle sue funzioni, attesta falsamente, in certificati o autorizzazioni amministrative, fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità.
Non so rispondere

45. STABILISCE IL C.P.P. CHE LA POLIZIA GIUDIZIARIA HA, TRA L'ALTRO, FACOLTÀ DI ARRESTO IN FLAGRANZA DI REATO PER....

Delitti di illegale introduzione nello Stato di armi da guerra.
Delitto di rapina.
Disastro ferroviario.
Corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio.
Non so rispondere

46. A NORMA DELL'ART. 329 DEL C.P., DA CHI PUÒ ESSERE COMMESSO IL REATO DI RIFIUTO O RITARDO DI OBBEDIENZA:

solo dall'agente della forza pubblica, che rifiuta o ritarda indebitamente di eseguire una richiesta fattagli, nelle forme stabilite, dall'autorità competente
dal militare o dall'agente della forza pubblica, che rifiuta o ritarda indebitamente di eseguire una richiesta fattagli, nelle forme stabilite, dall'autorità competente
solo dall'agente della forza pubblica che rivesta la qualifica di ufficiale di pubblica sicurezza, che rifiuta o ritarda indebitamente di eseguire una richiesta fattagli, nelle forme stabilite, dall'autorità competente
dal militare o dall'agente della forza pubblica, solo se rifiuta indebitamente di eseguire una richiesta fattagli, nelle forme stabilite, dall'autorità competente
Non so rispondere

47. IL REATO DI RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE SI CONFIGURA ANCHE ALL'INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO?

Sì, se sta compiendo un atto d'ufficio o di servizio, ed anche a coloro che, richiesti, gli prestano assistenza.
Sì, anche al di fuori del suo ufficio o servizio.
Sì, se sta compiendo un atto d'ufficio o di servizio, ma non a coloro che, richiesti, gli prestano assistenza.
No, tale fattispecie npn è contemplata dal nostro codice.
Non so rispondere

48. E' PUNIBILE CHI SPENDE, O METTE ALTRIMENTI IN CIRCOLAZIONE, MONETE CONTRAFFATTE O ALTERATE RICEVUTE IN BUONA FEDE?

No, è punibile soltanto chi, non essendo concorso nella contraffazione o nell’alterazione, ma di concerto con chi l’ha eseguita , ovvero con un intermediario, introduce nel territorio dello Stato monete contraffatte o alterate.
No, è punibile solo l'autore della contraffazione di monete.
Si, con la reclusione fino a sei mesi o con una multa
Si, è punibile solo ed esclusivamente con la reclusione fino a tre anni.
Non so rispondere

49. SALVO CHE DALLA LEGGE SIA ALTRIMENTI DISPOSTO, IL CONDANNATO ALL’INTERDIZIONE PERPETUA DAI PUBBLICI UFFICI. . .

E' privato, per un periodo non inferiore a cinque anni, dei gradi e delle dignità accademiche, dei titoli, delle decorazioni o di altre pubbliche insegne onorifiche.
E' privato, per un periodo non superiore a cinque anni, dei gradi e delle dignità accademiche, dei titoli, delle decorazioni o di altre pubbliche insegne onorifiche.
E' privato dei gradi e delle dignità accademiche, dei titoli, delle decorazioni o di altre pubbliche insegne onorifiche.
E' privato, per un periodo non inferiore a sette anni, dei gradi e delle dignità accademiche, dei titoli, delle decorazioni o di altre pubbliche insegne onorifiche.
Non so rispondere

50. IL DELITTO DI “OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO” È IPOTIZZABILE ANCHE NEI CONFRONTI DELL’INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO?

Si.
No, è un delitto proprio del solo Pubblico Ufficiale.
No, è un reato esclusivo dei privati.
No, è un reato esclusivo degli appartenenti alle Forze dell'Ordine.
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate