• Accedi • Iscriviti gratis
  • Istruttore direttivo Categoria D1, cultura generale 09

    Tempo trascorso
    -

    1. Un tipo di pasta fresca propria del Molise e di tutto il Sannio sono i cavatìjll, come si ottengono?

    da una sfoglia di pasta all’uovo usando un apposito attrezzo
    lavorando a mano una sfoglia senza uova
    incavando con i pollici un impasto di farina e patate
    Non so rispondere

    2. Dopo 76 anni dall’inaugurazione, agli inizi del nuovo secolo riapriva al pubblico il rinnovato Teatro Savoia, alla presenza di una prestigiosa autorità in visita a Campobasso:

    Il Santo Padre Giovanni Paolo II
    Il Presidente del Consiglio Prodi
    Il Presidente della Repubblica Ciampi
    Non so rispondere

    3. In molte comunità del Molise e del Sannio esisteva, e ancora in parte sopravvive, la tradizione del "kunzuol" o consolo:

    è l’offerta economica che si dava agli orfani da parte degli zii paterni
    è il conforto che si dava ai parenti prossimi del defunto restando vicino a loro dopo il funerale
    è l’offerta del pranzo funebre ai congiunti del defunto da parte dei parenti
    Non so rispondere

    4. Un noto detto molisano recita: “Chi tè a facce ze màrìte e chì ze nè breògne reste zìte”; significa:

    che trova più facilmente marito chi desidera restare zitella
    che si sposano solo le ragazze che curano il loro aspetto
    che non bisogna vergognarsi se si vuole trovare marito
    Non so rispondere

    5. Secondo alcuni storici le rappresentazioni di forza organizzate dai Sanniti in particolari cerimonie ispirarono ai Romani l’organizzazione di avvenimenti agonistici violenti:

    ma è stato appurato trattarsi di un equivoco dovuto al fatto che con “samnis” si indicava una particolare tecnica di lotta usata nell’area
    e dopo l’annessione del Sannio la lotta tra i gladiatori nell’arena diventò un vero sport nazionale
    in realtà le origini dei giochi gladiatori sono certamente da ricollegare alle tauromachie
    Non so rispondere

    6. I Sanniti ebbero mai uno sbocco verso il mare?

    Si, per un breve periodo riuscirono ad affacciarsi sia sull’Adriatico sia sul Tirreno, ponendo anche proprie basi a Pompei
    Si, la flotta sannitica di stanza nelle Isole Tremiti, controllò per due secoli la costa adriatica
    No, mai. Ci fossero riusciti avrebbero preso il posto di Cartagine nel dominio del Mediterraneo.
    Non so rispondere

    7. Il territorio abitato dai Sanniti come era chiamato dai suoi abitanti?

    Samnium
    Saunitis
    Safinim
    Non so rispondere

    8. La chiesa di S.Antonio Abate è un significativo monumento del barocco molisano:

    che comportò, per la sua edificazione, l’abbattimento di numerosi palazzi circostanti
    che conserva pregevoli dipinti di Guarino da Solofra
    completamente distrutta dal terremoto del 1805, venne ricostruita da Berardino Mosenga che aggiunse le navate laterali.
    Non so rispondere

    9. L’antica lingua croata è oggi usata dalle comunità molisane soprattutto nei rapporti familiari e interpersonali. Come è stata trasmessa nel corso di cinque secoli?

    in parte con la tradizione orale e in parte con critti di natura religiosa e giuridica
    quasi esclusivamente con la tradizione orale
    con scritti relativi a ballate, canti e soprattutto al canone delle usanze consuetudinarie
    Non so rispondere

    10. La dotazione infrastrutturale del territorio molisano:

    costituisce un punto di forza per lo sviluppo economico regionale sia dal punto di vista della crescita endogena sia in termini di attrattività del territorio per i capitali esterni
    costituisce un disincentivo allo sviluppo sociale regionale sia dal punto di vista della crescita della qualità della vita sia in termini di incremento della popolazione
    costituisce un freno allo sviluppo economico regionale sia dal punto di vista della crescita endogena sia in termini di attrattività del territorio per i capitali esterni
    Non so rispondere

    11. L’assetto imprenditoriale regionale si caratterizza per la presenza:

    di imprese di media dimensione
    di imprese di piccola e piccolissima dimensione
    di imprese di piccola e media dimensione
    Non so rispondere

    12. Che tipo di modello insediativo presenta la regione Molise

    orientato alla distribuzione della popolazione nei capoluoghi di regione
    orientato alla distribuzione della popolazione in “piccoli comuni”
    orientato alla distribuzione omogenea della popolazione su tutto il territorio
    Non so rispondere

    13. Chi salvaguardava la integrità dei tratturi?

    Un apposito corpo di guardie campestri istituito dallo Stato grazie alle quote che i pastori versavano come tassa
    Gli abruzzesi proprietari dei greggi che assoldavano e armavano i mandriani
    I pastori che portavano al seguito cani addestrati (soprattutto pastori maremmani)
    Non so rispondere

    14. Gli occupati in Molise:

    sono prevalentemente femmine
    non c’è una differenza rilevante di genere tra gli occupati
    sono prevalentemente maschi
    Non so rispondere

    15. I formaggi molisani sono particolarmente apprezzati soprattutto perchè:

    Fatti con latte fresco di animali che pascolano nelle verdi terre molisane
    Frutto di particolari tecniche di conservazione
    Arricchiti con erbe di montagna e spezie dai sapori molto decisi
    Non so rispondere

    16. Il grande medico Antonio Cardarelli, originario di Civitanova del Sannio, amatissimo dal popolo, fu medico di fiducia anche di pazienti molto illustri, tra i quali è da ricordare:

    Carlo Alberto
    Giuseppe Garibaldi
    Papa Giovanni XXIII
    Non so rispondere

    17. La struttura produttiva della Regione Molise:

    risulta significativamente ancorata al settore terziario e incentrata su imprese di natura individuale di piccola dimensione che possono facilmente determinare un effettivo rilancio e uno sviluppo autosostenuto per il sistema regionale
    risulta ancorata al settore agricolo e incentrata su imprese di natura individuale e di grande dimensione che possono determinare un rilancio e uno sviluppo autosostenuto per il sistema regionale
    risulta significativamente ancorata al settore terziario e incentrata su imprese di natura individuale di piccola dimensione che difficilmente possono determinare un effettivo rilancio e uno sviluppo autosostenuto per il sistema regionale
    Non so rispondere

    18. Il “Verlascio” di Venafro:

    è una delle frazioni del comune sita in zona archeologica
    è il nome con il quale sono meglio conosciuti i resti del teatro romano
    è il nucleo ellittico di edifici rurali sorti sui resti dell’anfiteatro romano
    Non so rispondere

    19. La famosa cinta muraria di Saepinum è stata realizzata:

    Con la tecnica dell’opus quadratum e con l’uso del bipedale (mattone quadrato lungo due piedi)
    In calcare del Matese tagliato in blocchetti a forma di piccole piramidi
    Con malta e grossi frammenti di pietra misti a laterizio
    Non so rispondere

    20. Che cos’è la “maitenata”?

    una antica serenata albanese simile ad una prolungata nenia
    la mezza giornata lavorativa fatta dai braccianti agricoli nei periodi invernali
    uno strumento musicale a percussione usato nelle ballate rurali
    Non so rispondere