Professionale sanitario - Infermiere cat. D (Batteria 3 sessione - 02)

Professionale sanitario - Infermiere cat. D (Batteria 3 sessione - 02)

Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate

Professionale sanitario - Infermiere cat. D (Batteria 3 sessione - 02)

Autore: 
Comune di Aslolbia
Difficoltà: 
medio
Voto: 
Average: 4.2 (33 votes)
Prova altri quiz della categoria: 

Domande test Professionale sanitario - Infermiere cat. D (Batteria 3 sessione - 02)

1. PER EFFETTUARE UN PRELIEVO DI SANGUE DA UN CATETERE VENOSO CENTRALE:

2. LEI E STATO ASSEGNATO AL BLOCCO OPERATORIO DI CHIRURGIA GENERALE E VASCOLARE E SI VERIFICANO LE SEGUENTI SITUAZIONI: SCELGA QUELLA P1(1 CORRETTA. NEL CORSO DELLA SEDUTA PROGRAMMATA E STATO ESEGUITO UN SOLO INTERVENTO CHIRURGICO DI BREVE DURATA:

3. IL PERSONALE INFERMIERISTICO IMPEGNATO NELL’ASSISTENZA DOMICILIARE E AUTORIZZATO AL TRASPORTO DI FARMACI ANALGESICI OPPIACEI?

4. COS’E IL RESPIRO DI KUSSMAUL?

5. I BATTERI SONO:

6. CHE SCOPO HANNO I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE?

7. SE COMPARE SONNOLENZA DURANTE LA SOMMINISTRAZIONE DI OSSIGENO OCCORRE:

8. NEL CASO IN CUI UNA PUERPERA PRESENTI INGORGO MAMMARIO CHE SI MANIFESTA CON DOLORE E PARTICOLARE TENSIONE DEL SENO, QUALE OPERAZIONE PUô COMPIERE UN INFERMIERE AL FINE DI RIDURRE LA SINTOMATOLOGIA E FAVORIRE LA FUORIUSCITA DEL LATTE?

9. Di FRONTE AD UN SOGGETTO IN STATO DI INCOSCIENZA LA PRIMA MANOVRA DA COMPIERE E:

10. L’OSTEOPOROSI E:

11. QUALE FRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI, RELATIVE ALLA MEDICAZIONE DI UNA FERITA CHIRURGICA, E FALSA?

12. IL VOMITO DI ORIGINE CEREBRALE:

13. PER LA MISURAZIONE CORRETTA DELLA PRESSIONE ARTERIOSA IL MANICOTTO DELLO SFIGMOMANOMETRO DEVE ESSERE POSIZIONATO SUL BRACCIO IN MODO CHE RISULTI:

14. SE DURANTE UN PRELIEVO DA CATETERE VENOSO CENTRALE RISULTA IMPOSSIBILE ASPIRARE IL SANGUE:

15. QUALE TRA I SEGUENTI E VEICOLO Dl TRASMISSIONE PER COLERA E INFEZIONI TIFO-PARATIFICHE?

16. IN UN PAZIENTE CON ILEOSTOMIA LE FECI:

17. CHE COSA E UN’ULCERA GASTRICA?

18. QUALE TRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI RELATIVA ALLE VIE DI SOMMINISTRAZIONE PARENTERALI E FALSA?

19. QUALE INTERVENTO, TRA QUELLI INDICATI, NON E OPPORTUNO PER FAVORIRE IL MANTENIMENTO DELL’INTEGRITA CUTANEA IN UN PAZIENTE ANZIANO?

20. QUALI DEl SEGUENTI PAZIENTI NON PUÔ ESSERE SOTTOPOSTO A RISONANZA MAGNETICA?

21. PER STUFETTA AD OSSIDO DI ETILENE SI INTENDE:

22. QUALE E APPROSSIMATIVAMENTE L’INTERVALLO NORMALE DELLA FREQUENZA DEL POLSO IN UN BAMBINO DI ETA COMPRESA TRA UNO E DUE ANNI?

23. LEI SI TROVA NELLA SALA D’ATTESA AMBULATORIALE DI UN OSPEDALE. MENTRE STA FACENDO ENTRARE UN PAZIENTE PER UNA VISITA, SI ACCORGE CHE UNA PERSONA IN ATTESA DI VISITA LAMENTA DOLORE, RECLINA IL CAPO E PERDE CONOSCENZA. QUAL E IL PRIMO INTERVENTO DA EFFETTUARE, FRA QUELLI DI SEGUITO INDICATI?

24. IN AMBITO SANITARIO LA STERILIZZAZIONE NON E NECESSARIA PER:

25. I SINTOMI CARATTERISTICI DELL’IPOGLICEMIA NON SONO:

26. SE DOPO ESSERE STATO SOTTOPOSTO A PUNTURA LOMBARE UN PAZIENTE LAMENTA CEFALEA, QUALE TRA I SEGUENTI INTERVENTI INFERMIERISTICI E OPPORTUNO ATTUARE?

27. PER LA RIMOZIONE DALLE MANI DELLA POPOLAZIONE MICROBICA TRANSITORIA E DI BUONA PARTE DI QUELLA RESIDENTE OCCORRE:

28. AD UN SOGGETTO IN STATO DI INCOSCIENZA E NON TRAUMATIZZATO IN CUI SIA PRESENTE POLSO E RESPIRAZIONE OCCORRE FAR ASSUMERE LA POSIZIONE:

29. PRIMA DELLA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTAZIONE TRAMITE SONDINO NASOGASTRICO:

30. QUALE PARTE DEL CORPO E INTERESSATA NELL’EMIPLEGIA?

31. QUALE COMPORTAMENTO Puô MAGGIORMENTE AIUTARE IL PAZIENTE AD ACCETTARE LA PERDITA DELLA PROPRIA INDIPENDENZA A CAUSA DI UNA MALATTIA?

32. IL TEMPO NECESSARIO A RIDURRE LA CONCENTRAZIONE PLASMATICA DI UN FARMACO AL 50% E DEFINITO:

33. LE SACCHE PER STOMIA INTESTINALE DI TIPO DRENANTE SONO ADATTE:

34. LA REGIONE VERIFICA I RISULTATI AZIENDALI CONSEGUITI E IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI:

35. A NORMA DEL D.LGS. N. 11211998, IN CASO DI EMERGENZE DI IGIENE PUBBLICA CHE INTERESSINO IL TERRITORIO DI PlO COMUNI, CHI ADOTTA LE RELATIVE ORDINANZE CONTINGIBILI E URGENTI, FIN QUANDO NON INTERVENGANO I SOGGETTI COMPETENTI?

36. Al SENSI DEL D.LGS 81108, SE SI VERIFICA UN INCIDENTE CHE DETERMINA ESPOSIZIONE ANOMALA AD AGENTI CANCEROGENI:

37. LE ASL SONO DOTATE DI:

38. IL DATORE Dl LAVORO TENUTO ALLA FORNITURA DEl DISPOSITIVI INDIVIDUALI Dl PROTEZIONE AL DIPENDENTEIN BASE:

39. AL FINE Dl IDENTIFICARE LE COMPETENZE DELL'INFERMIERE SI FA RIFERIMENTO:

40. Al SENSI DELLA COSTITUZIONE ITALIANA LA COLLETTIVITA:

41. Al SENSI DEL D.LGS. 81/08 QUALE TRA LE SEGUENTI NON E RESPONSABILITA DEL DATORE DI LAVORO?

42. GLI ACCERTAMENTI PERIODICI PER CONTROLLARE LO STATO DI SALUTE E L’IDONEITA DEL LAVORATORE ALLA MANSIONE SPECIFICA CUI E 0 DEV’ESSERE ADIBITO, COME E DA CHI SONO EFFETTUATI?

43. NELL’AMBITO DI UN PROCEDIMENTO DISCIPLINARE, IN CASO DI DIMISSIONI DEL DIPENDENTE, SE PER LINFRAZIONE COMMESSA E PREVISTA LA SANZIONE DEL LICENZIAMENTO IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE:

44. A CHI VIENE ATTRIBUITA LA PIU CELEBRE DEFINIZIONE DEL NURSING “LA PECULIARE FUNZIONE DELLINFERMIERE E QUELLA DI ASSISTERE L’INDIVIDUO MALATO 0 SAND NELL’ESECUZIONE Dl QUELLE ATTIVITA CHE CONTRIBUISCONO ALLA SALUTE 0 AL SUO RISTABILIMENTO (0 AD UNA MORTE SERENA), ATTIVITA CHE ESEGUIREBBE SENZA BISOGNO Dl AIUTO SE AVESSE LA FORZA, LA VOLONTA 0 LA CONOSCENZA NECESSARIE, IN MODO TALE DA AIUTARLO A RAGGIUNGERE L’INDIPENDENZA IL PlO RAPIDAMENTE POSSIBILE.”?

45. CHI HA TEORIZZATO IL MODELLO DI ADATTAMENTO?

46. SECONDO LA PRIMA TEORICA ITALIANA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA MARISA CANTARELLI:

47. CHI E L'AUTORE DEL LIBRO “NOTES OF NURSING”?

48. Al SENSI DEL D.LGS. 81108, IL DATORE DI LAVORO CHE ORGANIZZA IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE RICORRENDO A PERSONE 0 SERVIZI ESTERNI:

49. IN CHE MODO PUÔ ESSERE CALCOLATA, IN FASE PREVENTIVA, L’ESPOSIZIONE QUOTIDIANA PERSONALE DI UN LAVORATORE AL RUMORE?

50. Al SENSI DEL D.LGS. 81108, CIASCUN LAVORATORE DEVE: