Personale A.T.A. 09

Tempo trascorso
-

1. La firma digitale:

è consentita solo per particolari tipologie di documenti
è consentita in base alle indicazioni contenute in specifiche normative
non è consentita all'interno della PA
è consentita senza alcuna limitazione o indicazioni particolari
Non so rispondere

2. Quale delle seguenti affermazioni è vera?

La firma digitale introdotta dalla normativa italiana non fornisce alcuna specificazione
La firma digitale introdotta dalla normativa italiana è a doppia chiave asimmetrica (pubblica e privata)
La firma digitale introdotta dalla normativa italiana è a chiave privata
La firma digitale introdotta dalla normativa italiana prevede la possibilità di scelta
Non so rispondere

3. In base a quale legge la normativa italiana disciplina la firma digitale e le attribuisce valore legale?

Legge 59/97 e D.P.R. 428/96
Legge125/96 e DPR 547/92
Legge 15 marzo 1997, n. 59 - art. 15 e il D.P.R. 10 novembre 1997, n. 513
Legge 44/96 e DPR 513/97
Non so rispondere

4. La normativa italiana che disciplina il codice dell’Amministrazione digitale è:

la Legge125/96 e DPR 547/92
la Legge 44/96 e DPR 513/97
il Decreto legislativo n. 235/2010
la Legge 59/97 e D.P.R. 428/96
Non so rispondere

5. Quali tra le seguenti caratteristiche sono garantite dalla firma digitale?

Nessuna delle altre risposte
Riservatezza
Riservatezza e integrità
Integrità
Non so rispondere

6. Quali tra le seguenti caratteristiche sono garantite dalla firma digitale?

Autenticazione (provenienza) e non ripudio
Autenticazione (provenienza)
Nessuna delle altre risposte
Non ripudio
Non so rispondere

7. Quale delle seguenti affermazioni è vera?

Con un sistema a firma privata non è necessario che mittente e destinatario abbiano la chiave per leggere e criptare i messaggi a meno che uno dei due non utilizzi anche una chiave pubblica
Con un sistema a firma privata è necessario che mittente e destinatario abbiano la chiave per leggere e criptare i messaggi
Con un sistema a firma privata non è necessario che mittente e destinatario abbiano la stessa chiave per leggere e criptare i messaggi
Con un sistema a firma privata non è necessario che mittente e destinatario abbiano la chiave per leggere e criptare i messaggi a meno che uno dei due non utilizzi una chiave mista
Non so rispondere

8. A proposito delle caratteristiche della firma digitale, quale tra le affermazioni seguenti è corretta?

Riservatezza: il documento firmato non deve poter essere compreso da nessun altro se non il destinatario
Riservatezza: il documento firmato non deve poter essere ripudiato da nessun altro
Riservatezza: il documento firmato non deve poter essere compreso da nessuno fino al momento dell'arrivo
Riservatezza: il documento firmato non deve poter essere firmato da nessun altro
Non so rispondere

9. A proposito delle caratteristiche della firma digitale, quale tra le affermazioni seguenti è corretta?

Inalterabilità: capacità di verificare se al documento sono state apportate modifiche dopo l'invio
Inalterabilità: il documento firmato non deve poter essere ripudiato da nessun altro
Inalterabilità: il documento firmato non deve poter essere compreso da nessun altro se non il destinatario
Inalterabilità il documento firmato non deve poter essere compreso da nessuno fino al momento dell'arrivo
Non so rispondere

10. Quale affermazione tra le seguenti è esatta?

La normativa sulla firma digitale richiede che il soggetto certificatore sia in possesso di particolari requisiti
La normativa sulla firma digitale non richiede particolari requisiti per il soggetto certificatore
La normativa sulla firma digitale non si occupa del soggetto certificatore
La normativa sulla firma digitale afferma che solo la PA può essere soggetto certificatore
Non so rispondere

11. Quale tra le seguenti affermazioni è corretta?

La firma digitale da un punto di vista tecnico è un procedimento matematico in grado di analizzare e riconoscere un documento
La firma digitale da un punto di vista tecnico è un procedimento matematico in grado di criptare un documento cioè renderlo trasmissibile via Internet
La firma digitale da un punto di vista tecnico è un procedimento matematico in grado di criptare un documento cioè renderlo illeggibile
La firma digitale da un punto di vista tecnico è un procedimento matematico in grado di minimizzare un documento
Non so rispondere

12. La firma digitale garantisce:

che il documento sia stato prodotto da un determinato ufficio
che il documento sia stato prodotto da una determinata unità
che il documento sia stato preventivamente visto dal DSGA
l’integrità del documento e la data certa
Non so rispondere

13. La firma digitale è anche in grado di:

effettuare una certificazione spaziale e temporale cioè la presenza di un luogo di provenienza e di una data certificati e non ripudiabili
effettuare una certificazione spaziale cioè la presenza di un luogo di provenienza certificato e non ripudiabile
effettuare una certificazione temporale cioè la presenza di una data ed ora di redazione certa, certificata e non ripudiabile
effettuare una certificazione della persona che ha inviato un documento e spaziale e temporale cioè identificare la presenza di un luogo di provenienza e di una data certificati e non ripudiabili
Non so rispondere

14. Quale tra le seguenti affermazioni è esatta? Il DPR 235/2010 (Nuovo CAD) stabilisce che:

Sia facoltativo per la PA la pubblicazione sul sito istituzionale dei bandi di concorso
Si introducono per le PA misure premiali e sanzionatorie
Sia facoltativo per la PA disporre della PEC
Sia facoltativo per la PA disporre di un canale digitale sicuro
Non so rispondere

15. Quale delle seguenti affermazioni è vera?

L'autenticità dei documenti viene verificata decrittando formule matematiche
L'autenticità dei documenti viene dichiarata da un messaggio contenente la chiave di convalida
L'autenticità dei documenti viene verificata come avviene per i documenti cartacei
L'autenticità dei documenti informatici è sempre assicurata
Non so rispondere

16. Come si firma un documento informatico?

Allegando un file contenente la chiave privata
Inserendo la smartcard e digitando il PIN
Inserendo nel documento informatico un codice fornito dal certificatore
Inserendo la smartcard e inserendo la chiave pubblica
Non so rispondere

17. Cosa si intende con "firma forte"?

È una definizione inesistente
È prevista dalla normativa vigente ed è richiesta in determinate circostanze
È un procedimento di firma che risponde a specifici requisiti
È una distinzione determinata dai certificatori in base al costo del software
Non so rispondere

18. Cos'è il dispositivo di firma?

Il dispositivo hardware che consente di firmare il documento informatico
L’insieme degli strumenti che consentono di firmare digitalmente i documenti informatici
Una penna elettronica collegata con il PC
Una procedura da attivare durante la stesura del documento informatico da firmare
Non so rispondere

19. Cosa tutela il certificato digitale che garantisce la corrispondenza tra chiave pubblica e privata e una scuola?

L'identità del firmatario
Che la scuola ha ricevuto l'autorizzazione a firmare i documenti informatici
Che l'istituzione scolastica è iscritta all'albo dei certificatori
Che il documento ha raggiunto il destinatario previsto
Non so rispondere

20. Quale delle seguenti affermazioni è vera?

Il documento informatico e la firma digitale non hanno lo stesso valore di un documento sottoscritto con firma autografa
Il documento informatico e la firma digitale hanno lo stesso valore di un documento sottoscritto con firma autografa
Il documento informatico ha lo stesso valore di un documento sottoscritto con firma autografa
Il documento informatico ha lo stesso valore di un documento sottoscritto con firma autografa solo se perviene tramite la Intranet del MIUR
Non so rispondere

21. L'acronimo inglese SSCD indica una funzione, quale?

Elenco internazionale dei certificatori della firma digitale
Dispositivo per la lettura della firma digitale
Dispositivo sicuro per la creazione della firma digitale
Dispositivo per la compilazione dei documenti in formato elettronico
Non so rispondere

22. La normativa che disciplina l'introduzione del protocollo informatico è:

DPR 452/98
Legge 26/98
D.lgs. 624/97
DPR 428/98
Non so rispondere

23. Un canale digitale sicuro è:

una linea telefonica protetta con crittografia dei dati passanti
una linea ADSL con un sistema di firewall
un sistema di comunicazione online che dispone di protezione antivirus
un canale di comunicazione certificato e con piena validità giuridica
Non so rispondere

24. La normativa che ha permesso la nascita del sistema di protocollo informatico è stata:

il D.Lvo 606/43
la Legge 59/97
il DPR 547/55
il DPR 513/97
Non so rispondere

25. In base al nuovo sistema del protocollo informatico:

gli attuali uffici protocolli saranno sostituiti da strutture chiamate Aree di intervento comune(AIC)
gli attuali uffici protocolli saranno sostituiti da strutture chiamate Aree Organizzative Omogenee (AOO)
gli attuali uffici protocolli resteranno invariati
gli attuali uffici protocolli saranno eliminati e non sostituiti
Non so rispondere

26. Quale affermazione tra le seguenti è corretta?

Ogni area omogenea dovrà dotarsi di un sistema di protocollo informatico che abbia alcune "funzionalità minime" previste dalla legge
Ogni area omogenea dovrà dotarsi di un sistema di protocollo informatico che abbia alcune "funzionalità minime" individuate dal dirigente della AOO
Ogni area omogenea dovrà dotarsi di un sistema di protocollo informatico che abbia alcune "funzionalità minime"
Ogni area omogenea dovrà dotarsi di un sistema di protocollo informatico che abbia alcune "funzionalità minime" individuate da un gruppo di lavoro interno
Non so rispondere

27. Quale delle seguenti affermazioni è corretta?

Il protocollo informatico dovrà fornire servizi di individuazione
Il protocollo informatico dovrà fornire servizi di certificazione
Il protocollo informatico dovrà fornire servizi di non ripudio
Il protocollo informatico dovrà fornire servizi di analisi dei documenti
Non so rispondere

28. Il nuovo protocollo informatico introduce un sistema automatizzato che consente di:

individuare ogni documento in qualunque parte della pubblica amministrazione
non ripudiare i documenti in uscita
non ripudiare i documenti in arrivo
analizzare i documenti catalogati
Non so rispondere

29. Il nuovo protocollo informatico introduce un sistema automatizzato che consente di:

analizzare i documenti catalogati
non ripudiare i documenti in uscita
non ripudiare i documenti in arrivo
recuperare ogni documento in qualunque parte della pubblica amministrazione
Non so rispondere

30. Quale affermazione tra le seguenti è esatta?

Il decreto 428/98 contiene le norme di attuazione ma rimanda ad un dpcm per la definizione dei tempi
Il decreto 428/98 contiene le norme tecniche di attuazione
Il decreto 428/98 rimanda ad un regolamento tecnico, la definizione delle modalità tecniche di gestione del protocollo informatico
Il decreto 428/98 rimanda al DPR 513 la definizione delle modalità tecniche di attuazione
Non so rispondere

31. Secondo le definizioni del DPR 428 il sistema del protocollo informatico è:

unitario
decentrato
interattivo
integrato
Non so rispondere

32. Secondo le definizioni del DPR 428 il sistema del protocollo informatico è:

decentrato
interattivo
distribuito
integrato
Non so rispondere

33. Quale delle seguenti affermazioni sul protocollo informatico non è vera?

Rende più efficace ed economica l'azione amministrativa
Aumenta gli uffici protocollo
Elimina i registri cartacei
Razionalizza i flussi documentali
Non so rispondere

34. Quale delle seguenti affermazioni è vera?

Il sistema di protocollo deve essere predisposto secondo principi normativi
Il sistema di protocollo deve essere predisposto in seguito a direttive del MIUR
Il sistema di protocollo deve essere predisposto da ciascuna istituzione scolastica secondo le proprie necessità
Il sistema di protocollo deve essere predisposto dai certificatori della firma digitale
Non so rispondere

35. Quale delle seguenti affermazioni sul responsabile del procedimento è falsa?

Cura le notifiche previste dalle norme vigenti
Procede all'elaborazione del procedimento con criteri di efficienza
Per norma non è tenuto a valutare quanto sta facendo
Procede all'elaborazione del procedimento con criteri di trasparenza
Non so rispondere

36. Come sono definite le funzionalità che le Amministrazioni devono comunque garantire per la gestione del proprio sistema di protocollo?

Minime
Aggiuntive
Funzionali
Amministrative
Non so rispondere

37. Lo studio di prefattibilità:

assume particolare importanza perché indica i documenti che vanno a costituire il protocollo informatico
assume particolare rilevanza perché indica le fasi fondamentali che compongono la gestione dei documenti
non esiste
assume particolare rilievo perché indica quali sono le istituzioni scolastiche interessate alla gestione dei documenti
Non so rispondere

38. Quale delle seguenti affermazioni non è prevista nello studio di prefattibilità?

Digitazione
Trattazione
Autenticazione
Fascicolazione
Non so rispondere

39. Quali funzioni assolve il Dirigente responsabile?

Provvede all'archiviazione del documento nel fascicolo di competenza
Provvede direttamente alla gestione del procedimento relativo al documento protocollato
Decide se il documento debba essere protocollato
Decide quale ufficio è incaricato della gestione del procedimento relativo al documento protocollato
Non so rispondere

40. L’innovazione digitale nella didattica scolastica si attua attraverso:

la fornitura di LIM, il portale Innovascuola e i progetti CLASSI 2.0 e SCUOLE 2.0
l’attivazione di particolari percorsi professionalizzanti per il personale dirigente, docente e ATA
l’avvio di un Piano nazionale di digitalizzazione dei documenti
la programmazione di messa a sistema delle diverse reti informatiche presenti nella scuola
Non so rispondere

41. Quale tra le seguenti non è una operazione di registrazione di protocollo?

Rilevazione dell'oggetto del documento
Assegnazione del numero di protocollo e data di registrazione del documento spedito, generati automaticamente dal sistema
Assegnazione
Memorizzazione del numero di protocollo e data di registrazione del documento ricevuto
Non so rispondere

42. Qual è lo scopo della segnatura?

Registrare cronologicamente la posta in arrivo e in partenza
Assegnare un numero identificativo ad ogni atto ricevuto
Legare indissolubilmente il documento cartaceo al protocollo
Prendere nota dei documenti per classificarli ed assegnarli
Non so rispondere

43. Il documento informatico quando è sottoscritto con firma digitale con certificato qualificato fa prova della provenienza da chi l'ha sottoscritto?

Può essere disconosciuto dal mittente
Fa piena prova, fino a querela di falso
Fa prova, ma ha un valore limitato nel tempo
Non sempre
Non so rispondere

44. Finalità principale del Patto 2 per la Scuola è:

avviare un piano nazionale di formazione per il personale ATA
rendere pubbliche le best practices e i casi concreti dell’attività delle Segreterie scolastiche
avviare un’attività di consulenza diretta con gli uffici amministrativi periferici
trasformare complessivamente l’organizzazione della didattica, degli spazi e del “tempo scuola”
Non so rispondere

45. Il responsabile gestore del sistema di protocollo è il soggetto che gestisce l’applicazione informatica. Una delle successive affermazioni non è corretta. Quale?

Non avere competenza nel ripristino in caso di guasti o anomalie
Individuare gli utenti e attribuire loro un livello di autorizzazione all'uso di funzioni della procedura
Autorizzare le operazioni di annullamento del protocollo
Individuare gli utenti esterni che hanno accesso alle funzionalità
Non so rispondere

46. La Pubblica Amministrazione deve adeguarsi all’evoluzione tecnologica per garantire i diritti del cittadino?

Sì, compatibilmente alle risorse possedute
Sì, sempre
Sarebbe buona regola, ma non è ancora disciplinata da normativa
È il cittadino che deve dotarsi degli strumenti necessari per il collegamento
Non so rispondere

47. Con la sigla TIC sono comunemente indicate:

le Tecnologie dell’Industria e della Conoscenza
le Tecniche dell’Informatica e del Computer
le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione
le Tavole dell’Industria della comunicazione
Non so rispondere

48. Con la sigla ICT vengono comunemente indicate:

le Tecnologie dell’Industria e della Conoscenza
le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (Information and Communication Technologies)
le Tecniche dell’Informatica e del Computer
le Tavole dell’Industria della comunicazione
Non so rispondere

49. Cosa differenzia l’ECDL Start dall’ECDL Full?

Nell’ECDL Start sono previsti solo 4 esami scelti tra i 7 previsti per l’ECDL Full
Nell’ECDL Start è possibile sostenere un solo esame tra i 7 previsti per l’ECDL Full
L’ECDL Start riguarda esclusivamente le competenze di carattere pedagogico
L’ECDL Start prevede esclusivamente esami sule basi di dati
Non so rispondere

50. Cosa significa la sigla ECDL?

Euro Consapevolezza Del Lavoro
Euro Computer Diving Label
European Computer Driving Licence
European Caed Design Learner
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate