Architettura, comprensione del brano 2

Tempo trascorso
-
I generi letterari L'idea di genere implica immediatamente diversi interrogativi: per fortuna taluni svaniscono non appena siano stati formulati in maniera esplicita. Ecco il primo: abbiamo il diritto di discutere un genere senza aver studiato (o almeno letto) tutte le opere che lo costituiscono? Ma una delle prime caratteristiche dell'indagine scientifica è che essa non esige, per descrivere un fenomeno, l'osservazione di tutte le sue istanze, e procede molto più per deduzione. In pratica, si rileva un numero molto limitato di circostanze, se ne trae un'ipotesi generale e la si verifica su altre ipotesi, correggendola (o rigettandola). Qualunque sia il numero dei fenomeni studiati (nel nostro caso, delle opere), non saremo pertanto maggiormente autorizzati a dedurne leggi universali: non è la quantità delle osservazioni ad essere pertinente, ma soltanto la coerenza logica della teoria. Il piano di generalità sul quale viene a trovarsi questo o quel genere pone un secondo interrogativo. Vi è soltanto qualche genere (ad esempio poetico, epico, drammatico), o ve ne sono molti di più? I generi sono in numero finito o infinito? Un terzo problema è tipico dell'estetica. Ci dicono: parlare di generi (tragedia, commedia ecc.) è vano, poiché l'opera è essenzialmente unica, singolare. L'opera vale per quanto ha di inimitabile, di diverso da tutte le altre, e non per le somiglianze che ha con esse. Una posizione simile non è sbagliata nel vero senso del termine: è semplicemente fuori luogo. Un'opera può benissimo piacere per una ragione o per un'altra: non è questo che la definisce come oggetto di studio. Lo scopo che si prefigge un'attività di conoscenza non deve presiedere alla forma che in seguito essa assume. Il concetto di genere (o di specie) è derivato dalle scienze naturali; ora, esiste una differenza qualitativa quanto al senso dei termini «genere» ed «esemplare» a seconda che vengano applicati agli esseri naturali o alle creazioni dello spirito. Nel primo caso, la comparsa di un nuovo tipo non modifica necessariamente le caratteristiche della specie; di conseguenza le sue proprietà sono interamente deducibili a partire della formula della detta specie. Sapendo che si tratta della specie tigre, noi possiamo dedurne le proprietà di ogni tigre in particolare; la nascita di una nuova tigre non modifica la specie nella sua definizione. L'azione dell'organismo individuale sull’evoluzione della specie è così lenta, che nella pratica possiamo farne astrazione. Lo stesso vale per gli enunciati di una lingua (benché a un grado inferiore): una frase individuale non modifica la grammatica e la grammatica deve permettere di dedurre le proprietà della frase. Lo stesso non vale nel campo dell'arte o della scienza. Qui l’evoluzione segue un ritmo del tutto diverso: ogni opera modifica l’insieme dei possibili, ogni nuovo esempio cambia la specie. Potremmo dire che ci troviamo di fronte a una lingua di cui ogni enunciato è agrammaticale nel momento della sua enunciazione. Più esattamente, noi non riconosciamo a un testo il diritto di figurare nella storia della letteratura o in quella della scienza se non in quanto introduca un cambiamento nell’idea che ci facevamo fino a quel momento dell’una o dell’altra attività. I testi che non soddisfano a questa condizione passano automaticamente in un’altra categoria: in quella della letteratura detta «popolare», «di massa» nel primo caso; in quella dell’esercizio scolastico, nel secondo. Ma per tornare alla materia che è la nostra, solo la letteratura di massa (romanzi gialli, di appendice, di fantascienza ecc.) dovrebbe evocare la nozione di genere che invece sarebbe inapplicabile ai testi propriamente letterari. Una posizione simile ci obbliga a esplicitare i nostri fondamenti teorici. Davanti a ogni testo che appartenga alla «letteratura», dovremo tener conto di una duplice esigenza. In primo luogo non dobbiamo ignorare che esso manifesta proprietà comuni all’insieme dei testi letterari o ad uno dei sottoinsiemi della letteratura (che viene appunto chiamato un genere). Oggi è difficilmente immaginabile che si possa difendere la tesi secondo la quale tutto, nell'opera, è individuale, prodotto inedito di una ispirazione personale, fatto senza alcun rapporto con le opere del passato. In secondo luogo, un testo non è soltanto il prodotto di un procedimento combinatorio preesistente (costituito dalle proprietà letterarie virtuali): è anche una trasformazione di questo procedimento. Possiamo quindi già affermare che ogni studio della letteratura, che lo voglia o meno, parteciperà a questo duplice movimento: dell'opera verso la letteratura (o il genere), e della letteratura (del genere) verso l’opera; privilegiare provvisoriamente l’una o l'altra direzione, la differenza o la somiglianza, è un modo di procedere perfettamente legittimo. Perché allora sollevare questi problemi superati? Gerard Genette ha risposto in maniera pertinente: «Il discorso letterario si produce e si sviluppa secondo strutture che non può trasgredire se non perché le trova ancora oggi nel campo del suo linguaggio e della sua scrittura». Perché vi sia trasgressione, occorre che la norma sia sensibile. D'altra parte è dubbio che la letteratura contemporanea sia del tutto esente da distinzioni generiche; caso mai, dette distinzioni non corrispondono più alle nozioni ereditate dal passato. È evidente che attualmente non abbiamo l'obbligo di seguirle. Si manifesta anzi la necessita di elaborare categorie astratte che possano applicarsi alle opere odierne. Più in generale, non riconoscere l'esistenza dei generi equivale a sostenere che l’opera letteraria non mantiene le proprie relazioni con le opere già esistenti. I generi rappresentano appunto quel tramite, in virtù del quale l’opera si mette in rapporto con l’universo della letteratura.

1. Cosa intende l’autore per “genere”? (vedi brano 2)

L’insieme delle proprietà artistiche di un’opera
Il processo combinatorio delle tecniche artistiche in un’opera
Una delle possibili sottocategorie di una manifestazione artistica
Le specificità linguistiche e stilistiche di un’opera
L’insieme dei fondamenti teorici di una disciplina artistica
Non so rispondere

2. L’autore è favorevole al mantenimento del concetto di genere letterario? (vedi brano 2)

No
No, salvo adattando le categorie alle opere contemporanee
No, salvo per le opere antiche
Sì, solo per le opere scientifiche
Non so rispondere

3. Un’indagine scientifica volta a definire le caratteristiche di un genere: (vedi brano 2)

implica la coerenza di una teoria generale che si basa sulla lettura di tutte le opere di un genere
implica la formulazione di una teoria generale basata sulle caratteristiche di tutte le opere di uno scrittore
risulta parziale perché non si possono dedurre teorie generali muovendo da concetti particolari
implica la formulazione di una teoria mediante un procedimento induttivo dall’universale al particolare
implica la coerenza logica di una teoria che si basa su correzioni successive dell’ipotesi di partenza
Non so rispondere

4. È utile cercare di definire le caratteristiche del genere a cui un’opera appartiene? (vedi brano 2)

Sì, perché è grazie all’esistenza di caratteristiche del genere che un’opera può trasgredire le caratteristiche del genere stesso
Sì, perché un'opera non trova strutture definite nel suo campo di appartenenza
No, perché i generi esistono sotto forma di articolazioni diverse che non si lasciano definire
No, perché un’opera è tale per la sua individualità specifica
Sì, perché le caratteristiche di un genere servono a chiarire lo stile di un singolo autore
Non so rispondere

5. Che relazione esiste tra un’opera singola e il genere a cui appartiene? (vedi brano 2)

Appartiene alla letteratura di massa perché modifica le caratteristiche del genere in cui rientra
Non appartiene alla storia della letteratura perché cambia le caratteristiche del genere in cui rientra
Se è un’opera letteraria, introduce dei mutamenti nel genere in cui rientra
Sono nulle le azioni di modifica al genere cui appartiene
Le sue caratteristiche sono definibili totalmente in base al genere cui appartiene
Non so rispondere