• Accedi • Iscriviti gratis
  • Diritto amministrativo 17

    Tempo trascorso
    -

    1. Dispone l'art. 33 del Codice dell'amministrazione digitale in merito all'uso dello pseudonimo che se il certificato è qualificato, il certificatore ha l'obbligo di conservare le informazioni relative alla reale identità del titolare....

    Per almeno dieci anni dopo la scadenza del certificato stesso.
    Per almeno due anni dopo la scadenza del certificato stesso. Allo scadere del termine le informazioni sulla identità del titolare devono essere inviate al CNIPA.
    Per almeno quindici anni dopo la scadenza del certificato stesso.
    Per almeno cinque anni dopo la scadenza del certificato stesso.
    Non so rispondere

    2. La ratifica di un atto amministrativo....

    Si ha quando sussista una legittimazione ordinaria di un organo ad emanare a titolo provvisorio un provvedimento che rientra nella competenza di altro organo, il quale ratificandolo, fa proprio quel provvedimento
    Presuppone necessariamente un vizio nella costituzione dell'atto tale da comportare la nullità.
    É un provvedimento nuovo, autonomo, costitutivo, con cui viene eliminato il vizio di incompetenza relativa da parte dell'autorità astrattamente competente la quale si appropria di un atto adottato da autorità incompetente dello stesso ramo.
    Può riguardare solo atti nulli.
    Non so rispondere

    3. A norma dell'art. 17 della L. 127/1997, sui regolamenti del Consiglio regionale attinenti l'autonomia contabile....

    Non si applica il controllo di legittimità.
    Si applica sia il controllo di merito sia quello di legittimità.
    Si applica solo il controllo preventivo di legittimità.
    Si applica solo il controllo di merito.
    Non so rispondere

    4. La motivazione contradditoria e apodittica dell'atto amministrativo....

    Non costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo.
    Costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo per incompetenza.
    Costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo per violazione di legge.
    Costituisce figura sintomatica di vizio di legittimità dell'atto amministrativo per eccesso di potere.
    Non so rispondere

    5. A seguito del decorso del termine di novanta giorni dalla data di presentazione del ricorso gerarchico senza che l'organo adito abbia comunicato la decisione:

    Il ricorso si intende accolto.
    Il ricorso si intende respinto a tutti gli effetti e contro il provvedimento impugnato è esperibile esclusivamente il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.
    Il ricorso si intende respinto a tutti gli effetti e contro il provvedimento impugnato è esperibile il ricorso all'autorità giurisdizionale competente, o quello straordinario al Presidente della Repubblica.
    Il ricorso si intende respinto a tutti gli effetti e contro il provvedimento impugnato è esperibile esclusivamente il ricorso all'autorità giurisdizionale competente.
    Non so rispondere

    6. In attuazione di quale fonte legislativa è stato emanato il Codice dell'Amministrazione digitale?

    In attuazione della delega contenuta nell'art. 15 della legge 241/1990.
    In attuazione della delega contenuta nell'art. 10 della legge 229/2003.
    In attuazione della delega contenuta nell'art. 45 del D.Lgs. 165/2001.
    In attuazione della delega contenuta nella direttiva 2001/115/CE.
    Non so rispondere

    7. Fatta salva l'applicazione dell'art. 19 della legge n. 241/1990 nei procedimenti ad istanza di parte per il rilascio di provvedimenti amministrativi il silenzio dell'amministrazione competente equivale....

    A proroga dei termini quando esistono particolari situazioni giuridiche soggettive dei controinteressati.
    A proroga dei termini per l'emissione di un qualsiasi provvedimento.
    A provvedimento di diniego della domanda, se non è comunicato nei termini il provvedimento di accoglimento.
    A provvedimento di accoglimento della domanda, se non è comunicato nei termini il provvedimento di diniego.
    Non so rispondere

    8. Per dare corretta attuazione alle disposizioni previste dal D.Lgs. 165/2001 in materia di pari opportunità, le pubbliche amministrazioni, tra l'altro,....

    Riservano alle donne, salva motivata impossibilità, il cinquanta per cento dei posti in organico.
    Riservano alle donne, salva motivata impossibilità, almeno un terzo dei posti di componente delle commissioni di concorso.
    Garantiscono la partecipazione delle proprie dipendenti ai corsi di formazione e di aggiornamento professionale, riservando ad esse almeno il quaranta per cento dei posti per ciascun corso.
    Riservano alle donne, salva motivata impossibilità, un numero di posti di componente delle commissioni di concorso, in rapporto alla loro presenza nell'amministrazione.
    Non so rispondere

    9. L'art. 14 del D.Lgs. n. 267/2000 tratta dei compiti del comune per servizi di competenza statale. Quale tra i seguenti rientra in tale fattispecie?

    Viabilità e trasporti.
    Statistica.
    Mercati.
    Polizia mortuaria.
    Non so rispondere

    10. Il D.Lgs. 31/3/1998, n. 112, ha conferito funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli enti locali, in attuazione della L. n. 59/1997. Quali delle seguenti attività sono classificate nel Titolo III "Territorio, ambiente e infrastrutture" di detto D.Lgs.?

    Territorio e urbanistica; protezione della natura e dell'ambiente, tutela dell'ambiente dagli inquinamenti e gestione dei rifiuti; risorse idriche e difesa del suolo; opere pubbliche; viabilità; trasporti; agricoltura e foreste; protezione civile.
    Territorio e urbanistica; protezione della natura e dell'ambiente, tutela dell'ambiente dagli inquinamenti e gestione dei rifiuti; risorse idriche e difesa del suolo; miniere e risorse geotermiche; opere pubbliche; viabilità; trasporti; protezione civile.
    Territorio e urbanistica; protezione della natura e dell'ambiente, tutela dell'ambiente dagli inquinamenti e gestione dei rifiuti; risorse idriche e difesa del suolo; viabilità; agricoltura e foreste; energia; miniere e risorse geotermiche.
    Territorio e urbanistica; protezione della natura e dell'ambiente, tutela dell'ambiente dagli inquinamenti e gestione dei rifiuti; risorse idriche e difesa del suolo; opere pubbliche; viabilità; trasporti; protezione civile.
    Non so rispondere

    11. Indicare quale tra le seguenti affermazioni non è conforme a quanto dispone l'art. 16 del D.Lgs. 165/2001, come da ultimo modificato dall'art. 4 del D.Lgs. 387/1998 sulle funzioni e compiti dei dirigenti di uffici dirigenziali generali.

    Adottano le decisioni in materia di atti normativi e l'adozione dei relativi atti di indirizzo interpretativo ed applicativo.
    Formulano proposte ed esprimono pareri al Ministro nelle materie di sua competenza.
    Promuovono e resistono alle liti.
    Definiscono gli obiettivi che i dirigenti devono perseguire e attribuiscono le conseguenti risorse umane, finanziarie e materiali.
    Non so rispondere

    12. I compensi derivati da quali delle seguenti prestazioni non configurano, ai sensi dell'art. 53 del D.Lgs. n. 165/2001, una situazione di incompatibilità o cumulo di impieghi?

    Utilizzazione economica da parte dell'autore o inventore di opere dell'ingegno, escluse le invenzioni industriali.
    Compensi derivati da attività svolte dal dipendente in qualità di amministratore di s.r.l.
    Collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e simili.
    Collaborazione retribuita presso s.p.a.
    Non so rispondere

    13. Il trattamento di dati personali da parte di privati è ammesso solo con il consenso espresso dell'interessato, il quale consenso, peraltro, ai sensi del D.Lgs. 196/2003,....

    Non è richiesto quando il trattamento riguarda dati non provenienti da pubblici registri, elenchi o atti.
    Non è richiesto quando il trattamento riguarda dati provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque.
    Non è richiesto solo quando è necessario per eseguire obblighi derivanti da un contratto del quale è parte l'interessato o per adempiere, prima della conclusione del contratto, a specifiche richieste dell'interessato.
    Non è richiesto solo nel caso in cui il trattamento sia finalizzato a scopi statistici.
    Non so rispondere

    14. Secondo quanto stabilito dalla Costituzione, il Governo può sostituirsi a organi delle Regioni?

    Si, nel solo caso in cui lo richiedano la tutela dell'unità giuridica o dell'unità economica.
    Si, nel solo caso in cui sia necessario tutelare i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali.
    Si, tra l'altro, nel caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria.
    Si, nel solo caso di pericolo grave per l'incolumità e la sicurezza pubblica.
    Non so rispondere

    15. I Dipartimenti, nell'ambito dell'organizzazione del Governo....

    Assicurano l'organico ed integrato esercizio delle funzioni del ministero.
    Sono strutture preposte alle attività esterne.
    Sono strutture amministrative di primo livello delle Agenzie.
    Sono preposti alla gestione delle risorse umane.
    Non so rispondere

    16. Il responsabile del procedimento, ai sensi della legge n. 241 del 1990,....

    Non può esperire ispezioni.
    Non può mai essere competente in materia di adozione del provvedimento finale.
    Deve necessariamente delegare l'istruttoria del procedimento.
    Adotta ogni misura per l'adeguato e sollecito svolgimento dell'istruttoria.
    Non so rispondere

    17. Dispone il novellato comma 6 dell'art. 7 del D.Lgs. n. 165/2001 che le P.A. possono conferire incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ad esperti di particolare e comprovata specializzazione universitaria. Per procedere al conferimento le P.A. devono accertare l'impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al loro interno?

    No, gli incarichi dirigenziali sono conferiti a discrezione della P.A.
    Si, preliminarmente.
    Si, ma solo nel comparto Ministeri e in quello degli enti pubblici economici.
    No, data la natura temporanea e la prestazione altamente qualificata.
    Non so rispondere

    18. In base al diritto riconosciuto dall'art. 6 del Codice dell'amministrazione digitale (Diritto all'utilizzo della posta elettronica certificata), la finanziaria 2008 ha stabilito che ....

    Non è più possibile per le P.A. o per i gestori di pubblici servizi obbligare i cittadini a recarsi agli sportelli per presentare documenti cartacei, per firmare fisicamente documenti o istanze, per fornire chiarimenti.
    Tutte le P.A. devono organizzarsi per rendere disponibile agli interessati documenti, atti e procedimenti, in modo sicuro e trasparente in formato digitale.
    Le P.A. devono adeguare la propria modalità operativa alle disposizioni del Codice entro una percentuale minima del 30%, a tale controllo è deputato il AIPA.
    Le P.A. devono adeguare la propria modalità operativa alle disposizioni del Codice entro una percentuale minima del 50%, a tale controllo è deputato il CNIPA.
    Non so rispondere

    19. Le disposizioni del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in materia di documentazione amministrativa, si possono applicare ad un cittadino spagnolo?

    Si. Si applicano ai cittadini italiani e dell'Unione europea.
    Si. Si applicano ai cittadini di tutti i Paesi facenti parte del territorio europeo.
    No, si applicano solo ai cittadini italiani.
    Si. Si applicano ai cittadini di qualsiasi Paese.
    Non so rispondere

    20. La Costituzione riconosce allo Stato una potestà legislativa esclusiva e piena, vincolata ad un limitato genere di materie. Per quale delle seguenti materie le Regioni hanno potestà legislativa concorrente?

    Porti e aeroporti civili.
    Dogane.
    Politica estera e rapporti internazionali dello Stato.
    Anagrafi.
    Non so rispondere

    21. Le disposizioni del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in materia di documentazione amministrativa, si possono applicare ad un cittadino francese?

    No, si applicano solo ai cittadini italiani.
    Si. Si applicano ai cittadini di tutti i Paesi facenti parte del territorio europeo.
    Si. Si applicano ai cittadini italiani e dell'Unione europea.
    Si. Si applicano ai cittadini di qualsiasi Paese.
    Non so rispondere

    22. Le forme dei ricorsi amministrativi ammessi dall'ordinamento giuridico sono....

    Il ricorso gerarchico proprio, il ricorso gerarchico improprio e il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.
    L'opposizione, il ricorso gerarchico proprio, il ricorso gerarchico improprio e il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.
    Il ricorso gerarchico proprio e il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.
    L'opposizione, il ricorso gerarchico proprio e il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.
    Non so rispondere

    23. Il cittadino di uno Stato non appartenente all'Unione, regolarmente soggiornante in Italia, può utilizzare una dichiarazione sostitutiva di certificazione per attestare la cittadinanza?

    Si, purchè soggiorni in Italia da almeno tre anni.
    Si, alla stregua dei cittadini italiani e dell'Unione europea.
    No. Ai cittadini stranieri è preclusa ogni sorta di autocertificazione.
    Può solo dichiarare, di norma, stati, qualità personali e fatti certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani.
    Non so rispondere

    24. La legge n. 59/1997 ha delineato i principi per il conferimento alle Regioni ed agli enti locali di funzioni amministrative. Nel "conferimento" rientra anche l'istituto della delega?

    No, la legge precisa che per conferimento si intende solo il trasferimento di funzioni e compiti.
    Si, la legge precisa che per conferimento si intende il trasferimento, la delega o l'attribuzione di funzioni e compiti.
    No, la legge precisa che per conferimento si intende solo il trasferimento e l'attribuzione di funzioni e compiti.
    Si, la legge precisa che per conferimento si intende solo la delega di funzioni e compiti.
    Non so rispondere

    25. L'eccesso di potere è stato anche definito....

    Vizio dell'atto.
    Vizio della forma.
    Vizio della funzione.
    Vizio del potere.
    Non so rispondere

    26. Dispone l'art. 21-quater della legge 241/1990 che i provvedimenti amministrativi efficaci sono eseguiti immediatamente. Può l'efficacia o l'esecuzione essere sospesa?

    Si, ma il termine della sospensione non può essere prorogato.
    Si, per gravi ragioni e per il tempo strettamente necessario.
    Si, ma la sospensione può essere disposta solo dallo stesso organo che ha emanato il provvedimento.
    Si, ed in tal caso il termine della sospensione, esplicitamente indicato nell'atto, può essere prorogato fino a due volte, ma non può essere ridotto in nessun caso.
    Non so rispondere

    27. Il provvedimento amministrativo è nullo:

    Se adottato in violazione o elusione del giudicato.
    Se viziato per eccesso di potere.
    Se viziato per violazione di legge.
    Se viziato per incompetenza.
    Non so rispondere

    28. In merito alle dichiarazioni sostitutive di certificazione di cui alla lettera z) dell'art. 46 del D.P.R. 445/2000 (situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio), la circolare 10-1-2002 n. 12 INPS, ha precisato che.... A. La suddetta autocertificazione è da considerarsi utile anche ai fini

    La suddetta autocertificazione è da considerarsi utile solo ai fini del riconoscimento della pensione di invalidità e della pensione privilegiata di inabilità.
    La suddetta autocertificazione è da considerarsi utile solo ai fini del riconoscimento di trattamenti integrativi.
    La suddetta autocertificazione non è da considerarsi utile ai fini del ripristino o della concessione delle prestazioni di disoccupazione.
    Dell'accreditamento di periodi di contribuzione figurativa.
    Non so rispondere

    29. L'istituto della sospensione feriale dei termini processuali prevista dalla legge 7.10.1969, n. 742, è applicabile:

    Ai ricorsi gerarchici.
    Ai ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica.
    Alle giurisdizioni ordinarie ed a quelle amministrative
    Alle giurisdizioni ordinarie ed a quelle amministrative, nonché ai ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica.
    Non so rispondere

    30. I regolamenti....

    Possono regolare istituti fondamentali dell'ordinamento.
    Sono atti formalmente normativi, anche se sostanzialmente amministrativi.
    Non necessitano di specifica motivazione in ordine alle ragioni che hanno portato a dare determinati contenuti e non altri alle proprie disposizioni.
    Se emanati da autorità inferiori possono contrastare con i regolamenti emanati da autorità gerarchicamente superiori.
    Non so rispondere

    31. Ove in materia di procedimenti amministrativi debba essere obbligatoriamente sentito un organo consultivo, questo deve emettere il proprio parere....

    Entro quarantacinque giorni dal ricevimento della richiesta.
    Entro sessanta giorni dal ricevimento della richiesta.
    Non oltre novanta giorni dal ricevimento della richiesta.
    Non oltre trenta giorni dal ricevimento della richiesta.
    Non so rispondere

    32. Degli atti amministrativi si operano in dottrina varie classificazioni. Indicare quale tra quelle proposte è corretta.

    In relazione alla discrezionalità, gli atti amministrativi si distinguono in: atti discrezionali e atti vincolati.
    In relazione al risultato, gli atti amministrativi si distinguono in: atti costitutivi e atti dichiarativi.
    In relazione alla reciproca interdipendenza, gli atti amministrativi si distinguono in: atti costitutivi e atti dichiarativi.
    In relazione al procedimento, gli atti amministrativi si distinguono in: atti costitutivi e atti dichiarativi.
    Non so rispondere

    33. Quale dei seguenti è organo interno del Consiglio di Stato?

    Tribunale Amministrativo Regionale.
    Segretario generale.
    Presidente della Camera dei deputati.
    Commissario del Governo presso le Regioni.
    Non so rispondere

    34. Le attività di acquisizione delle circostanze di fatto (rilevabili con accertamenti semplici, quali, ad esempio, ispezioni, inchieste, ecc.) sono proprie....

    Della fase d'iniziativa del procedimento amministrativo.
    Della fase istruttoria del procedimento amministrativo.
    Sia della fase istruttoria sia della fase integrativa dell'efficacia del procedimento amministrativo.
    Della fase decisoria del procedimento amministrativo
    Non so rispondere

    35. L'art. 69 del D.Lgs. 165/2001 stabilisce che, salvo che per le materie di cui all'art. 2, comma 1, lettera c), della legge 23 ottobre 1992, n. 421, gli accordi sindacali recepiti in decreti del Presidente della Repubblica in base alla legge 29 marzo 1983, n. 93, e le norme generali e speciali del pubblico impiego, vigenti alla data del 13 gennaio 1994 e non abrogate, costituiscono, limitatamente agli istituti del rapporto di lavoro, la disciplina di cui all'art. 2, comma 2. Tali disposizioni....

    Cessano di produrre effetti a seguito della stipulazione dei contratti collettivi del quadriennio 1994-1997, in relazione ai soggetti e alle materie dagli stessi contemplati e sono inapplicabili in ogni caso dal momento della sottoscrizione, per ciascun ambito di riferimento, dei contratti collettivi del quadriennio 1998-2001.
    Sono inapplicabili a seguito della stipulazione dei contratti collettivi del quadriennio 1998-2001.
    Sono inapplicabili a seguito della stipulazione dei contratti collettivi del quadriennio 1994-1997, in relazione ai soggetti e alle materie dagli stessi contemplati e cessano in ogni caso di produrre effetti dal momento della sottoscrizione, per ciascun ambito di riferimento, dei contratti collettivi del quadriennio 1998-2001.
    Cessano di produrre effetti a seguito della stipulazione dei contratti collettivi del quadriennio 1994-1997.
    Non so rispondere

    36. In attuazione della legge n. 241/1990, l'amministrazione provvede a dare notizia dell'avvio del procedimento amministrativo mediante comunicazione personale, indicando,....

    Tra l'altro, l'oggetto del procedimento promosso.
    Esclusivamente l'ufficio e la persona responsabile del procedimento.
    Esclusivamente, l'amministrazione competente e le tipologie di atti di cui non è possibile prendere visione.
    Il nominativo di tutte le persone maggiorenni interessate al procedimento.
    Non so rispondere

    37. A norma del disposto di cui all'art. 21-octies della legge n. 241/1990 è annullabile il provvedimento amministrativo....

    Adottato in violazione o elusione del giudicato.
    Viziato da difetto assoluto di attribuzione.
    Viziato da incompetenza.
    Mancante degli elementi essenziali.
    Non so rispondere

    38. Ove non esistano circoscrizioni comunali il Sindaco, previa comunicazione al Prefetto, può delegare ad un consigliere comunale, nell'ambito di quartieri e frazioni, alcune delle sue attribuzioni previste dagli artt. 14 e 54 del T.U. n. 267/2000, tra le quali rientra....

    Il coordinamento degli orari degli esercizi commerciali, nell'ambito della disciplina regionale.
    L'emanazione degli atti che gli sono attribuiti dalle leggi e dai regolamenti in materia di ordine e di sicurezza pubblica.
    La nomina dei responsabili dei servizi e degli uffici.
    L'adozione dei provvedimenti contingibili ed urgenti in materia di sanità.
    Non so rispondere

    39. Nel giudizio amministrativo è ammesso:

    L'intervento volontario adesivo.
    L'intervento principale, cioè l'intervento di chi agisce a tutela di un proprio diritto nei confronti di tutte le altre parti.
    L'intervento litisconsortile, cioè l'intervento di chi agisce a tutela di un proprio diritto nei confronti di alcune sole delle parti.
    L'intervento coatto per ordine del giudice.
    Non so rispondere

    40. Il ricorso gerarchico improprio....

    É proponibile solo nel rapporto fra organi individuali.
    Non può essere proposto ad organi statali avverso provvedimenti di altro ente pubblico.
    É un ricorso ordinario impugnatorio che può essere proposto solo da organi individuali avverso deliberazioni di organi collegiali e viceversa.
    É un rimedio ordinario, ammesso nei casi tassativamente previsti dalla legge.
    Non so rispondere

    41. La legge n. 59/1997 ha disposto la delegificazione delle norme concernenti i procedimenti amministrativi di numerose materie, demandando al Governo il relativo potere regolamentare. Quale delle indicazioni di seguito proposte corrisponde ad uno dei criteri e/o principi cui devono conformarsi i predetti regolamenti, secondo quanto disposto dall'art. 20?

    Estendere il regime di diritto privato del rapporto di lavoro anche ai dirigenti generali ed equiparati delle amministrazioni pubbliche, mantenendo ferme le altre esclusioni previste dal D.Lgs. n. 29/1993.
    Riordinare gli enti pubblici nazionali operanti in settori diversi dalla assistenza e previdenza, nonché le istituzioni di diritto privato e le società per azioni, controllate direttamente o indirettamente dallo Stato, che operano, anche all'estero, nella promozione e nel sostegno pubblico al sistema produttivo nazionale.
    Trasferire ad organi monocratici o ai dirigenti amministrativi le funzioni anche decisionali, che non richiedano, in ragione della loro specificità, l'esercizio in forma collegiale.
    Riorganizzare e razionalizzare gli organi di rappresentanza periferica dello Stato con funzioni di raccordo, supporto e collaborazione con le Regioni e gli enti locali.
    Non so rispondere

    42. La Costituzione italiana prevede alcuni principi in materia amministrativa. I principi di sussidiarietà, di adeguatezza e di differenziazione sono sanciti....

    Dagli artt. 42, terzo comma e 43, della Costituzione.
    Dall'art. 97 della Costituzione.
    Dall'art. 12 della Costituzione.
    Dall'art. 118 della Costituzione.
    Non so rispondere

    43. Sono ammesse le comunicazioni di dati personali diversi da quelli sensibili e giudiziari da parte di un soggetto pubblico ad altri soggetti pubblici?

    Si, senza alcuna limitazione.
    Si, se sono previste da norme di legge o di regolamento o risultano comunque necessarie per lo svolgimento delle funzioni istituzionali.
    No, sono rigorosamente vietate dal D.Lgs. 196/2003.
    Si, ma solo previa autorizzazione del Presidente del Consiglio dei Ministri.
    Non so rispondere

    44. Se l'organo ha il potere discrezionale di provvedere o non sull'istanza per la quale è obbligato a richiedere il parere, ma ove decida di emanare l'atto di amministrazione attiva deve uniformarsi ad esso, il parere è....

    Facoltativo parzialmente vincolante.
    Obbligatorio parzialmente vincolante.
    Obbligatorio conforme.
    Obbligatorio vincolante.
    Non so rispondere

    45. Il diritto soggettivo si definisce perfetto quando....

    L'esercizio di esso è sottoposto a condizione risolutiva.
    Una norma c.d. di relazione rivolta a disciplinare comportamenti intersoggettivi, attribuisce ad un soggetto un potere diretto ed immediato per la realizzazione di un proprio interesse cui corrisponde necessariamente un obbligo facente capo a soggetti determinati ovvero alla collettività.
    L'esercizio di esso è sottoposto a condizione sospensiva.
    Il suo esercizio è inizialmente limitato da un ostacolo giuridico, per la cui rimozione è necessario un provvedimento amministrativo che consenta al diritto di espandersi e acquisire la sua pienezza.
    Non so rispondere

    46. Per quanto riguarda le innovazioni di cui al D.P.R. 445/2000, l'INPS ha provveduto con Circ. 10-1-2002 n. 12 a fornire una disamina dettagliata e coordinata di quelle che più direttamente interessano l'Istituto e a richiamare principi di carattere generale già applicati. Per quanto attiene ai cittadini extracomunitari....

    Con l'entrata in vigore del T.U. l'utilizzo delle dichiarazioni sostitutive non è più subordinato al requisito della residenza, essendo sufficiente il possesso di regolare permesso di soggiorno.
    La possibilità di avvalersi delle dichiarazioni sostitutive, già prevista dall'art. 5 del D.P.R. n. 403/1998 (che era limitata alle qualità personali e ai fatti che siano certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani) viene equiparata a quella degli appartenenti all'Unione europea.
    Ai fini della attestazione di status, qualità personali e fatti, gli interessati sono tenuti sempre a produrre certificati o attestazioni rilasciati dalla competente autorità dello Stato estero, corredati di traduzione in lingua italiana, autenticata dalla autorità consolare italiana che ne attesti la conformità all'originale, previa ammonizione circa le conseguenze penali in caso di atti o documenti che risultassero non veritieri.
    La dichiarazione concernente lo stato civile è valida anche se non verificabile direttamente presso l'anagrafe o l'ufficio di stato civile italiano.
    Non so rispondere

    47. Il D.Lgs. 165/2001 trattando del riordino dell'Esecutivo, opera una netta separazione tra funzioni di indirizzo politicoamministrativo e funzioni che comportano l'adozione di atti e provvedimenti amministrativi. É una funzione di indirizzo politico-amministrativo....

    L'organizzazione delle risorse umane.
    La gestione finanziaria, tecnica ed amministrativa mediante autonomi poteri di spesa.
    L'adozione di atti e provvedimenti amministrativi che impegnano l'ente verso l'esterno.
    La definizione dei criteri generali in materia di ausili finanziari a terzi.
    Non so rispondere

    48. Quando non sia stato nominato il Vicepresidente del Consiglio dei Ministri, in caso di assenza o impedimento temporaneo del Presidente del Consiglio dei Ministri, la supplenza spetta....

    Al Ministro dell'interno.
    Al Ministro della giustizia.
    Al Ministro più anziano d'età, salvo diversa disposizione del Presidente del Consiglio.
    l sottosegretario di Stato.
    Non so rispondere

    49. In materia di documentazione amministrativa una delle seguenti espressioni non risponde al principio di semplificazione amministrativa.

    I certificati rilasciati dalle pubbliche amministrazioni attestanti stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni hanno validità illimitata. Le restanti certificazioni hanno validità di sei mesi dalla data di rilascio se disposizioni di legge o regolamentari non prevedono una validità superiore.
    I certificati anagrafici, le certificazioni dello stato civile, gli estratti e le copie integrali degli atti di stato civile sono ammessi dalle pubbliche amministrazioni nonché dai gestori o esercenti di pubblici servizi solo se in corso di validità all'atto della loro presentazione.
    Le certificazioni da rilasciarsi da uno stesso ufficio in ordine a stati, qualità personali e fatti, concernenti la stessa persona, nell'ambito del medesimo procedimento, sono contenute in un unico documento.
    La sottoscrizione delle domande per la partecipazione a selezioni per l'assunzione, a qualsiasi titolo, in tutte le pubbliche amministrazioni, nonché ad esami per il conseguimento di abilitazioni, diplomi o titoli culturali non è soggetta ad autenticazione.
    Non so rispondere

    50. La richiesta in senso proprio è....

    Una domanda dei privati interessati, tendente ad ottenere un provvedimento a loro favore.
    Un reclamo dell'interessato inteso a provocare un riesame di legittimità o di merito degli atti della P.A. ritenuti lesivi di diritti o interessi legittimi.
    Un atto amministrativo con cui l'autorità amministrativa si rivolge ad altra autorità per sollecitare l'emanazione di un atto che altrimenti non potrebbe essere emanato.
    Una manifestazione di giudizio dell'organo propulsivo circa il contenuto da dare all'atto.
    Non so rispondere

    51. La parte propriamente comunitaria del sistema normativo della CE comprende un ventaglio di atti giuridici adottati dalle istituzioni comunitarie, nei limiti delle competenze e con gli effetti che il Trattato sancisce. Tra essi, il regolamento dell'Unione europea....

    Ha portata generale.
    Necessita di atti di recepimento da parte degli Stati a cui è destinato.
    Non è vincolante.
    É obbligatorio in tutti i suoi elementi solo per i destinatari da essi designati.
    Non so rispondere

    52. Quando l'autorità amministrativa non si pronunci su un ricorso ad essa presentato lasciando decorrere inutilmente 90 giorni dalla sua presentazione:

    Il ricorso s'intende rigettato e l'interessato può proporre ricorso solo al giudice amministrativo contro il provvedimento originario.
    Il ricorso s'intende rigettato e l'interessato può proporre ricorso in via gerarchica all'autorità amministrativa sovraordinata a quella che ha emesso il provvedimento originario.
    Il ricorso s'intende accettato per silenzio-assenso.
    Il ricorso s'intende respinto a tutti gli effetti e contro il provvedimento impugnato l'interessato può proporre ricorso all'autorità giurisdizionale competente, o quello straordinario al Presidente della Repubblica.
    Non so rispondere

    53. Quale dei ricorsi amministrativi è proponibile solo nei casi espressamente previsti dalla legge:

    Il ricorso gerarchico tipico.
    Il ricorso Straordinario al capo dello Stato.
    Il ricorso in opposizione.
    Il ricorso al TAR.
    Non so rispondere

    54. La Conferenza Stato - città ed autonomie locali è istituita presso....

    Il Ministero dell'Interno.
    La Presidenza del Consiglio dei Ministri.
    Ogni Regione d'Italia.
    Ogni provincia d'Italia.
    Non so rispondere

    55. La rinnovazione dei provvedimenti amministrativi....

    É ammissibile anche quando l'atto precedentemente annullato manchi del presupposto richiesto.
    É un istituto di conservazione oggettiva dell'atto amministrativo, che dipende dal decorso del termine perentorio entro il quale l'interessato avrebbe potuto proporre ricorso contro l'atto invalido.
    Consiste nell'emanazione di un nuovo atto, avente efficacia «ex nunc» con la ripetizione della procedura a partire dall'atto endoprocedimentale viziato.
    Secondo la maggioranza della dottrina, non riguarda provvedimenti viziati, ma atti irregolari.
    Non so rispondere

    56. Nasce per la P.A. un obbligo a provvedere....

    Dalla richiesta e dalla proposta vincolante.
    Dalla proposta non vincolante e dall'istanza.
    Dal voto, dalla richiesta e dall'esposto.
    Dalla segnalazione e dalla proposta vincolante.
    Non so rispondere

    57. Dispone la legge n. 241/1990 che l'amministrazione deve provvedere a dare notizia dell'avvio del procedimento mediante comunicazione personale indicando l'amministrazione competente, l'oggetto del procedimento, l'ufficio e la persona responsabile, ecc. L'omissione di taluna delle comunicazioni prescritte....

    Può essere fatta valere solo dal soggetto nel cui interesse la comunicazione è prevista.
    Può essere fatta valere da qualunque soggetto purché estraneo all'amministrazione.
    Comporta la sospensione dell'avvio del procedimento.
    Può essere fatta valere solo dai soggetti portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni o comitati.
    Non so rispondere

    58. Le posizioni giuridiche soggettive passive (o di svantaggio) limitano la libertà dell'individuo restringendo la sfera giuridica e ricomprendono....

    L'obbligo, il potere, l'onere e la soggezione.
    L'obbligo, il dovere, l'onere e l'interesse legittimo.
    L'obbligo, il dovere, l'onere e la soggezione.
    L'obbligo, il dovere, la potestà e la soggezione.
    Non so rispondere

    59. Ai fini del D.Lgs. n. 82/2005, per «cooperazione applicativa» si intende..

    I servizi per la realizzazione, gestione ed evoluzione di strumenti per lo scambio di documenti informatici fra le pubbliche amministrazioni e tra queste e i cittadini.
    La parte del sistema pubblico di connettività finalizzata all'interazione tra i sistemi informatici delle pubbliche amministrazioni per garantire l'integrazione dei metadati, delle informazioni e dei procedimenti amministrativi.
    I servizi idonei a favorire la circolazione, lo scambio di dati e informazioni, e l'erogazione fra le pubbliche amministrazioni e tra queste e i cittadini.
    L'insieme dei servizi di trasporto di dati e di interoperabilità di base.
    Non so rispondere

    60. L'art. 11 del D.Lgs. n. 165/2001, ai fini di garantire la piena attuazione della legge n. 241/1990, detta i principi generali sull'istituzione e il funzionamento dell'Ufficio relazioni con il pubblico, disponendo tra l'altro,....

    Che l'Ufficio relazioni con il pubblico possa disporre l'autonomo utilizzo di qualsiasi dipendente dell'ente, tenuto conto anche dell'organico complessivo e delle unità presenti in servizio.
    Che siano esentate dall'istituzione dell'Ufficio relazioni con il pubblico le sole amministrazioni il cui organico di personale registri carenze superiori al 15%.
    Che qualunque iniziativa del responsabile dell'ufficio per le relazioni con il pubblico volta all'incremento delle modalità di accesso alle informazioni deve essere preventivamente approvata dall'organo di gestione dell'ente.
    Che per le comunicazioni previste dalla legge n. 241/1990 non si applicano le norme vigenti che dispongono la tassa a carico del destinatario.
    Non so rispondere

    61. A norma di quanto dispone il D.Lgs. n. 82/2005, chi promuove il recepimento degli standard necessari a garantire la connettività, l'interoperabilità di base e avanzata, la cooperazione applicativa e la sicurezza del Sistema?

    La Commissione di coordinamento del SPC.
    "Il Servizio e-government per lo sviluppo" del Capo del Dipartimento del MIT.
    La Commissione di coordinamento del CNS.
    L'Ufficio II, Ufficio politiche per la digitalizzazione della P.A del MIT.
    Non so rispondere

    62. Che cos'è l'ARAN?

    L'Agenzia per la rappresentanza nazionale.
    L'Agenzia Regionale per la rappresentanza negoziale della P.A.
    L'Agenzia per la rappresentanza negoziale della P.A.
    L'Agenzia Regionale Amministrativa.
    Non so rispondere

    63. I ricorsi giurisdizionali avverso il silenzio dell'amministrazione ...

    Sono decisi in camera di consiglio, con sentenza succintamente motivata, entro trenta giorni dalla scadenza del termine per il deposito del ricorso, uditi i difensori delle parti che ne facciano richiesta. Nel caso che il collegio abbia disposto un'istruttoria, il ricorso è deciso in camera di consiglio entro trenta giorni dalla data fissata per gli adempimenti istruttori.
    Sono decisi in udienza, con sentenza succintamente motivata, entro sessanta giorni dalla scadenza del termine per il deposito del ricorso, uditi i difensori delle parti che ne facciano richiesta. Nel caso che il collegio abbia disposto un'istruttoria, il ricorso è deciso in camera di consiglio entro trenta giorni dalla data fissata per gli adempimenti istruttori.
    Sono decisi in udienza, con ordinanza succintamente motivata, entro sessanta giorni dalla scadenza del termine per il deposito del ricorso, uditi i difensori delle parti che ne facciano richiesta. Nel caso che il collegio abbia disposto un'istruttoria, il ricorso è deciso in camera di consiglio entro sessanta giorni dalla data fissata per gli adempimenti istruttori.
    Sono decisi cautelarmente in camera di consiglio, con ordinanza non motivata, entro dieci giorni dalla scadenza del termine per il deposito del ricorso, uditi i difensori delle parti che ne facciano richiesta. Nel caso che il collegio abbia disposto un'istruttoria, il ricorso è deciso in camera di consiglio entro sessanta giorni dalla data fissata per gli adempimenti istruttori.
    Non so rispondere

    64. Di norma l'amministrazione è tenuta a fornire notizia dell'inizio del procedimento,....

    Ai soggetti individuati dall'amministrazione stessa nell'esercizio della propria discrezionalità.
    Tra l'altro, ai soggetti nei confronti dei quali il provvedimento finale è destinato a produrre effetti diretti ed a quelli che per legge debbono intervenirvi.
    Solo ai soggetti che sono obbligati ad intervenire.
    Solo ai soggetti che ne facciano istanza.
    Non so rispondere

    65. Le disposizioni di cui all'art. 4 del D.P.R. 445/2000 in merito all'impedimento alla sottoscrizione e alla dichiarazione, trovano applicazione in materia di dichiarazioni fiscali?

    No, salvo il caso di rappresentanza legale.
    Solo se nella dichiarazione è indicata la causa dell'impedimento a sottoscrivere.
    Si, trovano applicazione.
    No, non trovano applicazione.
    Non so rispondere

    66. I conferimenti di funzioni di cui ai commi 1 e 2 dell'art. 4 della L. 15-3-1997 n. 59 devono avvenire nell'osservanza di alcuni principi fondamentali. Indicare quale funzione/principio è corretto.

    Con la soppressione delle funzioni e dei compiti divenuti superflui, si attua il principio di efficienza e di economicità.
    Con l'attribuzione della generalità dei compiti e delle funzioni amministrative ai comuni, alle province e alle comunità montane, secondo le rispettive dimensioni territoriali, associative e organizzative con l'esclusione delle sole funzioni incompatibili con le dimensioni medesime, si attua, il principio della copertura finanziaria e patrimoniale dei costi per l'esercizio delle funzioni amministrative.
    Con la attribuzione alla regione dei compiti e delle funzioni amministrative e delle funzioni di programmazione si realizza il principio della copertura finanziaria e patrimoniale.
    In relazione all'idoneità organizzativa dell'amministrazione ricevente a garantire, anche in forma associata con altri enti, l'esercizio delle funzioni, si realizza il principio di differenziazione.
    Non so rispondere

    67. Indicare in quale dei seguenti casi è riscontrabile una violazione di legge.

    Travisamento dei fatti.
    Contraddittorietà tra più parti dello stesso atto o tra più atti.
    Violazione delle norme sulla formazione della volontà collegiale.
    Violazione della prassi amministrativa.
    Non so rispondere

    68. Dispone l'art. 10 della Legge n. 11/2005 (misure urgenti per l'adeguamento agli obblighi derivanti dall'ordinamento comunitario), che il Presidente del Consiglio dei Ministri o il Ministro per le politiche comunitarie può proporre al Consiglio dei Ministri l'adozione dei provvedimenti, anche urgenti, necessari a fronte di atti normativi e di sentenze degli organi giurisdizionali delle Comunità europee e dell'Unione europea che comportano obblighi statali di adeguamento solo....

    Qualora si tratti di politiche di coesione economica e sociale.
    Qualora la scadenza risulti anteriore alla data di presunta entrata in vigore della legge comunitaria relativa all'anno in corso.
    Qualora si tratti di materie di competenza legislativa o amministrativa delle Regioni e delle Provincie autonome.
    Qualora si tratti di regolamenti o decisioni.
    Non so rispondere

    69. Il D.Lgs. 31/3/1998, n. 112, ha conferito funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli enti locali, in attuazione della L. n. 59/1997. Quale delle seguenti attività è classificata nel Titolo II "Sviluppo economico e attività produttive" di detto D.Lgs.?

    Tutela della salute.
    Gestione dei rifiuti.
    Risorse idriche.
    Ordinamento delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
    Non so rispondere

    70. Il ricorso in opposizione, salvi i termini diversi stabiliti dalla legge per i singoli casi, deve essere presentato nel termine perentorio di....

    30 giorni dalla notifica o emanazione dell'atto impugnato.
    60 giorni dalla notifica.
    120 giorni dall'emanazione dell'atto impugnato.
    90 giorni notifica della conoscenza dell'atto.
    Non so rispondere

    71. Quale competenza attribuisce alla Corte dei Conti il D.Lgs. n. 165/2001 in materia di verifica degli andamenti della spesa per il personale delle pubbliche amministrazioni?

    Nessuna. La Corte dei Conti non ha competenza in materia.
    La Corte dei Conti esercita un controllo su tutti i provvedimenti di spesa per il personale che devono essere trasmessi dalle P.A. entro due giorni alla Corte dei Conti, la quale ha potere di annullamento anche retroattivo.
    La Corte dei Conti, anche nelle sue articolazioni regionali di controllo, verifica periodicamente gli andamenti della spesa per il personale delle pubbliche amministrazioni, utilizzando, per ciascun comparto, insiemi significativi di amministrazioni.
    La Corte dei Conti esercita un controllo successivo di legittimità e di merito su ogni provvedimento di spesa per il personale.
    Non so rispondere

    72. Si ha sviamento di potere....

    Quando l'amministrazione emana un atto contraddittorio tra dispositivo, preambolo o motivazione.
    Quando l'amministrazione persegua un fine differente da quello per il quale il potere le è stato conferito.
    Quando l'amministrazione mantiene un comportamento non conforme alla prassi amministrativa.
    Quando l'amministrazione emana un provvedimento che presenta una motivazione apodittica, dubbiosa, illogica, ecc.
    Non so rispondere

    73. Indicare, secondo l'orientamento prevalente, in quale dei seguenti casi è riscontrabile una figura sintomatica di eccesso di potere.

    Assenza di motivazione.
    Disparità di trattamento.
    Violazione delle norme sulla formazione della volontà collegiale.
    Inosservanza delle disposizioni sulla valida costituzione dei collegi.
    Non so rispondere

    74. La decisione sui ricorsi giurisdizionali avverso il silenzio dell'amministrazione ...

    É appellabile entro sessanta giorni dalla notificazione o, in mancanza, entro novanta giorni dalla comunicazione della pubblicazione.
    Non è appellabile.
    É appellabile entro trenta giorni dalla notificazione o, in mancanza, entro un anno dalla comunicazione della pubblicazione.
    É appellabile entro trenta giorni dalla notificazione o, in mancanza, entro novanta giorni dalla comunicazione della pubblicazione.
    Non so rispondere

    75. Secondo la teoria tradizionale, l'atto amministrativo emanato in difformità delle norme di buona amministrazione è....

    Inopportuno.
    Ineseguibile.
    Irregolare.
    Inesistente.
    Non so rispondere

    76. Il Sindaco nella sua veste di Ufficiale del Governo....

    Dipende gerarchicamente dal Questore.
    Dipende gerarchicamente dal Presidente del Consiglio dei Ministri.
    Dipende gerarchicamente dal Prefetto.
    Gode di amplissima autonomia.
    Non so rispondere

    77. Il ricorso in opposizione....

    É previsto dall'art. 7 del D.P.R. 1199/1971, che non detta alcuna disciplina particolare, rinviando, per quanto possibile, alle norme generali sul ricorso al capo dello Stato.
    Non può essere proposto per motivi di legittimità.
    É un ricorso ordinario ed a carattere rinnovativo proponibile nei casi tassativamente previsti dalla legge, alla stessa autorità che ha emanato il provvedimento impugnato.
    É rivolto ad autorità diversa da quella che ha emanato l'atto.
    Non so rispondere

    78. Sono equipollenti alla carta di identità, ai sensi del T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa....

    Soltanto il passaporto e la patente di guida.
    Il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d'armi, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un'amministrazione dello Stato.
    Il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il porto d'armi e le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da una qualunque pubblica amministrazione.
    Le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da una qualunque pubblica amministrazione.
    Non so rispondere

    79. I provvedimenti amministrativi "efficaci" sono eseguiti....

    Immediatamente, salvo che sia diversamente stabilito dalla legge o dal provvedimento medesimo.
    Dopo quindici giorni salvo che sia diversamente stabilito dalla legge.
    Dopo trenta giorni salvo che sia diversamente stabilito dalla legge.
    Immediatamente fatta salva la sola eccezione configurata da diversa previsione del provvedimento.
    Non so rispondere

    80. Indicare quale tra le seguenti affermazioni sui pareri (atti a carattere ausiliario consistenti in manifestazioni di giudizio) è corretta.

    La mancata acquisizione del parere obbligatorio non comporta l'invalidità dell'atto.
    I pareri sono facoltativi se è rimesso alla discrezionalità degli organi dell'amministrazione attiva di richiederli o meno ma, qualora sia richiesto il parere, l'amministrazione ha l'obbligo di provvedere in tal senso.
    I pareri sono obbligatori parzialmente vincolanti se la legge impone all'organo di amministrazione attiva di richiederli.
    I pareri obbligatori possono essere non vincolanti, vincolanti, parzialmente vincolanti e conformi.
    Non so rispondere

    81. La consolidazione dell'atto amministrativo è....

    Un provvedimento con il quale viene perfezionato ex post un atto o un presupposto di legittimità del procedimento.
    Una causa di conservazione oggettiva dell'atto amministrativo, che dipende dal decorso del termine perentorio entro il quale l'interessato avrebbe potuto proporre ricorso contro l'atto invalido.
    La trasformazione di un atto amministrativo nullo in un altro di cui esso presenta i requisiti di forma e di sostanza.
    Un provvedimento nuovo, autonomo, costitutivo, con cui viene eliminato il vizio di incompetenza relativa da parte dell'autorità astrattamente competente la quale si appropria di un atto emesso da autorità incompetente dello stesso ramo.
    Non so rispondere

    82. Indicare quale tra quelle proposte è una figura analoga all'autorizzazione.

    Concessione.
    Ammissione.
    Nulla-osta.
    Delega.
    Non so rispondere

    83. Una volta intervenuta l'interruzione del processo amministrativo, esso, per poter riprendere il proprio corso, deve essere riassunto:

    A cura della parte più diligente, con apposito atto notificato a tutte le altre parti, nel termine perentorio di sei mesi dal verificarsi dell'evento interruttivo.
    A cura della parte più diligente, con apposito atto notificato a tutte le altre parti, nel termine perentorio di un anno dalla conoscenza legale dell'evento interruttivo.
    A cura della parte più diligente, con apposito atto notificato a tutte le altre parti, nel termine perentorio di sei mesi dalla conoscenza legale dell'evento interruttivo.
    A cura della parte più diligente, con apposito atto notificato a tutte le altre parti, nel termine perentorio di un anno dal verificarsi dell'evento interruttivo.
    Non so rispondere

    84. Ai sensi della legislazione vigente, quale dei seguenti soggetti può chiedere pareri al CNEL?

    Le organizzazioni sindacali.
    Il Parlamento.
    Le Regioni, le province ed i comuni.
    Le amministrazioni dello Stato.
    Non so rispondere

    85. Dispone l'art. 14-ter della legge n. 241/1990 in merito ai lavori della conferenza di servizi che....

    All'esito dei lavori della conferenza, e in ogni caso scaduto il termine previsto, l'amministrazione procedente adotta la determinazione motivata di conclusione del procedimento, valutate le specifiche risultanze della conferenza e tenendo conto delle posizioni prevalenti espresse in quella sede.
    Ogni amministrazione convocata partecipa alla conferenza di servizi attraverso due rappresentanti legittimati (funzionario tecnico e amministrativo), dall'organo competente, ad esprimere in modo vincolante la volontà dell'amministrazione su tutte le decisioni di competenza della stessa.
    La prima riunione è convocata entro venti giorni ovvero, in caso di particolare complessità dell'istruttoria, entro quaranta giorni dalla data di indizione.
    La conferenza di servizi assume le determinazioni relative all'organizzazione dei propri lavori a maggioranza computando anche le amministrazioni assenti.
    Non so rispondere

    86. La legislazione previgente al D.P.R. 445/2000 (L. 15/1968 e D.P.R. 403/1998) non contemplava nell'elencazione alcune certificazioni frequentemente richieste ai cittadini. Quale innovazione è stata prevista in merito alle dichiarazioni sostitutive di certificazione?

    La dichiarazione sulla situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali.
    La dichiarazione di iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni.
    La dichiarazione di stato di famiglia, esistenza in vita, nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente.
    La dichiarazione di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.
    Non so rispondere

    87. La mancata applicazione della legge....

    Costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo per eccesso di potere.
    Costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo per violazione di legge.
    Non costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo.
    Costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo per incompetenza.
    Non so rispondere

    88. La normativa in materia di ricorso straordinario al Presidente della Repubblica prevede che i ricorsi con i quali si impugnano atti di enti pubblici in materie per le quali manchi uno specifico collegamento con le competenze di un determinato Ministero:

    Devono essere presentati alla Presidenza del Consiglio dei Ministri che ne cura la relativa istruttoria.
    Devono essere presentati direttamente alla segreteria del Consiglio di Stato che ne cura la relativa istruttoria.
    Possono essere presentati allo stesso Ente che ha emanato l'atto impugnato che ne cura la relativa istruttoria e la trasmette, insieme con gli atti e i documenti che vi si riferiscono, al Consiglio di Stato per il parere.
    Devono essere presentati direttamente all'Ufficio di Presidenza della Repubblica che ne cura la relativa istruttoria.
    Non so rispondere

    89. É nullo l'atto amministrativo....

    Viziato da eccesso di potere.
    Adottato in violazione di legge.
    Adottato in violazione o elusione del giudicato.
    Viziato da incompetenza.
    Non so rispondere

    90. Indicare quale compito/funzione non è stato oggetto di conferimento ai sensi del disposto di cui all'art. 1 della legge L. 15-3-1997, n. 59.

    I compiti relativi alla difesa del suolo in genere.
    I compiti relativi alla tutela dell'ambiente in genere.
    Consultazioni elettorali, elettorato attivo e passivo, propaganda elettorale, consultazioni referendarie escluse quelle regionali.
    Tramvie e linee automobilistiche, nonchè viabilità, acquedotti e lavori pubblici.
    Non so rispondere

    91. I conferimenti di funzioni di cui ai commi 1 e 2 dell'art. 4 della L. 15-3-1997 n. 59 devono avvenire nell'osservanza di alcuni principi fondamentali. Indicare quale funzione/principio è corretto.

    Tenendo conto in particolare delle funzioni già esercitate con l'attribuzione di funzioni e compiti omogenei allo stesso livello di governo si realizza il principio della copertura finanziaria e patrimoniale.
    In considerazione delle diverse caratteristiche, anche associative, demografiche, territoriali e strutturali degli enti riceventi si realizza il principio di cooperazione tra Stato, regioni ed enti locali.
    Attribuendo ad un unico soggetto le funzioni ed i compiti connessi, strumentali e complementari, e l'identificabilità in capo ad un unico soggetto anche associativo della responsabilità di ciascun servizio o attività amministrativa, si realizza il principio di differenziazione nell'allocazione delle funzioni.
    In relazione all'idoneità organizzativa dell'amministrazione ricevente a garantire, anche in forma associata con altri enti, l'esercizio delle funzioni, si realizza il principio di adeguatezza.
    Non so rispondere

    92. Gli accordi tra le pubbliche amministrazioni previsti dall'art. 15 della legge n. 241/1990....

    Sono stipulati per realizzare, attraverso l'esame contestuale dei vari interessi coinvolti, la semplificazione di taluni procedimenti amministrativi particolarmente complessi.
    Sono stipulati per disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune.
    Sono stati parzialmente abrogati dalla legge n. 15/2005.
    Possono essere stipulati solo per disciplinare attività meramente esecutive.
    Non so rispondere

    93. In materia di ricorsi pensionistici, civili, militari e di guerra è competente:

    La Corte dei conti.
    Il Consiglio di Stato.
    Il TAR nell'esercizio della giurisdizione esclusiva.
    Il giudice ordinario.
    Non so rispondere

    94. Quale distinzione è stata operata dalla dottrina tradizionale tra interessi occasionalmente protetti e diritti affievoliti?

    Nessuna, la distinzione tra interessi occasionalmente protetti e diritti affievoliti è recentissima.
    I primi sono inerenti agli interessi del privato nel procedimento amministrativo, mentre i secondi sono nati per tutelare gli interessi relativi al contenzioso elettorale.
    I primi sono gli interessi materiali protetti esclusivamente in maniera indiretta tramite la soddisfazione dell'interesse collettivo, mentre i secondi sono nati per spiegare il comportamento del diritto soggettivo nel suo scontro con il potere autoritativo.
    I primi sono nati per spiegare il comportamento del diritto soggettivo nel suo scontro con il potere autoritativo, mentre i secondi sono gli interessi materiali protetti esclusivamente in maniera indiretta tramite la soddisfazione dell'interesse collettivo.
    Non so rispondere

    95. Indicare quale tra le seguenti affermazioni sulla conversione dell'atto amministrativo è corretta.

    É una figura di diritto sostanziale con cui si riconosce la legittimità dell'operato della P.A. rinunciando espressamente a far valere le proprie pretese mediante ricorso.
    Nella c.d. conversione-provvedimento la P.A., o il G.A. in sede di giurisdizione di merito, divenuta consapevole della invalidità che inficia l'atto, può emanare un provvedimento di diverso tipo, i cui elementi e requisiti siano gli stessi del precedente atto invalido e la cui funzione pratica sia analoga a quella dell'atto invalido.
    É l'accettazione spontanea e volontaria, da parte di chi potrebbe impugnarlo, delle conseguenze dell'atto, e quindi, della situazione da esso determinata.
    É un rimedio esperibile solo per eliminare i vizi di incompetenza relativa.
    Non so rispondere

    96. Dispone la legge n. 241/1990 che l'amministrazione deve provvedere a dare notizia dell'avvio del procedimento mediante comunicazione personale indicando l'amministrazione competente, l'oggetto del procedimento, l'ufficio e la persona responsabile, ecc. É in facoltà dell'amministrazione prevedere forme di pubblicità unificate?

    Si, qualora l'oggetto promosso sia di discrezionalità amministrativa.
    Nella prassi l'amministrazione provvede sempre con forme di pubblicità unificate.
    Si, qualora l'oggetto del procedimento richieda valutazioni tecniche e pareri vincolanti.
    Si, qualora per il numero dei destinatari la comunicazione personale non sia possibile o risulti particolarmente gravosa.
    Non so rispondere

    97. Contro le determinazioni amministrative concernenti il diritto di accesso ai documenti amministrativi è dato ricorso al T.A.R.....

    Nel termine di 120 giorni.
    Nel termine di 90 giorni.
    Nel termine di 30 giorni.
    Nel termine di 60 giorni.
    Non so rispondere

    98. Quali delle seguenti fonti del diritto comunitario non sono vincolanti?

    Raccomandazioni e pareri.
    Regolamenti e raccomandazioni.
    Decisioni e pareri.
    Decisioni e raccomandazioni.
    Non so rispondere

    99. In quali dei seguenti casi non si determina la sospensione del processo giurisdizionale amministrativo?

    Esperimento del regolamento preventivo di giurisdizione.
    Morte di una delle parti.
    Esperimento del regolamento preventivo di competenza.
    Sussistenza di una questione pregiudiziale relativa allo stato o capacità delle persone, la cui soluzione sia riservata al giudice ordinario.
    Non so rispondere

    100. La legge 205/2000 ha introdotto un particolare strumento processuale al fine di eliminare l'arretrato e cioè le decine di migliaia di ricorsi risalenti nel tempo e non ancora decisi. Si tratta:

    Della prescrizione dei ricorsi, decorsi dieci anni dalla data di deposito dei ricorsi.
    Della decadenza dei ricorsi, decorsi due anni dalla data di deposito dei ricorsi.
    Della perenzione dei ricorsi, decorsi dieci anni dalla data di deposito dei ricorsi.
    Della perenzione dei ricorsi, decorsi due anni dalla data di deposito dei ricorsi.
    Non so rispondere