contabilità pubblica, tecniche di controllo budgetarie 9

Tempo trascorso
-

1. Nei contratti ad evidenza pubblica, il mancato rispetto da parte della P.A. delle norme di correttezza di cui all'art. 1337 del cod. civ. prescritte dal diritto comune....

Configura responsabilità amministrativa.
Configura responsabilità contrattuale.
Configura responsabilità extracontrattuale.
Configura responsabilità precontrattuale.
Non so rispondere

2. Che tipo di controllo esercita la Corte dei conti sui decreti che approvano contratti delle amministrazioni dello Stato escluse le aziende autonome) di appalto d'opera di importo superiore al valore in euro stabilito dalla normativa comunitaria per l'applicazione delle procedure di aggiudicazione dei contratti stessi, e sui contratti passivi se di importo superiore ad un decimo del valore indicato, ai sensi dell'art. 3 comma 1 della legge n. 20/1994?

Un controllo preventivo di legittimità.
Nessuno, la Corte dei conti non può più esercitare nessun controllo sui decreti di approvazione dei contratti delle amministrazioni dello Stato.
Un controllo successivo e di vigilanza.
Un controllo incidentale.
Non so rispondere

3. Quale fonte legislativa indica gli atti sui quali la Corte dei conti esercita un controllo preventivo di legittimità?

D.Lgs. 3/2/1993, n. 29.
Legge 14/1/1994, n. 20.
Legge 7/10/1969, n. 742.
Legge 5/8/1978, n. 468.
Non so rispondere

4. Cosa dispone l'art. 10 del D.Lgs. n. 163/2006 in merito al responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture?

Il responsabile del procedimento è l'organo che definisce i requisiti minimi di idoneità tecnica e finanziaria per l'ammissione alle procedure di affidamento dei lavori.
Il responsabile del procedimento deve obbligatoriamente coincidere con il direttore dei lavori.
Il responsabile del procedimento è un organo esterno all'amministrazione aggiudicatrice che cura, in ciascuna fase di attuazione degli interventi, il controllo sui livelli di prestazione, di qualità e di prezzo determinati in coerenza alla copertura finanziaria ed ai tempi di realizzazione del programma.
Il responsabile del procedimento segnala eventuali disfunzioni, impedimenti, ritardi nell'attuazione degli interventi.
Non so rispondere

5. Ai sensi dell'art. 3 comma 1 della L. n. 20/1994, che tipo di controllo esercita la Corte dei conti sui provvedimenti dei comitati interministeriali di riparto o assegnazione di fondi?

Un controllo preventivo di legittimità.
Un controllo successivo di merito.
Nessuno, la Corte dei conti non può più esercitare nessun controllo sui provvedimenti dei comitati interministeriali di riparto o assegnazione di fondi.
Un controllo incidentale.
Non so rispondere

6. Nel controllo di gestione possiamo rintracciare le seguenti caratteristiche base....

Controllo del personale, comunicazione esterna, analisi dell'efficacia.
Trasparenza, completezza, tempestività, allineamento con la strategia dell'azienda.
Riflessione strategica su quanto dovrebbe avvenire in azienda, piano di competitività, controllo dei bilanci.
Controllo di qualità, controllo preventivo dei costi, riservatezza assoluta.
Non so rispondere

7. Dispone l'art. 84 del D.Lgs. n. 163/2006 in merito alla Commissione giudicatrice nel caso di aggiudicazione con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa tra l'altro, che....

In caso di accertata carenza in organico di adeguate professionalità, i commissari diversi dal presidente sono scelti con criteri di rotazione anche tra i professori universitari di ruolo, scelti nell'ambito di rose di candidati proposte dalle facoltà di appartenenza.
La commissione è presieduta da un commissario esterno all'amministrazione aggiudicatrice o all'ente aggiudicatore.
Coloro che nel quinquennio precedente hanno rivestito cariche di pubblico amministratore non possono essere nominati commissari relativamente ad appalti o concessioni aggiudicati dalle amministrazioni presso le quali hanno prestato servizio.
La commissione giudicatrice è composta da un numero dispari di componenti superiore a cinque.
Non so rispondere

8. Il D.Lgs. n. 300/1999 ha attribuito la qualità di ente pubblico economico:

A tutte le Agenzie fiscali.
All'Agenzia delle entrate.
All'Agenzia del demanio ed a quella del patrimonio.
All'Agenzia del demanio.
Non so rispondere

9. I capitolati generali d'oneri contengono, ai sensi dell'art. 45 del Regolamento per l'amministrazione del patrimonio e per la contabilità generale dello Stato,....

Esclusivamente le condizioni che possono applicarsi indistintamente a tutti i contratti.
Le condizioni che si riferiscono in modo specifico ad un determinato contratto e riguardano solo quel contratto.
Le condizioni che possono applicarsi indistintamente ad un determinato genere di lavoro, appalto o contratto, e le forme da seguirsi per le gare.
Le condizioni che si riferiscono più particolarmente all'oggetto proprio del contratto.
Non so rispondere

10. Gli enti di cui alla legge n. 70/1975, al fine di consentire la valutazione economica dei servizi e delle attività prodotti, adottano un sistema di contabilità economica fondato su rilevazioni analitiche per centri di costo, sulla base di un piano dei conti all'uopo predisposto. In quale delle seguenti schede, tenute per ciascun centro di costo, sono contenuti, distintamente per ogni comparto, i costi diretti di personale e quelli in aumento e in diminuzione connessi ad altri centri di responsabilità amministrativa?

In nessuna delle schede proposte nelle altre risposte.
In una scheda dettaglio voce personale.
Sulla scheda dei costi di budget.
Sulla scheda dei costi comuni.
Non so rispondere

11. Ai sensi dell'art. 2, L. n. 468/1978, le unità previsionali del progetto di bilancio annuale di previsione dello Stato sono determinate....

Con riferimento alle tipologie di spese correnti o per investimento.
Con riferimento ad aree geografiche sovraregionali.
Con riferimento ad aree omogenee di attività, a carattere non strumentale, in cui si articolano le competenze istituzionali di ciascun Ministero..
Con riferimento ad aree omogenee di attività, anche a carattere strumentale, in cui si articolano le competenze istituzionali di ciascun Ministero.
Non so rispondere

12. Il conto economico, di cui all'art. 41 del D.P.R. n. 97/2003, è redatto secondo le disposizioni contenute nell'articolo 2425 del codice civile, per quanto applicabili, ed evidenzia i componenti positivi e negativi della gestione secondo criteri di competenza economica. Sono componenti negativi....

I trasferimenti correnti.
Le insussistenze del passivo.
Gli ammortamenti.
I contributi e i proventi derivanti dalla cessione dei servizi offerti a domanda specifica.
Non so rispondere

13. Indicare quale tra le seguenti affermazioni è conforme a quanto dispone l'art. 70 (termini di ricezione delle domande di partecipazione e di ricezione delle offerte) del D.Lgs. 163/2006 per i contratti di appalto di rilevanza comunitaria.

Nelle procedure ristrette, il termine per la ricezione delle offerte non può essere inferiore a cinquanta giorni dalla data di invio dell'invito a presentare le offerte.
Nei casi in cui le stazioni appaltanti abbiano pubblicato un avviso di preinformazione, il termine minimo per la ricezione delle offerte nelle procedure ristrette può essere ridotto, di norma, a trentasei giorni e comunque mai a meno di ventidue giorni.
Solo nel caso in cui l'offerta abbia ad oggetto anche il progetto esecutivo le stazioni appaltanti possono disattendere i termini stabiliti al suddetto articolo.
Nelle procedure ristrette quando l'urgenza rende impossibile rispettare i termini minimi previsti dal suddetto articolo, le stazioni appaltanti, purché indichino nel bando di gara le ragioni dell'urgenza, possono stabilire un termine per la ricezione delle offerte non inferiore a sette giorni.
Non so rispondere

14. Negli appalti di forniture o servizi, il concorrente attesta il possesso dei requisiti di capacità finanziaria ed economica relativi al bilancio ed al fatturato:

Mediante dichiarazione sottoscritta in conformità alle disposizioni del D.P.R. 445/2000, mentre al concorrente aggiudicatario è richiesta la documentazione probatoria, a conferma di quanto dichiarato in sede di gara.
Mediante presentazione di copia semplice della documentazione probatoria, mentre al concorrente aggiudicatario è richiesta la produzione dell'originale o della copia autenticata.
Mediante la presentazione della documentazione probatoria in copia autenticata.
Mediante la presentazione della documentazione probatoria in originale.
Non so rispondere

15. La progettazione dei lavori pubblici si articola secondo tre livelli di successivi approfondimenti tecnici: preliminare, definitiva ed esecutiva. Il progetto esecutivo....

Definisce il quadro delle esigenze da soddisfare e delle specifiche prestazioni da fornire.
Deve consentire l'avvio della procedura espropriativa.
Determina in ogni dettaglio i lavori da realizzare ed il relativo costo previsto e deve essere sviluppato ad un livello di definizione tale da consentire che ogni elemento sia identificabile in forma, tipologia, qualità, dimensione e prezzo.
Individua in via generale le caratteristiche qualitative e funzionali dei lavori.
Non so rispondere

16. Ai sensi del D.P.R. n. 97/2003, il sistema della contabilità economica, fondato su rilevazioni analitiche per centro di costo e centro di responsabilità, ha come componenti fondamentali il piano dei conti, i centri di costo, i centri di responsabilità, i servizi e le prestazioni erogati, ai sensi dell'art. 10 del D.Lgs. n. 279/1997. I servizi erogati....

Costituiscono lo strumento per la valutazione della dirigenza.
Sono individuati in coerenza con il sistema dei centri di responsabilità dell'amministrazione, ne rilevano i risultati economici e ne seguono l'evoluzione, anche in relazione ai provvedimenti di riorganizzazione.
Costituiscono lo strumento per la rilevazione economica dei costi necessario al controllo di gestione.
Esprimono le funzioni elementari, finali e strumentali, cui danno luogo i diversi centri di costo per il raggiungimento degli scopi dell'amministrazione.
Non so rispondere

17. Quale ISA tratta de "Il campionamento nella revisione" ed è utile perché, anche nella revisione degli enti pubblici, salvo specifiche contrarie indicazioni normative, il controllo della contabilità, dei bilanci e della documentazione di supporto va fatto con la tecnica del campionamento, adottando criteri razionali in materia di formazione del campione in modo che esso sia rappresentativo dell'universo indagato?

ISA 401.
ISA 530.
ISA 250.
ISA 620.
Non so rispondere

18. Il documento di revisione ISA 500 - Gli elementi probativi della revisione....

Indica i criteri generali da adottare per l'esame di bilanci e dati revisionali.
Riguarda le procedure da seguire in alcuni specifici casi (partecipazione alla ricognizione dell'inventario fisico del magazzino; esame delle conferme dei crediti inviate dai debitori; richieste di informazioni sul contenzioso esistente; informative in materia di titoli e partecipazioni; informazioni per settori di attività, ecc.).
Tratta della tenuta delle "carte di lavoro" e del loro contenuto.
É un documento che fissa i criteri generali in materia di acquisizione di elementi probativi ai fini dell'elaborazione del giudizio professionale del revisore sul bilancio dell'impresa.
Non so rispondere

19. A quale soggetto l'art. 10 del D.Lgs. n. 163/2006 affida il compito di segnalare eventuali disfunzioni, impedimenti, ritardi nell'attuazione degli interventi?

Al progettista.
All'ingegnere capo.
Al responsabile unico del procedimento.
Al direttore dei lavori.
Non so rispondere

20. Nel sistema dell'acquisizione delle entrate degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975, il momento della individuazione del debitore è proprio della fase....

Del versamento.
Dell'accertamento.
Della liquidazione.
Della riscossione.
Non so rispondere

21. A norma dell'art. 5 del D.Lgs. n. 163/2006 come sono dettate le disposizioni di attuazione ed esecuzione del Codice quanto a programmazione dei lavori pubblici?

Con capitolati adottati dalle stazioni appaltanti.
Dal decreto del Presidente del Consiglio.
Con legge regionale.
Con Regolamento dello Stato.
Non so rispondere

22. Per quanto riguarda gli enti pubblici per i quali trova applicazione il D.P.R. n. 97/2003, è obbligatorio acquisire il parere dei revisori dei conti, reso collegialmente, sugli schemi degli atti deliberativi riguardanti ricognizione ed accertamenti dei residui attivi e passivi ed eliminazione per inesigibilità dei crediti iscritti nella situazione patrimoniale?

Si, ed allo scopo il direttore generale fa pervenire al collegio i documenti necessari almeno quindici giorni prima del giorno fissato per l'adozione dei provvedimenti.
No, detto parere è facoltativo non vincolante.
No, detto parere è facoltativo, ma se fatto pervenire al direttore generale almeno quindici giorni prima del giorno fissato per l'adozione dei provvedimenti diventa vincolante.
Si, ed allo scopo il direttore generale fa pervenire al collegio i documenti necessari almeno dieci giorni prima del giorno fissato per l'adozione dei provvedimenti.
Non so rispondere

23. L'ammontare degli oneri di cui al comma 1 dell'art. 18 (fondo speciale per i rinnovi contrattuali in corso) del D.P.R.....

Concorre alla determinazione delle spese del personale iscritte nel bilancio di previsione ai fini dell'applicazione dell'aliquota dell'1% indicata all'ultimo capoverso dell'allegato 6 all'art. 59 del D.P.R. n. 509/1979.
Non concorre alla determinazione delle spese del personale iscritte nel bilancio di previsione ai fini dell'applicazione dell'aliquota dell'1% indicata all'ultimo capoverso dell'allegato 6 all'art. 59 del D.P.R. n. 509/1979.
Concorre alla determinazione delle spese del personale iscritte nel bilancio di previsione ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2% indicata all'ultimo capoverso dell'allegato 6 all'art. 59 del D.P.R. n. 509/1979.
Non concorre alla determinazione delle spese del personale iscritte nel bilancio di previsione ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2% indicata all'ultimo capoverso dell'allegato 6 all'art. 59 del D.P.R. n. 509/1979.
Non so rispondere

24. Il processo di pianificazione, programmazione e budget degli enti pubblici di cui art. 6 del D.P.R. n. 97/2003 consta di alcuni documenti tra cui il bilancio pluriennale; esso....

É redatto solo in termini di competenza per un periodo non inferiore al triennio in relazione alle strategie ed al piano pluriennale approvati dagli organi di vertice.
É redatto solo in termini di cassa per un periodo pari ad un triennio in relazione alle strategie ed al piano pluriennale approvati dagli organi di vertice.
É allegato al bilancio di previsione dell'ente e ha valore autorizzativo.
É annualmente aggiornato in occasione della presentazione del bilancio di previsione e forma oggetto di approvazione.
Non so rispondere

25. A norma di quanto dispone il D.Lgs. n. 163/2006, su quale dei seguenti progetti di lavori pubblici di competenza statale il Consiglio superiore dei lavori pubblici esprime parere obbligatorio?

Progetti di importo superiore ai 50 milioni di euro.
Progetti di importo superiore ai 30 milioni di euro.
Progetti di importo superiore ai 25 milioni di euro.
Progetti di importo superiore ai 10 milioni di euro.
Non so rispondere

26. Sul capitolo del fondo speciale per i presumibili oneri lordi connessi con i rinnovi del contratto di lavoro del personale dipendente, di cui all'art. 18 del D.P.R. 97/2003....

Non possono essere assunti impegni di spesa ma con provvedimento del direttore generale, immediatamente esecutivo possono essere emessi i relativi mandati di pagamento.
Non possono essere assunti impegni di spesa né possono essere emessi mandati di pagamento, ma si provvede a trasferire, all'occorrenza, le somme necessarie ai pertinenti capitoli di bilancio incluse quelle relative agli oneri riflessi a carico dell'ente, separando, in ogni caso, con distinte intitolazioni dei capitoli stessi, gli oneri di pertinenza dell'esercizio da quelli derivanti dagli eventuali effetti retroattivi del nuovo contratto, indicando per ciascuna quota parte dell'esercizio l'ammontare delle risorse destinate alla retribuzione premiale.
Non possono essere assunti impegni di spesa né possono essere emessi mandati di pagamento, ma si provvede a trasferire, all'occorrenza, le somme necessarie ai pertinenti capitoli di bilancio incluse quelle relative agli oneri riflessi a carico dell'ente senza distinzione tra gli oneri di pertinenza dell'esercizio e gli oneri derivanti dagli eventuali effetti retroattivi del nuovo contratto.
Non possono essere assunti impegni di spesa né possono essere emessi mandati di pagamento, ma si provvede a trasferire, all'occorrenza, le somme necessarie ai pertinenti capitoli di bilancio con esclusione di quelle relative agli oneri riflessi a carico dell'ente, separando, in ogni caso, con distinte intitolazioni dei capitoli stessi, gli oneri di pertinenza dell'esercizio da quelli derivanti dagli eventuali effetti retroattivi del nuovo contratto, indicando per ciascuna quota parte dell'esercizio l'ammontare delle risorse destinate alla retribuzione premiale.
Non so rispondere

27. É corretto affermare che il budget è una tecnica di determinazione quantitativa e di controllo mentre la programmazione è essenzialmente un processo decisorio?

No. La programmazione è una tecnica strumentale al budget.
Si.
No. Il budget è uno strumento di programmazione che si identifica con quest'ultima.
No, è esattamente il contrario.
Non so rispondere

28. Il processo di pianificazione, programmazione e budget degli enti pubblici (art.6, D.P.R. n. 97/2003) consta di alcuni documenti tra cui il bilancio pluriennale; esso....

É annualmente aggiornato in occasione della presentazione del bilancio di previsione e non forma oggetto di approvazione.
É allegato al bilancio di previsione dell'ente e ha valore autorizzativo.
É redatto sia in termini di cassa che in termini di competenza per un periodo non inferiore al triennio in relazione alle strategie ed al piano pluriennale approvati dagli organi di vertice.
Può essere variato dai bilanci di previsione successivi senza che vi sia obbligo di motivazione.
Non so rispondere

29. Indicare quale delle seguenti affermazioni in tema di analisi dei costi è errata.

Il costo di trasformazione (conversion cost) è dato dalla sommatoria di tutti i costi relativi al processo manifatturiero con esclusione delle materie prime.
Sommando al costo di fabbricazione una quota di costi generali commerciali si ottiene il costo di fabbricazione e commercializzazione.
Il costo primo comprende tutti i costi dei fattori produttivi direttamente riferiti all'oggetto di calcolo del costo.
Gli "elementi di costo" sono costituiti da una sommatoria di "configurazioni di costo".
Non so rispondere

30. Le UPB di 1° livello delle entrate sono ripartite in unità previsionali di 3° livello (D.P.R. n. 97/2003, art. 12)....

A seconda che il gettito derivi dalla gestione corrente, in conto capitale o dalle partite di giro.
Secondo la specifica natura dei cespiti.
Ai fini dell'accertamento dei cespiti.
Secondo il rispettivo oggetto ai fini della gestione e della rendicontazione.
Non so rispondere

31. L'art. 79 del D.P.R. n. 97/2003 prevede l'acquisizione del parere obbligatorio dei revisori dei conti per l'eliminazione per inesigibilità dei crediti iscritti nella situazione patrimoniale. Quanto tempo prima del giorno fissato per l'adozione dei provvedimenti il direttore generale deve far pervenire al collegio i documenti necessari?

Entro la data prevista dal Regolamento di contabilità dell'ente, che comunque non può essere inferiore a dieci giorni.
Almeno quindici giorni prima.
Almeno trenta giorni prima.
Almeno venti giorni prima.
Non so rispondere

32. A norma del D.Lgs. n. 163/2006, qualora si renda necessaria l'azione integrata e coordinata di diverse amministrazioni pubbliche, l'amministrazione aggiudicatrice, su proposta del responsabile unico del procedimento,....

Può promuovere la conclusione di un accordo di programma.
Deve trasmettere copia del progetto al Ministro dell'Interno.
Deve promuovere una convenzione.
Deve obbligatoriamente convocare una conferenza dei servizi.
Non so rispondere

33. A norma dell'art. 38, D.P.R. n. 97/2003, costituisce allegato al rendiconto generale degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975.....

La situazione amministrativa.
La nota integrativa.
Il conto economico.
Il conto di bilancio.
Non so rispondere

34. Indicare quale tra le seguenti affermazioni, sul responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all'art. 10 del D.Lgs. n. 163/2006, è corretta.

É in facoltà dell'amministrazione aggiudicatrice nominare o meno un responsabile unico del procedimento di attuazione di ogni singolo intervento previsto dal programma triennale dei lavori pubblici.
Nel caso in cui l'organico delle amministrazioni aggiudicatrici presenti carenze accertate o in esso non sia compreso nessun soggetto in possesso della specifica professionalità necessaria per lo svolgimento dei compiti propri del responsabile del procedimento, i compiti di supporto all'attività del responsabile del procedimento possono essere affidati solo a soggetti di altre pubbliche amministrazioni statali.
Ciascuna amministrazione aggiudicatrice determina i requisiti di professionalità richiesti al responsabile del procedimento.
Le ipotesi di coincidenza tra responsabile del procedimento e direttore dell'esecuzione del contratto sono stabilite dal Regolamento di esecuzione e attuazione del Codice.
Non so rispondere

35. Perché un consorzio possa essere qualificato «stabile» ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006, occorre, tra l'altro, che sia formato da non meno di....

Cinque consorziati.
Tre consorziati.
Due consorziati.
Sette consorziati.
Non so rispondere

36. Ai sensi del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163, per quanto riguarda i controlli sul possesso dei requisiti, le stazioni appaltanti prima di procedere all'apertura delle buste delle offerte presentate, richiedono di comprovare il possesso dei requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa ad un certo numero di offerenti. Quando la documentazione fornita non comprova quanto dichiarato dall'offerente, le stazioni appaltanti procedono.....

All'esclusione del concorrente dalla gara, previa restituzione della cauzione provvisoria entro il termine di dieci giorni.
Alla radiazione dagli elenchi regionali degli operatori economici autorizzati.
All'esclusione del concorrente dalla gara, all'escussione della relativa cauzione provvisoria e alla segnalazione del fatto alla "Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici"; l'Autorità dispone la sospensione da uno a dodici mesi dalla partecipazione alle procedure di affidamento.
Alla denuncia del concorrente alla Camera di Commercio ed artigianato della provincia di appartenenza.
Non so rispondere

37. Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il "centro di costo" NON è corretta?

Il centro di costo costituisce la destinazione finale dei costi che non possono essere imputati direttamente.
Da un punto di vista contabile si può definire il centro di costo come l'unità minima cui si fa riferimento per la raccolta e l'aggregazione delle informazioni di costo.
Nell'ipotesi che il centro di costo corrisponda ad una unità organizzativa posta sotto la precisa responsabilità di una persona, si parla di centro di responsabilità.
Il centro di costo è un'entità operativa aziendale con riferimento alla quale si procede alla rilevazione ed al controllo dei costi.
Non so rispondere

38. Il partitario degli accertamenti, di cui all'art. 75 del D.P.R. n. 97/2003,....

Contiene lo stanziamento iniziale e le variazioni successive, le somme impegnate, quelle pagate e quelle rimaste da pagare per ciascun capitolo.
Contiene lo stanziamento iniziale e le variazioni successive, le somme accertate, quelle riscosse e quelle rimaste da riscuotere per ciascun capitolo di entrata.
Comprende anche le reversali e i mandati emessi dagli uffici decentrati.
Contiene, per capitolo ed esercizio di provenienza, la consistenza dei residui all'inizio dell'esercizio, le somme riscosse o pagate, le variazioni positive o negative, le somme rimaste da riscuotere o da pagare.
Non so rispondere

39. Quale strumento di programmazione finanziaria indica il livello massimo del ricorso al mercato finanziario e del saldo netto da finanziare in termini di competenza, per ciascuno degli anni considerati dal bilancio pluriennale?

I disegni di legge collegati alla manovra di finanza pubblica.
La relazione previsionale e programmatica.
Il documento di programmazione economico-finanziaria.
La legge finanziaria.
Non so rispondere

40. Se dal confronto tra costi effettivi e costi standard emergono scostamenti negativi, ossia il costo standard è minore del costo effettivo, le differenze riscontrate possono dipendere, tra l'altro, da variazioni nei rendimenti dei fattori produttivi; l'entità di questo scostamento si calcola.....

Moltiplicando le differenze riscontrate tra quantità effettive e quantità standard dei fattori impiegati per i prezzi standard.
Sommando le quantità effettive e le quantità standard dei fattori impiegati e dividendo per i prezzi standard.
Sommando le quantità effettive e le quantità standard dei fattori impiegati e moltiplicando per i prezzi standard.
Dividendo le differenze riscontrate tra quantità effettive e quantità standard dei fattori impiegati per i prezzi standard.
Non so rispondere

41. Stabilisce l'art. 26 del D.P.R. n. 97/2003 che nella gestione delle entrate l'accertamento....

Avviene, per le entrate relative a partite compensative delle spese, sulla base delle leggi che li regolano o di altri atti aventi identico valore.
Presuppone la fondatezza del credito, ossia la sussistenza di obbligazioni giuridiche a carico di terzi verso l'ente.
Presuppone esclusivamente la certezza del credito, ossia che esso non sia soggetto ad oneri e/o condizioni.
Avviene, per le entrate patrimoniali e per quelle provenienti dalla gestione di servizi a carattere produttivo e di quelli connessi a tariffe o contribuzioni dell'utenza, mediante contratti, provvedimenti giudiziari o atti amministrativi specifici.
Non so rispondere

42. Quale ISA, tratta de "Le parti correlate", e riguarda i rapporti "di gruppo" che possono crearsi con società controllate e con enti controllanti e controllati, di cui è necessario conoscere la natura, l'oggetto, i termini, ecc.?

ISA 620.
ISA 230.
ISA 550.
ISA 810.
Non so rispondere

43. Ai sensi dell'articolo 31 del Regolamento concernente l'amministrazione e la contabilità degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975, le risorse impiegate per il trattamento economico tabellare già attribuito al personale dipendente e per i relativi oneri riflessi....

Costituiscono impegno sui relativi stanziamenti con l'approvazione del bilancio e con l'autorizzazione esplicita dell'organo di vertice.
Costituiscono impegno sui relativi stanziamenti con l'approvazione del bilancio e con l'autorizzazione dell'amministrazione vigilante.
Necessitano di atto formale di impegno di spesa.
Costituiscono impegno sui relativi stanziamenti con l'approvazione del bilancio e successive variazioni, e senza la necessità di ulteriori atti.
Non so rispondere

44. Il controllo di qualità è....

Un'attività svolta per la riduzione dei costi.
Un'attività svolta a favore del cliente.
Un'attività svolta per creare nuovi posti di lavoro.
Un'attività svolta a favore del personale dell'ente erogatore.
Non so rispondere

45. I disegni di legge collegati alla manovra di finanza pubblica sono presentati dal Governo alle Camere entro....

Il 15 novembre.
Il 31 luglio.
Il 31 dicembre.
Il 15 maggio.
Non so rispondere

46. Se dal confronto tra costi effettivi e costi standard emergono scostamenti negativi, ossia il costo standard è minore del costo effettivo, le differenze riscontrate possono dipendere.....

Da variazioni nei prezzi dei fattori produttivi impiegati.
Da variazioni nel volume di produzione.
Da qualsiasi delle cause illustrate nelle altre risposte.
Da variazioni nei rendimenti dei fattori produttivi.
Non so rispondere

47. Cosa evidenzia, nel quadro generale riassuntivo del bilancio di previsione dello Stato, il risultato differenziale tra il totale delle entrate tributarie ed extratributarie ed il totale delle spese correnti?

Il saldo netto da finanziare o da impiegare.
Il risparmio pubblico.
Il ricorso al mercato.
L'indebitamento o accrescimento netto.
Non so rispondere

48. Dispone il D.Lgs. n. 163/2006 in merito ai concorsi di progettazione relativi al settore dei lavori pubblici, che nel caso in cui ai suddetti concorsi sia ammessa la partecipazione di un numero limitato di partecipanti, al fine di garantire un'effettiva concorrenza il numero di candidati invitati a partecipare non può essere.....

Inferiore a dieci.
Superiore a sette.
Superiore a cinque.
Inferiore a venticinque.
Non so rispondere

49. Le UPB di 1° livello delle uscite sono ripartite in funzioni-obiettivo (D.P.R. n. 97/2003, art. 12)....

Secondo la specifica natura economica
A seconda che esse afferiscano alla gestione corrente, in conto capitale o delle partite di giro.
Individuate con riguardo all'esigenza di definire le politiche di settore e di misurare il prodotto delle attività amministrative anche in termini di servizi e prestazioni resi ai cittadini.
Ai fini della gestione e della rendicontazione, secondo l'oggetto ed il contenuto economico e funzionale della spesa.
Non so rispondere

50. Indicare quale è la condizione giuridica dei beni del demanio pubblico.

Imprescrittibilità, insuscettibilità a formare oggetto di diritti a favore di terzi se non mediante concessioni, potestà di autotutela dell'autorità amministrativa, alienabilità.
Insuscettibilità a formare oggetto di diritti a favore di terzi mediante concessioni, potestà di autotutela dell'autorità amministrativa, indisponibilità e prescrittività.
Inalienabilità, insuscettibilità a formare oggetto di diritti a favore di terzi se non mediante concessioni, potestà di autotutela dell'autorità amministrativa.
Inalienabilità, imprescrittibilità, insuscettibilità a formare oggetto di diritti a favore di terzi se non mediante concessioni, potestà di autotutela dell'autorità amministrativa.
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate