Contabilità pubblica, tecniche di controllo budgetarie 6

Tempo trascorso
-

1. In merito al controllo preventivo esercitato dalla Corte dei conti sulla legittimità degli atti del Governo, la Costituzione prescrive che essa riferisca il risultato del riscontro....

Agli altri organi di controllo.
Direttamente alle Camere.
Al solo Governo.
Alla Corte Costituzionale.
Non so rispondere

2. Il controllo di gestione, a norma del Regolamento concernente l'amministrazione e la contabilità degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975, si articola almeno....

In quattro fasi.
In cinque fasi.
In tre fasi.
In due fasi.
Non so rispondere

3. L'entrata il cui gettito derivi dalle partite di giro è iscritta (D.P.R. n. 97/2003, art. 12).....

Nel titolo 3°.
Indifferentemente nel titolo 1° o nel titolo 2°.
Nel titolo 2°.
Nel titolo 1°.
Non so rispondere

4. Cosa ha precisato il Supremo Consesso di Giustizia amministrativa in merito alla responsabilità precontrattuale della P.A.?

Per tutte le controversie tra privato e P.A. riguardanti la fase di un contratto ad evidenza pubblica rivolta alla scelta del contraente privato, sussiste la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo.
Per tutte le controversie che riguardano la responsabilità precontrattuale della P.A. per il mancato rispetto da parte di quest'ultima delle norme di correttezza di cui all'art. 1337 del cod. civ. prescritte dal diritto comune, sussiste la giurisdizione esclusiva del giudice ordinario.
Per tutte le controversie fra privato e P.A. riguardanti la fase anteriore alla stipula dei contratti, sussiste la giurisdizione esclusiva della Corte dei Conti.
La non applicabilità del combinato disposto di cui agli artt. 1337 e 1338 del cod. civ. ai contratti tra P.A. e privati, in quanto le trattative per un futuro contratto, anche se prima aggiudicato e poi rimosso, non possono mai dar luogo a responsabilità per la P.A.
Non so rispondere

5. L'esercizio provvisorio del bilancio dello Stato....

É autorizzato dal Presidente della Repubblica.
Può essere concesso dal Ministro dell'economia e delle finanze previo parere favorevole della Corte dei conti.
É deliberato dal Parlamento in seduta comune.
Può essere concesso solo per legge.
Non so rispondere

6. A norma di quanto dispone l'art. 132 del D.Lgs. n. 163/2006 sono ammesse varianti in corso d'opera per cause impreviste e imprevedibili?

Si, a far data dal 12/4/2006 è in facoltà della stazione appaltante decidere autonomamente in merito alle varianti in corso d'opera.
No, l'unico motivo che ammette varianti in corso d'opera è il manifestarsi di errori o omissioni che pregiudicano in tutto o in parte la realizzazione dell'opera o la sua utilizzazione.
No, a far data dal 1° gennaio 2006 le varianti in corso d'opera non sono più ammesse.
Si, se accertate nei modi stabiliti dalla normativa vigente.
Non so rispondere

7. Elaborare i dati da esporre a budget è una attività di spiccato contenuto direzionale, in cui la struttura nel suo insieme esamina se stessa, i suoi obiettivi, i suoi rapporti con l'esterno. Ad un tipo e grado di articolazione del sistema di budget per centri di responsabilità corrisponde solitamente un grado di complessità strutturale dell'impresa.....

Basso.
Alto.
Elementare.
Medio.
Non so rispondere

8. A norma di quanto prevede l'art. 70 del D.Lgs. n. 163/2006 in merito ai termini di ricezione delle offerte di contratti a rilevanza comunitaria, nelle procedure aperte il termine per la ricezione delle offerte non può essere inferiore a....

52 giorni decorrenti dalla data di trasmissione del bando di gara.
20 giorni decorrenti dalla data di trasmissione del bando di gara.
Un mese decorrente dalla data di trasmissione del bando di gara.
35 giorni decorrenti dalla data di trasmissione del bando di gara.
Non so rispondere

9. Ai sensi del D.P.R. n. 97/2003, il sistema della contabilità economica, fondato su rilevazioni analitiche per centro di costo e centro di responsabilità, ha come componenti fondamentali il piano dei conti, i centri di costo, i centri di responsabilità, i servizi e le prestazioni erogati, ai sensi dell'art. 10 del D.Lgs. n. 279/1997. I servizi erogati....

Costituiscono lo strumento per la rilevazione economica dei costi necessario al controllo di gestione.
Sono individuati in coerenza con il sistema dei centri di responsabilità dell'amministrazione, ne rilevano i risultati economici e ne seguono l'evoluzione, anche in relazione ai provvedimenti di riorganizzazione.
Sono aggregati nelle funzioni-obiettivo che esprimono le missioni istituzionali di ciascuna amministrazione interessata.
Costituiscono lo strumento per la valutazione della dirigenza.
Non so rispondere

10. Tra i principi generali di revisione dell'IFAC (International Federation of Accountants), ossia gli International Standard of Auditing (ISA's), ritenuti applicabili all'attività di revisione amministrativa e contabile degli enti pubblici (art. 2, c. 2, D.Lgs. 286/1999), il documento ISA 540....

"La revisione delle stime contabili", stabilisce i criteri in base ai quali si accerta la correttezza delle valutazioni, anche di quelle effettuate nei budgets e nei bilanci di previsione.
"La conoscenza dell'attività del cliente", sottolinea come, prima di programmare i controlli, è indispensabile conoscere caratteristiche, struttura ed attività dell'ente sottoposto a revisione.
É intitolato "La documentazione del lavoro (di revisione)".
É intitolato "Gli elementi probativi della revisione".
Non so rispondere

11. Ai sensi dell'art. 84 del D.Lgs. n. 163/2006, la nomina dei commissari e la costituzione della commissione incaricata dell'aggiudicazione o dell'affidamento di opere pubbliche con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa deve avvenire....

Prima della scadenza del termine fissato ai concorrenti per la presentazione delle offerte.
Contestualmente all'approvazione del progetto definitivo.
Contestualmente all'approvazione del progetto esecutivo.
Dopo la scadenza del termine fissato ai concorrenti per la presentazione delle offerte.
Non so rispondere

12. Sono elementi della responsabilità extracontrattuale della P.A. la condotta, l'antigiuridicità della condotta, la colpevolezza, l'evento dannoso e il nesso di causalità tra condotta ed evento. In particolare....

Il danno deve consistere sempre nel pregiudizio patrimoniale derivante dalla lesione di un diritto soggettivo perfetto, e alla luce della sentenza n. 500/1999, mai dalla lesione dell'interesse legittimo.
La condotta può anche non essere direttamente riferibile alla P.A., in quanto è sufficiente che essa sia commessa da un dipendente nella sede della sua amministrazione.
La condotta può consistere tanto in una azione che in una omissione della P.A. dalla quale sia derivato un danno.
L'antigiuridicità della condotta ricorre quando siano violate norme concernenti regole di buona amministrazione.
Non so rispondere

13. A norma di quanto dispone il D.Lgs. n. 163/2006, riguardo all'esecuzione dei contratti aventi ad oggetto lavori, il responsabile del procedimento può coincidere con il direttore dei lavori?

Si, secondo le tipologie e gli importi massimi stabilite dal regolamento.
Solo per opere che non presentano caratteristiche di complessità strutturale e costruttiva, definite nel bando di affidamento.
Si, obbligatoriamente.
No, in nessun caso.
Non so rispondere

14. Come è denominato il "nuovo" tipo di responsabilità, secondo cui la sussistenza di un contatto tra amministratori e privato, che si realizza in un durante e a causa dello svolgimento di un procedimento amministrativo, comporta il sorgere di alcuni obblighi c.d. di protezione in capo alla P.A.?

Responsabilità precontrattuale.
La c.d. responsabilità da contatto amministrativo qualificato.
Responsabilità amministrativo-contabile.
Responsabilità extracontrattuale.
Non so rispondere

15. Nell'ambito della propria autonomia l'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture....

Non può disporre perizie ed analisi economiche e statistiche.
Può disporre ispezioni e richiedere visione di atti solo alle pubbliche amministrazioni aggiudicatrici.
Può disporre ispezioni, avvalendosi anche della collaborazione di altri organi dello Stato
Può richiedere la visione di atti ma non può disporre ispezioni.
Non so rispondere

16. Di quante parti si compone il rendiconto generale degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975 (D.P.R. n. 97/2003, art. 38) e quali sono?

Una parte: il conto consuntivo del bilancio, suddiviso in entrate e spese.
Tre parti: il conto consuntivo del bilancio; il conto generale del patrimonio; la relazione finale.
Due parti: il conto economico; lo Stato patrimoniale.
Quattro parti: il conto di bilancio; il conto economico; lo Stato patrimoniale; la nota integrativa.
Non so rispondere

17. Indicare quale delle seguenti affermazioni in tema di analisi dei costi è errata.

Se si aggiunge al costo industriale una quota dei costi generali amministrativi, relativi alla gestione amministrativa dell'azienda, una quota dei costi di politica, relativa alla ricerca e sviluppo, alla pubblicità e promozione e alla formazione del personale, ed una quota degli oneri finanziari si ottiene la configurazione di costo pieno aziendale.
Il costo industriale è, al contrario del costo primo, una figura di costo parziale perché esclude i costi generali di natura non industriale.
Alcuni costi costituenti il costo primo possono essere sia fissi sia variabili.
Il costo primo è una figura di costo parziale perché non considera tutti gli elementi di costo.
Non so rispondere

18. La normativa della contabilità di Stato prevede che la stipulazione del contratto in forma pubblico-amministrativa deve effettuarsi....

A mezzo di pubblici ufficiali roganti.
A cura dell'Osservatorio sui contratti di lavori, servizi e forniture.
A cura dell'Autorità di vigilanza sui contratti di lavori, servizi e forniture.
A mezzo di semplice scrittura privata sottoscritta dalle due parti.
Non so rispondere

19. Dispone il D.Lgs. n. 163/2006, riguardo alla scelta della migliore offerta con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, che la valutazione sia demandata ad una commissione giudicatrice. La commissione, è composta da un numero dispari di componenti.....

In numero massimo di venticinque, esperti nello specifico settore cui si riferisce l'oggetto del contratto.
In numero massimo di sette, esperti nello specifico settore cui si riferisce l'oggetto del contratto.
In numero massimo di undici, esperti nello specifico settore cui si riferisce l'oggetto del contratto.
In numero massimo di cinque, esperti nello specifico settore cui si riferisce l'oggetto del contratto.
Non so rispondere

20. A norma di quanto dispone l'art. 64 (bando di gara) del D.Lgs. n. 163/2006 per i lavori di rilevanza comunitaria le stazioni appaltanti che intendono aggiudicare un appalto pubblico o un accordo quadro mediante dialogo competitivo, devono rendere nota tale intenzione con un bando di gara?

Si, le stazioni appaltanti che intendono aggiudicare un appalto pubblico o un accordo quadro mediante procedura aperta, procedura ristretta, procedura negoziata con pubblicazione di un bando di gara, dialogo competitivo, rendono nota tale intenzione con un bando di gara.
No, l'obbligo sussiste solo quando le stazioni appaltanti intendono avvalersi della procedura aperta.
No, l'obbligo sussiste solo quando le stazioni appaltanti intendono avvalersi della procedura ristretta.
Si, l'obbligo sussiste solo quando le stazioni appaltanti intendono avvalersi della procedura negoziata con pubblicazione di un bando di gara ovvero del dialogo competitivo.
Non so rispondere

21. Quale ruolo riveste nel controllo di gestione l'accessibilità delle informazioni a qualsiasi livello?

É rilevante, ma non necessaria.
Non è rilevante, mentre è essenziale la definizione delle unità responsabili dei procedimenti.
É essenziale.
É rilevante soltanto nel caso di un incaricato del controllo di gestione esterno all'azienda.
Non so rispondere

22. In merito all'affidamento dei contratti pubblici dei lavori, nel caso in cui l'organico delle amministrazioni aggiudicatrici presenti carenze accertate o in esso non sia compreso nessun soggetto in possesso della specifica professionalità necessaria per lo svolgimento dei compiti propri del responsabile del procedimento, i compiti di supporto all'attività del responsabile del procedimento possono essere affidati ai soggetti aventi le specifiche competenze di carattere tecnico, economico - finanziario, amministrativo, organizzativo, e legale?

I compiti di supporto possono essere affidati solo a professionisti singoli o associati.
Si, con le procedure previste dal D.Lgs. n. 163/2006 per l'affidamento di incarichi di servizi, che abbiano stipulato adeguata polizza assicurativa a copertura dei rischi professionali.
I compiti di supporto possono essere affidati solo a società ed organismi di altre pubbliche amministrazioni.
No, i compiti di supporto devono essere svolti esclusivamente dall'organico della stazione appaltante.
Non so rispondere

23. Ai sensi di quanto dispone il D.Lgs. n. 163/2006 le stazioni appaltanti possono decidere di non procedere all'aggiudicazione se nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all'oggetto del contratto?

Si.
Solo per contratti inferiori alla soglia comunitaria
Solo per contratti di affidamento di lavori.
No.
Non so rispondere

24. Il conto economico, di cui all'art. 41 del D.P.R. n. 97/2003, è redatto secondo le disposizioni contenute nell'articolo 2425 del codice civile, per quanto applicabili, ed evidenzia i componenti positivi e negativi della gestione secondo criteri di competenza economica. Sono componenti positivi....

Il valore del godimento dei beni di terzi.
Gli interessi passivi.
Le plusvalenze da alienazioni.
I trasferimenti a terzi.
Non so rispondere

25. A norma di quanto dispone l'art. 7 del Codice dei contratti pubblici, quali compiti svolge la sezione centrale dell'Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture avvalendosi della sezioni regionali?

Dispone ispezioni, al fine di garantire il regolare svolgimento dei lavori affidati tramite contratti pubblici, avvalendosi anche della collaborazione di altri organi dello Stato.
Dispone perizie e analisi economiche e statistiche nonché la consultazione di esperti in ordine a qualsiasi elemento rilevante ai fini dell'istruttoria concernente i contratti pubblici.
Vigila affinché sia assicurata l'economicità di esecuzione dei contratti pubblici.
Cura l'elaborazione dei prospetti statistici per i contratti pubblici di lavori, forniture e servizi nei settori di gas, energia termica, elettricità, acqua, trasporti, servizi postali, sfruttamento di area geografica.
Non so rispondere

26. Indicare quale affermazione afferente al fondo rischi ed oneri di cui all'art. 19 del D.P.R. 97/2003 è corretta.

Gli accantonamenti al fondo rischi ed oneri, per spese future e per ripristino investimenti, stimate per un importo diverso da zero, presentano previsioni di sola competenza.
L'utilizzo delle relative disponibilità è effettuato con il procedimento per l'impegno di spesa.
Su tale capitolo non possono essere assunti impegni di spesa né possono essere emessi mandati di pagamento, ma si provvede a trasferire, all'occorrenza, con provvedimento del Presidente del collegio dei revisori dei conti, immediatamente esecutivo, le somme necessarie.
Gli accantonamenti al fondo rischi ed oneri, per spese future e per ripristino investimenti, stimate per un importo diverso da zero, presentano previsioni sia di competenza che di cassa.
Non so rispondere

27. Gli atti sui quali si esercita il controllo preventivo di legittimità della Corte dei conti.....

Sono stabiliti ogni tre mesi dal Presidente del Consiglio dei Ministri in base alle disposizione di cui al T.U. delle leggi sulla Corte dei Conti.
Sono stabiliti dalla legge n. 20/1994 all'art. 3, comma 1.
Sono stabiliti annualmente con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze.
Sono stabiliti annualmente con provvedimento dalla stessa Corte dei conti.
Non so rispondere

28. Trattando di contabilità generale e contabilità per costi, quale delle seguenti affermazioni è correttamente riferibile al secondo tipo di contabilità?

Rileva gli elementi dei costi amministrativi nel momento della liquidazione.
É riferita alla struttura nel suo insieme.
Rileva gli elementi dei costi amministrativi nel momento dell'emissione del mandato di pagamento.
Misura analiticamente il costo dei materiali, del lavoro e delle spese generali occorsi per la realizzazione di determinati servizi o beni.
Non so rispondere

29. Indicare quale tra le seguenti affermazioni è conforme a quanto dispone l'art. 70 (termini di ricezione delle domande di partecipazione e di ricezione delle offerte) del D.Lgs. 163/2006 per i contratti di appalto di rilevanza comunitaria

Nelle procedure ristrette, quando l'urgenza rende impossibile rispettare i termini minimi previsti dal suddetto articolo, le stazioni appaltanti, purché indichino nel bando di gara le ragioni dell'urgenza, possono stabilire un termine per la ricezione delle domande di partecipazione, non inferiore a quindici giorni.
Solo nel caso in cui l'offerta abbia ad oggetto anche il progetto definitivo le stazioni appaltanti possono disattendere i termini stabiliti al suddetto articolo.
Se i bandi sono redatti e trasmessi per via elettronica secondo il formato e le modalità di trasmissione precisati nell'allegato X del D.Lgs. i termini minimi per la ricezione delle offerte, nelle procedure aperte, e il termine minimo per la ricezione delle domande di partecipazione, nelle procedure ristrette, nelle procedure negoziate e nel dialogo competitivo, possono essere ridotti di dieci giorni.
Nelle procedure aperte, il termine per la ricezione delle offerte non può essere inferiore a trenta giorni decorrenti dalla data di trasmissione del bando di gara.
Non so rispondere

30. Quale dei seguenti costituisce elemento accidentale del contratto?

La causa.
La condizione.
L'accordo delle parti.
L'oggetto.
Non so rispondere

31. Dispone l'art. 71 del D.Lgs. n. 163/2006 che nelle procedure aperte di rilevanza comunitaria, quando le stazioni appaltanti non offrono per via elettronica, l'accesso libero, diretto e completo al capitolato d'oneri e ad ogni documento complementare, i capitolati d'oneri e i documenti complementari devono essere inviati agli operatori economici entro....

Dieci giorni dalla ricezione della loro domanda, a condizione che quest'ultima sia stata presentata in tempo utile prima della scadenza del termine di presentazione delle offerte.
Sei giorni dalla ricezione della loro domanda, a condizione che quest'ultima sia stata presentata in tempo utile prima della scadenza del termine di presentazione delle offerte.
Tre giorni dalla ricezione della loro domanda, a condizione che quest'ultima sia stata presentata in tempo utile prima della scadenza del termine di presentazione delle offerte
Due giorni dalla ricezione della loro domanda, a condizione che quest'ultima sia stata presentata in tempo utile prima della scadenza del termine di presentazione delle offerte.
Non so rispondere

32. Le Agenzie fiscali:

Non hanno autonomia patrimoniale, organizzativa, contabile e finanziaria.
Non sono soggette al controllo del M.E.F.
Operano nell'esercizio delle funzioni pubbliche ad esse affidate in base ai principi di legalità, imparzialità e trasparenza.
Sono state istituite a seguito della soppressione dei Dipartimenti del M.E.F.
Non so rispondere

33. Trattando della contabilità degli enti pubblici di cui alla legge n. 70/1975, relativamente alla gestione dei residui, individuare tra le seguenti l'affermazione errata.

I residui attivi e passivi di ciascun esercizio sono trasferiti ai corrispondenti capitoli dell'esercizio successivo, separatamente dagli stanziamenti di competenza dello stesso.
La gestione della competenza è separata da quella dei residui.
Sono mantenute tra i residui dell'esercizio esclusivamente le entrate accertate, per le quali esiste un titolo giuridico che costituisca l'ente creditore della correlativa entrata.
É consentita l'iscrizione nel conto residui di somme anche se non impegnate.
Non so rispondere

34. Fanno parte del passivo dello stato patrimoniale del rendiconto generale degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975 (art. 42, D.P.R. n. 97/2003)....

I fondi per rischi e oneri.
Le anticipazioni e i crediti di durata superiore all'anno.
Le immobilizzazioni immateriali.
Le partecipazioni.
Non so rispondere

35. Cosa dispone l'art. 6 del D.Lgs. n. 163/2006 in materia di Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture?

Qualora l'Autorità accerti che dalla esecuzione dei lavori pubblici derivi pregiudizio per il pubblico erario, gli atti e i rilievi sono trasmessi alla procura generale della Corte dei conti ed al Ministro dell'Economia e delle finanze.
Qualora l'Autorità accerti l'esistenza di irregolarità che hanno rilevanza penale trasmette gli atti e i rilievi alla procura generale della Corte dei conti.
Qualora l'Autorità accerti che dalla esecuzione dei lavori pubblici derivi pregiudizio per il pubblico erario, gli atti e i rilievi sono trasmessi anche ai soggetti interessati e alla procura generale della Corte dei conti.
Qualora l'Autorità accerti che dalla esecuzione dei lavori pubblici derivi pregiudizio per il pubblico erario, gli atti e i rilievi sono trasmessi anche al Ministro dell'Interno.
Non so rispondere

36. Il Regolamento concernente l'amministrazione e la contabilità degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975 all'art. 44, specifica elencandoli gli argomenti che le informazioni dettagliate contenute nella nota integrativa devono in ogni caso riguardare, tra cui....

L'illustrazione delle risultanze finanziarie complessive.
Tutti gli argomenti citati nelle altre risposte, ritenuti necessari per una migliore comprensione dei dati contabili.
L'applicazione di norme inderogabili tale da pregiudicare la rappresentazione veritiera e corretta del rendiconto generale, motivandone le ragioni e quantificando l'incidenza sulla situazione patrimoniale, finanziaria, nonché sul risultato economico.
Gli elementi richiesti dall'art. 2427 e dagli altri articoli del codice civile, nonché da altre norme di legge e dai documenti sui principi contabili applicabili.
Non so rispondere

37. Cosa sono i «fondi speciali» così come definiti nel D.M. 6/4/2004 che ha approvato il nuovo piano dei conti del sistema unico di contabilità economica delle pubbliche amministrazioni?

Risorse finanziarie che possono essere utilizzate sia per l'effettuazione di pagamenti sia per l'assegnazione delle risorse stesse in corso d'anno alle voci di destinazione finale di altre amministrazioni.
Risorse destinate a finanziare: spese obbligatorie la cui dotazione nei capitoli di destinazione finale risulti insufficiente (si tratta di spese che possono generare sia costi a carico delle amministrazioni sia trasferimenti) e spese impreviste ed imprevedibili corrispondenti a risorse da utilizzare a fronte di esigenze non prevedibili.
Risorse per oneri presunti derivanti da provvedimenti legislativi in corso di approvazione. Tali risorse genereranno in futuro costi per le amministrazioni o trasferimenti a carico delle stesse, in una misura che, in origine, non è del tutto nota.
Risorse destinate a finanziare: spese derivanti da provvedimenti legislativi già approvati, di cui è noto l'ammontare globale ma di cui occorre definire nel dettaglio la destinazione finale in termini di scopo e di amministrazione destinataria e spese di carattere ricorrente che generano di solito costi per le amministrazioni, che necessitano di autorizzazioni, come lo straordinario per i dipendenti.
Non so rispondere

38. Il Collegio dei revisori dei conti degli enti di cui alla legge n. 70/1975....

Nelle sue periodiche verifiche, vigila affinché siano tempestivamente rese al Ministero dell'economia e delle finanze le informazioni previste negli articoli 59, 60 e 61 del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, ai fini del controllo della spesa del personale. Nei verbali del collegio deve darsi atto dell'osservanza di tale obbligo.
Qualora sia in tal senso disposto dal Regolamento di contabilità dell'ente, vigila sull'adozione di controlli sulle strutture periferiche.
Nelle sue periodiche verifiche, vigila affinché siano sistematicamente esperite le procedure di controllo interno; dell'osservanza di tale obbligo non deve darsi atto nei verbali del collegio.
Effettua almeno mensilmente controlli e riscontri sulla consistenza della cassa e sulla esistenza dei valori, dei titoli di proprietà, e sui depositi e i titoli a custodia.
Non so rispondere

39. Quale delle affermazioni che seguono è conforme al disposto dell'articolo 21 "Sistema di contabilità analitica" del Regolamento concernente l'amministrazione e la contabilità degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975?

Il budget economico di ogni centro di responsabilità deve essere determinato in coerenza con il budget economico e finanziario del corrispondente centro di costo in cui è inserito.
Il consolidamento dei budget economici dei singoli centri di costo e dei singoli centri di responsabilità, nella sua massima aggregazione, dà origine al preventivo economico dell'ente.
Lo schema del piano dei conti, indicato in allegato alla legge, è rigido e analitico, non tenendo conto né dell'attività espletata né della struttura organizzativa e della dimensione dell'ente.
Il consolidamento dei budget finanziari dei singoli centri di responsabilità, nella sua massima aggregazione, dà origine al preventivo economico dell'ente.
Non so rispondere

40. A norma di quanto dispone il D.Lgs. n. 163/2006 quale organo, operante nell'ambito dell'Autorità per la vigilanza dei lavori pubblici provvede alla raccolta ed alla elaborazione dei dati informativi concernenti i contratti pubblici su tutto il territorio nazionale e, in particolare, di quelli concernenti i bandi e gli avvisi di gara, le aggiudicazioni e gli affidamenti, le imprese partecipanti, l'impiego della mano d'opera e le relative norme di sicurezza, i costi e gli scostamenti rispetto a quelli preventivati, i tempi di esecuzione e le modalità di attuazione degli interventi, i ritardi e le disfunzioni?

Nucleo tecnico di valutazione e verifica degli investimenti pubblici.
Segreteria tecnica.
Servizio ispettivo.
Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture che si avvale delle sezioni regionali.
Non so rispondere

41. Le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori sono tenuti a comunicare all'Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture gli elementi indicati dal D.Lgs. n. 163/2006 relativamente ai contratti pubblici di importo superiore a....

150.000 Euro.
300.000 Euro.
100.000 Euro.
50.000 Euro.
Non so rispondere

42. La sezione centrale dell'Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, si avvale delle sezioni regionali competenti per territorio per l'acquisizione delle informazioni necessarie allo svolgimento dei suoi compiti. In particolare l'Osservatorio....

Accerta che dall'esecuzione dei lavori non sia derivato pregiudizio per il pubblico erario.
Provvede alla raccolta ed alla elaborazione dei dati informativi concernenti i contratti pubblici su tutto il territorio nazionale e, in particolare, di quelli concernenti i bandi e gli avvisi di gara, le aggiudicazioni e gli affidamenti, le imprese partecipanti, l'impiego della mano d'opera e le relative norme di sicurezza, i costi e gli scostamenti rispetto a quelli preventivati, i tempi di esecuzione e le modalità di attuazione degli interventi, i ritardi e le disfunzioni.
Vigila sull'osservanza della disciplina legislativa e regolamentare in materia, verificando, anche con indagini campionarie, la regolarità delle procedure di affidamento dei contratti pubblici.
Vigila affinché sia assicurata l'economicità di esecuzione dei contratti pubblici.
Non so rispondere

43. Il processo di pianificazione, programmazione e budget degli enti pubblici di cui all'art. 6 del D.P.R. n. 97/2003 è rappresentato dalla formazione di alcuni documenti tra cui la relazione programmatica. Quale delle seguenti affermazioni riferite alla relazione programmatica non è corretta?

É accompagnata da un piano pluriennale biennale che descrive in modo qualitativo le scelte strategiche che l'ente vuole realizzare.
Descrive le strategie dell'ente opportunamente coordinate con le direttive e le scelte pluriennali e di programmazione del Paese.
Per la parte delle entrate, comprende una puntuale descrizione delle fonti di finanziamento necessarie per la realizzazione delle strategie e ne evidenzia le opportunità ed i vincoli di acquisizione.
Per la parte delle uscite, indica le principali voci di impegni che debbono essere previste nel periodo preso a base della programmazione amministrativa.
Non so rispondere

44. Nel preventivo finanziario degli enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975, le UPB di 4° livello....

Costituiscono l'insieme organico delle risorse finanziarie affidate alla gestione di un unico centro di responsabilità amministrativa.
Sono individuate con riguardo all'esigenza di definire le politiche di settore e di misurare il prodotto delle attività amministrative anche in termini di servizi e prestazioni rese ai cittadini.
Permettono di individuare le spese secondo la specifica natura economica.
Raggruppano le voci di spesa secondo l'oggetto e il contenuto economico funzionale della spesa.
Non so rispondere

45. Il rendiconto generale illustrativo dei risultati del processo gestionale di enti pubblici di cui alla L. n. 70/1975 è deliberato.....

Entro il mese di marzo successivo alla chiusura dell'esercizio finanziario, salvo eventuali deroghe concesse dal Ministero vigilante.
Entro il mese di marzo successivo alla chiusura dell'esercizio finanziario, salvo diverse disposizioni di legge.
Entro il mese di aprile successivo alla chiusura dell'esercizio finanziario, salvo disposizioni diverse stabilite da leggi o da disposizione statutaria.
Entro il mese di aprile successivo alla chiusura dell'esercizio finanziario, senza la possibilità di deroghe.
Non so rispondere

46. Al rendiconto consolidato, di cui all'art. 73 del D.P.R. n. 97/2003, sono allegate....

La relazione sulla gestione; la relazione del collegio dei revisori dei conti.
La situazione amministrativa; la relazione del collegio dei revisori dei conti.
La situazione amministrativa; la relazione sulla gestione.
La situazione amministrativa; la relazione sulla gestione; la relazione del collegio dei revisori dei conti.
Non so rispondere

47. Dispone il D.Lgs. n. 300/1999 che il M.E.F. svolge le funzioni di spettanza statale in aree funzionali. Quale area provvede all'informazione istituzionale nel settore della fiscalità?

L'area politiche fiscali.
L'area politiche, processi e adempimenti di bilancio.
L'area amministrazione generale.
L'area politica economica e finanziaria.
Non so rispondere

48. L'azione risarcitoria nei confronti della P.A. per danni derivanti da responsabilità precontrattuale deve essere proposta....

Davanti al G.O.
Davanti alla Corte dei Conti.
Indifferentemente davanti al G.A. o al G.O.
Davanti al G.A.
Non so rispondere

49. Il bilancio annuale di previsione dello Stato....

É oggetto di diversi disegni di legge per ognuno dei suoi elementi strutturali, cioè stato di previsione dell'entrata, stati di previsione della spesa distinti per Ministeri, con le allegate appendici dei bilanci delle aziende ed amministrazioni autonome, e quadro generale riassuntivo.
Può essere indifferentemente oggetto di uno o più disegni di legge.
É oggetto di un unico disegno di legge.
É oggetto di diversi disegni di legge per le entrate e per le spese.
Non so rispondere

50. Dispone l'art. 13 del D.Lgs. n. 163/2006 che il diritto di accesso è differito, nelle procedure ristrette e negoziate, e in ogni ipotesi di gara informale, in relazione all'elenco dei soggetti che sono stati invitati a presentare offerte....

Fino alla data di comunicazione di aggiudicazione all'operatore economico.
Fino alla scadenza del termine per la presentazione delle offerte medesime.
Fino alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'elenco.
Fino a quando il responsabile unico del procedimento, a suo insindacabile giudizio, lo ritenga necessario.
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate