• Accedi • Iscriviti gratis
  • Diritto Amministrativo 3

    Tempo trascorso
    -

    1. Indicare quale affermazione sulla convalida dell'atto amministrativo è corretta.

    La convalida dell'atto amministrativo come la convalida civilistica esclude la possibilità di ritiro, da parte della P.A., della stessa convalida.
    É un provvedimento che opera nei confronti di atti non ancora efficaci ovvero non ancora perfezionati.
    Con la convalida la P.A. rimuove un vizio che inficia il provvedimento di primo grado e pone in essere una dichiarazione che espressamente riconosce il vizio ed esprime la volontà di eliminarlo, sempreché tale vizio possa essere rimosso.
    Costituisce un esempio di convalida l'assenza dei presupposti che ne avrebbero consentito la legittima adozione.
    Non so rispondere

    2. A norma del novellato art. 6 della legge n. 241/1990, qualora l'organo competente per l'adozione del provvedimento finale sia diverso dal responsabile del procedimento, può discostarsi dalle risultanze dell'istruttoria condotta dal responsabile del procedimento?

    Si, ma solo se il responsabile del procedimento e l'organo competente all'adozione del provvedimento finale appartengono a due amministrazioni diverse
    Si, indicandone la motivazione nel provvedimento finale.
    No, mai.
    Si, perché il responsabile del procedimento, qualora diverso dall'organo competente all'adozione del provvedimento finale, predispone una "bozza" di provvedimento.
    Non so rispondere

    3. I pareri sono obbligatori non vincolanti....

    Se l'organo di amministrazione attiva è obbligato a richiederli, ma può anche non attenersi ad essi discostandosene con il proprio operato e motivando le ragioni per le quali se ne discosti.
    Se la legge impone all'organo di amministrazione attiva di richiederli.
    Se è rimesso alla discrezionalità degli organi dell'amministrazione attiva di richiederli o meno.
    Se l'organo di amministrazione attiva è obbligato a richiederli e ad uniformarsi ad essi.
    Non so rispondere

    4. I controlli amministrativi sostitutivi....

    Sono diretti a valutare l'atto e l'attività dell'organo sotto il profilo della utilità ed opportunità, cioè della convenienza per l'amministrazione.
    Si configurano quando l'autorità gerarchicamente superiore, accertata l'inerzia di quella inferiore, si sostituisce ad essa nell'emanazione del relativo provvedimento.
    Possono intervenire esclusivamente su di un atto già formato, ma prima che produca i suoi effetti.
    Intervengono dopo che l'atto sia divenuto efficace.
    Non so rispondere

    5. I sottosegretari di Stato coadiuvano il Ministro ed esercitano i compiti....

    Ad essi attribuiti con deliberazione del Consiglio dei Ministri
    Ad essi delegati con decreto ministeriale pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
    Ad essi attribuiti con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
    Ad essi delegati con atti interni del Consiglio dei Ministri.
    Non so rispondere

    6. Il ricorso gerarchico improprio....

    É un ricorso ordinario impugnatorio che può essere proposto solo da organi statali avverso provvedimenti di organi di vertice (es. Ministeri).
    Non può essere proposto ad organi statali avverso provvedimenti di altro ente pubblico.
    Non è proponibile contro provvedimenti emessi da organi collegiali.
    É un ricorso ordinario impugnatorio che può essere proposto anche a organi statali avverso provvedimenti di altro ente pubblico.
    Non so rispondere

    7. Il Prefetto....

    Svolge compiti di rappresentanza generale del Governo sul territorio e di garanzia istituzionale a tutela dell'ordinamento giuridico.
    É sottoposto al coordinamento "politico" del Questore.
    É coadiuvato dal Comitato provinciale della P.A. da lui presieduto.
    Dipende burocraticamente dall'Amministrazione locale ma funzionalmente dal Ministro dell'Interno.
    Non so rispondere

    8. Il legislatore nel riformulare gli artt. 3 e 14 del D.Lgs. n. 29/1993, con gli art. 3 e 9 del D.Lgs. n. 80/1998, trasfusi ora negli art. 4 e 14 del D.Lgs. n. 165/2001 ha accentuato il principio della distinzione tra funzioni di indirizzo politicoamministrativo degli organi di governo e funzioni di gestione e attuazione amministrativa dei dirigenti. Rientrano tra le funzioni di gestione e attuazione amministrativa....

    La richiesta di pareri alle autorità amministrative indipendenti ed al Consiglio di Stato.
    La definizione dei criteri generali in materia di determinazione di tariffe, canoni e analoghi oneri a carico di terzi.
    La gestione finanziaria, mediante autonomi poteri di spesa.
    Le decisioni in materia di atti normativi e l'adozione dei relativi atti di indirizzo interpretativo ed applicativo.
    Non so rispondere

    9. Ai fini del D.P.R. n. 68/2005, il registro informatico delle operazioni relative alle trasmissioni effettuate mediante posta elettronica certificata tenuto dal gestore prende il nome di....

    Dominio di posta elettronica certificata.
    Log dei messaggi.
    Posta elettronica certificata.
    Busta di trasporto.
    Non so rispondere

    10. Degli atti amministrativi si operano in dottrina varie classificazioni. Indicare quale tra quelle proposte è corretta.

    In relazione all'efficacia, gli atti amministrativi si distinguono in: atti costitutivi e atti dichiarativi.
    In relazione alla natura dell'attività esercitata, gli atti si distinguono in: atti particolari, atti plurimi, atti collettivi e atti generali.
    In relazione ai destinatari, gli atti amministrativi si distinguono in: atti ampliativi e atti restrittivi.
    In relazione al procedimento, gli atti amministrativi si distinguono in: atti collettivi e atti generali.
    Non so rispondere

    11. Ai sensi del D.Lgs. n. 165/2001, il codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni....

    É affisso in tutti gli uffici aperti al pubblico.
    É esecutivo solo se recepito dalle Organizzazioni confederali.
    Deve essere firmato da tutti i dipendenti per presa visione.
    É consegnato al dipendente all'atto dell'assunzione.
    Non so rispondere

    12. A norma delle disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 165/2001, la sanzione disciplinare applicabile al pubblico dipendente può essere ridotta?

    Si, con il consenso del dipendente. Resta in ogni caso impregiudicato il diritto di impugnazione.
    Si, con il consenso dell'organizzazione sindacale cui il dipendente ha aderito, ma in tal caso non è più suscettibile di impugnazione.
    Si, con il consenso del dipendente, ma in tal caso non è più suscettibile di impugnazione.
    No. La sanzione disciplinare deve essere applicata nella sua integrità, salvo il diritto di impugnazione da parte del dipendente.
    Non so rispondere

    13. Quale delle seguenti funzioni il Presidente del Consiglio dei Ministri può delegare ad un Ministro?

    Controfirma di ogni atto per il quale è intervenuta deliberazione del Consiglio dei Ministri.
    Sospensione dell'adozione di atti da parte dei Ministri competenti in ordine a questioni politiche e amministrative, sottoponendoli al Consiglio dei Ministri nella riunione immediatamente successiva.
    Promozione degli adempimenti di competenza governativa conseguenti alle pronunce della Corte europea dei diritti dell'uomo emanate nei confronti dello Stato.
    Controfirma degli atti che hanno valore o forza di legge.
    Non so rispondere

    14. La legge n. 59/1997 indica nella promozione dello sviluppo economico, nella valorizzazione dei sistemi produttivi e nella promozione della ricerca applicata gli interessi pubblici primari che lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e gli altri enti locali assicurano nell'ambito delle rispettive competenze, nel rispetto, tra l'altro,....

    Della sanità e sicurezza pubblica, della tutela dell'ambiente e delle esigenze della salute.
    Delle regole del "mercato" universalmente riconosciute.
    Delle convinzioni politiche e religiose e della libera iniziativa economica e sociale.
    Della libera iniziativa economica e sociale e della libera iniziativa privata.
    Non so rispondere

    15. Quale tra i seguenti è un ricorso ordinario ed a carattere rinnovativo proponibile nei casi tassativamente previsti dalla legge, alla stessa autorità che ha emanato il provvedimento impugnato?

    Ricorso straordinario.
    Ricorso improprio.
    Ricorso eliminatorio.
    Ricorso in opposizione.
    Non so rispondere

    16. Indicare in quale dei seguenti casi è riscontrabile una violazione di legge.

    Inosservanza delle disposizioni sulla valida costituzione dei collegi.
    Travisamento dei fatti.
    Violazione della prassi amministrativa.
    Contraddittorietà tra più parti dello stesso atto o tra più atti.
    Non so rispondere

    17. A norma del D.Lgs. 82/2005 il sistema di conservazione dei documenti informatici garantisce, oltre all'identificazione certa del soggetto che ha formato il documento e dell'amministrazione o dell'area organizzativa omogenea di riferimento....

    Integrità del documento; leggibilità e agevole reperibilità di documenti e informazioni identificative, inclusi i dati di registrazione e di classificazione originari.
    Integrità del documento; rispetto delle misure di sicurezza previste dalla legge vigente.
    Integrità del documento; leggibilità e agevole reperibilità di documenti e informazioni identificative, esclusi i dati di registrazione e di classificazione originari.
    Integrità del documento; leggibilità e agevole reperibilità di documenti e informazioni identificative, inclusi i dati di registrazione e di classificazione originari; rispetto delle misure di sicurezza previste dalla legge vigente.
    Non so rispondere

    18. I regolamenti....

    Sono atti formalmente normativi, anche se sostanzialmente amministrativi.
    Se emanati da autorità inferiori possono contrastare con i regolamenti emanati da autorità gerarchicamente superiori.
    Sono atti formalmente amministrativi, anche se sostanzialmente normativi.
    Possono derogare al principio di irretroattività della legge.
    Non so rispondere

    19. Ai sensi dell'art. 33 del D.Lgs. n. 165/2001, è collocato in disponibilità al termine della procedura di mobilità....

    Il personale che abbia maturato l'anzianità contributiva prevista dai vigenti ordinamenti sufficiente per il conseguimento della pensione di anzianità.
    Il personale che non sia possibile impiegare diversamente nell'ambito della medesima amministrazione e che non possa essere ricollocato presso altre amministrazioni.
    Solo il personale che non abbia preso servizio presso la diversa amministrazione che, secondo gli accordi intervenuti, ne avrebbe consentito la ricollocazione.
    Il personale che abbia un'anzianità di servizio, maturata nell'ultima amministrazione di appartenenza, inferiore a cinque anni.
    Non so rispondere

    20. A quale dei seguenti ministeri il D.Lgs. n. 300/1999 ha attribuito le funzioni e i compiti spettanti allo Stato in materia di cura delle attività di integrazione europea in relazione alle istanze ed ai processi negoziali riguardanti i trattati dell'Unione europea, della Comunità europea, della CECA, dell'EURATOM?

    Ministero dell'interno.
    Ministero degli affari esteri.
    Ministero del lavoro e della previdenza sociale.
    Ministero dell'economia e delle finanze.
    Non so rispondere

    21. Il Prefetto....

    É nominato con decreto del Ministro dell'Interno.
    É tenuto ad uniformarsi alle direttive governative.
    É organo che rappresenta la Regione a livello provinciale.
    Rappresenta il Governo nella circoscrizione regionale.
    Non so rispondere

    22. Uno Stato membro dell'Unione europea può dare applicazione ad una direttiva in via anticipata rispetto al termine fissato dallo stesso atto comunitario?

    No, e non è neppure consentito al singolo di invocare il principio del legittimo affidamento prima della scadenza del termine stabilito per l'attuazione della direttiva.
    Si, e il singolo può invocare il principio del legittimo affidamento prima della scadenza del termine stabilito per l'attuazione della direttiva.
    Si, ma tale circostanza non può produrre effetti nei confronti di altri Stati membri che alla direttiva non si siano ancora adeguati.
    Si, e tale circostanza produce effetti anche nei confronti di altri Stati membri che alla direttiva non si siano ancora adeguati.
    Non so rispondere

    23. Nel corso del procedimento amministrativo gli interessati possono presentare memorie scritte?

    Si, coloro che hanno titolo a prendere parte al procedimento possono presentare memorie scritte e documenti, che l'amministrazione ha l'obbligo di valutare ove siano pertinenti all'oggetto del procedimento.
    No, possono soltanto prendere visione degli atti del procedimento.
    Si, coloro che hanno titolo a prendere parte al procedimento possono presentare memorie scritte e documenti che, anche se pertinenti, è in facoltà dell'amministrazione valutare.
    Si, coloro che hanno titolo a prendere parte al procedimento possono presentare memorie scritte e documenti, che l'amministrazione ha sempre l'obbligo di valutare.
    Non so rispondere

    24. Cosa ha precisato l'INPS con Msg. 1-7-2004 n. 20616 in merito alla delega alla riscossione della pensione dopo l'emanazione del D.P.R. 445/2000 che all'art. 21, comma 2, dispone: «Se l'istanza o la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà è presentata a soggetti diversi da quelli indicati al comma 1 o a questi ultimi al fine della riscossione da parte di terzi di benefici economici, l'autenticazione è redatta da un notaio, cancelliere, segretario comunale, dal dipendente addetto a ricevere la documentazione o altro dipendente incaricato dal Sindaco»?

    Ha precisato che il Direttore di un Istituto di pena anche se investito di una ampia giurisdizione concernente l'intero stato del detenuto, non possa attestare l'autenticità della firma di un atto che è condizione per la riscossione della prestazione.
    Ha precisato che l'attestazione in merito all'autenticità della firma di un detenuto in un atto che è condizione per la riscossione della prestazione, possa essere fatta solo dal Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia.
    Ha precisato che l'attestazione in merito all'autenticità della firma di un detenuto in un atto che è condizione per la riscossione della prestazione, possa essere fatta solo dal Magistrato di Sorveglianza.
    Ha precisato che, considerata la particolare condizione degli interessati e ritenendo che il Direttore di un Istituto di pena sia comunque investito di una ampia giurisdizione concernente l'intero stato del detenuto, il Direttore stesso possa anche attestare l'autenticità della firma di un atto che è condizione per la riscossione della prestazione, in armonia con i criteri di tempestività ed economicità che devono improntare l'agire della Pubblica Amministrazione.
    Non so rispondere

    25. Contro gli atti amministrativi definitivi....

    Non è ammissibile ricorso amministrativo straordinario al Presidente della Repubblica.
    Non è ammissibile ricorso giurisdizionale al T.A.R.
    É sempre ammissibile ricorso amministrativo gerarchico.
    É ammissibile eccezionalmente e nei casi tassativi di legge, un ricorso gerarchico improprio, in presenza di cause di definitività per natura dell'atto.
    Non so rispondere

    26. La richiesta è....

    Una dichiarazione che viene presentata dai privati ad un'autorità amministrativa, al fine di provocare l'esercizio dei suoi poteri, con l'emanazione di un provvedimento.
    Un reclamo dell'interessato inteso a provocare un riesame di legittimità o di merito degli atti della P.A. ritenuti lesivi di diritti o interessi legittimi.
    Un atto amministrativo con cui l'autorità amministrativa competente si rivolge ad altra autorità per sollecitare l'emanazione di un atto che altrimenti non potrebbe essere emanato.
    Una domanda dei privati interessati, tendente ad ottenere un provvedimento a loro favore.
    Non so rispondere

    27. La concessione è il provvedimento amministrativo con cui la P.A. conferisce ex novo posizioni giuridiche attive al destinatario, ampliando così la sua sfera giuridica. Indicare quale tra le seguenti affermazioni sulle concessioni è corretta.

    Nella concessione di servizi il concessionario acquista, tra l'altro, il diritto di insistenza.
    Il rapporto concessionario non si può risolvere per revoca.
    Le concessioni esattoriali delle imposte rientrano nella categoria delle concessioni costitutive.
    Nella concessione di beni il concessionario acquista, tra l'altro, il dovere di insistenza.
    Non so rispondere

    28. L'art. 11 del D.Lgs. n. 165/2001, ai fini di garantire la piena attuazione della legge n. 241/1990, detta i principi generali sull'istituzione e il funzionamento dell'Ufficio relazioni con il pubblico, disponendo tra l'altro,....

    Che gli uffici per le relazioni con il pubblico provvedono, anche mediante l'utilizzo di tecnologie informatiche, al servizio all'utenza per i diritti di partecipazione di cui alla legge n. 241/1990.
    Che il personale dell'Ufficio relazioni con il pubblico abbia accesso a tutti gli atti dell'amministrazione, compresi quelli per i quali il rappresentante legale dell'ente abbia inibito la visione.
    Che l'Ufficio relazioni con il pubblico valuti con ampia autonomia se porre a carico dell'utente ovvero a carico dell'ente le spese per le comunicazioni postali relative al rapporto d'utenza.
    Che, ove non sia stato istituito, ai sensi della legge n. 241/1990, il responsabile del procedimento, tale incarico formale sia affidato all'Ufficio relazioni con il pubblico.
    Non so rispondere

    29. Ai sensi dell'art. 52 del D.Lgs n. 165/2001, e succ. mod. o int., si considera svolgimento di mansioni superiori....

    L'attribuzione anche in modo non prevalente, sotto il profilo qualitativo, quantitativo e temporale, dei compiti propri delle mansioni superiori.
    L'attribuzione in modo prevalente, sotto il profilo qualitativo, quantitativo e temporale, dei compiti propri di mansioni equivalenti in cui è inquadrato il dipendente.
    L'attribuzione in modo prevalente, sotto il profilo qualitativo, quantitativo e temporale, dei compiti propri delle mansioni superiori.
    L'attribuzione anche in modo non prevalente, sotto il profilo qualitativo, dei compiti propri delle mansioni superiori, ma assolutamente prevalente sotto il profilo quantitativo e temporale dei compiti propri delle mansioni superiori.
    Non so rispondere

    30. I vizi di legittimità degli atti ovvero le concrete cause della illegittimità degli stessi sono l'incompetenza, la violazione di legge e l'eccesso di potere. L'incompetenza può aversi....

    Per materia, per grado e per territorio.
    Per grado, per valore e per territorio.
    Per materia, per valore, per grado e per territorio.
    Per materia, per valore e per grado.
    Non so rispondere

    31. Nel giudizio amministrativo la perentorietà del termine per ricorrere è un principio fondamentale. Tale principio può essere derogato?

    Si, salvo il caso di mancato rispetto del termine per proporre ricorso indicato nel provvedimento dall'Amministrazione.
    Si, in caso di errore scusabile.
    Si, nel caso di ricorso avverso un atto confermativo.
    No, in nessun caso.
    Non so rispondere

    32. É dichiarato irricevibile il ricorso amministrativo....

    Presentato ad autorità incompetente.
    Proposto contro un atto non impugnabile.
    Presentato fuori termine.
    Presentato ad autorità diversa da quella indicata nell'atto.
    Non so rispondere

    33. Secondo la teoria tradizionale, l'atto amministrativo nullo è....

    Giuridicamente esistente.
    Inconvalidabile.
    Efficace.
    Annullabile.
    Non so rispondere

    34. Sono propri della fase istruttoria del procedimento amministrativo....

    Le attività di acquisizione delle condizioni di ammissibilità (quali, ad esempio, la posizione legittimante, l'interesse a ricorrere, ecc.).
    L'istanza e la richiesta.
    La proposta non vincolante e l'istanza.
    Gli accordi integrativi.
    Non so rispondere

    35. Ai fini del Codice dell'amministrazione digitale, per "chiave pubblica" si intende....

    Il processo di coordinamento dei dati presenti in più archivi finalizzato alla verifica della corrispondenza delle informazioni in essi contenute.
    L'insieme dei dati in forma elettronica allegati oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici utilizzati come metodo di autenticazione informatica.
    L'elemento della coppia di chiavi asimmetriche, utilizzato dal soggetto titolare, mediante il quale si appone la firma digitale sul documento informatico.
    L'elemento della coppia di chiavi asimmetriche destinato ad essere reso pubblico, con il quale si verifica la firma digitale apposta sul documento informatico dal titolare delle chiavi asimmetriche.
    Non so rispondere

    36. Considerate le numerose modifiche legislative già recepite e il riordino non ancora attuato previsto dalla legge finanziaria 2007, il Ministero delle Comunicazioni si articola attualmente in....

    Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell'informazione (di livello dirigenziale non generale) e Ispettorati territoriali di livello dirigenziale generale.
    Segretariato generale e Uffici centrali di livello dirigenziale generale.
    Uffici centrali di livello dirigenziale generale e Direzioni generali.
    Uffici centrali di livello dirigenziale generale ed Ispettorati territoriali di livello dirigenziale non generale.
    Non so rispondere

    37. In attuazione della legge n. 241/1990, l'amministrazione provvede a dare notizia dell'avvio del procedimento amministrativo mediante comunicazione personale, indicando, tra l'altro,....

    L'amministrazione competente.
    Le tipologie di atti di cui è possibile prendere visione.
    Il termine entro il quale è possibile ricorrere al Consiglio di Stato.
    Il nominativo di tutte le persone interessate al procedimento.
    Non so rispondere

    38. In sede di espressione del parere sul ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, il presidente del Consiglio di Stato può deferire la questione all'Adunanza generale?

    Si, il presidente può deferire all'Adunanza generale qualunque ricorso che renda necessaria la risoluzione di questioni di massima di particolare importanza, a condizione che la sezione o la commissione speciale non abbiano già espresso il loro parere.
    No.
    No, ciò può avvenire solo d'impulso della sezione o della commissione speciale del Consiglio di Stato, alla quale il ricorso è assegnato.
    Si, ma solo se rileva che il punto di diritto sottoposto ad esame ha dato luogo o possa dar luogo a contrasti giurisprudenziali.
    Non so rispondere

    39. Nella pubblica amministrazione si considera svolgimento di mansioni superiori....

    L'esercizio di fatto di mansioni non corrispondenti alla qualifica di appartenenza.
    Soltanto l'attribuzione in modo prevalente, sotto il profilo qualitativo, quantitativo e temporale, dei compiti propri di dette mansioni.
    Anche l'attribuzione in modo prevalente, sotto il profilo qualitativo, quantitativo e temporale, dei compiti propri di dette mansioni.
    L'attribuzione, sotto il profilo qualitativo, quantitativo e temporale, dei compiti propri di dette mansioni in misura non inferiore al cinquanta per cento.
    Non so rispondere

    40. Esiste un obbligo di motivazione degli atti amministrativi a contenuto normativo?

    Si. Dispone l'art. 3 della legge n. 241 del 1990 che l'obbligo di motivazione sussiste per tutti i documenti e atti formati dalla P.A., anche se a contenuto normativo.
    L'obbligo di motivazione sussiste solo se espressamente richiesto da una delle parti interessate al procedimento.
    No, tale obbligo è espressamente escluso dall'art. 3 della legge n. 241 del 1990.
    Si, la motivazione costituisce obbligo della pubblica amministrazione.
    Non so rispondere

    41. Come è definito il provvedimento mediante il quale la P.A., nell'esercizio di una attività discrezionale in funzione preventiva, provvede alla rimozione di un limite legale posto all'esercizio di un'attività inerente ad un diritto soggettivo o ad una potestà pubblica che devono necessariamente preesistere in capo al destinatario?

    Concessione.
    Ammissione.
    Autorizzazione.
    Delega.
    Non so rispondere

    42. La mancata acquisizione del parere obbligatorio comporta....

    L'invalidità dell'atto per eccesso di potere.
    La nullità assoluta dell'atto per eccesso di potere.
    L'invalidità dell'atto per violazione di legge.
    La nullità assoluta dell'atto per violazione di legge
    Non so rispondere

    43. Mediante quale dei seguenti provvedimenti la P.A. consente l'esercizio di determinati diritti o facoltà, rendendo efficaci ed eseguibili atti giuridici già compiuti e perfetti?

    Registrazione.
    Approvazione.
    Abilitazione.
    Ammissione.
    Non so rispondere

    44. Gli organi consultivi delle P.A. sono tenuti a rendere i pareri ad essi obbligatoriamente richiesti entro quarantacinque giorni dal ricevimento della richiesta. Se l'organo adito abbia rappresentato esigenze istruttorie il termine di quarantacinque giorni....

    Può essere interrotto per una sola volta e il parere deve essere reso definitivamente entro quindici giorni dalla ricezione degli elementi istruttori da parte delle amministrazioni interessate.
    Non può essere interrotto e il parere deve essere reso definitivamente entro trenta giorni dalla ricezione degli elementi istruttori da parte delle amministrazioni interessate.
    Può essere prorogato per una sola volta e per un termine comunque non superiore a novanta giorni.
    Può essere interrotto per non più di due volte e il parere deve essere reso definitivamente entro trenta giorni dalla ricezione degli elementi istruttori da parte delle amministrazioni interessate
    Non so rispondere

    45. L'art. 117 della Costituzione sancisce che spetta alle Regioni la potestà legislativa concorrente, tra l'altro, in materia di....

    Produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia.
    Cittadinanza, stato civile e anagrafi.
    Diritto di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea
    Profilassi internazionale.
    Non so rispondere

    46. Dispone il Capo II - Regole ulteriori per i soggetti pubblici - Titolo III del Codice in materia di protezione dei dati personali, tra l'altro, che....

    Qualunque trattamento di dati personali da parte di soggetti pubblici è consentito anche per lo svolgimento di funzioni non istituzionali.
    Non si osservano le disposizioni di cui all'art. 25 in tema di comunicazione e diffusione.
    I soggetti pubblici sono comunque obbligati, alla stregua di quelli privati, a richiedere il consenso dell'interessato.
    Salvo quanto previsto per gli esercenti le professioni sanitarie e gli organismi sanitari pubblici, i soggetti pubblici non devono richiedere il consenso dell'interessato.
    Non so rispondere

    47. Le attività di autorizzazione in funzione di controllo, con cui la P.A., nell'esercizio della sua attività discrezionale in funzione preventiva, esprime il proprio parere circa l'atto che le è stato presentato, sono proprie...

    Solo della fase istruttoria del procedimento amministrativo.
    Solo della fase d'iniziativa del procedimento amministrativo.
    Della fase integrativa dell'efficacia del procedimento amministrativo.
    Della fase decisoria del procedimento amministrativo.
    Non so rispondere

    48. Nel giudizio amministrativo dinanzi al TAR, sono previste alcune ipotesi di perenzione processuale. Quale tra esse, secondo l'orientamento prevalente, è da considerare implicitamente abrogata per incompatibilità dalla novella operata dalla legge 205/2000? Casetta: Man. Dir. Amm 2007 pag. 810 e Gallo - Man. Giust. Amm. 2007 pag. 235

    La perenzione per mancata rinnovazione dell'istanza di fissazione d'udienza dalle parti o dall'amministrazione dopo l'esecuzione dell'istruttoria.
    La perenzione dei ricorsi ultradecennali.
    La perenzione conseguente alla mancata istanza di discussione del ricorso richiesta dal ricorrente ovvero dall'amministrazione o da altra parte costituita entro il termine massimo di due anni dal deposito del ricorso.
    La perenzione conseguente al mancato compimento nel corso di due anni di alcun atto di procedura, nel qual caso i ricorsi si considerano abbandonati.
    Non so rispondere

    49. La concessione è il provvedimento amministrativo con cui la P.A. conferisce ex novo posizioni giuridiche attive al destinatario, ampliando così la sua sfera giuridica. Indicare quale tra le seguenti affermazioni sulle concessioni è corretta.

    Nelle concessioni traslative di potestà pubbliche appartenenti alla P.A. il concessionario, anche se particolarmente qualificato, non acquista gli stessi poteri pubblicistici che aveva la P.A.
    Nella concessione di beni il concessionario acquista, tra l'altro, l'obbligo di pagare il canone.
    Le concessioni esattoriali delle imposte rientrano nella categoria delle concessioni traslative di pubblici servizi.
    Il concessionario agisce sempre e soltanto in nome della P.A., per cui è responsabile con la P.A. per i fatti e gli atti illeciti compiuti.
    Non so rispondere

    50. L'interesse collettivo, come l'interesse legittimo, di cui costituisce una specie, è....

    Indifferenziato e generico.
    Differenziato e qualificato.
    Tutelato solo amministrativamente.
    Immediatamente tutelato.
    Non so rispondere

    51. Ai sensi dell'art. 17 della L. 127/1997, sui regolamenti del Consiglio regionale attinenti l'autonomia organizzativa....

    Si applica il controllo preventivo di legittimità.
    Si applica sia il controllo di merito sia quello di legittimità.
    Si applica un controllo di merito.
    Non si applica il controllo di legittimità.
    Non so rispondere

    52. La giurisdizione di legittimità dei T.A.R., prevista dagli artt. 2, 3 e 4 della legge n. 1034/1971, è limitata quanto al potere di decisione in quanto....

    Essi possono annullare o sostituire l'atto illegittimo, ma non possono riformarlo.
    Essi possono sostituire l'atto illegittimo, ma non possono riformarlo né annullarloю
    Essi possono annullare l'atto illegittimo, ma non possono riformarlo né sostituirlo.
    Essi possono riformare l'atto illegittimo, ma non possono annullarlo.
    Non so rispondere

    53. La carenza di presupposti fissati della legge....

    Costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo per eccesso di potere.
    Non costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo.
    Costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo per violazione di legge.
    Costituisce vizio di legittimità dell'atto amministrativo per incompetenzaю
    Non so rispondere

    54. Il visto....

    É un atto di controllo vincolato in quanto l'autorità di controllo non può rifiutarsi di apporlo ove non riscontri nell'atto vizi di legittimità.
    É un atto di controllo successivo di legittimità.
    É una funzione che si esercita con controlli di merito.
    É una funzione che si esplica con il controllo di merito e di legittimità.
    Non so rispondere

    55. Dispone l'art. 35 del D.Lgs. n. 165/2001 che i vincitori di concorsi devono permanere nella sede di prima destinazione per un periodo non inferiore a cinque anni. Detta disposizione è derogabile?

    No, non è derogabile da contratti o accordi collettivi.
    É derogabile dai contratti collettivi nei soli casi in essi indicati.
    Può essere derogata dagli accordi collettivi.
    Si, è sempre derogabile dai contratti collettivi.
    Non so rispondere

    56. Degli atti amministrativi si operano in dottrina varie classificazioni. Indicare quale tra quelle proposte è corretta.

    In relazione alla discrezionalità, gli atti amministrativi si distinguono in: atti costitutivi e atti dichiarativi.
    In relazione alla reciproca interdipendenza, gli atti amministrativi si distinguono in: atti particolari, atti plurimi, atti collettivi e atti generali.
    In relazione al risultato, gli atti amministrativi si distinguono in: atti plurimi e atti collettivi.
    In relazione al procedimento gli atti amministrativi si distinguono in: atti procedimentali e atti presupposti.
    Non so rispondere

    57. Nell'ambito della procedura per l'espressione del parere su ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, l'organo del Consiglio di Stato al quale è assegnato il ricorso, se l'istruttoria è completa e il contraddittorio è regolare, esprime parere:

    Per la reiezione, se riconosce che il ricorso non poteva essere proposto.
    Per l'assegnazione al ricorrente di un termine per la regolarizzazione, se ravvisa una irregolarità sanabile, e, se questi non vi provvede, per la dichiarazione di inammissibilità del ricorso.
    Per l'assegnazione al ricorrente di un termine per la regolarizzazione, se ravvisa una irregolarità sanabile, e, se questi non vi provvede, per la dichiarazione di improcedibilità del ricorso.
    Per la dichiarazione di improcedibilità, se riconosce che il ricorso non poteva essere proposto, salva la facoltà dell'assegnazione di un breve termine per presentare all'organo competente il ricorso proposto, per errore ritenuto scusabile, contro atti definitivi.
    Non so rispondere

    58. Le attività ispettive in materia elettorale spettano al...

    Questore o un suo delegato.
    Prefetto o un suo delegato.
    Sindaco del Comune o un suo delegato.
    Presidente della Provincia o un suo delegato.
    Non so rispondere

    59. In materia di "funzioni e responsabilità", l'art. 4 del D.Lgs. 165/2001 stabilisce che i dirigenti delle P.A.....

    Sono responsabili in via esclusiva della gestione e dei relativi risultati.
    Sono responsabili della gestione, ma non dei relativi risultati.
    Non sono responsabili né della gestione, né dei relativi risultati.
    Non sono responsabili della gestione, ma sono responsabili dei risultati conseguiti.
    Non so rispondere

    60. Una caratteristica del regolamento espressamente prevista dal Trattato CE è data dall'obbligatorietà del medesimo in tutti i suoi elementi. Essa comporta che...

    I destinatari non sono tenuti a dare applicazione completa e integrale alle norme regolamentari.
    Un'applicazione parziale del regolamento da parte di uno Stato sarebbe perfettamente legittima.
    É preclusa agli Stati la possibilità di formulare opposizioni o riserve all'atto della sua adozione, le quali, anche se espresse, restano prive di effetto.
    Le sue norme designino sempre una disciplina completa e autosufficiente.
    Non so rispondere

    61. I ricorsi gerarchici rivolti, nel termine prescritto, a organi diversi da quello competente, ma appartenenti alla medesima amministrazione:

    Sono soggetti a dichiarazione di irricevibilità.
    Non sono soggetti a dichiarazione di irricevibilità e i ricorsi stessi sono trasmessi d'ufficio all'organo competente.
    Sono improcedibili.
    Sono inammissibili.
    Non so rispondere

    62. L'art. 21-nonies della legge n. 241/1990 stabilisce tra l'altro che...

    Il provvedimento amministrativo illegittimo ai sensi dell'art. 21-octies è nullo.
    É fatta salva la possibilità di convalida del provvedimento annullabile, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro un termine ragionevole.
    Il provvedimento amministrativo illegittimo ai sensi dell'art. 21-octies può essere revocato, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro il termine perentorio di novanta giorni.
    Il provvedimento amministrativo illegittimo ai sensi dell'art. 21-octies può essere annullato d'ufficio, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, solo dall'organo che lo ha emanato
    Non so rispondere

    63. Le violazioni procedimentali....

    Costituiscono vizio di legittimità dell'atto amministrativo per eccesso di potere.
    Costituiscono vizio di legittimità dell'atto amministrativo per incompetenza.
    Non costituiscono vizio di legittimità dell'atto amministrativo.
    Costituiscono vizio di legittimità dell'atto amministrativo per violazione di legge.
    Non so rispondere

    64. Se il Consiglio di Stato accoglie il ricorso per difetto di procedura o per vizio di forma della decisione di primo grado:

    Riforma la sentenza impugnata.
    Annulla la sentenza impugnata senza rinvio.
    Decide sulla controversia.
    Annulla la sentenza impugnata e rinvia la controversia al tribunale amministrativo regionale.
    Non so rispondere

    65. Ai sensi dell'art. 15, commi 3, 4, 5, D.Lgs. n. 165 del 2001 e successive modificazioni ed integrazioni, in ciascuna struttura organizzativa non affidata alla direzione del dirigente generale....

    Il dirigente preposto all'ufficio di più elevato livello è sovraordinato al dirigente preposto ad ufficio di livello inferiore o di livello equivalente, ma di minore età anagrafica.
    Il dirigente preposto all'ufficio di più elevato livello è sovraordinato al dirigente preposto ad ufficio di livello inferiore o di livello equivalente, ma di maggiore età anagrafica.
    Il dirigente preposto all'ufficio di più elevato livello è sovraordinato al dirigente preposto ad ufficio di livello inferiore.
    Il dirigente preposto all'ufficio di più elevato livello è sovraordinato al dirigente preposto ad ufficio di livello equivalente, ma di minore età anagrafica.
    Non so rispondere

    66. A seguito della trasposizione del ricorso straordinario al Presidente della Repubblica in sede giurisdizionale:

    Il collegio giudicante, qualora riconosca che il ricorso è inammissibile in sede giurisdizionale, ma può essere deciso in sede straordinaria dispone la rimessione degli atti al Ministero competente per l'istruzione dell'affare.
    Il collegio giudicante, qualora riconosca che il ricorso è inammissibile in sede giurisdizionale, ma può essere deciso in sede straordinaria dispone la rimessione degli atti all'Ufficio di Presidenza per l'istruzione dell'affare.
    Il ricorso straordinario è sospeso, in attesa della decisione del giudice amministrativo competente.
    Il collegio giudicante, qualora riconosca che il ricorso è inammissibile in sede giurisdizionale, ma può essere deciso in sede straordinaria dispone la rimessione degli atti al Consiglio di Stato per l'istruzione dell'affare.
    Non so rispondere

    67. Le funzioni relative ai compiti del comune per servizi di competenza statale sono esercitate dal Sindaco quale ufficiale del Governo. Quale tra i seguenti servizi è, a norma dell'art. 14 del D.Lgs. n. 267/2000, di competenza statale?

    Polizia urbana.
    Anagrafe.
    Assetto del territorio.
    Protezione della flora e della fauna.
    Non so rispondere

    68. Dispone l'art. 14-ter della legge n. 241/1990 in merito ai lavori della conferenza di servizi che....

    La convocazione della prima riunione deve pervenire alle amministrazioni interessate, anche per via telematica o informatica, almeno dieci giorni prima della relativa data.
    La prima riunione è convocata entro venti giorni ovvero, in caso di particolare complessità dell'istruttoria, entro quaranta giorni dalla data di indizione.
    La conferenza di servizi assume le determinazioni relative all'organizzazione dei propri lavori a maggioranza computando anche le amministrazioni assenti.
    Ogni amministrazione convocata partecipa alla conferenza di servizi attraverso un unico rappresentante legittimato, dall'organo competente, ad esprimere in modo vincolante la volontà dell'amministrazione su tutte le decisioni di competenza della stessa.
    Non so rispondere

    69. A norma delle disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 165/2001, con il collocamento in disponibilità del pubblico dipendente....

    Restano sospese tutte le obbligazioni inerenti al rapporto di lavoro.
    Il lavoratore ha diritto ad un assegno alimentare pari al 50% dello stipendio, con esclusione dell'indennità integrativa speciale e di ogni altro emolumento, per la durata massima di dodici mesi.
    Restano sospese tutte le obbligazioni inerenti al rapporto di lavoro per due mesi.
    Il lavoratore ha diritto ad una indennità pari all'80% dello stipendio e dell'indennità integrativa speciale e di ogni altro emolumento corrisposto al personale in servizio di pari qualifica, per la durata massima di ventiquattro mesi.
    Non so rispondere

    70. Il D.Lgs. 31/3/1998, n. 112, ha conferito funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli enti locali, in attuazione della L. n. 59/1997. Quale delle seguenti attività è classificata nel Titolo III "Territorio, ambiente e infrastrutture" di detto D.Lgs.?

    Trasporti.
    Miniere e risorse geotermiche.
    Ordinamento delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
    Beni e attività culturali.
    Non so rispondere

    71. In materia di mansioni dei pubblici dipendenti, il D.Lgs. n. 165/2001 dispone, tra l'altro, che....

    L'esercizio di fatto di mansioni non corrispondenti alla qualifica di appartenenza deve essere adeguatamente valutato ai fini dell'inquadramento del lavoratore e dell'assegnazione di incarichi di direzione.
    Per obiettive esigenze di servizio il prestatore di lavoro può essere adibito a mansioni proprie della qualifica immediatamente superiore nel caso di vacanza di posto in organico, per non più di un anno, prorogabile fino a due anni qualora siano state avviate le procedure per la copertura dei posti vacanti.
    Per obiettive esigenze di servizio il prestatore di lavoro può essere adibito a mansioni proprie della qualifica immediatamente superiore nel caso di sostituzione di altro dipendente assente con diritto alla conservazione del posto, con esclusione dell'assenza per ferie, per la durata dell'assenza.
    Si considera svolgimento di mansioni superiori anche l'attribuzione non prevalente, sotto il profilo qualitativo, quantitativo e temporale, dei compiti propri di dette mansioni.
    Non so rispondere

    72. Quale dei seguenti soggetti può chiedere pareri al CNEL?

    Le amministrazioni dello Stato.
    Il Parlamento.
    Le organizzazioni sindacali.
    Le Regioni, le province ed i comuni.
    Non so rispondere

    73. La legge n. 59/1997 ha disposto la delegificazione delle norme concernenti i procedimenti amministrativi di numerose materie, demandando al Governo il relativo potere regolamentare. Quale delle indicazioni di seguito proposte corrisponde ad uno dei criteri e/o principi cui devono conformarsi i predetti regolamenti, secondo quanto disposto dall'art. 20?

    Ricondurre le intese, gli accordi e gli atti equiparabili comunque denominati, nonché le conferenze di servizi, previste dalle normative vigenti, aventi il carattere della ripetitività, ad uno o più schemi base o modelli di riferimento nei quali, ai sensi degli artt. da 14 a 14-quater della legge n. 241/1990, siano stabilite le responsabilità, le modalità di attuazione e le conseguenze degli eventuali inadempimenti.
    Completare l'integrazione della disciplina del lavoro pubblico con quella del lavoro privato e la conseguente estensione al lavoro pubblico delle disposizioni del codice civile e delle leggi sui rapporti di lavoro privato nell'impresa.
    Riordinare e potenziare i meccanismi e gli strumenti di monitoraggio e di valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell'attività svolta dalle amministrazioni pubbliche.
    Prevedere la definizione, da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica, di un codice di comportamento dei dipendenti della pubblica amministrazione e le modalità di raccordo con la disciplina contrattuale delle sanzioni disciplinari, nonché l'adozione di codici di comportamento da parte delle singole amministrazioni pubbliche.
    Non so rispondere

    74. Le sanzioni disciplinari, ai sensi dell'art. 56 del D.Lgs. 165/2001, possono essere impugnate dal dipendente di una pubblica amministrazione davanti al Collegio di conciliazione di cui art. 66 del D.Lgs. n. 165/2001, con le modalità e con gli effetti di cui all'art. 7, commi 6 e 7, dello Statuto dei lavoratori?

    Si, ma solo se i contratti collettivi nazionali non hanno istituito apposite procedure di conciliazione e arbitrato.
    Si, in ogni caso.
    No, in nessun caso.
    No, fatta eccezione per i dipendenti inquadrati nel livello "C".
    Non so rispondere

    75. A favore dei dipendenti impegnati in attività di volontariato, le P.A.....

    Sono autorizzate a ridurre l'orario d'obbligo fino al limite del 20%.
    Attuano, in via sperimentale, forme di lavoro a domicilio.
    Individuano criteri certi di priorità nell'impiego flessibile del personale, purché compatibile con l'organizzazione degli uffici e del lavoro.
    Sono autorizzate a concedere a domanda permessi retribuiti pari al doppio di quelli previsti dal CCNL di comparto.
    Non so rispondere

    76. Le norme del D.P.R. 445/2000 disciplinano la produzione di atti e documenti....

    Solo agli organi della pubblica amministrazione ed ai gestori di pubblici servizi nei rapporti tra loro.
    Agli organi della pubblica amministrazione nonché ai gestori di pubblici servizi nei rapporti tra loro e in quelli con l'utenza, e ai privati che vi consentono.
    Agli organi della pubblica amministrazione ed ai privati.
    Solo agli organi della pubblica amministrazione.
    Non so rispondere

    77. Nell'ambito delle situazioni giuridiche soggettive di diritto amministrativo, quando il diritto soggettivo è subordinato ad un interesse pubblico prevalente si parla di....

    Interesse collettivo.
    Interesse diffuso.
    Interesse semplice.
    Diritto affievolito o condizionato.
    Non so rispondere

    78. Le graduatorie dei concorsi per il reclutamento del personale presso le amministrazioni pubbliche rimangono vigenti....

    Per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione, fatti salvi i periodi di vigenza inferiori previsti dalle stesse amministrazioni.
    Per un termine di tre anni dalla data di approvazione, fatti salvi i periodi di vigenza inferiori previsti da leggi regionali.
    Per un termine di due anni dalla data di pubblicazione, fatti salvi i periodi di vigenza inferiori previsti da leggi regionali.
    Per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione, fatti salvi i periodi di vigenza inferiori previsti da leggi regionali.
    Non so rispondere

    79. Più amministrazioni pubbliche possono istituire un unico collegio arbitrale, ai sensi dell'art. 55, comma 9, del D.Lgs. n. 165/2001 e succ. mod. e integr.?

    No, in quanto vige il principio della distinzione.
    Si, anche se non sono tra loro omogenee o affini.
    Si, se sono tra loro omogenee o affini.
    No, con la sola eccezione per le Autorità indipendenti.
    Non so rispondere

    80. Nel corso del procedimento gli interessati possono presentare documenti?

    No.
    Si, ma solo quando il procedimento è concluso.
    Si, possono presentare memorie scritte e documenti, che l'amministrazione ha l'obbligo di valutare ove siano pertinenti all'oggetto del procedimento.
    Si, ma l'amministrazione non ha alcun l'obbligo di valutarle ancorché pertinenti all'oggetto del procedimento.
    Non so rispondere

    81. Il principio del diritto alla tutela giurisdizionale nei confronti dell'azione amministrativa è sancito....

    Dall'art. 87 della Cost.
    Dagli artt. 24, 103, comma 1 della Cost.
    Dall'art. 112 della Cost.
    Dall'art. 105 della Cost.
    Non so rispondere

    82. Le disposizioni di cui al capo IV del D.Lgs. n. 82/2005, relative alla trasmissione dei documenti informatici si applicano anche ai privati?

    Si, si applicano anche ai privati ai sensi dell'art. 3 del D.P.R. n. 445/2000.
    No, ai privati si applicano solo le disposizioni di cui al capo V concernenti l'accesso ai documenti informatici.
    No, si applicano solo alle amministrazioni centrali dello Stato e agli enti locali.
    No, ai privati si applicano solo le disposizioni di cui al capo III concernenti i documenti informatici e le firme elettroniche.
    Non so rispondere

    83. Quale dei seguenti soggetti può chiedere pareri al CNEL?

    Le organizzazioni degli imprenditori.
    Gli enti locali
    Il Governo.
    Le amministrazioni pubbliche.
    Non so rispondere

    84. In materia di trattamento di dati personali, il "responsabile" del trattamento è....

    La persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono le decisioni in ordine alle finalità ed alle modalità del trattamento di dati personali.
    La persona fisica, la persona giuridica, l'ente o l'associazione cui si riferiscono i dati personali.
    In ogni caso il responsabile del procedimento.
    La persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal titolare al trattamento di dati personali.
    Non so rispondere

    85. Il trattamento di dati personali da parte di privati è ammesso solo con il consenso espresso dell'interessato, il quale consenso, peraltro, ai sensi del D.Lgs. 196/2003,....

    Non è richiesto solo nel caso in cui il trattamento sia necessario per l'adempimento di un obbligo legale.
    Non è richiesto quando è necessario per eseguire obblighi derivanti da un contratto del quale è parte l'interessato o per adempiere, prima della conclusione del contratto, a specifiche richieste dell'interessato.
    Non è richiesto solo quando il trattamento riguarda dati provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque.
    Non è richiesto quando il trattamento riguarda dati non provenienti da pubblici registri, elenchi o atti.
    Non so rispondere

    86. Gli interessi diffusi.....

    Possono essere tutelati solo in sede amministrativa.
    Sono interessi comuni a tutti gli individui di una formazione sociale non organizzata e non individuabile autonomamente
    Sono interessi che fanno capo ad un ente esponenziale di un gruppo non occasionale.
    Non sono tutelati in sede giurisdizionale.
    Non so rispondere

    87. Cosa dispone il comma 2-bis dell'art. 56 del Codice dell'amministrazione digitale aggiunto dall'art. 23 del D.Lgs. 159/2006?

    I dati identificativi delle questioni pendenti, le sentenze e le altre decisioni depositate in cancelleria o segreteria dell'autorità giudiziaria di ogni ordine e grado sono rese accessibili a chi vi abbia interesse mediante pubblicazione sul sito istituzionale della rete Internet delle autorità emananti.
    I dati identificativi delle questioni pendenti, le sentenze e le altre decisioni depositate in cancelleria o segreteria dell'autorità giudiziaria di ogni ordine e grado sono inserite nel sistema informatico interno osservando le cautele previste dalla normativa in materia di dati personali.
    I dati identificativi delle questioni pendenti, le sentenze e le altre decisioni depositate in cancelleria o segreteria dell'autorità giudiziaria di ogni ordine e grado sono rese accessibili a chi vi abbia interesse mediante pubblicazione sul sistema informatico interno.
    I dati identificativi delle questioni pendenti, le sentenze e le altre decisioni depositate in cancelleria o segreteria dell'autorità giudiziaria di ogni ordine e grado sono rese accessibili ai sensi dell'art. 51 del D.Lgs. 196/2003.
    Non so rispondere

    88. Con il D.Lgs. 165/2001, si è ribadita la separazione tra politica e amministrazione mediante un disegno organico che ha riguardato i rapporti tra i dirigenti e gli organi eletti, direttamente o indirettamente, dal popolo e, in particolare, ha trasformato il rapporto tra Ministro e dirigenti da gerarchia in direzione. Il Ministro, nell'esercizio dei poteri definiti dall'attuale normativa, tra l'altro....

    Dirige, coordina e controlla l'attività dei dirigenti e dei responsabili dei procedimenti amministrativi, anche con potere sostitutivo in caso di inerzia.
    Attribuisce ai dirigenti gli incarichi e la responsabilità di specifici progetti e gestioni.
    Definisce obiettivi, priorità, piani e programmi da attuare ed emana le conseguenti direttive generali per l'attività amministrativa e per la gestione
    Adotta gli atti e i provvedimenti amministrativi ed esercita i poteri di spesa e quelli di acquisizione delle entrate rientrati nella competenza dei propri uffici, salvo quelli delegati ai dirigenti.
    Non so rispondere

    89. L'art. 4 del D.Lgs. 196/2003 individua i dati personali definiti "sensibili". Quali dei seguenti dati rientrano in tale categoria?

    Tra gli altri, i dati personali idonei a rivelare le opinioni politiche.
    Dati personali idonei a rivelare l'esistenza di depositi bancari.
    Tra gli altri, i dati personali idonei a rivelare la paternità e la maternità.
    Solo i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere.
    Non so rispondere

    90. La concessione è il provvedimento amministrativo con cui la P.A. conferisce ex novo posizioni giuridiche attive al destinatario, ampliando così la sua sfera giuridica. Indicare quale tra le seguenti affermazioni sulle concessioni è corretta.

    Nella concessione di servizi il concessionario acquista, tra l'altro, il dovere di organizzare e far funzionare il servizio assunto.
    Nella concessione di beni il concessionario acquista, tra l'altro, il dovere di insistenza.
    Le concessioni all'esercizio di ferrovie rientrano nella categoria delle concessioni costitutive.
    Il rapporto concessionario si può estinguere solo con la declaratoria di decadenza.
    Non so rispondere

    91. Il ricorso gerarchico:

    É presentato esclusivamente all'organo che ha emanato l'atto impugnato.
    É presentato all'organo indicato nella comunicazione o a quello che ha emanato l'atto impugnato ovvero al Presidente della Repubblica.
    É presentato all'organo indicato nella comunicazione o a quello che ha emanato l'atto impugnato.
    É presentato esclusivamente all'organo indicato nella comunicazione in via amministrativa dell'atto impugnato.
    Non so rispondere

    92. Mediante la dichiarazione sostitutiva di cui all'art. 46 del D.P.R. 445/2000....

    Si può dichiarare qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria.
    Si può attestare anche la conformità all'originale della copia di una pubblicazione o di titoli di studio o di servizio.
    É possibile sostituire il certificato di conformità CE.
    Si può dichiarare la qualità di tutore, di curatore, ma non la qualità di legale rappresentante di persone giuridiche.
    Non so rispondere

    93. Indicare in quale dei seguenti casi è riscontrabile una violazione di legge.

    Assenza di motivazione.
    Inosservanza dei limiti, dei parametri di riferimento e dei criteri prefissati per lo svolgimento futuro dell'azione.
    Ingiustizia manifesta.
    Motivazione insufficiente, contraddittoria e dubbiosa.
    Non so rispondere

    94. In base al criterio dell'esistenza di un nesso giuridicamente rilevante tra l'interesse legittimo ed un sottostante interesse materiale gli interessi legittimi si distinguono in....

    Interessi oppositivi e interessi procedimentali.
    Interessi pretensivi e interessi procedimentali.
    Interessi sostanziali e interessi formali.
    Interessi partecipativi e interessi oppositivi.
    Non so rispondere

    95. A norma delle disposizioni di cui all'art. 21-ter della legge n. 241/1990 le P.A. possono imporre coattivamente l'adempimento degli obblighi nei loro confronti derivanti da un provvedimento?

    Si, anche senza diffida, qualora l'interessato non ottemperi.
    Si, ma solo quando il provvedimento modifichi o estingua situazioni preesistenti all'emanazione dell'atto.
    No, in nessun caso è consentito alle P.A. di imporre coattivamente l'adempimento degli obblighi nei loro confronti derivanti da un provvedimento; esse devono affidare la tutela delle proprie ragioni alla giustizia ordinaria.
    Si, nei casi e con le modalità stabilite dalla legge.
    Non so rispondere

    96. Il provvedimento amministrativo illegittimo ai sensi dell'art. 21-octies della legge n. 241/1990....

    Può essere annullato d'ufficio, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro un termine ragionevole e tenendo conto degli interessi dei destinatari e dei controinteressati, dall'organo che lo ha emanato, ovvero da altro organo previsto dalla legge.
    Può essere revocato, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro il termine perentorio di sessanta giorni, tenendo conto degli interessi dei destinatari e dei controinteressati, solo da organo superiore a quello che lo ha emanato.
    Comporta l'inesistenza assoluta dell'atto.
    É nullo ovvero inesistente.
    Non so rispondere

    97. Sono atti amministrativi plurimi....

    Gli atti formalmente unici, ma scindibili in tanti diversi provvedimenti quanti sono i destinatari
    Gli atti rivolti a destinatari non determinati al momento dell'emanazione dell'atto, ma determinabili in un momento successivo.
    Gli atti che manifestano la volontà della P.A. unitaria ed inscindibile nei confronti di un complesso di individui unitariamente considerati.
    Gli atti destinati ad un solo soggetto.
    Non so rispondere

    98. Secondo il dettato dell'art. 21-septies della legge n. 241/1990, la nullità del provvedimento amministrativo può essere provocata dalla mancanza degli elementi essenziali?

    No, il provvedimento amministrativo è nullo solo se è viziato da difetto assoluto di attribuzione.
    No, l'assenza di elementi essenziali del provvedimento amministrativo è causa di annullabilità.
    Si, il provvedimento amministrativo che manca degli elementi essenziali è nullo.
    Si, le sole cause di nullità del provvedimento amministrativo sono la mancanza degli elementi essenziali e l'adozione in violazione del giudicato.
    Non so rispondere

    99. Indicare quale compito/funzione non è stato oggetto di conferimento ai sensi del disposto di cui all'art. 1 della legge L. 15-3-1997, n. 59.

    Istruzione universitaria, ordinamenti scolastici, programmi scolastici, organizzazione generale dell'istruzione scolastica e stato giuridico del personale.
    Beneficenza pubblica ed assistenza sanitaria ed ospedaliera.
    I compiti relativi alla difesa del suolo in genere.
    I compiti e le attività in materia di controllo sugli enti locali.
    Non so rispondere

    100. Quella degli atti amministrativi non provvedimenti costituisce una categoria residuale che si caratterizza in quanto essi....

    Sono tutti tipici o nominati.
    Non sono di norma dotati di esecutorietà.
    Sono tutti dotati di autoritarietà.
    Non sono di norma dotati di esecutorietà ma sono dotati di autoritarietà.
    Non so rispondere