Istruttore direttivo amministrativo

Tempo trascorso
-
Provincia di Pordenone SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, PER L'ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 4 ISTRUTTORI DIRETTIVI AMMINISTRATIVI DA IMPIEGARE PRESSO IL SERVIZIO POLITICHE DEL LAVORO

1. La motivazione di un provvedimento consiste:

Nella sola indicazione dei presupposti di fatto.
Nella sola indicazione delle ragioni giuridiche
Nella compiuta spiegazione delle risultanze dell’istruttoria svolta
Nell’indicazione dei presupposti di fatto e delle ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione in relazione alle risultanze dell’istruttoria
Non so rispondere

2. Il termine entro il quale deve concludersi ogni singolo procedimento:

E’ solo determinato dalle pubbliche amministrazioni.
E’ di 30 giorni
E’ di 45 giorni.
E’ determinato dalle pubbliche amministrazioni, in quanto non sia già direttamente disposto per legge o per regolamento; in mancanza è di 30 giorni.
Non so rispondere

3. Individuare l’esatta sequenza delle fasi in cui si articola l’iter procedimentale della formazione dei contratti conclusi dalla P.A.:

1) Determinazione a contrarre 2) Aggiudicazione 3) Stipulazione 4) Esecuzione
1) Esecuzione, 2) Determinazione a contrarre, 3) Aggiudicazione 4) Stipulazione
1) Aggiudicazione 2) Esecuzione 3) Determinazione a contrarre 4) Stipulazione
1) Determinazione a contrarre 2) Stipulazione 3) Esecuzione 4) Aggiudicazione
Non so rispondere

4. Un consigliere provinciale ha diritto di ottenere dagli uffici della Provincia tutte le informazioni in loro possesso:

solo se contenute in un atto già pubblicato all’albo pretorio
solo se utili all’espletamento del proprio mandato
solo se attinenti ad una materia già discussa in sede consiliare
solo se attinenti ad un argomento all’ordine del giorno del successivo consiglio
Non so rispondere

5. Il recesso unilaterale dai contratti da parte della P.A:

è sempre ammesso
è ammesso solo nei casi previsti dalla legge o dal contratto
solo nei casi previsti dal regolamento
non è mai ammesso
Non so rispondere

6. Il criterio di efficacia designa

Il rapporto tra risorse impiegate e obiettivi prestabiliti
Il rapporto tra tempo impiegato e risultati ottenuti
Il rapporto tra risorse impiegate e risultati ottenuti
Il rapporto tra risultati ottenuti e obiettivi prestabiliti
Non so rispondere

7. Come si apre il procedimento di formazione del contratto per un ente locale?

Con l’autorizzazione del Ministero dell’Interno
Con il benestare della Corte dei Conti
Con la stipulazione del contratto
Con la determinazione a contrarre
Non so rispondere

8. Quale rilevanza ha il silenzio significativo della P.A. in diritto amministrativo?

È manifestazione indiretta di volontà
È mero comportamento inerte della P.A. cui la legge attribuisce valore legale tipico di atto amministrativo
Non ha nessuna rilevanza, in quanto non è previsto dalla legge
È un comportamento materiale o d’espressione di volontà implicita
Non so rispondere

9. Si ha silenzio-assenso quando?

La legge conferisce all’inerzia della P.A. il significato di diniego di accoglimento dell’istanza o del ricorso
Il silenzio della P.A. comporta l’attribuzione della competenza ad altra autorità
La legge attribuisce all’inerzia della P.A. il significato di accoglimento dell’istanza o del ricorso
La legge prevede come meramente facoltativo l’esercizio di una particolare competenza, per cui trascorso inutilmente il termine previsto per l’esercizio di essa, si può procedere al compimento degli atti successivi senza pregiudizio per gli effetti finali
Non so rispondere

10. In che modo opera l’annullamento in sede di riesame

Sospende temporaneamente l’efficacia dell’atto amministrativo annullato
Rimuove con efficacia ex tunc l’atto amministrativo viziato, oggetto di annullamento
Rimuove con efficacia ex nunc l’atto amministrativo viziato, oggetto di annullamento
Sostituisce l’atto amministrativo viziato
Non so rispondere

11. La ratifica è un provvedimento con cui viene eliminato

Un vizio di incompetenza relativa dell’atto amministrativo
Un vizio di merito
La mancanza di un requisito essenziale dell’atto
Illogicità manifesta dell’atto
Non so rispondere

12. La P.A. può legittimamente derogare all’obbligo di comunicare l’avvio del procedimento

In nessun caso, trattandosi di norme inderogabili di garanzia procedimentale
In presenza di ragioni di impedimento derivanti da particolari esigenze di celerità
Per ragioni di convenienza
In presenza di un numero elevato di destinatari
Non so rispondere

13. Il provvedimento adottato in violazione di norme sul procedimento amministrativo

È nullo, se si tratta di una violazione grave
È inesistente, salvo il caso in cui l’amministrazione sani la violazione
È invalido per violazione di legge
Non è annullabile qualora sia palese che il suo contenuto non avrebbe potuto essere diverso da quello adottato
Non so rispondere

14. In caso di diniego esplicito o di inerzia da parte della P.A. a fronte di una istanza di accesso l’interessato

Non può che sollecitare la P.A. e attendere una pronuncia favorevole
È legittimato ad esperire ricorso al T.A.R. nel termine di 30 giorni oppure, chiedere al difensore civico competente il riesame della risposta negativa
È legittimato ad esperire ricorso al T.A.R. nel termine di 60 giorni
È legittimato ad esperire ricorso gerarchico
Non so rispondere

15. In materia di accesso ai documenti amministrativi la legge n. 241/1990 stabilisce che

Gli enti pubblici hanno facoltà di differire l’accesso ai documenti richiesti sino a quando la conoscenza di essi possa impedire o gravemente ostacolare lo svolgimento dell’azione amministrativa
Non può essere causa di rifiuto, differimento o limitazione dell’accesso ai documenti amministrativi la tutela della riservatezza di terzi, persone, gruppi o imprese
Non può essere causa di esclusione del diritto di accesso alle informazioni la generica esigenza di salvaguardare la sicurezza, la difesa nazionale e le relazioni internazionali
Può essere causa di rifiuto, differimento o limitazione dell’accesso ai documenti amministrativi solo la tutela della riservatezza delle imprese
Non so rispondere

16. Vi sono delle ipotesi in cui è responsabile esclusivamente la P.A. per il fatto del dipendente

No, il rapporto di solidarietà passiva ha valenza assoluta
Si, a titolo di concorso omissivo in reato commissivo altrui
Si, quando il pubblico dipendente ha agito in presenza di una causa di giustificazione
Si, in caso di colpa lieve o lievissima del dipendente
Non so rispondere

17. Le norme relative alla responsabilità disciplinare del pubblico impiegato sono previste

Dai singoli contratti collettivi
Dal D.lgs. 165/2001 (T.U. pubblico impiego)
Dal Codice civile
Da tutte tre le suddette fonti
Non so rispondere

18. Qual è l’organo che sovrintende alla esecuzione degli atti provinciali

Il Prefetto
La Giunta provinciale
Il Presidente della Provincia
Il Consiglio provinciale
Non so rispondere

19. Dispone l’art. 21 della L.R. 18/2005 che la tenuta delle liste di mobilità di cui alla L. 223/91 è una funzione svolta da:

Agenzia Regionale al Lavoro
Centro per l’Impiego
INPS
Direzione Regionale Lavoro
Non so rispondere

20. Dispone l’art. 38 della L.R. 18/2005 che le Province provvedano all’attuazione di interventi volti a favorire l’inserimento lavorativo delle persone disabili, in particolare:

Rilascio delle autorizzazioni agli esoneri e alle compensazioni territoriali
Rilascio della certificazione di invalidità
Erogazione della pensione di invalidità
Nessuna delle precedenti
Non so rispondere

21. Secondo l’art. 47 della L.R. 18/2005 i Piani di gestione della situazione di grave difficoltà occupazionale sono approvati da:

Giunta Regionale
Ministero del Lavoro
Commissione Regionale per il Lavoro
Consiglio Provinciale
Non so rispondere

22. Che cosa definisce il Piano Formativo Individuale previsto dall’art. 62 della L.R. 18/2005

Le azioni che la persona disoccupata concorda con gli operatori del Centro per l’Impiego per favorire l’inserimento lavorativo
Il percorso di formazione formale e le attività di affiancamento nella formazione non formale dell’apprendista
Il percorso formativo a cui deve essere avviato la persona iscritta alle liste di mobilità
Il percorso formativo di un soggetto inserito in un percorso di tirocinio
Non so rispondere

23. In quale dei seguenti casi il lavoratore iscritto nelle liste 223/91 decade dai trattamenti di mobilità?

Intraprenda un rapporto di lavoro a termine
Rifiuti un’offerta di lavoro la cui sede di lavoro è ubicata nel raggio di 100 km dal luogo di domicilio
Rifiuti di essere avviato a un progetto individuale di reinserimento nel mercato del lavoro
Partecipi a un percorso di tirocinio di orientamento e formativo L 196/97
Non so rispondere

24. Il Centro per l’Impiego è competente a gestire le informazioni del lavoratore e ad adottare i relativi provvedimenti ed erogare i servizi dei lavoratori….

domiciliati presso l’ambito territoriale di competenza del Centro per l’Impiego
residenti presso l’ambito territoriale di competenza del Centro per l’Impiego
domiciliati e residenti presso l’ambito territoriale di competenza del Centro per l’Impiego
domiciliati presso la Provincia di competenza
Non so rispondere

25. Qual è l’Ente che attualmente è tenuto al rilascio del Libretto di Lavoro

Comune di residenza
Centro per l’impiego di residenza
Agenzia Regionale del Lavoro
Nessuno dei precedenti
Non so rispondere

26. Ai sensi dell’art. 7 del DPR 227/2006 indicante “recante indirizzi e procedure in materia di azioni volte a favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e a contrastare la disoccupazione di lunga durata” lo stato di disoccupazione è determinato da quale delle seguenti condizioni:

il soggetto è stato licenziato da un datore di lavoro a causa di crisi aziendale
il soggetto è in età attiva da lavoro
il soggetto è immediatamente disponibile a una congrua offerta di lavoro
il soggetto è inserito nelle liste di mobilità 223/91
Non so rispondere

27. Lo stato di disoccupazione decorre dal momento in cui

Il soggetto si presenta all’INPS per la domanda di disoccupazione
il soggetto si presenta al Centro per l’Impiego ed effettua la dichiarazione prevista dal D.Lgs. 181/2000
il giorno successivo all’ultimo giorno di lavoro
il soggetto è iscritto nelle liste di mobilità ai sensi della L. 236/93
Non so rispondere

28. Qualora sussistano tutti i presupposti di legge, qual è l'organo deputato a concedere il provvedimento di erogazione della cassa integrazione guadagni straordinaria?

Il Ministero del Lavoro
L'INPS con provvedimento amministrativo
Il Ministero dell'Economia e delle Finanze
Il Centro per l’Impiego
Non so rispondere

29. Il lavoratore a progetto è assoggettato all'obbligo della riservatezza?

Solo se la sua attività è svolta a favore di più committenti.
No, perché non si instaura un rapporto di subordinazione.
Si, lo prevede espressamente l'art. 64 del D.Lgs. n. 276/2003
No, perché non ha l’obbligo di presenza sul luogo di lavoro
Non so rispondere

30. Secondo la vigente normativa la durata complessiva di un contratto a tempo determinato non può essere superiore, di norma,...

A tre mesi.
A tre anni
A cinque anni
A un anno
Non so rispondere

31. I tirocini formativi e di orientamento di cui al D.M. n. 142/1998 possono essere promossi anche dalle Province?

Si, i tirocini formativi possono essere promossi da una pluralità di soggetti pubblici e privati.
No, i tirocini formativi possono essere promossi solo da enti privati.
No, i tirocini formativi possono essere promossi solo da istituzioni scolastiche private
Si, ma solo se rivolti a soggetti laureati
Non so rispondere

32. I contratti occasionali di cui al comma 2 dell'art. 61 del D.Lgs. n. 276/2003 possono avere durata superiore a 30 giorni nell'arco di un anno?

Si, possono avere durata fino a 120 giorni.
Si, possono avere durata fino a 90 giorni.
No.
Si, se non continuativi
Non so rispondere

33. Durante il trattamento di cassa integrazione straordinaria, ai lavoratori spetta un'indennità d'importo pari....

All'80% della retribuzione globale corrisposta per un monte ore non superiore alle 40 ore settimanali.
Al 60% della retribuzione globale corrisposta per un monte ore non superiore alle 36 ore settimanali.
Al 50% della retribuzione globale corrisposta per un monte ore non superiore alle 35 ore settimanali.
Al 40% della retribuzione globale corrisposta per un monte ore non superiore alle 40 ore settimanali
Non so rispondere

34. La trasformazione da contratto di apprendistato a contratto a tempo indeterminato deve essere comunicata

Al Comune di residenza del lavoratore
All’E.B.I.A.R.T.
Al Comune ove è ubicata l’unità produttiva
Al Centro per l’Impiego
Non so rispondere

35. Con il termine collocamento mirato intendiamo

una serie di strumenti che permettono di valutare le capacità dei lavoratori in base alle loro esperienze lavorative
una serie di strumenti di natura assistenziale che valutano in maniera adeguata le persone con disabilità ai fini di inserirle nel posto di lavoro adeguato
una serie di strumenti tecnici e di supporto che consentono di valutare le persone per inserirle in un posto di lavoro adeguato alle loro capacità
una serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità, nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto adatto
Non so rispondere

36. Prima di instaurare un rapporto di apprendistato i datori di lavoro devono essere autorizzati

Si, devono ottenere l’autorizzazione dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Si, devono ottenere l’autorizzazione dal Ministero dell’Istruzione
Si, devono essere autorizzati dal C.P.I
No, non devono ottenere nessuna autorizzazione
Non so rispondere

37. Il datore di lavoro al momento dell’assunzione di un lavoratore disabile deve farne denuncia all’INAIL ed all’INPS

No, spetta al lavoratore comunicare agli enti previdenziali ed assicurativi l’avvenuta assunzione
No, spetta al Centro per l’Impiego competente
Si, entro 30 giorni dall’assunzione
Si, entro 20 giorni dall’assunzione
Non so rispondere

38. Quali, tra i seguenti soggetti, sono ammessi al trattamento straordinario di integrazione salariale

I dirigenti
Gli operai che abbiano un’anzianità di servizio di almeno 90 giorni dalla data della richiesta
I lavoratori con contratto di formazione e lavoro
Gli apprendisti
Non so rispondere

39. Quale fra le seguenti ipotesi non integra una causa di intervento straordinario di integrazione salariale

La ristrutturazione aziendale
Il fallimento del datore di lavoro
Le dimissioni di almeno 5 lavoratori e di un dirigente
La riorganizzazione aziendale
Non so rispondere

40. Ai sensi di quanto dispone l'art. 66 del D.Lgs. n. 276/2003 la malattia del collaboratore a progetto comporta l'estinzione del rapporto contrattuale?

No, non comporta l'estinzione del rapporto contrattuale.
Si, sempre
Si, salvo che non sia pattuito diversamente tra le parti.
No, perché interviene l’integrazione dell’INPS
Non so rispondere

41. Le spese correnti sono:

Le spese di investimento
Le spese sostenute per la riscossione delle entrate
Le spese per il rimborso di prestiti
Le spese di funzionamento
Non so rispondere

42. Con il concetto di residuo attivo ci si riferisce a:

Somma accertata e non pagata entro il termine dell’esercizio finanziario
Somma accertata ma non vincolata entro il termine dell’esercizio finanziario
Somma impegnata ma non ancora pagata entro il termine dell’esercizio finanziario
Somma accertata e non ancora riscossa entro il termine dell’esercizio finanziario
Non so rispondere

43. Le deliberazioni di competenza del Consiglio in materia di variazione di bilancio possono essere adottate dalla Giunta:

mai
solo in via d’urgenza e devono essere successivamente sottoposte a ratifica del consiglio entro 30 giorni a pena di decadenza;
solo in via d’urgenza e devono essere sottoposte a ratifica del consiglio nei 60 giorni successivi a pena di decadenza
è indifferente quale dei due organi le adotti
Non so rispondere

44. L’assestamento del bilancio riguarda le previsioni

di competenza
di cassa
di competenza e di cassa
nessuno
Non so rispondere

45. I residui passivi sono

spese impegnate ma non pagate nell’esercizio finanziario considerato
oneri finanziari collegati alle spese di investimento
voci di spese non iscritte in bilancio perché di entità trascurabile
spese pagate nell’esercizio corrente ma imputabili a quello successivo
Non so rispondere

46. Per bilancio di competenza si intende

il bilancio nel quale vengono indicate le entrate effettivamente riscosse e le spese effettivamente pagate
il bilancio nel quale vengono inserite le entrate di competenza di ciascun Ministero
il bilancio nel quale vengono indicate le entrate effettivamente riscosse e le spese che ci si è impegnati a pagare
il bilancio nel quale vengono indicate le entrate che si ha diritto di riscuotere e le spese che ci si è impegnati a pagare
Non so rispondere

47. Gli allegati di un messaggio di posta elettronica possono essere

solo file di testo
solo file multimediali
pressoché di qualunque tipo
solo file di Excel
Non so rispondere

48. Formattare un testo significa

Cambiare forma al testo
Cancellare il testo
Copiare il testo
Copiare il formato del testo
Non so rispondere

49. È possibile impostare dei rientri all’interno di una cella di una tabella

si, e i rientri vengono applicati a tutte le celle
no
si, e per ogni cella si possono impostare rientri diversi
si, solo che i rientri vengono applicati a tutta la colonna contenente la cella
Non so rispondere

50. Cosa deve essere digitato nella cella C5 per sommare i valori delle celle C1, C2, C3 e C4

=SOMMA(C1+C2+C3+C4)
=SOMMA(C1+C4)
SOMMA(C1+C4)=
=SOMMA(C1:C4)
Non so rispondere
Al termine del quiz è presente la valutazione finale con risposte corrette/errate